politica

La Regione preadotta nuove norme di prevenzione contro i rischi da frana

domenica 7 dicembre 2014
La Regione preadotta nuove norme di prevenzione contro i rischi da frana

rischi da frana: giunta regionale umbria preadotta nuove norme di prevenzione

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore ai lavori pubblici ed alla mitigazione del rischio sismico ed idrogeologico, Stefano Vinti, ha preadottato le nuove norme per la prevenzione e mitigazione del rischio da frana e per gli interventi imposti da eventi imprevedibili o calamitosi.

“La Regione Umbria - ha spiegato Vinti - fin dal dicembre 1978 ebbe la lungimiranza di approvare una legge, la n. 65, assolutamente innovativa per quei tempi, al fine di proteggere il proprio territorio dal rischio di frana con finalità sia preventive che di pronto intervento a valle degli eventi. Attraverso questa legge, di fatto abbiamo esercitato per due decenni la prevenzione e la mitigazione del rischio idrogeologico, finanziando interventi di consolidamento in 42 centri abitati colpiti o minacciati da movimenti franosi, a fronte di un ‘progetto generale di massima’ che doveva prevedere anche la delimitazione e la zonazione dell’area interessata, su cui si applicavano le norme vincolistiche, che limitavano in modo severo le trasformazioni urbanistiche nei territori sottoposti ad interventi di consolidamento”.

“Questa norma però - ha aggiunto l’assessore - con il passare degli anni ed il mutare delle situazioni, è stata in sostanza vanificata dalla legislazione nazionale, sia sul piano della prevenzione, dove agisce il Piano stralcio per l’Assetto Idrogeologico approvato dall’Autorità di Bacino del Fiume Tevere nel novembre 2006, che dell’emergenza, in gran parte affidata ai Piani di Protezione Civile”. È diventato così “indispensabile attualizzare la legge coordinandola con la nuova architettura legislativa nazionale, ovvero disegnare una nuova legge in linea con gli attuali orientamenti, che in ambito regionale dovrà definire e integrare le azioni volte a razionalizzare le attività di prevenzione del rischio da frana”.

Le finalità legate alla prevenzione e mitigazione del rischio da frana che interessano centri abitati e reti infrastrutturali sono così state individuate nella promozione delle conoscenze per la progettazione e realizzazione degli interventi di mitigazione del rischio; nel monitoraggio e alla manutenzione delle opere e delle aree di intervento al fine di mantenere il livello di mitigazione raggiunto e nel finanziamento di interventi imposti da eventi imprevedibili o calamitosi. Gli interventi di mitigazione sono rivolti prioritariamente a situazioni di rischio relativamente a centri e nuclei abitati e ad infrastrutture.

“Inoltre - ha proseguito Vinti - visto che il Piano per l’assetto idrogeologico a scala di bacino classifica le situazioni di dissesto in funzione della gravità del rischio, individuando specifiche aree perimetrate, dove queste si sovrappongono alle aree precedentemente perimetrate ai sensi della legge 65/78, si prevede che le perimetrazioni derivanti dall’applicazione della vecchia legge dovranno essere ridefinite ai sensi della nuova normativa”. Così vengono anche definiti gli strumenti di conoscenza disponibili dai quali deve partire l’attività di approfondimento per la progettazione, nonché l’attività di informazione e diffusione delle conoscenze sul rischio da frana esistente sul territorio regionale volta ad un uso del territorio compatibile con la consapevolezza del rischio.

La Regione Umbria, con gli importanti interventi di mitigazione del rischio da frana realizzati negli scorsi decenni relativamente a situazioni di rischio che interessavano città come Orvieto, Todi, Montone e Massa Martana, ha finanziato negli anni le necessarie attività di monitoraggio e manutenzione delle opere e delle aree di intervento. Per la gestione e la programmazione delle future attività, la proposta di legge prevede la formazione e l’aggiornamento di un Atlante informatizzato degli interventi e degli strumenti di monitoraggio.

Un approccio innovativo è previsto anche per quanto riguarda il finanziamento di indagini su frane che espongono a rischio centri o nuclei abitati e reti infrastrutturali, sia per superare le difficoltà derivanti dai tempi necessari alle indagini in relazione a quelli concessi per la progettazione di interventi di consolidamento, sia per individuare, qualora non ricorrano le condizioni tecniche ed economiche per interventi strutturali, le misure di salvaguardia. Nelle aree classificate a più alto rischio da frana, vengono finanziati e realizzati interventi con Piani nazionali di Bacino o di Distretto.
“Con questa legge – ha affermato Vinti - ci si propone però anche di intervenire in situazioni che non hanno complessità e dimensione tali da essere classificate, ma che hanno comunque una ricaduta particolarmente gravosa sul territorio, ad esempio infrastrutture interrotte per frana. Situazioni che, per loro natura, possono trovare sistemazione con un unico intervento risolutivo”.

“Qualora non ricorrano le condizioni tecniche ed economiche per procedere ad interventi strutturali per la mitigazione del rischio da frana – ha detto l’assessore - possono essere adottati sistemi di allerta e di allarme, finalizzati a garantire la permanenza in sicurezza negli abitati e il transito su infrastrutture esposte a rischio da frana, e può essere promossa la delocalizzazione degli abitati, delle infrastrutture o di loro parti”. “Anche alla luce dei recenti eventi di dissesto idrogeologico che hanno interessato il territorio nazionale - ha concluso l’assessore Vinti - il monitoraggio delle opere di mitigazione del rischio da frana e delle aree di intervento risultano imprescindibili per verificare e mantenere nel tempo il livello di mitigazione del rischio conseguito in seguito agli interventi strutturali e pertanto si prevede il finanziamento di azioni di monitoraggio e manutenzione. Stante la straordinarietà e l’urgenza degli interventi per la salvaguardia della pubblica incolumità abbiamo previsto la costituzione di un ‘Fondo per il finanziamento di interventi imposti da eventi imprevedibili o calamitosi’ e finanziamenti per azioni di prevenzione e mitigazione del rischio da frana e per gli interventi imposti da eventi imprevedibili o calamitosi”.

Fonte: Regione Umbria

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 febbraio

Serena Autieri, doppia principessa del popolo. Al Lyrick, "Diana & Lady D"

Interventi antisismici sui beni culturali. Oltre 2 milioni di euro a Orvieto, più di 18 nella Tuscia

Concorso fotografico "Quel filo sottile…che ci unisce"

Pd Orvieto: "Apprezzamento e soddisfazione per il finaziamento del Mibact"

"No alla geotermia, difendiamo il nostro territorio"

Arriva il ticket online per Civita, la presentazione nello spazio Lazio Innova

Confcommercio: "Occorrono un metodo rigoroso e risorse certe per rilanciare il turismo"

"Monastero Invisibile", una rete di preghiera diocesana per tutte le vocazioni

Cafè Loti in "concerto al buio" al Teatro Boni per "M'illumino di meno"

Gianna Paola Scaffidi e Rosario Galli al Teatro Boni sono "Prigionieri al 7° piano"

"Oltre i confini della pena". Quando il lavoro cambia i destini delle persone

Il Museo Geologico e delle Frane guida le scuole della Teverina alla scoperta del territorio

La Confraternita di San Martino raccontata da Colombo Bastianelli

Museo vulcanologico e illuminazione pubblica spenta un'ora per "M'illumino di meno"

Dal Gal ternano fondi per la Chiesa di San Giovanni Battista e strutture adiacenti

Nella Chiesa di San Giovenale l'ultimo saluto a Marcella Rotili

Sarà l'Unione dei Comuni a gestire le funzioni in carico alla Provincia

Presentata alla Camera dei Deputati la mostra che porta Campo della Fiera in Lussemburgo

Testamento Biologico, registro delle dichiarazioni in Comune

Festival dello Street Food, non c'è l'accordo per l'edizione 2018

Aperte le iscrizioni al Corso di percezione visiva per appassionati di fotografia

Verini (Pd): "Un intervento di grande rilievo"

Comune e Opera del Duomo: "Riconoscimento importante per la tutela della città"

Piazza del Popolo senza auto dal 24 marzo. Orvieto per Tutti: "L'agorà è altrove"

Orvieto FC, sfida contro il Clt per aprire la seconda parte del Campionato

Al Palazzo dei Sette "Riformare la politica in Umbria, in Italia, in Europa"

Spazi pubblici ad associazioni private? Olimpieri (IeT) presenta un'interpellanza

"La traduzione plastica dell'anima". Si presenta il libro dedicato all'arte di Antonio Ranocchia

Brillano stelle tifernati al Premio per la Danza "Città di Orvieto"

La Zambelli Orvieto continua a stupire ed espugna Chieri

Alla Bottega Michelangeli, il FAI Giovani apre "I luoghi di Orvieto che devi proprio scoprire"

Sole e itudine

La Vetrya Orvieto non trova le contromisure, la Favl straripa

"Analytiques and Reflections upon Orvieto". La Kansas State University in Italy alla Bottega Chioccia Tsarkova

"Quando i soldi ci sono, e tanti, ma i risultati lasciano a desiderare...."

“Economia e politica in dialogo”, nell’incontro di Nova Civitas

Edilizia residenziale pubblica, revocata la sospensione delle assegnazioni nei Comuni fuori dal "cratere" sisma

Sanità, avviata la partecipazione sul regolamento per accreditamento strutture sanitarie e socio sanitarie

Triplicate le presenze ai musei del territorio, boom di visitatori nel 2016

"Erborando" all'Orto Botanico Rambelli. Corso per riconoscere le piante commestibili

Sisma, la Regione attiva tre tavoli per la ricostruzione e lo sviluppo delle zone colpite

"Invito a palazzo da Donna Olimpia". Conferenza-incontro e momento conviviale

Furti, truffe e prostituzione preoccupano gli orvietani: “Aumentate i controlli”

"Umbria Jazz Spring" a Terni. "Così si potenzia l'offerta turistica in Umbria"

Quattro nuovi cantieri. "Le risposte ai cittadini arrivano dai lavori in corso"

"L'arte del narrare. Il significato della fiaba di tradizione popolare"

Arriva Umbria Jazz Spring, a Terni 14-17 aprile

Terremoto, Confindustria propone di estendere la "no tax area" anche ad altre zone umbre

Letteralbar e Comune indicono il premio letterario per racconti e poesie brevi a tema libero

Lavori al Palazzo dei Sette, traffico vietato lungo corso Cavour

Il tennis dà spettacolo. Via al Torneo Open BNL 2017 al Club Opensportvillage

Palloncini bianchi per l'ultimo saluto a Laura. "Solo Dio conosce la verità"

Il Ricordo di Luca Coscioni. Note dopo il VI Congresso dell’Associazione Coscioni, Salerno 15-17 Febbraio

Medaglia d’oro al merito civile a Luca Coscioni. Il Sindaco di Orvieto comunica l’intenzione di avviare l’iter

Le iniziative dell'Umbria alla Bit di Milano

Luca Coscioni. Combattente per la vita. Orvieto

Disabili penalizzati da una cultura poco attenta. Odg in Provincia della Sinistra Arcobaleno per l'attuazione della convenzione ONU

Sabato 23 febbraio nella chiesa della Madonna della Cava Concerto della Scuola di Musica 'Adriano Casasole'

Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni : superata quota 100

Nuovo traguardo per l’Uisp Scherma Orvieto. L’atleta Ceccaroni 3° a Salerno al Trofeo nazionale “Montepaschi Vita”

Un atto di indirizzo del Consiglio per dare maggiore valenza al Giorno del Ricordo e ad altri particolari eventi del Novecento. Lo sollecita il sindaco Mocio rispondendo a un'interpellanza di AN

Approvate in Consiglio l'acquisizione dell'ex Ospedale e la relazione del Sindaco sulla valorizzazione del patrimonio pubblico a Orvieto

Riqualificazione urbana da Piazza Cahen alle aree commerciali di Corso Cavour nel PUC 2008 del Comune di Orvieto

Dalla Protezione Civile oltre un milione e 500 mila euro per interventi di difesa idraulica e ripristino di aree in frana

Sicurezza sul lavoro: se ne parla sabato 23 febbraio con il Sottosegretario alla Salute Gian Paolo Patta in un'iniziativa della Sinistra Arcobaleno

Festival dei Complessi Bandistici Umbri: domenica al Mancinelli secondo appuntamento di Scorribanda. Alle ore 18,00 il Concerto Musicale di Cannara

A Roma fino al 2 marzo gli inquietanti tableaux di Gregory Crewdson. Unica tappa europea del fotografo americano