sociale

Lo stalking diventa reato autonomo. Non tutto è perfetto ma si esce finalmente dal silenzio

giovedì 23 aprile 2009
di Luca Paci

In Italia otto volte su dieci sono le donne ad essere vittime di comportamenti persecutori. E gli uomini, noi uomini, i carnefici. Le obiezioni sono possibili e non v'è dubbio legittime: non io, non la mia famiglia, non tutti gli uomini. Eccezioni più che auspicabili e, sia detto, per lo più reali e fondate. Sarebbe ancor più grave se non fosse così. Tuttavia sebbene chiunque si ritenga estraneo, giustamente e individualmente indignato, le storie di stalking (comportamenti persecutori) nella loro quasi totalità hanno a che fare con la incapacità degli uomini di accettare il rifiuto o di elaborare la perdita di un rapporto che si concepisce come possesso. E nei casi di comportamenti persecutori questa incapacità è la causa estrema di veri e propri atti che non riconoscono e dunque vorrebbero annullare la volontà e la personalità altrui cui attribuiscono solo una natura riflessa, di dipendenza.

Fino a quando le distinzioni, le obiezioni, i richiami individuali alla propria diversità hanno prevalso la situazione generale è stata oscura, le vittime non hanno avuto una legge a propria tutela ed i centri antiviolenza hanno operato con enormi difficoltà in rapporto con le forze dell'ordine, i presidi sanitari e le istituzioni pubbliche.

La distinzione fra noi e gli altri è ferma nella coscienza di ognuno ma talvolta non così scontata come possa sembrare. Perché appare naturale, immediato, ad esempio opporsi ad una legge che obbliga le donne afgane di religione sciita a sottostare alla volontà dei propri mariti e riconosce loro un "diritto di stupro". In questo caso perentoriamente si rifiuta che vi possa essere un ambito "legittimo" in cui avvengano tali crimini. E dunque ci si oppone. Ma quando torniamo alle nostre famiglie -in senso generale - una così chiara e inequivocabile determinazione annega nelle eccezioni, nella assenza di forme di tutela, nella negazione dei diritti più naturali. Perché appunto da noi è inconcepibile un simile provvedimento ma nella realtà quei comportamenti accadono, sono pretesi, provocano abusi che avvengono nel silenzio cui le vittime hanno difficoltà a sottrarsi: le donne, i minori nella quasi totalità dei casi.

Di certo, è senz'altro vero, perfino ovvio, che non tutti gli uomini siano così. Ma tutti coloro che hanno comportamenti persecutori lo sono, secondo una sequenza di minacce e atti intimidatori e di violenza che non conosce eccezioni e si ripropone tragicamente nelle storie che leggiamo, nelle grida che abbiamo udito o che non abbiamo ascoltato, nella violenza di cui non saremo mai capaci ma che è contigua alle nostre case, nei figli che improvvisamente comprendono di essere orfani del padre che pensavano egli fosse.

Fino ad oggi la vittima di tali comportamenti è stata sostanzialmente abbandonata a se stessa nell'azione di denuncia -che fa emergere ancora una assoluta minoranza dei casi rispetto a quelli avvenuti - e ha vissuto conseguentemente un senso di impotenza, di paura individuale, di isolamento che l'ha condotta inerme ad essere sottoposta a violenze e sopraffazioni irreparabili non di rado fino alla morte: negli ultimi cinque anni almeno il 10 % degli omicidi volontari ha avuto come premessa atti persecutori.

Ora il reato di stalking è legge. La difficoltà e nel contempo la esigenza di concepire i comportamenti persecutori anche come un "reato di pericolo" (in cui il reato è implicito nel comportamento ritenuto pericoloso prima ancora che il pericolo si manifesti concretamente) ha consentito di individuare procedure e atti che intendono operare in modo preventivo - ad iniziare dalla richiesta di ammonimento sino alla garanzia di più forti esigenze di protezione- o che in situazioni di pericolo concreto sono in grado di tutelare la vittima nei confronti di comportamenti che per la continuità e i contesti in cui si manifestano determinano "un perdurante e grave stato di ansia o di paura" ovvero "un fondato timore per l'incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita". Telefonate o sms o pedinamenti reiterati costituiscono una condotta pericolosa e sono o possono essere la premessa ad atti e minacce che concretamente determinano forme di violenza psicologica, fisica, sessuale.

È fondamentale che lo stalking sia stato riconosciuto come reato contestabile in maniera autonoma, al fine di prevenire violenze ulteriori o ancora più gravi. Significativa è la maggiore tutela nei confronti della vittima, con un aumento di pena laddove, si afferma nella legge, " i comportamenti persecutori siano posti in atto dal coniuge legalmente separato o divorziato o da persona che sia stata legata da relazione affettiva." Nel testo che la Commissione Giustizia della Camera, all'inizio dell'iter parlamentare, aveva approvato il periodo era così concepito: "la pena è aumentata se il fatto è commesso dal coniuge anche se separato o divorziato o da persona che sia o sia stata legata da relazione affettiva alla vittima." Le differenze non sono lessicali ma sostanziali giacché quell' ‘anche' e quel ‘sia', nel considerare le aggravanti, ponevano sullo stesso piano il reato commesso in ambito familiare o di coppia e quello commesso nel contesto di una relazione familiare o affettiva conclusa e ciò era l'affermazione di un diritto alla tutela senza preclusioni. Il testo modificato e approvato dalla Camera, poi recepito dal decreto del governo, su questo punto ha compiuto invece un percorso molto controverso e negativo mentre sarebbe stato davvero importante rafforzare la tutela di chi subisce atti persecutori e violenza ad opera del proprio coniuge o partner.

Così come sarebbe stato fondamentale procedere sempre attraverso la procedura d'ufficio - prevista per atti persecutori nei confronti dei minori e delle persone diversamente abili- anziché individuare nella querela della parte offesa lo strumento adeguato a tutela delle vittime. Non si può chiedere alla vittima di atti persecutori di esporsi ad ulteriori minacce e violenze e non è concepibile che l'autore di tali reati proprio in ragione dei suoi atti molesti e continuati possa costringere la sua vittima al silenzio. E tuttavia un fatto è certo: il grido della vittima sarà sottratto a quel silenzio se vi sarà una applicazione sensibile, costante, delle sanzioni e delle tutele che la nuova legge consente e se ulteriori passi coraggiosi saranno compiuti.

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 marzo

"Corri sulle strade dell'Ottobrata Orvietana", ai nastri di partenza la sesta edizione

Asia Argento e Filippo Dini al Mancinelli con "Rosalind Franklin. Il segreto della vita"

Giornata Mondiale della Poesia, presentato il libro "Dall'esperienza al racconto"

Casa di Riposo, indetta la gara per la gestione transitoria

"Medaglie al Merito" in Prefettura, tra gli insigniti c'è anche Pietro Federico

A Palazzo Simoncelli, l'omaggio a Leopardi di Diana Iaconetti e Nuccia Martire

Luca Fringuello e i Giovanissimi di Orvieto Fc: "Contento dei risultati fin qui ottenuti"

Unipoptus, ecco a chi andranno gli attestati di benemerenza 2017

Orvieto tra le 13 stazioni appaltanti per l'individuazione di soggetti da invitare alle procedure negoziate

"L'Umbria si rimette in moto", Lugnano in Teverina consegna ulivi collezione mondiale

Al Palazzo del Gusto, mini-corso di caffetteria gratuito per gli imprenditori del territorio

Provincia, assemblea Upi Umbria e mobilitazione per fondi scuole

Al Teatro Boni cala il sipario su una stagione da applausi. Nardi: "Puntiamo sulla qualità"

Sabbia d'estate

Riduzione del rischio da catastrofi, gli impegni del Comitato delle Regioni d'Europa

Impatto ambientale, Università della Tuscia e Comune sottoscrivono la convenzione

Mezzo secolo di storia, l'Avis cresce e si prepara ai festeggiamenti

"Shiatsu&Alzheimer": attraverso il corpo una via per entrare in relazione

L'Alto Orvietano "In marcia per le donne" verso la Panchina Rossa

A Todi, sarà aperto per la prima volta al pubblico Palazzo Atti-Pensi

Karate, gli atleti della Scuola Keikenkai in Marocco per l'Open di Tangeri Wkf

Il X Congresso della Fnp Cisl Umbria conferma Giorgio Menghini alla guida dei pensionati

La Sagra della Primavera all'Hosteria di Villalba. Sabato 25 marzo, da mattina a sera

Disciplina della viabilità, ecco cosa cambia

Ippolito Scalza, un orvietano nel solco di Michelangelo

Fate morire in voi gli atteggiamenti

Il giardino delle ortensie

Operaio non pagato, si barrica sul tetto di un'abitazione in costruzione

Zambelli Orvieto sempre più apprezzata, lo dice Martina Sabbatini

Attentati a Bruxelles, bandiere a mezz'asta e un invito a reagire con determinazione

La mostra-mercato di prodotti agroalimentari e artigianali di Città della Pieve compie vent'anni

Materiale per la biblioteca dalla raccolta degli oli esausti di origine vegetale

Il Coordinamento dei ristoratori orvietani dice no a Orvieto pattumiera dell'Umbria

L'Archivio di Stato lascia Piazza Duomo e trasloca nell'ex tribunale

Audizione con i vertici di Cosp per analizzare i primi risultati della differenziata

Bocciata la mozione sulla discarica, in aula scoppia il caos

Dal dibattito tutti contro l'inefficienza della raccolta differenziata nel ternano

Sì alla risoluzione geotermia, sull'Alfina si può sperare in un futuro senza speculazioni

Il messaggio del vescovo Tuzia in occasione della Pasqua: "Vigilate e pregate"

Gnagnarini replica alla minoranza: "Picconati tasse e deficit comunale"

"La Pasqua tra sacro e profano". Concerto con gli allievi del maestro Davide Rocca

Nuovo orario e una ricorrenza particolare per il Museo Etrusco "Claudio Faina"

Discarica, De Sio (FdI-An) attacca l'esecutivo: "La Regione ha la memoria corta"

Materazzo Vs Tatta, la sfida tra Comunista e Democristiano. Arbitra Conticelli

Protesta in Regione contro l'ampliamento della discarica: le immagini

Lo strano caso dei lavori sul torrente Carcaione. Italia Nostra: "Nessuna partecipazione"

A proposito di ambiente, le priorità dei Giovani democratici: "Cosa serve all'Orvietano"

Hosteria di Villalba, uno sviluppo "Coeso" per la valorizzazione delle aree montane

Fiorini e Mancini (Lega Nord): "Il Pd trasforma Orvieto in pattumiera dell'Umbria"

Dopo il documento, i venti sindaci dell'Area Interna icontreranno la Marini

Corso di lingua italiana per stranieri e laboratorio di disegno per studenti

Nel pomeriggio di Pasqua alla Chiesa dei Servi torna la messa in latino

Processioni e rievocazioni storiche della Passione in tutto l'Orvietano

In corso la campagna di tesseramento 2016 dell'associazione "Lea Pacini"

Fascino e suggestione a Palazzo Orca, con i "Quadri Viventi" del Terziere Borgo Dentro

La rievocazione della Passione nei borghi della Tuscia viterbese

"Orvieto per tutti" svela il logo. Ad aprile la presentazione ufficiale

Successo per la mostra "Omaggio a Francesco" e il libro "Dialoghi nell'Immenso"

"The art of the brick". I mattoncini Lego vanno in mostra e diventano opera

"Blowing Art. Se a Orvieto ci fosse il mare…". In mostra, le visioni di Carlo Rognoni

Rifondazione Comunista propone un percorso comune a sinistra del PD

In tilt da tre giorni le linee telefoniche di Ospedaletto. Protestano gli abitanti isolati anche dalla neve

38 mila euro di contributi per lo spettacolo dalla Provincia. Lo annuncia l'assessore alla cultura Sganappa

Conviviale d'eccezione del Rotary Orvieto: ospite d'onore la dott.ssa Rita Valecchi con un'interessante relazione sul futuro dell'Ospedale di Orvieto

La relazione della dott.ssa Valecchi: 'Ospedale di Orvieto: Innovazione e progettualità'

La Filarmonica Mancinelli inaugura a Montefiascone 'Primavera in Etruria'. Solista al pianoforte il maestro Riccardo Cambri

Accessibile al pubblico il Fondo bibliotecario Renato Bonelli. Domenica 25 marzo l'inaugurazione

Mondovino: quando il tempo premia l'Orvieto. A Roma Palazzone in verticale: 15 anni di Campo del Guardiano

Non si placano gli animi sulla delibera della Corte dei conti. AN e Altra Città chiedono un Consiglio Comunale in seduta segreta per discutere il comportamento del Presidente

Una giornata di studi dedicata alle novità della legge Finanziaria. Seminario di studi della Presidenza del Consiglio di Orvieto e della Fondazione PROMO P.A.

Scontro a sinistra sulla ripubblicizzazione dell'acqua. Un polemico intervento del consigliere Imbastoni: 'Battaglia per l’acqua pubblica: basta con i verniciatori'

La lettera del Comitato Promotore Regionale Umbro per la ripubblicizzazione dell'acqua agli eletti dell'Umbria

'Un dibattito serrato ma franco' tiene impegnata la direzione DS al completo fino alle due di notte