sociale

Genitori e figli: adolescenze plurime e adolescenze protratte. Saranno anche le parole a salvare i giovani

domenica 25 novembre 2007
di Ornella Cioni
L’associazione "Libera, nomi e numeri contro le mafie" sta svolgendo a Firenze, dal mese di settembre, una formazione per gli insegnanti dal titolo significativo: “Abitare i margini, consumi, periferie, pregiudizi, solitudini”. A novembre si è svolto il secondo incontro e sabato 17 i docenti hanno potuto ascoltare uno stimolante intervento, sul tema del consumo di nuove droghe, da parte del prof. Renato Bricolo, psichiatra e psicoterapeuta esperto delle tossicodipendenze. Ciò che ha reso la relazione particolarmente interessante è stato l’ampio quadro sociale disegnato dal docente per contestualizzare il fenomeno della diffusione di nuove droghe, così come si è andato delineando dopo gli anni ’80 in poi, con la diffusione dell’ecstasy e del nuovo stile di vita lanciato da Ibiza. Tutto ciò ha portato una sovversione temporale in cui la notte è diventata il momento più affascinante della vita e il corpo viene esibito come non era successo mai prima. Si è prodotto un cambiamento nel quale è sempre più difficile per i ragazzi evolvere verso il “ miraggio del sé”, sapendo se contenere i propri limiti o romperli per trovare se stessi. Si sono diffusi nuovi stili di vita. I giovani vivono con uno stile di vita dal lunedì al venerdì ( o al sabato se sono studenti), dal venerdì alla domenica con un altro. Spesso il segno più visibile della trasformazione è nell’abbigliamento, dove c’è un vero discrimine per età e dove per i giovani è il corpo che vince su qualunque canone estetico. Quasi tutti sono studenti o lavoratori, pochissimi disoccupati e abitualmente non bevono durante i pasti e durante la prima parte della settimana. C’è anche per i ragazzi una grande omologazione comportamentale e la centralità del bisogno del gruppo dei pari nel quale confondersi e nel quale trovare temporaneo sostegno anche rispetto alla solitudine. In questa divisione del tempo in stili diversi di vita avviene una sorta di scissione o diversificazione dell’io, per cui questi giovani cominciano a realizzare una pluralità di appartenenze, vivendo differenze di approccio alla vita a volte configgenti tra loro, ma di cui essi sembrano non accorgersi o vi passano attraverso senza apparente contraddizione. L’io viene vissuto, agito come una pluralità di diversi centri di organizzazione psichica e quindi si cade sempre più in un senso di relatività. Il conflitto psichico, centrale nella psicanalisi, passa in secondo piano e prevalgono le pulsioni, che quindi si tende semplicemente a organizzare. La gestione di un io plurale e delle diverse pulsioni non è facile per i ragazzi, specialmente nella nostra società già destrutturata: c’è il pericolo di perdere il senso di una continuità di ciò che si fa e si è. Bisogna però tener conto del fatto che in questo contesto sono posizionati gli adolescenti, ma anche gli adulti e gli insegnanti e tale trasformazione mentale sta avvenendo in parte anche in loro. Se si parla allora di adolescenza protratta per i ragazzi (l’U.E. pone a 29 anni il passaggio alla vita adulta, ma lo IARD lo pone ormai a 34 anni), si parla ormai anche di adolescenze plurime, tra i 40 e i 50 anni e di crisi esistenziali di persone di 60 anni, non distanti da quelle dei figli. Insomma l’adolescenza dei ragazzi insiste ormai su una situazione critica dei genitori, che non sempre sono in grado di sostenerli. Il processo identificatorio dei ragazzi avviene a fatica e con riferimenti plurimi, con plurime identità. Naturalmente gli insegnanti non sono esenti da questi processi di crisi, ma da parte loro, in questa fase di disgregazione, di fronte a tante fughe esistenziali, è importante recuperare, da adulti, la categoria dell’esserci, dell’esserci con i propri studenti, più che quella di avere risultati, perché spesso, afferma il prof. Bricolo, in un mondo in cui i genitori lavorano entrambi, gli insegnanti sono gli unici adulti significativi con cui gli adolescenti sono in relazione. La frammentazione in una pluralità dell’essere vorrebbe tendere a evitare il conflitto con se stessi in modo che i vari centri non entrino in collisione, ma nell’essere umano c’è anche un tendere a un senso di continuità, di unitarietà, il bisogno di creare un campo in cui inserire e mettere in relazione le proprie pulsioni. Iscrivere le proprie pulsioni all’interno di un contesto non è facile e il percorso di individuazione di sé è complesso e prevede diversi passaggi. Talvolta gli adolescenti imboccano la strada del consumo di sostanze eccitanti. Si tratta di nuove droghe, opposte agli oppiacei come l’eroina, diffusa maggiormente fino agli anni ’80, droghe eccitanti, che facciano sentire come si vorrebbe essere, che diano un senso modificato di sé. Eccitanti dunque, ma anche poliassunzioni, che consentano di trovare l’extra-ordinario attraverso stati di modificazione cerebrale. Intervenire non appare facile, perché i giovani sembrano non avvertire questi comportamenti come patologici e non sembrano avere una percezione del rischio. D’altra parte non aiutano le spinte provenienti da una società in cui la stabilità è assente, c’è un teorizzare la precarietà come qualcosa di normale e il rischio, l’entrare e l’uscire dalle situazioni sono considerati come qualcosa di positivo. Se il concetto di rischio non è più un disvalore, non può più essere un aggancio per intervenire. Siamo in una situazione di grande trasformazione. Se si diventa adulti a trentaquattro anni, bisogna concedersi trentaquattro anni per diventare adulti, forse questo è il tempo lungo necessario per organizzare il sé. Ma intanto che fare? E’ stata creata dal governo una Consulta di esperti sulle tossicodipendenze, ma ai docenti spetta come sempre la prevenzione primaria, spetta loro comunque trovare una difficile mediazione linguistica per far percepire ai ragazzi “il danno”. Importante è che riescano a mantenere quella relazione con l’altro che permetta loro la comprensione, l’accettazione, senza perdere un nucleo forte di sé, in modo che gli adolescenti possano trovare se stessi attraverso di loro. Importante è che gli insegnanti lavorino in modo serio attraverso i curricola per dare ai ragazzi solide competenze, ma devono anche avere la percezione che ciò che programmano è sì ciò che dovrebbe essere, ma non basta. Nel quotidiano è necessario anche percepire l’alunno in difficoltà e trovare i modi e le parole per accompagnarlo nel proprio percorso di individuazione. Infine il prof. Bricolo rammenta ai docenti una vecchia ricetta: tenere ricco il linguaggio, proprio come numero di parole, perché i ragazzi sappiano dire le proprie emozioni, che è il primo passaggio per poterle governare.

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 novembre

Il disco dei Cherries alza il sipario sulla nuova stagione del Teatro Santa Cristina

Il Vetrya Corporate Campus si amplia. Nuove aree e servizi aperti alla comunità

"Stop discarica". Assemblea pubblica al Centro Anziani di Ciconia

Il Comitato Civico per il Diritto alla Salute-Art.32 chiede un'adeguata risposta sanitaria

La rosa, le spine

Motore in avaria, aereo rientra in aeroporto: paura per famiglia orvietana

Ramona Aricò ci crede ed incoraggia la Zambelli Orvieto

"Gli Etruschi parlano". Presentato a Paestum il progetto in realtà aumentata

Non applicazione della quota variabile della Tari alle pertinenze

"Le città del futuro", anche Vitorchiano a Montecitorio

A "Cuochi d'Italia", Valentina Santanicchio si aggiudica la vittoria sul Veneto

Danza e teatro, al Boni "Tempesta" e "La Giara. Un meraviglioso regalo"

A Villa Umbra, gli stati generali su scuola e sistema di istruzione e formazione professionale

Accattonaggio molesto, CasaPound avvia una raccolta di firme

Accesso ai bandi europei, si rafforza la collaborazione tra scuola ed Anci Umbria

"Legalità, mi piace". Oltre 300 studenti delle superiori partecipano all'evento di Confcommercio

False "Catene di Sant'Antonio" di WhatsApp. L'appello di Polizia Postale e Sportello dei Diritti

Il questore di Terni in visita al Comune di San Venanzo

Il Comune stanzia 116.000 euro per asfaltature e installa pannelli luminosi con limiti a 50 km/h

Lotta al tumore al pancreas, il Comune s'illumina di viola

Via ai lavori di pavimentazione sulla strada statale 205 "Amerina"

Civita di Bagnoregio e Gubbio, due casi di studio per Orvieto

Weekend intenso per l'Orvieto FC. Esordio in campionato per i Giovanissimi

Giornata dei Diritti dell'Infanzia, l'artista Salvatore Ravo realizza un murale per la Festa dell'Albero

Nuova ondata di furti, impegno congiunto tra istituzioni e carabinieri

Alessandro Carlini presenta "Partigiano in camicia nera. La storia vera di Uber Pulga"

Due giorni di appuntamenti per la sesta edizione per "Olio diVino"

La "Festa dell'Olio" di Montecchio compie 42 anni

A 12 anni dalla scomparsa, Orvieto ricorda Padre Chiti. Il programma delle celebrazioni

Dal Bianconi al Rivellino, piovono spettacoli nella Tuscia dei teatri

Le ragioni del No. Incontri a Orvieto, Acquapendente e Castel Giorgio

La Fondazione per il Csco è di nuovo accreditata quale agenzia formativa presso la Regione

Al Teatro dei Calanchi è di scena "Abdullino va alla guerra"

Bandiera verde a "Il Secondo Altopiano", qualità e impegno quotidiano per l'agricoltura naturale

Alessandro Benvenuti torna al Boni da protagonista con lo spettacolo "Chi è di scena"

Approvata la convenzione per istituire l'Ufficio speciale ricostruzione post sisma 2016

La Scuola dell'Infanzia di Pantalla dedica un'aula alla "maestra Barbara"

Le eccellenze dell'Umbria in vetrina alla Borsa internazionale del turismo enogastronomico

Iniziati i lavori alla scuola di Giove, 205 studenti trasferiti a Guardea e Penna in Teverina

Psr 2014-2020, operativi i cinque Gal dell'Umbria, a disposizione 32 milioni di euro per sviluppo locale

XXXIV Trofeo delle Regioni, convocati otto nuotatori della Uisp Orvieto Medio Tevere

Geotermia, chiesto un incontro al Mise. Nevi: "L'Umbria non ha bisogno di rinvii"

Geotermia, il centrosinistra si spacca. Fiorini: "Giunta e seguaci hanno già deciso"

Scuola, approvato il Piano provinciale offerta formativa e programmazione 2017-2018

Undicesima seduta del 2016 per il consiglio comunale. In 23 punti l'ordine del giorno

A Ficulle torna "Olio diVino". Due giorni di degustazioni, musica e convegni

Gestione dei rifiuti, Rotella (Porano Bene Comune) interroga l'amministrazione

Geotermia al Bagnolo. Ambientalisti cauti: "C'è poco da esultare"

Cambio al vertice della Cro. Comitato risparmiatori: "Disponibili al confronto"