sociale

Afghanistan, una situazione molto difficile

martedì 22 settembre 2009
di jacopo

Lunedì 21 settembre 2009 si sono tenuti i funerali di Stato per i 6 soldati morti durante un attentato in Afghanistan. Cercare di fare un'analisi oggettiva della situazione che c'è in quel paese oggi è difficile per più motivi: emotivamente siamo coinvolti e sconvolti dalla morte di 6 nostri connazionali; sarebbe necessaria una profonda conoscenza della situazione che non pretendo di avere; come stanno realmente le cose lo sanno veramente in pochi.

Se guardiamo al passato, la guerra in Afghanistan iniziò come risposta all'attacco subito dagli americani l'11 settembre 2001. L'Afghanistan sembrava essere la base operativa del gruppo di terroristi islamici che aveva dirottato i quattro aereoplani in USA. Per prima cosa credo che l'analisi non possa che partire dalla parola che viene usata in America per descrivere l'operazione in atto: guerra. Che dir si voglia in Afghanistan, come in Iraq, si stava combattendo una guerra. Guerra che fu dichiarata finita da Bush pochi mesi dopo che era iniziata ma che, evidentemente, non è ancora finita. L'utilizzo corretto delle parole ci permette di capire bene in che situazione si trovano i nostri soldati, non siamo in una missione di pace come in Kosovo o in alcuni paesi africani, siamo in una zona dove c'è una resistenza organizzata del vecchio regime che aveva il potere prima dell'arrivo degli alleati occidentali, il regime era ovviamente quello dei Talebani.

Perché questa guerra sta diventando logorante e difficile, ancor di più di quella in Iraq? Possiamo dire che, almeno da quanto possiamo sapere, la difficoltà è data soprattutto dalla vastità del paese e dalla presenza di molti luoghi, soprattutto tra le montagne, dove i Talebani hanno delle basi operative che non si riescono a smantellare. Credo però che vada considerato un altro elemento, forse ancora più importante, la scarsa collaborazione della popolazione. Come è avvenuto in Italia per il Fascismo, ma anche in molte altre parti, per liberare, o conquistare, un paese molto spesso serve l'aiuto e la stretta collaborazione della popolazione "indigena". Simbolo dell'Afghanistan libero, almeno per un po' fu così, era la donna che prima portava il burka e che ora non lo porta più. In realtà non è così, i cittadini afghani, almeno una larga maggioranza, non vedono gli occidentali come loro liberatori, non ritengono gli ideali dei talebani come un qualcosa di sbagliato. Ciò comporta che molto spesso appoggiano, direttamente o indirettamente, i talebani. Questo loro non distaccarsi facilmente dai potenti rappresentanti talebani, che pure sono fortemente indeboliti, è facilitato dai molti errori che l'alleanza ha compiuto: i bombardamenti dove muoiono molti civili; una ricostruzione lenta e molto spesso, almeno per quanto riguarda gli americani, che ha dato priorità a questioni che non erano nell'interesse della popolazione ma dell'economia internazionale; una classe politica interna che non sa convincere appieno, che usa brogli elettorali, che non sembra dare particolari garanzie di miglioramento della situazione esistente.

Questo quadro, anche se in maniera superficiale, ci fa capire bene perché la situazione in Afghanistan sia così difficile e perché i nostri soldati agiscano su un territorio particolarmente rischioso.
La discussione sui nostri morti in questa guerra, che anche su questo giornale si è sviluppata, non è semplice. Sicuramente, lo posso affermare anche per esperienze personali, i nostri soldati che vanno in Afghanistan non sono tutti mossi da una sacro ideale di libertà per un popolo oppresso. Essendo militari, dovendo quindi vivere con quel lavoro, vanno perché sono mandati, a volte perché fare molte missioni all'estero aumenta il loro punteggio, mi era stato ben spiegato come funziona questo meccanismo da un mio amico soldato ma ora sincerante non saprei riportarlo correttamente. Il denaro conta anche esso, una missione di 4 mesi permette loro di guadagnare molto di più di quanto guadagnerebbero normalmente in un anno. Non sono sempre contenti di partire perché ben consapevoli delle difficoltà a cui vanno incontro. E' innegabile che ci troviamo di fronte a persone che fanno questo di lavoro e, come molti lavoratori, sanno che il loro mestiere è spesso ad alto rischio. Non possiamo non ricordare gli oltre mille morti sul lavoro che ogni anno ci sono in Italia. Ovviamente questo non deve essere un modo per distinguere polemicamente morti di serie A e morti di serie B, cosa che, peraltro, sarebbe crudelmente e umanamente agghiacciante e che non farebbe altro che far scaturire una "guerra tra poveri"; serve solo a ricordare che, nella quotidiana guerra per non finire strangolati dalla precarietà del vivere nostrano, i "Nostri" sono sia sul fronte interno che su quello esterno. Sono sia gli operai che i soldati. Tutti quanti a "sbattersi" onestamente e pericolosamente per 4 soldi, dannandosi perché non sono nati calciatori, ma con la speranza che i propri figli possano andare all'università e avere una vita migliore. Anche a costo di morirci! Per questo, anche se non tutti portano la stessa divisa, dovremmo onorarli e ricordarli indistintamente: per il loro coraggio, per la loro forza, per il loro essere la parte sana del nostro paese.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 ottobre

Il clero della Diocesi elegge il nuovo consiglio presbiteriale

Nucci (San Venanzo Viva): "Il sindaco se ne infischia dell'opposizione"

Il Comune dichiara guerra alle biciclette: "Via dal parcheggio di Via Roma"

Tordi (M5S) replica a Bizzarri: "Segnaletica inesistente e monumenti bistrattati"

Incontro partecipativo per costruire insieme la "mappa di comunità"

Foto, storie e ricordi di Orvieto fuori dai cassetti. Il primo ad aprirli è Reno Montanucci

Si presenta il restauro artistico e architettonico di San Giovenale

Il Centro Antiviolenza di Orvieto apre le porte

Alert System, cosa è e come funziona. Rischio denuncia per chi procura falsi allarmi

Al Mancinelli Pino Strabioli e Alice Spisa portano in scena "L'abito della sposa"

Vergaglia (M5S): "Portiamo Orvieto a Bruxelles. Nota stonata la bocciatura dell'Ufficio Europa"

Vertenza Ast, Orvieto aderisce allo sciopero. Germani: "Sostegno ai lavoratori"

In arrivo la prima edizione del festival del dialogo "CuriosaMente"

Prima giornata per il festival del dialogo CuriosaMente

Seconda giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Terza giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Al via la 24esima edizione della Mostra Micologica

Le cooperative di Orvieto: "Lo sciopero sortisca effetti"

La Libertas Pallavolo Orvieto se la vede con il Clitunno Volley

Cgil, Cisl e Uil: "Dalla mobilitazione una proposta alternativa per il futuro della nostra comunità"

Un convegno per riflettere su "Alzheimer. Una lotta contro la disabilità"

Al Giubileo del Malato le testimonianze di Giosy Cento

Gioventù nazionale insieme all'associazione "Non c'è fango che tenga"

A Morre la castagna è regina dell'autunno

Ars Wetana, una tradizione ritrovata. Alla ricerca delle artigiane artiste del prezioso merletto orvietano

Breve storia dell'Ars Wetana

Trasferimento dei rifiuti campani. Nettamente contraria Altra Città: 'Le ecoballe dirigetele altrove'

Yunus, un esempio per tutti: i veri grandi non hanno presunzione

Il comunicato del Comune di Orvieto sull'assegnazione del Premio per i Diritti umani 2004 a Muhammad Yunus

Prime giornate cardiologiche orvietane: il progetto Orvieto Cittàcardioprotetta si presenta a livello nazionale

Si mobilita l'UDC. Enrico Melasecche: occorre difendere Orvieto dalla falsa solidarietà ambientale della sinistra

27-29 ottobre. Convegno a Collevalenza sulla prima Enciclica di Benedetto XVI DEUS CARITAS EST

La Romeo Menti a Collescipoli viene raggiunta nei minuti finali

Prova maiuscola della Romeo Menti che in juniores regionale batte la capolista Nestor

Debutto in scioltezza per i maschi del volley orvietano: la Libertas Pallavolo Orvieto schiaccia il Gualdo Tadino per 3-0

Abile excursus pianistico nella forma Fantasia. Pieno successo del Concerto del maestro Cambri al Festival Valentiniano

Diffondere la cultura d'impresa tra i giovani. L'impegno congiunto dell'amministrazione orvietana e Novaumbria

Insediamento della Coop centro Italia sull'Amerina: la Conferenza dei Servizi ha detto sì. Al via la megadistribuzione

Il piano integrato del sistema commerciale del Comune di Orvieto: le linee

La lavorazione del merletto orvietano

Velia Pollegioni

Renata Cardarelli

Maria Piacentini

Antonietta Burattino Ubaldini

Manuela Ciotti

Scrosci di applausi per Luca De Filippo al Mancinelli. Il lavoro della Te.Ma comincia a dare buoni frutti

Meteo

lunedì 16 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
21:00 12.4ºC 69% buona direzione vento
martedì 17 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 19.1ºC 51% buona direzione vento
15:00 23.0ºC 33% buona direzione vento
21:00 11.7ºC 75% buona direzione vento
mercoledì 18 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.4ºC 58% buona direzione vento
15:00 21.7ºC 33% buona direzione vento
21:00 10.8ºC 76% buona direzione vento
giovedì 19 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.3ºC 55% buona direzione vento
15:00 21.1ºC 37% buona direzione vento
21:00 10.9ºC 80% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni