politica

Sì alla riattivazione del protocollo per l'impiego dei detenuti nei lavori socialmente utili

venerdì 12 aprile 2019
Sì alla riattivazione del protocollo per l'impiego dei detenuti nei lavori socialmente utili

Nella seduta di mercoledì 10 aprile il Consiglio Comunale ha approvato (7 favorevoli, 1 astenuto: Timperi) la mozione proposta dal Cons. Andrea Sacripanti (Capogruppo “Gruppo Misto”) inerente la riattivazione protocollo del 2014 per l’impiego dei detenuti nei lavori socialmente utili.  Secondo la mozione “il Consiglio Comunale, riconoscendo il valore sociale dell’impiego di detenuti nei lavori di pubblica utilità, impegna il Sindaco di Orvieto a: riattivare, o nel caso rinnovare, la convenzione già stipulata nel corso del 2014 tra il Comune, l’Ufficio di Sorveglianza di Spoleto e la Casa di Reclusione di Orvieto, al fine di predisporre progetti che prevedano l’impiego, a titolo di volontariato, di persone detenute nel carcere di Orvieto nei lavori di pubblica utilità riguardanti la manutenzione dei Cimiteri, la cura delle aree verdi e di tutto il patrimonio ambientale cittadino; e a considerare l’opportunità, alla luce di quanto realizzato da Roma Capitale, di stipulare ulteriori convenzioni con altri Enti, quali i proprietari/gestori delle strade statali, regionali e comunali, al fine di poter utilizzare, sempre in forma di volontariato e successivamente ad un loro adeguato periodo di formazione, le persone detenute per la manutenzione delle strade insistenti sul nostro territorio comunale”.
 
Le premesse del documento sono state illustrate dal Cons. Sacripanti che ha ricordato “nel 2014 è stato stipulato un protocollo d’intesa tra il Comune di Orvieto, l’Ufficio di Sorveglianza di Spoleto e la Casa di Reclusione di Orvieto che prevedeva l’impiego dei detenuti per le attività inerenti ai cosiddetti lavori socialmente utili. Da quella data ad oggi, sono stati impiegati per un breve lasso di tempo pochi detenuti in attività socialmente utili, nonostante i problemi legati alla tutela ambientale come: pulizia e restituzione al decoro di, cimiteri, parchi pubblici e aree verdi, siano particolarmente stringenti nel Centro Storico e nei quartieri del nostro Comune.

E’ evidente che l’utilizzo delle persone detenute nella Casa di Reclusione di Orvieto, oltre a rappresentare una concreta opportunità per l’intera Comunità, stanti le esigue risorse, economiche e umane, di cui dispone l’Amministrazione, tenderebbe a favorire la loro reintegrazione sociale e lavorativa attraverso la partecipazione a progetti di utilità sociale dando attuazione al principio sancito dall’articolo 27 della Costituzione secondo il quale il trattamento rieducativo dei soggetti privati della libertà personale deve tendere al reinserimento sociale degli stessi. L’idea dell’accordo stipulato nel 2014, in buona sostanza, era che lo svolgimento di un’attività lavorativa a beneficio della Comunità potesse costituire un efficace strumento di ‘reintegrazione’ per le persone detenute che potevano così essere impiegate in progetti utili per la Città.

Proprio in questi giorni il progetto ‘Mi riscatto per Roma’ finalizzato al reinserimento socio-lavorativo portato avanti da ‘Roma Capitale’ e dal Ministero della Giustizia con il coinvolgimento dei 15 detenuti individuati tra quelli a bassa pericolosità e pene ridotte della casa circondariale di Rebibbia sta dando i primi risultati. Queste persone hanno svolto per due mesi e mezzo un percorso di reinserimento e di formazione in carcere e da Autostrade per l’Italia ottenendo un attestato professionale per poi potersi mettere al lavoro per la manutenzione delle strade dove svolgono interventi di pulizia delle caditoie, riparazione delle buche a caldo e ripasso delle strisce pedonali. Dopo aver sperimentato con successo l’utilizzo di persone detenute per attività riguardanti la tutela del patrimonio ambientale, il Comune di Roma si è spinto oltre sottoscrivendo un nuovo protocollo con Autostrade per l’Italia.

Ciò sta a significare come questi progetti, se sostenuti in modo serio ed efficace, possano riguardare vari settori di competenza del Comune così da perseguire il duplice obiettivo di curare gli interessi collettivi legati alla custodia dei beni pubblici e quelli più strettamente privati relativi al verosimile reinserimento nella Società di ogni singolo detenuto che, sentendosi valorizzato durante la detenzione ed anche attraverso una adeguata formazione, potrà più facilmente trovare un riscatto personale al di fuori del carcere. La validità di questi progetti è stata testimoniata dal Ministro della Giustizia che ha dichiarato di voler estendere questo tipo di iniziative anche in altri Comuni italiani.

Vale la pena sottolineare, infine, come un rinnovato impulso di accordi che prevedano il coinvolgimento di detenuti in lavori socialmente utili, favorendone il reinserimento nella Società, sia del tutto coerente con la tipologia del carcere di Orvieto che è un Istituto a Custodia Attenuata, peraltro l’unico presente nella Regione Umbria, che già di per sé prevede un regime penitenziario differenziato dove la funzione rieducativa della pena assume maggiore importanza rispetto a quella retributiva. La custodia attenuata, infatti, offre maggiori opportunità al detenuto di riabilitarsi”.
 
Dibattito:

Maria Flavia Timperi (Pd): “la convenzione è stata già rinnovata a marzo 2019 e vi sono contenute parte delle richieste espresse nella mozione. Personalmente ho qualche perplessità perché penso che il lavoro debba essere sempre retribuito, quindi mi asterrò”.

Assessore alle Politiche Sociali, Cristina Croce: “il protocollo è stato riattivato dal Comune un mese fa. Attualmente, nell’ambito del verde pubblico, viene impiegato un detenuto che ha sostenuto apposito corso di formazione”.

Sindaco, Giuseppe Germani: “il lavoro va remunerato giustamente. Il protocollo è stato messo in piedi con l’Istituto a custodia attenuata di Orvieto dove il reinserimento delle persone che vi si trovano è la condizione essenziale per il loro pieno reinserimento sociale. La mozione ha tardato ad essere discussa essendo cambiate, nel frattempo anche alcune norme”.

Claudio Di Bartolomeo (Psi): “sono d’accordo sulla mozione. Queste persone hanno bisogno di formazione che va fatta dall’Istituto e dagli enti preposti per quelle mansioni alle quali sono chiamate. Giusto anche che ci sia una remunerazione simbolica”. 
 
Andrea Sacripanti (Gm): “bene che l’Amministrazione si sia mossa ed è giusto che lo abbia fatto intravedendo gli aspetti positivi della proposta. Per andare nella direzione della formazione, nella mozione si parla di andare oltre il ruolo del Comune aprendo il ruolo delle associazioni di categoria private. La mozione quindi può essere ulteriormente rafforzata dall’Amministrazione che verrà dopo la scadenza elettorale”.  

Fonte: Ufficio Stampa Comune di Orvieto

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 aprile

"Donne di potere tra il Medioevo e l'Età Moderna". Cresce l'attesa per il convegno

"Colore, Suono, Fiaba", un laboratorio per dipingere con l'emozione

"Un luogo in un secolo. Storia, immagini, identità. Bolsena e il suo Lago nel Novecento"

La Zambelli Orvieto combatte ma è superata dalla forte San Giovanni in Marignano

"Mosaico Verde", un progetto per l'ambiente

Il Tredici Gradi Slow Bar ospita "Il Signore dei Sussuri"

Studenti a lezione dal campione di ciclismo Luca Panichi

La Chiesa Cattolica Ortodossa Ecumenica denuncia il vescovo

"Chocomoments" addolcisce il lungo Ponte del Primo Maggio

L'Ecomuseo del Paesaggio degli Etruschi aderisce alla Festa dei Boschi

Il parroco condanna i volantini affissi con il silicone sulla Chiesa di Sferracavallo

Primo Maggio, il programma della giornata

"Oltre le avversità, la volontà e la forza delle produttrici umbre del vino e dell'olio per il rinnovamento nel solco della tradizione"

La Zambelli Orvieto è pronta a rifarsi, il ds Iannuzzi chiama a raccolta i tifosi

Folta partecipazione a "La scuola ricorda… il 25 aprile e il 1° maggio"

Geotermia, lettera aperta di Nogesi alla presidente Marini e all'assessore Cecchini

"NarrAzioni", tre serate di musica e spettacoli per la terza edizione

Villa Rosa a "San Pellegrino in Fiore". "Non tutto ciò che è rotto è in realtà da buttare"

Vaccini, inadempienze nelle scuole. Barberini: "Rappresenteremo il problema al Governo, ma convinti dell'obbligatorietà"

Anche una rappresentana orvietana alla quinta edizione di "Maremma d'aMare"

Sicurezza sul lavoro. Inas, Patronato della Cisl, punta i riflettori sulle morti bianche

Piccole e medie imprese, pubblicato il bando regionale per contributi sugli investimenti

Ex Ospedale. De Vincenzi (Misto-Umbria Next): "Rischio di speculazione edilizia. La giunta regionale conferma il via libera"

"Modificare l'accordo per realizzare il Palazzo della Salute"

Contratto di Fiume interregionale per il Paglia. Vertice ad Orvieto di Umbria, Lazio e Toscana

L'Amministrazione presenta alla Conferenza Capigruppo il Progetto Culturale e Piano Eventi 2018

Riapre la pizzeria all'aperto del Ristorante "Al San Francesco"

Quella porta

Gli ebook sbarcano nel Sistema bibliotecario Lago di Bolsena

Furto sacrilego alla reliquia di San Teodoro Martire, comprotettore di Monteleone

Verso la fine dei vari campionati. Azzurra ancora in semifinale, verdetti in arrivo per le squadre orvietane

Tassare Internet sarebbe demenziale, piuttosto si riduca l’Iva al 10%

“Cantico delle creature”. Dall’1 al 10 maggio personale di pittura di Don Ruggero Iorio

Acquapendente. Cava di basalto delle Greppe. Precisazioni del C.I.S.A.

Alcune considerazioni di Roberto Antonini, fotografo naturalista

Ottimi cervelli dell'Orvietano. Da Montegabbione Fabio Roncella insegue il sole per la Pirelli

1° Memorial nazionale di atletica leggera "Luca Coscioni". Orvieto ricorda il suo "maratoneta"

Per Luca, con Luca. Il messaggio di Maria Antonietta Farina Coscioni

Ddl Lavoro, Cgil mobilitata anche in Umbria. Lavoratori in piazza a Perugia e Terni

Brignano raddoppia al Mancinelli. Recita straordinaria anche domenica 30 maggio

Azione Giovani Orvieto e Giovani della Sinistra Orvietana scendono in campo... un goal per Orvieto contro il Cancro

Dimissioni e manomissioni

Ancora sulla Musica. Il diritto al riposo e il diritto di esprimersi

Tessile. Nasce il polo produttivo IF Fashon. Ma la Grinta resta fuori

Auto impatta sul guard-rail lungo la Strada della Stazione. Illeso il conducente

Catiuscia Marini presenta la nuova Giunta Regionale

Controlli straordinari del Commissariato sul territorio. Decine di persone identificate e un fermato per guida in stato di ebbrezza

Il neo assessore Rossi: giusto assicurare adeguata rappresentanza a Terni nella Gointa regionale

L'amministrazione di Porano sul Bilancio. A breve l'approvazione del Consuntivo 2009