politica

Giunte e compensi, Sacripanti (FdI) rincara la dose

venerdì 20 novembre 2015
Giunte e compensi, Sacripanti (FdI) rincara la dose

Dopo aver letto le precisazioni fornite dall'assessore al bilancio Massimo Gnagnarini in merito ai costi della giunta comunale, il capogruppo di FdI-An Andrea Sacripanti sente il dovere di precisare ulteriormente alcuni aspetti.

"Conosco perfettamente - dice - l’articolo 79 del D.Lgs 267/2000 e i principi ispiratori che lo informano. In buona sostanza, trovo sacrosanto che vengano concessi permessi retribuiti a Consiglieri e membri della Giunta, dipendenti pubblici o privati che siano, per la partecipazioni a Consigli, Commissioni e alle adunanze degli organi di cui fanno parte - leggasi sedute di Giunta comunale - così come trovo altrettanto opportuno che vengano concesse 24 h ore mensili di permesso retribuito per lo svolgimento delle attività connesse alla carica istituzionale ricoperta.

In mancanza di tali prerogative, infatti, sarebbe impossibile, per la maggior parte di noi eletti, svolgere il mandato conferitoci dai Cittadini che implica, se vissuto con senso di responsabilità, spirito di servizio e passione, un’attività particolarmente impegnativa che non si esaurisce soltanto nella vetrina offertaci dalle sedute del Consiglio, ma che comporta studio, redazione di atti, come interrogazioni, interpellanze, mozioni, e incontri con i Cittadini che, giustamente, ci segnalano i loro problemi".

"Io stesso - aggiunge - per cercare di svolgere al meglio il mio mandato elettorale, utilizzo in qualità di capogruppo le 24 ore di permesso retribuito di cui all’art. 79, comma 4, del citato decreto, oltre ai permessi legati alla effettiva durata di Consigli e Commissioni, in media 3 al mese, così come legittimamente ed opportunamente fanno gli altri miei colleghi, dipendenti pubblici o privati che siano. Tengo a precisare che, come avviene per i Consigli e le Commissioni consiliari, anche i permessi legati alle riunioni di Giunta, vengono concessi in base all’effettiva durata delle sedute.

Ora, dagli atti che ho richiesto in Comune, emerge un fatto che mi è sembrato alquanto anomalo e di cui ho chiesto spiegazione in Consiglio comunale, senza ricevere alcuna risposta nel merito. Non riesco a comprendere, infatti, come mai nel nostro Comune le Giunte si svolgano ben 2 volte a settimana per una durata media, almeno nella maggior parte dei casi, di 8 ore ciascuna, mentre in molti altri Comuni ben più grandi, e ritengo più complessi, del nostro, la Giunta si riunisca soltanto una volta a settimana e per poche ore.

Si prenda, ad esempio, il caso di Perugia dove la Giunta si riunisce, salvo casi eccezionali ed urgenti, soltanto per tre ore a settimana. Insomma 16 ore nel caso di Orvieto contro 3 ore nel caso di Perugia. Come fa a non suonare strana questa circostanza? Ciò appare ancor più incomprensibile se si considerano l’esiguità degli atti prodotti da questo surplus di lavoro. Come è possibile notare visionando costantemente l’albo pretorio on-line del Comune di Orvieto, la maggior parte delle delibere di Giunta riguardano, infatti, la concessione di patrocini o l’adozione di atti tecnici che, di certo, non vengono redatti nell’ambito delle riunioni in questione, ma preventivamente dal personale addetto".

"Ho chiesto spiegazioni - aggiunge - perché mi sento nel pieno diritto e dovere di farlo, come cittadino e come consigliere comunale, anche perché, come fatto notare anche dall’Assessore Gnagnarini, tutto ciò ha un costo, e non certo di poco conto. Voglio sapere, e non per perseguire altri fini se non quelli della piena trasparenza, se siamo in presenza di un utilizzo corretto delle prerogative citate, oppure siamo di fronte ad un uso anomalo, distorto ed arbitrario delle stesse.

Così come pretendo di sapere cosa fanno i nostri Amministratori nelle 16 ore settimanali in cui si riuniscono e che giustificano, presso i propri datori di lavoro, come “partecipazione alle riunioni di Giunta comunale”. Mi sarà consentito o no, visto che queste assenze dal lavoro rappresentano, in termini di rimborsi ai rispettivi datori di lavoro, una buona fetta dei famosi 97 mila euro? Se è vero, e non ho motivo di dubitarlo, che queste 16 ore vengono tutte utilizzate per l’effettivo svolgimento delle sedute di Giunta, il che vorrebbe dire che i nostri Amministratori stiano in riunioni ininterrotte per ben 2 giorni a settimana e per ben 8 ore consecutive ciascuno, perché non rispondere alle domande poste?".

"Non si può liquidare la questione - conclude - con giustificazioni generiche in dialetto politichese, anche perché se è vero che la Giunta ha tutto il diritto di dotarsi di un proprio metodo di lavoro, è pur sempre vero che questa autonomia organizzativa e funzionale debba muoversi all’interno dei limiti e nella piena osservanza delle leggi in materia. Per certificarne l’effettiva durata, le Commissioni consiliari, alle quali partecipa anche il sottoscritto, vengono registrate e verbalizzate. I Consiglieri, dunque, non possono protrarre la durata delle sedute una volta che siano esauriti gli argomenti da trattare. Perché non si fa altrettanto con le riunioni di Giunta? Nella mia richiesta di accesso agli atti, ho espressamente richiesto i verbali delle riunioni. Perché ancora non mi sono stati forniti?

Credo che questi interrogativi meritino una risposta! E ciò a prescindere dagli altri permessi previsti dalla legge, dei quali, come detto, anch’io fruisco, e dalle indennità corrisposte agli Amministratori che rimangono invariate indipendentemente dal numero e dalla durata delle riunioni. Possiamo, per una volta, non confondere le questioni? Infine, a scanso di equivoci, vorrei far presente che sono perfettamente cosciente del fatto che anche il sottoscritto, quando si assenta dal lavoro per svolgere la propria attività istituzionale, nonostante il Comune nulla debba al mio datore di lavoro, rappresenti comunque un costo in termini di produttività per la mia Amministrazione e quindi per i Cittadini che con le loro tasse mantengono l’apparato pubblico, di cui il mio datore di lavoro fa parte.

E’ anche per questi motivi che, nel pieno rispetto delle leggi esistenti, cerco di svolgere al meglio il mio ruolo di Consigliere comunale, cosa che, per i motivi esposti in precedenza, mi sarebbe impossibile senza l’utilizzo dei permessi, consapevole che saranno gli stessi Cittadini a giudicarmi quando sarà il momento".

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio