sociale

Immigrazione: 900mila euro della Giunta regionale per il IX programma annuale. Nel 2008 la nuova legge regionale sull'immigrazione

domenica 13 gennaio 2008
Sono circa 80mila gli immigrati regolari che, secondo le stime dell’ultimo Dossier Caritas/Migrantes, vivono in Umbria, quasi il 9 per cento della popolazione totale, il 2,7 per cento in più rispetto al dato nazionale. È volto a favorire la loro integrazione, intervenendo sulle difficoltà di inserimento nell’ambito di vita e di lavoro, il nono programma regionale annuale che, su proposta dell’assessore alle politiche sociali e abitative, Damiano Stufara, è stato approvato dalla Giunta regionale e che prevede risorse per quasi 900mila euro. Serviranno per realizzare progetti di accoglienza e inserimento scolastico degli alunni stranieri, progetti riguardanti le seconde generazioni di immigrati, per la diffusione e conoscenza della lingua italiana, il sostegno all’accesso all’alloggio, la mediazione culturale e l’inserimento lavorativo. “La Regione Umbria – sottolinea l’assessore Stufara - in questi anni ha dedicato particolare attenzione e destinato crescenti risorse agli interventi volti a colmare il divario derivante dalla condizione stessa di ‘migrante’ e alla costruzione di un progetto di convivenza tra cittadini italiani e immigrati. Anche in una regione accogliente più di altre, va tuttavia innalzato il livello qualitativo dei processi di integrazione. Sarà questa una delle priorità della nuova legge regionale sull’immigrazione, il cui percorso verrà avviato quest’anno, dedicato dall’Unione europea al dialogo interculturale”. Alla Regione Umbria è stata attribuita una quota del Fondo nazionale per le politiche sociali, nella quale viene definito lo stanziamento, pari a 550mila euro, da destinare alle politiche per l’integrazione degli immigrati. “Eccezionalmente”, per l’anno 2006, il ministero della Solidarietà sociale ha, inoltre, ripartito tra le Regioni e le Province autonome ulteriori risorse da destinare alla gestione del ‘Decreto flussi 2006’ e in particolare all’incremento delle misure di integrazione sociale. Alla Regione Umbria sono state assegnate risorse aggiuntive per oltre 307mila euro. La Regione ha confermato, inoltre, la scelta già effettuata nell’ambito dei precedenti Programmi, di indirizzare una quota delle risorse del Fondo sociale regionale verso progetti di innovazione nel campo dell'immigrazione. Delle risorse disponibili, circa 686mila euro sono stati ripartiti tra i dodici ambiti territoriali in base al numero di cittadini extracomunitari residenti e al rapporto tra questi e la popolazione locale. Sono tre i settori di intervento che sono stati individuati. Il primo è quello dei servizi per l’integrazione, rivolti alla generalità degli immigrati e in particolare ai nuclei familiari in condizione di stabile presenza sul territorio. Sono previsti corsi per l’apprendimento della lingua italiana e alfabetizzazione socio-linguistica per immigrati adulti, azioni di sostegno all’inserimento socio-lavorativo, alla stabilizzazione del lavoro precario, all’emersione di quello irregolare e alla creazione di nuove imprese. Inoltre sono ritenuti prioritari servizi di sostegno all’inserimento scolastico, vista la sempre maggiore presenza dei minori stranieri a cominciare dalla scuola primaria fino agli istituti superiori. Secondo gli ultimi dati forniti dal ministero della Pubblica istruzione, gli studenti stranieri iscritti in provincia di Perugia sono 9745 (il 10,8% del totale) e 2319 in provincia di Terni (l’8%). “La crescita vertiginosa dei giovani immigrati nei diversi livelli di istruzione – sottolinea l’assessore Stufara – costituisce una sfida inedita e richiede una programmazione didattica complessiva nell’ottica di una educazione interculturale che riguardi e integri la formazione di tutti gli allievi”. Nel primo ambito di intervento, sono ricomprese anche azioni volte a favorire l’integrazione delle donne e dei minori, così come informazioni e percorsi formativi su temi quali l’educazione alla legalità, i diritti e i doveri. Il secondo settore di intervento riguarda i servizi volti alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni di marginalità e al recupero della devianza, con azioni per la prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali degli immigrati, informazione socio-sanitaria, centri di osservazione, informazione e di assistenza legale per gli stranieri vittime di discriminazioni per motivi razziali, etnici o religiosi. Con il terzo settore d’intervento, la Regione persegue l’obiettivo “strategico” di facilitare l’interazione tra cittadini italiani e immigrati. Tra le azioni prioritarie, sono individuate l’utilizzo di mediatori culturali in strutture pubbliche e private con “ruoli cerniera”, informazioni e percorsi formativi per operatori delle strutture pubbliche e private, raccomandati in particolare nei settori scolastico, sanitario, amministrativo, delle forze dell’ordine. Inoltre, sono previste iniziative culturali, sociali, ricreative per promuovere opportunità di incontro e favorire la conoscenza di altre culture, studi e ricerche sull’immigrazione. La Regione Umbria ha, inoltre, destinato 30mila euro alla prosecuzione del progetto “Immigrazione in rete: comunicare per integrare”, che si avvale del sito web www.immigrazioneinumbria.it per condividere informazioni, notizie, aggiornamenti sulla normativa e sui servizi e lo scambio di saperi ed esperienze.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 gennaio

Complanare, nuova fase di spinta oleodinamica del ponte in acciaio

"Le Grandi Firme della Tuscia". In distribuzione il terzo numero dell'aperiodico di Letteralbar

Azzurra Ceprini A1. Palla a due al PalaPorano con San Martino di Lupari

Montelone, la Provincia scioglie il silenzio. La prossima settimana, il bando per i lavori stradali

In manette 22enne, rubò chioccia con tutti i pulcini

Larocca interrompe lo sciopero: "L'amministrazione continuerà a vigilare"

Approvato l'odg per inserire il "reato di tortura" nell'ordinamento italiano. Il plauso di Amnesty International

Esce "Studi Interrotti", l'album d'esordio de "Gli Scontati". Il 28 gennaio al Valvola

Sfilata di maschere e carri allegorici per la "Festa di Carnevale" di Porano

Torna a luglio la seconda edizione del Premio Letterario "Città di Lugnano"

Tir si ribalta in Autostrada, code e disagi bloccano il traffico

Due ristoranti "nostrani" alla sfida Tv di Alessandro Borghese

Lasciavano le auto su "quattro ceppi" e scappavano, beccata la banda del cric

Regione contro l’inceneritore in Umbria, ma i comitati chiedono garanzie sulle discariche

Garbini lascia, si dimette il sindaco di Castel Giorgio

Bollo per i veicoli di interesse storico o collezionistico: dal primo gennaio riduzione del 10 per cento

Auto alluvionate, Sacripanti (FdI-An) sollecita un nuovo bando per il risarcimento dei danni

Consiglio regionale, respinta la mozione sul "sostegno alla famiglia naturale"

Punti nascita, la presidente Marini rassicura: “Non sono previste altre chiusure”

"Ravensbrück. Il lager delle donne", gli scatti di Ambra Laurenzi al Palazzo del Popolo per il Giorno della Memoria

A Città della Pieve nasce il liceo musicale. Open Day di presentazione

"Internet e le nuove generazioni: ripartiamo dalla famiglia". Incontro conclusivo per "Famiglie al centro"

Differenziata lumaca, ora la Regione corre ai ripari: obiettivo 60% entro l'anno

Piano comunale di classificazione acustica, nulla di fatto. In standby le controdeduzioni

Kino-Workshop al Centro Viva. A lezione di linguaggio cinematografico

Incontro informativo sull'iniziativa comunitaria "Garanzia Giovani"

Jasmine Rossini: "Per la Zambelli Orvieto il campionato è aperto"

Cardinali al Sindaco: "Sul parco del Paglia ci dica cosa bolle in pentola"

Sanità, la giunta regionale umbra sospende il ticket intramoenia

Folklore e tradizione si incontrano per la seconda "Giornata delle Pasquarelle"

Il vescovo presiede i funerali di don Adelmo Ciurletti

Sacripanti (FdI-An) propone l'istituzione di un forum civico in materia di assistenza socio-sanitaria

Dall'orto al piatto. Dalla collaborazione fra le scuole, un progetto sperimentale

La Regione investe quasi 3 milioni di euro per finanziare la competitività delle aziende vitivinicole

Centro Studi, via allo "Spring Semester" della Kansas State University e della University of Arizona

Orvieto tra le sezioni Cai che hanno collaborato alla rete sentieristica-escursionistica umbra

Furti e atti vandalici al Fanello. Tardani: "L'amministrazione si attivi per garantire la sicurezza ai cittadini"

Il Consiglio dei Ministri commissaria L'Umbria e decide per la chiusura anticipata della caccia

Ballo in maschera al Teatro Boni. Musica e divertimento, come in una favola

Luciani sollecita la riqualificazione di Piazza del Commercio: "Come si sta muovendo il Comune?"

Il Comune ricorrerà al Consiglio di Stato, Germani: "Il terzo calanco non si farà"

Lo Sportello del Consumatore chiude i battenti: riflessioni sulla conclusione di un'esperienza

Rometti: "Per la Regione su Orvieto non ci sono assolutamente esigenze di ampliamento della discarica al terzo calanco"

L'assessore Cecchini: "Si è fatta ricadere sulle Regioni l’incongruenza fra le norme nazionali ed europee"

Contratti di Fiume, Minervini chiarisce la posizione delle associazioni private: "Fuori dalla Cabina di Regia".

Galanello Pd: "No al terzo calanco, l'obiettivo dell'Umbria è la minimizzazione dello smaltimento in discarica"

Il Circolo Pd di Orvieto Scalo al lavoro per la riqualificazione del quartiere

Scopetti e Taddei Pd: "No categorico al terzo calanco, Comune e Regione non devono mollare"

Il teatro amatoriale colora Monteleone. La rassegna al Teatro dei Rustici compie vent'anni