sociale

NEVE, ennesimo caso di avvelenamento a base di esche avvelenate

lunedì 9 novembre 2009
di Luciana Olimpieri
NEVE, ennesimo caso di avvelenamento a base di esche avvelenate

Il fatto è avvenuto nelle vicinanze dell'abitato di Castel Giorgio, nella frazione di Casa Perazza in una proprietà privata situata all'interno della riserva della Renara.

Anche in questa occasione l'animale ucciso è un cane, un incrocio tra un pastore maremmano ed un Labrador, un cane dolcissimo di nome Neve che è morto dopo un'agonia caratterizzata da dolori lancinanti e atroci spasmi. Esche avvelenate destinate alle volpi, la cui morte non sarebbe stata meno grave o meno atroce di quella della povera Neve! Bocconi avvelenati confezionati e lanciati, come sempre, da persone vili e prive di scrupoli, la cui pochezza ed estrema ignoranza non porterà mai a comprendere la spirale di dolore che hanno innescato con questo infame gesto.

Dolore e sofferenza per i proprietari, che hanno perso un fedele amico, ma anche timore per un fenomeno che da diversi anni a questa parte ha fatto registrare una sempre maggiore diffusione sia in ambito locale che in ambito regionale, tanto è vero che la Regione Umbria si è dotata di una propria Legge in materia (Legge Regionale n. 27 del 22/10/2001). Timore giustificato dal fatto che, i veleni prevalentemente utilizzati per la preparazione delle esche, sono stricnina, veleni per topi, insetticidi organofosforici, lumachicidi (METALDEIDE), diserbanti e persino fluidi protettivi per i radiatori delle automobili (PARAFLU), tutte sostanze la cui estrema tossicità può manifestarsi, a seconda dei casi, per contatto, ingestione, inalazione e assorbimento cutaneo.

Il fattore destante maggiore preoccupazione, è che oltre a tutti gli animali domestici e selvatici, i soggetti maggiormente a rischio da avvelenamento diretto (per assunzione del boccone) sono, senza ombra i dubbio i bambini, che spinti dalla loro innata curiosità potrebbero mettere in bocca ed ingerire le esche con conseguenze gravissime sia immediate (nausea, vomito, diarrea, colica addominale, rinorrea, scialorrea, broncorrea e broncospasmo e sudorazione) che protratte nel tempo (bradiscardia o tachicardia e ipotensione; astenia, fascicolazioni, paralisi muscolari, convulsioni e coma), fino alla morte per arresto respiratorio e cardiocircolatorio. Inoltre alcuni di questi veleni hanno anche una potenziale carica cancerogena, con possibile eventuale insorgenza di malattie tumorali.

Un altro aspetto non secondario dell'uso di bocconi avvelenati è l'inquinamento ambientale, poiché le sostanze in esame sono caratterizzate da lunghi periodi di permanenza nell'ambiente con effetti deleteri sui corsi d'acqua, sulle piante e sul naturale andamento delle catene alimentari, con la concreta possibilità di trasferire indirettamente l'inquinamento su più livelli:

È quindi per evitare conseguenze come quelle sopra descritte che l'opinione pubblica deve farsi partecipe della lotta contro gli ignoti (ma in più casi anche noti) criminali che preparano edisseminano i bocconi avvelenati. Infatti, contro questo grave reato sono previste forti pene pecuniarie e detentive stabilite da Leggi nazionali, Decreti legislativi, DPR e Leggi Regionali nonché da alcuni articoli del codice penale.

Inoltre, il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali ha emesso una recente Ordinanza (Ordinanza contingibile ed urgente concernente norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati del 18 dicembre 2008 attualmente in vigore), la quale stabilisce che anche i Sindaci (art. 4), insieme ad altri soggetti, diventano parte attiva nella lotta alla diffusione di esche avvelenate, allo scopo di restringere il cerchio contro i colpevoli.

DI SICURO È' AUSPICABILE CHE UNA VOLTA INDIVIDUATI I RESPONSABILI, SIA LORO COMMINATA UNA LUNGA E CERTA PENA DETENTIVA.

Infine, per stimolare le coscienze di questi ignoti avvelenatori, porgiamo loro una semplice domanda:

SE LE VITTIME DEL VOSTRO INSANO GESTO FOSSERO PROPRIO I VOSTRI FIGLI?

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 novembre

A piedi sul "Sentiero dei Vigneti", camminando nella storia con l'Asds Majorana

La Fondazione e la sua partecipazione in Cassa di Risparmio di Orvieto Spa

"Cultura per il No Profit". Un bando per la gestione di tredici gioielli demaniali

Pressing della minoranza, "Sia Orvieto la sede della stazione MedioEtruria"

Nebbia di me

Zambelli Orvieto con grande concentrazione al derby di San Giustino

Ode per la ragazza del Discount

Dentro questo mio accanito desiderio

Caterina Costantini e Lucia Ricalzone al Boni con "Il Club delle Vedove"

Finisce nel fiume Paglia, in buone condizioni l'operaio salvato dai vigili del fuoco

"La rivoluzione giovanile del '68" apre l'anno del Centro di Studio "Bonaventura da Bagnoregio"

Azzurra, Ipc Srl è match sponsor del prossimo turno di campionato

Nuove prospettive turistiche dalla valorizzazione della Via Romea Germanica

Piano di tutela delle acque, la giunta regionale preadotta l'aggiornamento

"Van Gogh Shadow", la cultura multimediale in mostra a Palazzo dei Priori

Sisma, riunione fra Regione, Protezione Civile e Anas per ripristino viabilità

Il Comune incontra i cittadini. Il quarto appuntamento è a Torre San Severo

Glicine dunque

Il Comitato Risparmiatori risponde alla Fondazione Cro

Si presenta il "Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile"

Insieme per dire basta alla violenza sulle donne. Iniziative a Orvieto, in Umbria e a Roma

"La Via della Misericordia nel Lazio. Immagini e riflessioni nell'anno del Giubileo e dei Cammini"

Ferraldeschi (Storia e futuro): "Un'amministrazione comunale che non c'è"

All'Unitre si presenta il libro "Sopportare pazientemente le persone moleste"

Unioni civili. Scontro al calor bianco tra M5S e Sel in consiglio

Sosta gratuita per quattro ore dal 14 dicembre. "Identità e Territorio" contraria

La Regione in campo con 12milioni di euro per il bacino del Paglia, ora la speranza è che partano i lavori

Elezioni Regionali: il Pd ha deciso di concedere il bis a Catiuscia Marini

Caso licenza ex Coop, il Comune batte i pugni: "Non siamo intenzionati a concedere proroghe"

Prima seduta del Cda del Centro Studi: Carlo Mari eletto presidente

Percorso di formazione “Fede Bene Comune - Nuova Civitas”, un momento di approfondimento e riflessione

Dalla chiusura del Giubileo un progetto di speranza e sostegno per l’Oratorio parrocchiale grazie al Rotary di Orvieto

Battipaglia – Azzurra Orvieto: 79 – 59. Rimbalzi difensivi, palle perse e altro fanno la differenza

"La Chiesa dei poveri. Dal Concilio a papa Francesco". Si presenta a Orvieto il libro di monsignor Bettazzi

Completati i lavori di adeguamento del depuratore. Venerdì l'inaugurazione

La tv tedesca racconta in un documentario come Orvieto si salvò dai bombardamenti

Omphalos: "In una città che sostiene tutte le famiglie si vive meglio"

La Compagnia del Limoncello porta in scena "Cercasi Scalandrino"

La figlia di Aldo Moro al convegno della Polstrada: "Lo Stato siamo tutti noi"

Enel effettua taglio piante e deramificazione nei pressi delle linee elettriche