sapori

Workshop all'Unitus su "Il frumento: dal campo alla tavola all'intestino"

mercoledì 9 gennaio 2019
Workshop all'Unitus su "Il frumento: dal campo alla tavola all'intestino"

Venerdì 25 gennaio dalle ore 9.00 presso l’Aula Magna  del Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali dell’Università degli Studi della Tuscia, in Via San Camillo De Lellis – Viterbo, si terrà il workshop dal titolo "Il frumento: dal campo alla tavola all'intestino". Il workshop è organizzato dal Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali dell’Università degli Studi della Tuscia, nell’ambito del progetto di eccellenza SAFE-MED finanziato dal MIUR.

La giornata è stata realizzata anche in collaborazione con l’Unicoop Tirreno – Sezione Soci di Viterbo e il CNA – Associazione Provinciale Panificatori e Pasticceri di Viterbo. Il frumento, comunemente chiamato grano, è alla base della nostra alimentazione ed è strettamente legato alla nostra cultura. Nell’Odissea, quando Ulisse incontra Polifemo, lo descrive come un mostro immenso, che non somiglia a un uomo “mangiatore di pane”, così come, quando arriva al Paese dei Lotofagi, si meraviglia di quanti “mangiatori di pane”, cioè uomini, vi fossero in quella terra.

I prodotti a base di frumento caratterizzano i Paesi in cui vengono realizzati: l’Italia si identifica con la pasta; la Sardegna è associata al pane carasau, così come la Puglia con il pane di Altamura; il cous-cous è un piatto tipico non solo dei Paesi Nord Africani ma anche della Sicilia. Ciononostante, da qualche anno il frumento è sotto accusa e la sua eliminazione dalla dieta viene proposta come la panacea per tutti i mali, mentre in realtà, se non è strettamente necessaria, come nel caso della celiachia, comporta la perdita di molti nutrienti e composti benefici. Ma la celiachia è effettivamente aumentata? La sensibilità al frumento è sensibilità al glutine o ad altro?

Quanto il miglioramento genetico e il cambiamento dei processi industriali negli ultimi decenni hanno influito sulla tolleranza al frumento? Questa giornata è un’occasione per unire il sapere sul frumento al sapore, che sia in forma di pasta, pane o altro, attraverso le conoscenze degli operatori del settore e dei ricercatori, che chiariranno i lati oscuri alimentati dalle informazioni in rete non sempre veritiere, con il fine ultimo di una migliore consapevolezza nella realizzazione e infine nella scelta di un buon prodotto a base di frumento, secondo le singole esigenze. L'evento è aperto a tutti.

Per ulteriori informazioni:
masci@unitus.it - francescosestili@unitus.it

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 marzo

Orvieto basket in trasferta a Foligno, sfida tra le big del campionato

Proiezione del documentario "Un monte d'acqua" e dibattito sull'impatto della geotermia

"Propaganda and Ideology in Rome". A Orvieto gli studenti del master in Storia antica della University College London

Orvieto Basket. Delusione reatina per l'Under 17

Avviate le attività di riproduzione per le specie ittiche. Divieti di pesca, ecco dove

Sale il livello dei fiumi, Paglia e Chiani "osservati speciali"

Azzurra, Cagliari – Orvieto 82-70 ma la salvezza è molto più vicina. Ultimo appuntamento della regular season

Dal Vinitaly una prospettiva per dare maggiore evidenza al vino di Orvieto e al Territorio

"La fotografia si tinge di rosa". Dopo il contest, arriva la mostra

Caccia ai ladri nell’Orvietano, scappano a piedi dopo un lungo inseguimento

City Camps a Ficulle con l'Associazione Culturale Linguistica Educational

Edilizia: sindacati, settore "massacrato". Il rinnovo del contratto integrativo è un'occasione per il rilancio

Terza edizione de "La Città del Corpus Domini" nel segno della bellezza

Con l'Umbria che si sveglia presto. Sette punti per un contratto elettorale dell'Orvietano con la presidente Marini

Intercity 581, l'Autorità di Regolazione dei Trasporti si attiva verso Rfi e Trenitalia

Il Libro Parlante apre col botto: il 12 aprile incontro con David Grossman

Operazione "Silver and Gold", primi riconoscimenti della refurtiva

Piena fiducia del Sindaco all'Assessore alla Cultura

Tevere in piena a Marsciano, cade in un fosso e annega