sociale

Insediata ufficialmente la nuova Giunta del Consiglio ragazzi di Allerona. Alessandra Polleggioni la nuova sindaco

domenica 12 febbraio 2006
Si è insediata ufficialmente la scorsa settimana la nuova Giunta del Consiglio ragazzi del Comune di Allerona, lo strumento consultivo di cui il Comune si è dotato già da diversi anni. Le consultazioni che si sono svolte in dicembre tra gli alunni e le alunne delle scuole elementari e medie, a seguito della decadenza del precedete sindaco passato alla scuola superiore, hanno visto emergere come nuova sindaco Alessandra Polleggioni che, nel corso della prima seduta, ha provveduto a rendere nota la Giunta che la coadiuverà durante il suo mandato. Con grande rispetto del principio della rappresentanza di entrambi i generi, maschile e femminile, la Giunta ragazzi è composta da Mattia Saleppico (vice sindaco), Damiano Palombini, Clarissa Tiberi e Giulia Ferretti. Molto disinvolta, preparata ed efficiente – a detta di tutti e, in particolare, del collega sindaco-adulto Valentino Rocchigiani – la nuova sindaco, il cui unico difetto è quello d frequentare la terza media e, quindi, di non avere davanti a sé più di un anno di mandato. La Giunta ragazzi si occuperà, ovviamente, soprattutto degli argomenti che interessano maggiormente i giovani, quali scuola, sport, tempo libero e attività ricreative, senza trascurare altri ambiti in ci potrà e si sentirà di dare,ai “grandi”, contributi di idee e consigli utili. Che l’Amministrazione, fiera dell’organismo e come è già accaduto in passato, certamente recepirà. Lo scopo degli amministratori di Allerona, che recentemente hanno approvato anche un Regolamento per la formazione delle Consulte dei cittadini, è da un lato il confronto con la popolazione, in questo caso con i giovanissimi, dall’altro quello di favorire uno strumento di democrazia che, abituando sia alla consapevolezza e all’esercizio dei diritti, che al rispetto dei doveri, oltre che ala pubblica espressione degli stessi, certamente contribuisce alla formazione dei cittadini di domani e alla crescita sociale e culturale in genere.

Commenta su Facebook