politica

"Se il ricordo è 'smemorato', noi ricordiamo tutto!"

sabato 9 febbraio 2019
"Se il ricordo è 'smemorato', noi ricordiamo tutto!"

Le associazioni Artemide, Centro di Documentazione Popolare, Aned, Val di Paglia Bene Comune con il patrocinio del Comune di Orvieto, invitano a visitare la mostra fotografica e documentaria "Testa per dente. Crimini fascisti in Jugoslavia 1941 / 1945”.  La mostra sarà visitabile da lunedì 11 a sabato 16 febbraio, presso il chiostro della Biblioteca Comunale "L. Fumi" in Piazza Ippolito Scalza n. 1, anche con l’ausilio degli operatori delle associazioni proponenti. Orari: 10:00 / 13:00 – 15:00 / 18:00

Si tratta della prima di una serie di iniziative, promosse in Umbria da una serie di realtà associative e di base, per l’approfondimento storico e culturale sulle vicende che interessarono il confine orientale d’Italia e le atrocità commesse dalle truppe nazi-fasciste durante l’occupazione dei territori della ex Jugoslavia.

La Legge 92/2004 istitutiva del “Giorno del ricordo”, fin dalla sua genesi parlamentare e successivamente nei suoi articoli, si proponeva - citiamo testualmente – di “ (…) conservare e rinnovare la memoria, della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra (…) ma anche “(…) della più complessa vicenda del confine orientale (…).

Si tende infatti a dimenticare che a Trieste, nella Venezia Giulia e nei territori confinanti, la storia non comincia il  1° Maggio 1945, giorno della Liberazione della città per mano Partigiana. Nel 1920, ad esempio, Mussolini nel suo discorso al teatro di Pola affermava: (…) per realizzare il sogno mediterraneo bisogna che l’Adriatico, che è un nostro golfo, sia in mani nostre; di fronte ad una razza come la slava, inferiore e barbara, io credo che si possano sacrificare 500.000 slavi barbari a 50.000 italiani (…). 

Fin dai primi anni ’20 gli squadristi ebbero quindi mano libera e solidi appoggi economici per le loro infami incursioni; nel ’22 iniziò poi la campagna di italianizzazione vera e propria: divieto di parlare in sloveno, chiusura di scuole “non italianizzate”, devastazioni di sedi associative, modifiche alla toponomastica e anche ai nomi e cognomi delle persone. 

Furono la violenza fascista e l’annullamento dell’autonomia culturale e linguistica delle popolazioni slave, ad esasperare inevitabilmente i sentimenti di inimicizia nei confronti dell’Italia. Con l’occupazione nazi-fascista di Dalmazia, Slovenia e Croazia nel 1941 vennero attuati stupri, massacri, bombardamenti e deportazioni di massa, specialmente a danno delle minoranze.

Gli italiani, tutt'altro che “brava gente”, contribuirono attivamente con la creazione dei campi di concentramento/sterminio o di luoghi di internamento, anche in Umbria: secondo dati accertati, gli sloveni e i croati deportati dalla primavera del 1942 al 8 settembre 1943 furono non meno di 25.000. Tra i più terribili quello sull’isola di Arbe (ex provincia di Fiume, oggi Croazia): su circa 7500 internati i morti furono almeno 1435, tra cui oltre 100 bambini di età inferiore ai 10 anni; il tasso medio di mortalità superava quello del campo di concentramento di Buchenwald. 

Alla fine della guerra la Jugoslavia conterà circa 1 milione di vittime di cui 300.000 direttamente attribuibili alle truppe d’occupazione italiane. Dopo l’8 settembre ’43 e fino al ’45, con le sorti della guerra rovesciate, le popolazioni slave e l’esercito popolare della nascente Jugoslavia intensificarono la lotta contro i simboli della dittatura, gerarchi fascisti e camicie nere, anche con una serie di “infoibamenti”, il cui numero aumenta di anno in anno soltanto nella propaganda della destra e dei neofascisti, salvo però trovare difficilmente riscontri documentabili.

Pensiamo che nel prendere in considerazione oggi la questione delle foibe non si possa non tener conto del contesto che fu: non per negarle o per ridurne l’importanza, ma per contestualizzarle. La storia non si cancella e ogni altro uso della stessa che non abbia riscontri tangibili, nella migliore delle ipotesi appartiene al peggior revisionismo. E’ importante ricordare, magari senza retorica e onestà vorrebbe ricordare tutto!

Prossimo evento. Orvieto, 21 Febbraio 2019. Claudia Cernigoi presenterà il suo ultimo libro: “Operazione Plutone. Le inchieste sulle foibe triestine”.  Maggiori informazioni: orvieto.cdp@gmail.com

Fonte: Associazione "Centro di Documentazione Popolare" - Orvieto (TR) - Via Magalotti, 20 - 05018
https://www.facebook.com/centrodidocumentazionepopolarediorvieto/

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 febbraio

Le Velette e Il Botto, nuova escursione ed assemblea dei soci per il CAI di Orvieto

Italia Nostra solleva il caso sul rifacimento delle facciate in piazza Duomo

Nella Cripta del Santo Sepolcro. Dall'articolo su "MedioEvo" alle riflessioni in biblioteca

"Scoperte di Gusto", il calendario della seconda edizione

"Incredibili Ars e Arpat, sulla geotermia tirano dritti come nulla fosse"

Rubinetti a secco a Ciconia, sospensione dell'erogazione idrica dalle 22 alle 7

Corso di distillazione delle piante aromatiche ed officinali. Teoria e pratica a Villa Paolina

Collina e sole

L'opposta Elisa Mezzasoma felice per il primo posto della Zambelli Orvieto

Al Teatro Boni Seven Cults porta in scena "Maria Stuarda. Le donne e il potere"

"La Gazza Ladra" di Rossini apre il ciclo di ascolti "Nonsololirica in Sala Eufonica"

Il reparto manutenzioni del Comune si rafforza, in arrivo più mezzi e personale

Karate, 576 atleti in gara a Orvieto. Qualificazioni provinciali del Comitato FIK Viterbo

Nasce il "Circolo Arci Bene Comune Porano". Festa del tesseramento in Via Petrarca

Presentazione bandi regionali per le aziende. Incontro pubblico per micro, piccole e medie imprese

Il Cannara alza la voce, l'Orvietana fuori dalla Coppa

58° Charter Night del Lions Club di Orvieto, nuovi soci e rinnovati impegni

Corteo, la proposta di Ettore della Casa: "Rifare lo Statuto e abolire il collegio dei Decani"

Doppio gioco

A scuola con il tablet. Beneficiano dei vantaggi gli alunni della Primaria e Secondaria di primo grado

Giallo di San Valentino. Indagini non escludono nessuna pista: disposta autopsia sulla 17enne

Sull'Alfina ritorna il sorriso per il Castel Giorgio Volley

Presente e futuro dell'ospedale di Acquapendente a 15 mesi dalla riapertura