redazionali

Master in Valorizzazione e gestione dei Centri storici minori a Orvieto: alcune ragioni per frequentarlo. Entro il 19 dicembre le domande

domenica 9 novembre 2008
di Akebia - Free advertising
Sono aperte le iscrizioni al bando 2008-2009 per accedere all'ottavo corso del Master universitario di secondo livello ACT - VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEI CENTRI STORICI MINORI – Ambiente Cultura Territorio, azioni integrate, organizzato dall'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" – Prima Facoltà di Architettura "Ludovico Quaroni" e dalla Fondazione per il Centro Studi "Città di Orvieto". Le domande dovranno pervenire entro il 19 dicembre 2008. Sono ammessi al Master, tramite un colloquio finalizzato alla formazione di una graduatoria, i possessori di laurea specialistica, senza alcun vincolo riguardo alla Facoltà di provenienza, ovvero di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo. Possono essere ammessi anche operatori, funzionari e dirigenti delle Pubbliche Amministrazioni nei settori dell'architettura e dell'ingegneria, della pianificazione territoriale, della gestione e programmazione urbana e dei beni culturali. La didattica del Master si articola in moduli tematici e interdisciplinari, ciascuno composto di lezioni, esercitazioni e/o attività di laboratorio, nel corso dei quali si lavora in progress anche all'elaborazione della tesi finale. Il corso è costituito dai seguenti settori didattici: diagnostica per la valorizzazione di un territorio; strumenti e pratiche di valorizzazione; il ciclo del programma di valorizzazione. Lo stage avrà una durata di 200 ore e si svolgerà presso un'amministrazione locale, una società privata o un'università, italiana o estera, che abbia sede in una città storica con l'obiettivo di implementare la conoscenza acquisita dai corsisti attraverso esperienze pratiche. La didattica complessiva è di 1500 ore, pari a 60 crediti formativi universitari (CFU). Il Master prevede la frequenza di una settimana a tempo pieno per ogni mese a partire da gennaio a dicembre 2009 (agosto escluso). La sede è in Orvieto, Piazza del Duomo n. 20, presso il Centro Studi "Città di Orvieto". Per altri dettagli sul Master e per i contatti clicca qui Di seguito, alcune ragioni per frequentare il Master sopra citato elaborate dal corpo docente. UN MASTER VIVO CHE ENTRA NEL CUORE DEI PROBLEMI E PRODUCE ALTA PROFESSIONALITA’ Perché l’attenzione sui centri storici minori Il Master affronta un tema di grande attualità, la valorizzazione dei centri storici di dimensione minore e dei relativi territori. Accanto alle aree metropolitane, alle grandi periferie urbane e alle città medie, il Master guarda ai centri storici minori non come a un territorio “residuo”, ma come a elementi strutturali del sistema, in grado, se organicamente sviluppati, di riconnettere la tela dei sistemi urbani del Paese. Oggi il Governo appare sempre più attento a questa problematica; in Parlamento sono in discussione diverse proposte di legge sulla riqualificazione dei centri storici e sullo sviluppo dei piccoli comuni. Nel momento di crisi che stiamo attraversando, le realtà locali rappresentano una valvola di sicurezza del sistema in grado di produrre contestualmente innovazione e conservazione attiva del patrimonio culturale materiale ed immateriale dei luoghi. Anche nel resto dell’Europa, l’attenzione a questa problematica, inserita in contesti economico-culturali più ampi, è evidente, come testimoniano anche le esperienze francesi e la stessa Convenzione Europea del Paesaggio. Nella fase del dibattito e delle sperimentazioni in corso nel campo del governo del territorio e della pianificazione ambientale e paesaggistica, i centri storici minori stanno acquistando un rilievo importante, come nodi di reti che costruiscono, insieme alla natura e al territorio agricolo, la trama del paesaggio storico e culturale, principio peraltro ribadito anche nelle recenti modifiche al Codice dei beni culturali e paesaggio.. Una professionalità richiesta dal mercato del lavoro Il centro storico non viene considerato in quanto borgo, semplice e ristretto edificato storico, ma viene guardato nell’ottica del suo contesto territoriale (comunale e intercomunale). Per questo l’ottica assunta è interdisciplinare. Infatti, il Master, attraverso seminari e laboratori, sviluppa la capacità del corsista a “raccogliere” conoscenze allargate e all’interazione, nel contesto di gruppi di lavoro, per la costruzione di programmi integrati di “valorizzazione”, termine che in sé condensa già una forte valenza interdisciplinare. Sono infatti sempre più richiesti dal mercato, sia nel pubblico che nel privato, tecnici e professionisti in grado di saper attraversare, con adeguata cognizione di causa, una serie di campi disciplinari interconnessi: pianificazione, paesaggio, economia del turismo, valorizzazione dei territori rurali e delle attività commerciali e di saper gestire percorsi complessi. Il valore aggiunto del percorso proposto Il percorso di lavoro e studio proposto dal Master guarda in maniera particolare anche al tema delle fattibilità, della gestione e del monitoraggio dei programmi: queste dimensioni sono fondamentali perché gli investimenti raggiungano gli obiettivi prefissati e, oggi, ritenute fondamentali sia nell’ambito delle pubbliche amministrazioni - per il raggiungimento dell’efficacia dei propri interventi - sia nell’ambito privato che, confrontandosi e cooperando sempre più spesso con il pubblico, deve pur rintracciare le convenienze dei propri investimenti. Il Master si organizza come un vero e proprio laboratorio di idee e di sperimentazioni, che inizia già dai primi mesi del corso, e sul quale si innestano i contributi concreti di professionisti, operatori e docenti universitari, sia italiani che esteri, che propongono casi studio di particolare interesse ed innovatività, nonché aggiornamento sulle materie attinenti il tema del master (paesaggio, programmazione complessa, beni culturali, fattibilità economico-finanziaria, orientamenti delle politiche europee, ecc.) Stiamo lavorando alla sperimentazione della nuova legge sui centri storici della regione Umbria. Proprio perché il Master mira a un’alta formazione professionale nel settore, quest’anno sta procedendo con il laboratorio alla sperimentazione della Legge regionale umbra n.12/2008, “Norme sui centri storici”, sui comuni di Orvieto e di Spoleto, in collaborazione con i tecnici delle due amministrazioni. Un metodo valido a tutto campo Si è parlato di centri storici minori e della loro attualità. Ma il metodo a cui è improntato il Master è molto flessibile ed estendibile ad altre realtà territoriali, per questo il valore aggiunto della preparazione offerta consente di inserirsi con notevole flessibilità in campi lavorativi più vasti.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 aprile

Allarme sicurezza, sale in ospedale per una visita e le rubano l'auto

#OrvietoSocialTour. Occhi da top Instagramers per raccontare la grande bellezza

Luci basse per l'Earth Day. Al Colle del Duomo, di notte l'arte si racconta

Il nuovo tour dei Brahmanelporto parte dalla Germania

Modifiche temporanee alla circolazione stradale, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Consenso al Pd su sostegno alle frazioni e gestione diretta dei servizi turistici e culturali

Orvieto dice addio ad Enrico Medioli

Festa della Liberazione, le iniziative a Todi per il 25 Aprile

Il Comune di Parrano per la libertà di Gabriele Del Grande

Al via "Il Maggio dei Libri". In Umbria una settantina di iniziative e la presentazione di kit-lettura per bambini

Usl Umbria 2: "Altre cinque strutture hanno superato le verifiche per l'accreditamento"

A scuola di sicurezza, con la Polstrada. Via a un nuovo ciclo di incontri di educazione stradale

In Duomo l'ultimo saluto. Germani: "La città lo ricorderà"

Geotermia. Nogesi: "Assalto alla diligenza con la complicità del postiglione"

Inaugurato il Centro di ricerca e documentazione sulla disabilità

"Aspettando i Pugnaloni 2017", presentazione dei bozzetti al Teatro Boni

Da Bardano al resto dell'Umbria, l'abbassamento delle temperature compromette la produzione agricola

Consap chiede l'istituzione di un presidio di polizia in ospedale

Orvieto4Ever 2017. È "Victory", il tema del concerto-evento con Andrea Bocelli

Pd, macchina organizzativa al lavoro in vista delle primarie

TeMa, lettera aperta di Calcagni al sindaco Germani

Madonna del Fossatello in festa per la 277esima ricorrenza

Buon lavoro al Laboratorio per la Biennale dello Spazio Pubblico

Dramma sulle strade orvietane, muore quarantenne in moto

Escursione guidata alla scoperta delle antiche miniere e fornaci di Vetriolo

Voleva gettarsi dall'Albornoz. Ragazzo orvietano salvato da agente di Polizia

Lotta all'abusivismo. I tassisti orvietani non ci stanno e alzano la voce

Furto nella notte in un'abitazione a Pianlungo. Oro e contanti nel bottino dei malviventi

Servizi migliori a costi più bassi. Avviato dal SII il monitoraggio dei contatori abusivi

Fabro. Dal 23 aprile al 22 maggio "Il Mito di Garibaldi". Mostra storica al Castello di Carnaiola

Svolgimento della "Via Crucis" nel Centro Storico e ad Orvieto Scalo. Indicazioni per la circolazione

La Giunta regionale approva il regolamento per contributi all'attività e all'impiantistica sportiva

Calandrino, Buffalmacco e la giostra del Presidente

Allerona. Mostra fotografica di Ellen Emerson dedicata alla magia dell'albero: 23 aprile - 8 maggio

L'Assessore al Turismo e Commercio Marco Sciarra interviene sulla questione "tassisti abusivi"

Confagricoltura Umbria in prima linea per la sicurezza in agricoltura. A breve l'avvio di nuovi corsi di formazione

Ultime partenze. Si conclude la gestione dei migranti tunisini al centro Caritas di Orvieto

Operazione "Pasqua sicura". Carabinieri in azione, due arresti per tentato furto

Continua la Conferenza programmatica del PD Orvieto. Prossime tappe centrate sull'ascolto dei cittadini

E' ancora possibile studiare e lavorare in democrazia?

Premiate le migliori pizze di Pasqua dell'Orvietano al Palazzo del Gusto

Il PdCI Orvieto su una battuta "infelice" di Fabio Fazio: "Il PdCI e Rifondazione comunista esistono ma Fazio non lo sa perché guarda troppa tv"

"Il Mosaico Risorto. Inediti di Cesare Nebbia tra restauro e valorizzazione". Spazio espositivo a Palazzo Coelli fino al 23 maggio

"Le vie della tessitura" a Palazzo dei Sette. Mostra di artigianato ed arte tessile

Settimana della Cultura. Il Duomo di Orvieto oggetto di una visita organizzata dal Comune di Castel Viscardo

Cordoglio per la scomparsa del collega Marcello Martinelli

Protezione Civile. Sabato 24 aprile ad Orvieto assemblea regionale del Volontariato

Local on line, la forza dell'informazione dal territorio. Al Festival del Giornalismo in corso a Perugia il punto su ruolo, problemi e prospettive delle news locali

Elogio dell'erba verde

Diserbo a raffica? No grazie!

"Non numeri ma persone". Mostra fotografica alla Chiesa di San Rocco

Verso OrvietoComics #2. Una locandina che farà storia

"Abruzzo un anno dopo" mostra fotografica della Protezione Civile di Orvieto

Avviato l'iter partecipativo per definire il Quadro Strategico di Valorizzazione del centro storico

"Il Ruggito dell'Eccellenza Italiana". Alla Tenuta Vitalonga festa in campagna in compagnia delle rosse di Maranello

Porano apre il progetto "Strade Sicure" nei piccoli Comuni della provincia di Terni. Intervista al presidente ACI Bartolini e al vice sindaco Conticelli

Venerdì a San Venanzo "La foresta incantata", spettacolo teatrale di Solidarietà

L'assessore Sciarra: "La legge 12 non prevede l'esclusiva alla partecipazione delle associazioni di categoria". Intanto il coordinamento dei commercianti convoca un'importante assemblea per il prossimo lunedì