politica

Il Pd di Ficulle sulla fusione dei comuni del Comprensorio: "al centro il cittadino"

mercoledì 17 aprile 2013

Il Circolo del PD di Ficulle ha deciso di rompere gli indugi e di farsi promotore dell'attivazione di un percorso di consultazione dei cittadini sull'unificazione delle Municipalità dell'Alto Orvietano. Di seguito la nota diffusa in proposito.

"Considerato che ormai non è più rinviabile la costituzione di un unico Comune dalla fusione dei Comuni dell'Alto Orvietano - si afferma nella nota - il Partito Democratico di Ficulle propone al suo gruppo Consiliare la proposizione di un ordine del giorno da approvare in Consiglio Comunale per procedere alla fusione dei Comuni del Comprensorio, con una proposta di legge al Consiglio Regionale e chiedendo la convocazione del referendum consultivo previsto dall'art. 23 dello statuto della Regione Umbria, dopo aver verificato la disponibilità degli altri Comuni confinanti e coordinandosi con loro.
Tenuto conto che, come previsto dal Testo Unico degli Enti Locali all'art.15 e dallo Statuto della Regione Umbria all'art.23, la fusione dei Comuni è deliberata dal Consiglio Regionale, successivamente alla consultazione delle popolazioni interessate e che il referendum consultivo può essere proposto soltanto dalla Presidente sentita la Giunta Regionale o da 1/5 dei Consiglieri Regionali l'unica strada percorribile è che i Consigli Comunali dei Comuni interessati deliberino la volontà di fondersi in un unico Comune e a norma dell'art.3, comma e) della Legge Regionale n.14 del 16/02/2010, propongano al Consiglio Regionale la fusione e chiedano la convocazione del referendum consultivo.

E' ormai arrivato il momento di proporre alle nostre Comunità l'ipotesi di un percorso unitario. Si tratta di un obiettivo e di un'esigenza che nascono non solo sotto la spinta e l'impellenza delle difficoltà economiche e finanziarie in cui versano i Comuni in generale, ma anche e soprattutto da una valutazione oggettiva della possibilità e dell'opportunità di riunificare un territorio che presenta un'omogeneità di fondo in termini geografici, sociali, produttivi e culturali, ed anche e soprattutto storici.
Il percorso che potrà portare al Comune unico passerà comunque, ed inderogabilmente, da una consultazione referendaria di tutti i cittadini dei Comuni interessati.
Nel frattempo, i nostri Comuni non sono stati e non staranno fermi sulle tematiche della razionalizzazione delle spese e del taglio dei costi di gestione degli apparati amministrativi: da diversi anni ormai va avanti la diminuzione della spesa complessiva del personale e quindi anche un suo più razionale utilizzo, visto che nel frattempo non sono stati tagliati, ma semmai rafforzati i servizi alla cittadinanza.
In attesa della conclusione dell'iter di fusione deve essere da subito costituita l'Unione dei Comuni, soggetto istituzionale a cui ormai devono delegare e delegheranno le politiche e le scelte più importanti di carattere comprensoriale. Questa scelta consentirà anche in futuro, come già accaduto finora, di utilizzare fondi e risorse provinciali e regionali che altrimenti sarebbero stati dirottate altrove, in maniera particolare per quanto riguarda la tutela dell'assetto idrogeologico del territorio.
E' chiaro che in questo processo al centro dovrà esserci il cittadino e per questo nel progetto di fusione si dovrà garantire la delocalizzazione dei servizi in modo che il cittadino non dovrà subire problemi e disagi, in particolare la fascia di popolazione più anziana.
Tutto questo per ribadire quanto già fatto e quanto si potrà fare nella direzione di un migliore funzionamento delle istituzioni locali che rimangono comunque, in una situazione di estrema difficoltà per i cittadini e per le imprese e nonostante i tagli continui delle risorse a loro disposizione, un punto di riferimento insostituibile anche se sicuramente migliorabile nel suo assetto e nella sua organizzazione".

Pubblicato da Paolo A il 26 giugno 2013 alle ore 22:25
Io vivo nel comune di Parrano dal 2000 e pur non essendo Parranese di origine (come sapete questo dato vale molto nei paesi) vorrei esprimere il mio pieno appoggio all'iniziativa di unire i 5 comuni.
Vorrei sottolineare i problemi, che a volte diventano veri e propri disservizi, che comuni troppo piccoli comportano: la mancanza di presenze stabili negli uffici per le varie pratiche o per dei riferimenti certi a cui rivolgersi, la presenza di scuole troppo piccole che penalizzano gli alunni (pluriclassi, classi troppo piccole che non garantiscono una reale socializzazione e uno scambio fruttuoso con altri pari - è vero che le persone anziane del paese vedono la presenza della scuola come un punto di allegria e di vita, ma non a scapito dei bambini).
Ultimamente (Parrano era uno dei due comuni della provincia destinati a soccombere) mi sono chiesto sempre più spesso perché non ci siano iniziative concreti verso l'unione dei comuni, con un polo centralizzato, efficiente, con tutti i servizi a cui il cittadino possa rivolgersi con una maggiore probabilità di avere delle risposte entro tempi umani e di trovare un funzionario in orario d'ufficio.
Parlando con i locali (ma ne era già consapevole) mi è stato detto che ci sono restistenza da parte di qualche comune o meglio da parte del personale che dovrebbe modificare le proprie abitudini di lavoro (spostarsi tra i vari comuni per esempio - ma i pendolari verso Roma?); non credo che si ponga il problema di soppressione di posti di lavoro dato il limitato numero di dipendenti, in ogni caso si potranno prevedere delle soluzioni adeguate (siamo pur in Umbria!!).
Oggi facendo una ricerca sul web o trovato un link che rimandava a una discussione del PD del 2009 (elezioni locali??) e poi questo più recente. Dunque io spero che alle parole seguano i fatti e che venga indetto un referendum per arrivare all'unione dei 5 comuni. Ricordo che in Emilia 3 comuni (non ricordo i nomi) ben più popolosi dei nostri hanno concordato l'unione con un forte appoggio popolare. Penso che si tratti di superare il localismo e il campanilismo (di questi tempo non porta a niente) in modo da convincere la popolazione dei vantaggi che l'unione potrebbe portare per le azioni concordate di un'area più vasta, la maggiore forza contrattuale nei confronti di provincia (se sopravvive) e regione. Più persone, con una visione più globale dell'Alto-orvietano potrebbero mettere in piedi iniziative non mirate al singolo comune (con una dispersione di forze che indebolisce) in campo economico, turistico, sociale, assistenziale, ecc.
Vorrei ricordare che già per molte operazioni e servizi la popolazione si reca a Fabro scalo (market, Stazione, Autostrada, consorzi agricoli, ferramenta, poliambulatorio - è in previsione la costituzione del sistema sanitario aperto 24 ore!, ecc.) dunque anche un polo scolastico e un polo comunale consolidati potrebbero risultare più adatti ed efficienti, salvaguardando eventualmente dei servizi periferici nei paesi e frazioni (con dei camper?? - ufficio mobile, farmacia mobile) per la popolazione con maggiori difficoltà di spostamento (ma ricordo che comunque anche un anziano in molti casi si deve già spostare per molti servizi ad Orvieto, la Pieve o Perugia).




Pubblicato da piero il 16 gennaio 2014 alle ore 16:17
non è mai troppo tardi........per uscire allo scoperto.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 aprile

Allarme sicurezza, sale in ospedale per una visita e le rubano l'auto

#OrvietoSocialTour. Occhi da top Instagramers per raccontare la grande bellezza

Luci basse per l'Earth Day. Al Colle del Duomo, di notte l'arte si racconta

Il nuovo tour dei Brahmanelporto parte dalla Germania

Modifiche temporanee alla circolazione stradale, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Consenso al Pd su sostegno alle frazioni e gestione diretta dei servizi turistici e culturali

Orvieto dice addio ad Enrico Medioli

Festa della Liberazione, le iniziative a Todi per il 25 Aprile

Il Comune di Parrano per la libertà di Gabriele Del Grande

Al via "Il Maggio dei Libri". In Umbria una settantina di iniziative e la presentazione di kit-lettura per bambini

Usl Umbria 2: "Altre cinque strutture hanno superato le verifiche per l'accreditamento"

A scuola di sicurezza, con la Polstrada. Via a un nuovo ciclo di incontri di educazione stradale

In Duomo l'ultimo saluto. Germani: "La città lo ricorderà"

Geotermia. Nogesi: "Assalto alla diligenza con la complicità del postiglione"

Inaugurato il Centro di ricerca e documentazione sulla disabilità

"Aspettando i Pugnaloni 2017", presentazione dei bozzetti al Teatro Boni

Da Bardano al resto dell'Umbria, l'abbassamento delle temperature compromette la produzione agricola

Consap chiede l'istituzione di un presidio di polizia in ospedale

Orvieto4Ever 2017. È "Victory", il tema del concerto-evento con Andrea Bocelli

Pd, macchina organizzativa al lavoro in vista delle primarie

TeMa, lettera aperta di Calcagni al sindaco Germani

Madonna del Fossatello in festa per la 277esima ricorrenza

Buon lavoro al Laboratorio per la Biennale dello Spazio Pubblico

Dramma sulle strade orvietane, muore quarantenne in moto

Escursione guidata alla scoperta delle antiche miniere e fornaci di Vetriolo

Voleva gettarsi dall'Albornoz. Ragazzo orvietano salvato da agente di Polizia

Lotta all'abusivismo. I tassisti orvietani non ci stanno e alzano la voce

Furto nella notte in un'abitazione a Pianlungo. Oro e contanti nel bottino dei malviventi

Servizi migliori a costi più bassi. Avviato dal SII il monitoraggio dei contatori abusivi

Fabro. Dal 23 aprile al 22 maggio "Il Mito di Garibaldi". Mostra storica al Castello di Carnaiola

Svolgimento della "Via Crucis" nel Centro Storico e ad Orvieto Scalo. Indicazioni per la circolazione

La Giunta regionale approva il regolamento per contributi all'attività e all'impiantistica sportiva

Calandrino, Buffalmacco e la giostra del Presidente

Allerona. Mostra fotografica di Ellen Emerson dedicata alla magia dell'albero: 23 aprile - 8 maggio

L'Assessore al Turismo e Commercio Marco Sciarra interviene sulla questione "tassisti abusivi"

Confagricoltura Umbria in prima linea per la sicurezza in agricoltura. A breve l'avvio di nuovi corsi di formazione

Ultime partenze. Si conclude la gestione dei migranti tunisini al centro Caritas di Orvieto

Operazione "Pasqua sicura". Carabinieri in azione, due arresti per tentato furto

Continua la Conferenza programmatica del PD Orvieto. Prossime tappe centrate sull'ascolto dei cittadini

E' ancora possibile studiare e lavorare in democrazia?

Premiate le migliori pizze di Pasqua dell'Orvietano al Palazzo del Gusto

Il PdCI Orvieto su una battuta "infelice" di Fabio Fazio: "Il PdCI e Rifondazione comunista esistono ma Fazio non lo sa perché guarda troppa tv"

"Il Mosaico Risorto. Inediti di Cesare Nebbia tra restauro e valorizzazione". Spazio espositivo a Palazzo Coelli fino al 23 maggio

"Le vie della tessitura" a Palazzo dei Sette. Mostra di artigianato ed arte tessile

Settimana della Cultura. Il Duomo di Orvieto oggetto di una visita organizzata dal Comune di Castel Viscardo

Cordoglio per la scomparsa del collega Marcello Martinelli

Protezione Civile. Sabato 24 aprile ad Orvieto assemblea regionale del Volontariato

Local on line, la forza dell'informazione dal territorio. Al Festival del Giornalismo in corso a Perugia il punto su ruolo, problemi e prospettive delle news locali

Elogio dell'erba verde

Diserbo a raffica? No grazie!

"Non numeri ma persone". Mostra fotografica alla Chiesa di San Rocco

Verso OrvietoComics #2. Una locandina che farà storia

"Abruzzo un anno dopo" mostra fotografica della Protezione Civile di Orvieto

Avviato l'iter partecipativo per definire il Quadro Strategico di Valorizzazione del centro storico

"Il Ruggito dell'Eccellenza Italiana". Alla Tenuta Vitalonga festa in campagna in compagnia delle rosse di Maranello

Porano apre il progetto "Strade Sicure" nei piccoli Comuni della provincia di Terni. Intervista al presidente ACI Bartolini e al vice sindaco Conticelli

Venerdì a San Venanzo "La foresta incantata", spettacolo teatrale di Solidarietà

L'assessore Sciarra: "La legge 12 non prevede l'esclusiva alla partecipazione delle associazioni di categoria". Intanto il coordinamento dei commercianti convoca un'importante assemblea per il prossimo lunedì

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni