politica

Dopo 17 anni, parte la Variante. Investimento da quasi 7,5 milioni di euro

giovedì 19 marzo 2020
Dopo 17 anni, parte la Variante. Investimento da quasi 7,5 milioni di euro

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore alle opere pubbliche, Enrico Melasecche, ha approvato la delibera che autorizza la firma della convenzione fra Regione, Provincia di Perugia ed il Comune di Castiglione del Lago per realizzare la variante alla ex Strada Regionale “Umbro-Casentinese” che entra nell’abitato di Castiglione con problemi di traffico ed inquinamento e che, una volta realizzata, consentirà di allontanare  gli  autoveicoli dalla zona urbana più densamente abitata e di proseguire velocemente.

Il progetto preliminare di questa opera fu approvato con determinazione dirigenziale il 21 novembre 2003, e nel 2014 ci fu una rimodulazione del progetto con una riduzione della spesa rispetto a quella iniziale. La conferenza di servizi convocata dalla Regione il 4 dicembre 2019 ha esaminato il progetto definitivo ed il Comune di Castiglione del Lago ha comunicato il 5 febbraio 2020 la volontà di acquisire tale opera al proprio demanio, acquisendo le aree e provvedendo alla relativa variante urbanistica in modo da accelerare l’attuazione dell’intervento. Il costo dell’opera è pari a 7.402.000 euro ed il Comune svolgerà il ruolo di stazione appaltante.

“Sarà compito della Regione – ha affermato l’assessore Melasecche - operare al meglio delle proprie possibilità per fare in modo che opere così importanti possano essere, da oggi in poi, realizzate in tempi ragionevolmente brevi in base ad un cronoprogramma condiviso con i Comuni e le Province. Vista la situazione che vive il Paese, vista l’assoluta necessità di accelerare la realizzazione di opere significative, occorre fare di tutto perché non accada più che certi cantieri durino decenni. L’Umbria non se lo può più permettere – ha concluso Melasecche -. La Regione deve dare il proprio contributo in termini di un rinnovato impegno e di risultati concreti”.

Fonte: Regione dell'Umbria

 

Commenta su Facebook