sapori

CNA, donati frittelle e bignè di San Giuseppe anche alle Forze dell'Ordine

giovedì 19 marzo 2020
CNA, donati frittelle e bignè di San Giuseppe anche alle Forze dell'Ordine

Come promesso. E anche di più. Non solo ospedale e case di cura. Nella mattinata di giovedì 19 marzo agli annunciati destinatari di frittelle e bignè si sono aggiunte anche le Forze dell’Ordine. Decine e decine di chili, ben oltre un quintale di bontà, preparati e subito donati, allo scopo di rendere migliore la festa del papà a chi lavora per contrastare il Coronavirus e chi è lontano dalla propria famiglia.

Protagonisti la Pasticceria Garibaldi di Impero, Marco e Moreno Pierini, la Pasticceria Primavera di Alvaro Gobattoni e la Pasticceria Alba di Ermanno Fiorentini, queste di Viterbo, e il Panificio Cavalloro Claudio di Bagnoregio. "In questo momento servono solo altruismo e rispetto”: così avevano motivato l’iniziativa Claudio Cavalloro, presidente di CNA Alimentare di Viterbo e Civitavecchia, ed Ermanno Fiorentini, presidente dell’Associazione Panificatori e Pasticceri di Viterbo.

E allora ecco che insieme all’ospedale di Belcolle, alla Casa di Cura "Villa Benedetta", all’Istituto Piccole suore della Sacra Famiglia nel capoluogo e alla Casa della Salute di Bagnoregio stamattina bignè e frittelle sono arrivate anche in Questura, ai Carabinieri e alla Guardia di Finanza.

"Il gesto è stato apprezzato da tutti: c’è anche chi ha voluto immortalare il momento della consegna – commentano Fiorentini e Cavalloro – e perfino chi si è commosso. Ieri eravamo convinti che la più grande ricompensa per noi sarebbe stato un sorriso, ma oggi abbiamo ricevuto molto di più. Per questo ci sentiamo pienamente appagati".

Commenta su Facebook