sapori

Rep.it - Le "Cotarella ladies", cugine-sorelle tra vino e scuola di formazione

giovedì 5 gennaio 2017
Rep.it - Le "Cotarella ladies", cugine-sorelle tra vino e scuola di formazione

Con un articolo piacevole e interessante scritto da Laura Mari, sulle colonne di Repubblica.it, si apre nel segno dell’innovazione il nuovo anno del vino. Protagoniste sono: Dominga, Marta e Enrica Cotarella e i loro progetti per la Cantina Falesco e la nuova Accademia di eccellenza per il servizio in sala. Le “Cotarella ladies”, così sono ormai state ribattezzate dalla stampa mondiale, si raccontano e nell’articolo che segue annunciano per settembre l’apertura della loro Accademia.

 

Le "Cotarella ladies", cugine-sorelle tra vino e scuola di formazione

di LAURA MARI per Repubblica.it


Non chiamatele cugine, perché tra loro si sentono sorelle
. Le lady del vino hanno tra i 31 e i 45 anni, un trio di confidenti-amiche-parenti-imprenditrici alla guida di un piccolo impero nel settore dell’enologia di qualità. Dominga, Marta e Enrica Cotarella dal 2015 hanno preso le redini dell’azienda del vino Falesco, fondata nel  1979 dai fratelli Riccardo e Renzo Cotarella.

«Abbiamo una grande responsabilità, è difficile essere i successori, soprattutto quando i tuoi genitori hanno raggiunto i massimi livelli nel loro settore» ammette Marta,  35 anni e laureata in Economia e commercio e oggi responsabile delle attività di pianificazione e controllo dell’imprea familiare.

L’azienda Falesco (oggi divisa tra questo marchio e il nuovo Famiglia Cotarella) è nata con l’obiettivo di recuperare gli antichi vitigni tra il Lago di Bolsena (nei pressi di Montefiascone nel Lazio) e l’Umbria. Il risultato fu, nel 1989, il Poggio dei Gelsi Est! Est! Est!, divenuto con gli anni una delle tipicità del territorio. La vendemmia di dieci anni dopo portò alle bottiglie di Ferentano prodotte con il Roscetto e nel 2001 l’Aleatico Pomele diede grande lustro all’azienda (qualche anno prima era stata la volta del Cabernet Sauvignon Marciliano).

Le

Un patrimonio costruito con passione, ora nelle mani delle cugine Cotarella. «In realtà ci sentiamo sorelle, io sono la “vecchia del gruppo” e dall’alto dei miei 45 anni dispenso consigli e suggerimenti», ironizza Dominga, per tutti Minnie, laureata in Agraria e responsabile del settore commerciale e marketing dell’azienda, che conta un totale di sessanta dipendenti.

«Abbiamo una famiglia incredibilmente unita, in cui si condivide tutto, dalla colazione la mattina alle vacanze estive. Siamo complementari, unite da un’unica passione: la nostra azienda. Ogni giorno ciascuno di noi esprime la propria particolare attitudine» spiega Enrica Cotarella, 31 anni, responsabile del settore comunicazione social dell’impresa.
Lavoro e parenti, un binomio che sembra essere il segreto del successo della Falesco. «Per carità, qualche discussione c’è, è normale. Ma sono molto pacate, mai litigi. E ogni confronto ha sempre il fine di garantire il meglio per i nostri vini e i clienti», garantisce Dominga.

Le

Intanto, l’azienda continua a collezionare premi e successi, anche grazie alla produzione (a Montecchio, nelle colline a sud di Orvieto, in Umbria), delle etichette di punta del marchio (. Parliamo di una cantina circondata da circa 260 ettari con vitigni di Merlot, Cabernet, Sangiovese, Verdicchio e Vermentino. «Ma non finisce qui, non siamo mai stanche di provare e sperimentare», avverte Dominga.  Sei anni fa, infatti, è nato il progetto per due nuove vini e finalmente la prima produzione è nata. Il 15 dicembre sarà stappato lo Shiraz Ogrà (dedicato a nonna Cotarella, che si chiamava Grazia), mentre è in uscita anche il Viognier Igp del Lazio Soente.

«Poi, a settembre, inaugureremo il primo anno accademico della scuola Intreccci, a Castiglione in Teverina» anticipano le lady Cotarella.  Il nome sta a intendere le tre C, ovvero l’iniziale del cognome delle cugine, ma anche “cultura”, “conoscenza” e “coraggio”. La scuola sarà un istituto di eccellenza, riservato a soli 15 studenti, che in sei mesi di corsi e altrettanti di stage in Italia e all’estero, impareranno tutto non solo sul mondo del vino. «L’idea nasce dal grande gap che si è formato nel mondo della ristorazione tra cucina e sala – spiega Dominga – a chi frequenterà il nostro istituto insegneremo ad avere una visione ampia del mondo enologico, ma anche a saper accogliere, curare e consigliare i propri clienti». Dopo 37 anni di attività, i vitigni continuano a dare i loro frutti e tra progetti e bottiglie in cantina si studiano continuamente novità per il futuro.

 

 

Pubblicato da il 07 gennaio 2017 alle ore 16:21
Siete stupende, sono sicuro che seguirete le orme dei vostri genitori
Alfredo, Sandra e Andrea(Grotte del Funaro)
Pubblicato da il 13 gennaio 2017 alle ore 13:06
. È proprio vero, mai come in questo caso,"la classe non è acqua...." nella certezza che anche la nostra città ne trarrà un ulteriore vantaggio nella qualità è un valore aggiunto dell'immagine, tantissimi auguri e buon lavoro.Ristorante Antico Bucchero

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 febbraio

Giulio Scarpati all'Unitre. Con Valeria Solarino al Mancinelli per "Una giornata particolare"

Cede una porzione di muro, tecnici della Provincia al lavoro sulla SP 31

Ultima settimana di scuola aperta all'Istituto Artistico, Classico e Professionale

Al Palazzo del Gusto, corso di qualificazione professionale per sommelier Ais

Final Four Under 18 Eccellenza, la finale sarà Ellera-Todi

Anteas e Gruppo Famiglie Parrocchia S.Anna promuovono l'incontro "Invecchiare bene"

Lancia una bottiglia contro il muro del commissariato, denunciato un 37enne

Anche il Comune di San Venanzo aderisce a "M'illumino di meno"

Visite guidate a "San Giovenale. La chiesa e il quartiere nell'Orvieto medioevale"

Provincia, la Rsu chiede certezza su servizi, personale e bilancio

Emanuele Carelli presenta la raccolta di poesie "Celeste come i cieli"

Ridistribuite le deleghe, fino a nuove determinazioni

Il Tar conferma l'aumento della litigiosità tra cittadino e pubblica amministrazione

Campo da calcio di Ciconia "in abbandono", la Uisp fornisce chiarimenti

Proposta di legge sull'ambiente, prosegue in tutta l'Umbria la raccolta firme

A "Cinema intorno al mondo", è la volta di "Lagos. Notes of a city"

Vinti: "Le dimissioni scoperchiano la pentola del conflitto interno al Pd"

Tecnici Enel al lavoro, traffico interrotto in Via Magalotti

Umbria e Orvieto protagoniste a Praga. Intensa l'attività per rafforzare relazioni e progetti

Comune spento per "M'illumino di meno". Gli interventi per razionalizzare i consumi energetici

Presentato in Regione il volume "Umbria, paesaggi in divenire 1954/2014"

Meteo

domenica 18 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
21:00 6.3ºC 99% discreta direzione vento
lunedì 19 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 3.5ºC 94% buona direzione vento
15:00 4.3ºC 86% buona direzione vento
21:00 1.5ºC 94% discreta direzione vento
martedì 20 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 2.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 4.3ºC 74% buona direzione vento
21:00 2.0ºC 84% buona direzione vento
mercoledì 21 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 2.9ºC 93% buona direzione vento
15:00 5.4ºC 75% buona direzione vento
21:00 1.2ºC 91% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni