sociale

NEVE, ennesimo caso di avvelenamento a base di esche avvelenate

lunedì 9 novembre 2009
di Luciana Olimpieri
NEVE, ennesimo caso di avvelenamento a base di esche avvelenate

Il fatto è avvenuto nelle vicinanze dell'abitato di Castel Giorgio, nella frazione di Casa Perazza in una proprietà privata situata all'interno della riserva della Renara.

Anche in questa occasione l'animale ucciso è un cane, un incrocio tra un pastore maremmano ed un Labrador, un cane dolcissimo di nome Neve che è morto dopo un'agonia caratterizzata da dolori lancinanti e atroci spasmi. Esche avvelenate destinate alle volpi, la cui morte non sarebbe stata meno grave o meno atroce di quella della povera Neve! Bocconi avvelenati confezionati e lanciati, come sempre, da persone vili e prive di scrupoli, la cui pochezza ed estrema ignoranza non porterà mai a comprendere la spirale di dolore che hanno innescato con questo infame gesto.

Dolore e sofferenza per i proprietari, che hanno perso un fedele amico, ma anche timore per un fenomeno che da diversi anni a questa parte ha fatto registrare una sempre maggiore diffusione sia in ambito locale che in ambito regionale, tanto è vero che la Regione Umbria si è dotata di una propria Legge in materia (Legge Regionale n. 27 del 22/10/2001). Timore giustificato dal fatto che, i veleni prevalentemente utilizzati per la preparazione delle esche, sono stricnina, veleni per topi, insetticidi organofosforici, lumachicidi (METALDEIDE), diserbanti e persino fluidi protettivi per i radiatori delle automobili (PARAFLU), tutte sostanze la cui estrema tossicità può manifestarsi, a seconda dei casi, per contatto, ingestione, inalazione e assorbimento cutaneo.

Il fattore destante maggiore preoccupazione, è che oltre a tutti gli animali domestici e selvatici, i soggetti maggiormente a rischio da avvelenamento diretto (per assunzione del boccone) sono, senza ombra i dubbio i bambini, che spinti dalla loro innata curiosità potrebbero mettere in bocca ed ingerire le esche con conseguenze gravissime sia immediate (nausea, vomito, diarrea, colica addominale, rinorrea, scialorrea, broncorrea e broncospasmo e sudorazione) che protratte nel tempo (bradiscardia o tachicardia e ipotensione; astenia, fascicolazioni, paralisi muscolari, convulsioni e coma), fino alla morte per arresto respiratorio e cardiocircolatorio. Inoltre alcuni di questi veleni hanno anche una potenziale carica cancerogena, con possibile eventuale insorgenza di malattie tumorali.

Un altro aspetto non secondario dell'uso di bocconi avvelenati è l'inquinamento ambientale, poiché le sostanze in esame sono caratterizzate da lunghi periodi di permanenza nell'ambiente con effetti deleteri sui corsi d'acqua, sulle piante e sul naturale andamento delle catene alimentari, con la concreta possibilità di trasferire indirettamente l'inquinamento su più livelli:

È quindi per evitare conseguenze come quelle sopra descritte che l'opinione pubblica deve farsi partecipe della lotta contro gli ignoti (ma in più casi anche noti) criminali che preparano edisseminano i bocconi avvelenati. Infatti, contro questo grave reato sono previste forti pene pecuniarie e detentive stabilite da Leggi nazionali, Decreti legislativi, DPR e Leggi Regionali nonché da alcuni articoli del codice penale.

Inoltre, il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali ha emesso una recente Ordinanza (Ordinanza contingibile ed urgente concernente norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati del 18 dicembre 2008 attualmente in vigore), la quale stabilisce che anche i Sindaci (art. 4), insieme ad altri soggetti, diventano parte attiva nella lotta alla diffusione di esche avvelenate, allo scopo di restringere il cerchio contro i colpevoli.

DI SICURO È' AUSPICABILE CHE UNA VOLTA INDIVIDUATI I RESPONSABILI, SIA LORO COMMINATA UNA LUNGA E CERTA PENA DETENTIVA.

Infine, per stimolare le coscienze di questi ignoti avvelenatori, porgiamo loro una semplice domanda:

SE LE VITTIME DEL VOSTRO INSANO GESTO FOSSERO PROPRIO I VOSTRI FIGLI?

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Madame Bovary

Indagine della Procura, le puntualizzazioni di Enel

Giorno della Memoria, ricordare per prevenire. Iniziative della Cgil a Perugia e Terni

Conferenza su "Il mito di Giulia Farnese: amori, potere, storia…"

Robotica e agricoltura di precisione con il Progetto Pantheon

Orvieto FC, la prima squadre batte il GubbioBurano secondo in classifica

Per la Zambelli Orvieto è un momento magico, conquistata Montecchio Maggiore

Orvietana, sconfitta pesante contro il San Sisto

Finisce in carcere per una rapina in banca messa a segno due anni fa

Sicurezza, trecento controlli in due settimane sul territorio

Rti avanza richieste economiche al Comune, Tardani interroga il sindaco

Lia Tagliacozzo presenta il libro "La Shoah e il Giorno della Memoria"

L'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per il Giorno della Memoria

In biblioteca lettura di "Sonderkommando Auschwitz" di Shlomo Venezia

Dal Castello Baronale alla Cappella Baglioni, fino al caffè a Villa Lais

Contro Azzurra Orvieto, Campobasso resiste ma non passa

Una brutta Vetrya Orvieto Basket lascia la vetta a Perugia

Violenza di genere, firmato il protocollo d'intesa per la realizzazione del sistema regionale di contrasto

"A spasso con ABC", giornata finale per i narratori del futuro

Sul palco del Rivellino, Anna Mazzamauro è "Nuda e Cruda"

Iniziative in tutta l'Umbria per San Francesco di Sales, patrono di giornalisti e comunicatori

"Col trattore in Complanare", in 140 a Ciconia per la benedizione dei mezzi agricoli

Il consiglio regionale FIE Umbria conferma alla presidenza Giulia Garofalo

Rumori di lavori in corso a Palazzo Monaldeschi, Olimpieri (IeT) interroga il Comune

Al Concordia, serata dedicata al teatro con "Il Canto del Gallo"

Comitato Scansano Sos Geotermia: "Il pericolo non va esportato in Maremma"