politica

I referenti regionali di PD, PRC e Socialismo 2000 individuano alcune priorità in vista dell'intesa programmatica della coalizione

domenica 21 febbraio 2010

Le delegazioni regionali del Partito Democratico, di Rifondazione Comunista e di Socialismo 2000 hanno individuato alcune priorità da offrire quale contributo per l'intesa programmatica della coalizione. Di seguito il contributo politico, reso noto dai tre referenti regionali Lamberto Bottini, segretario Partito Democratico, Stefano Vinti, segretario PRC, Franco Calistri, coordinatore Socialismo 2000.

1. I prossimi saranno anni decisivi per il governo dell'Umbria, chiamato, da un lato, a fronteggiare gli effetti pesanti della crisi in atto, dall'altro, avviare un processo di innovazione e modernizzazione del sistema economico produttivo regionale, superando nodi irrisolti del passato, conseguenza di un modello di sviluppo eccessivamente legato al ciclo delle costruzioni e caratterizzato da un insieme di piccole imprese manifatturiere, che stenta a sviluppare relazioni sistemiche, con produzioni a basso valore aggiunto, in molti casi in subfornitura, e con basso livello di internazionalizzazione e di investimenti in innovazione e ricerca. Ciò richiederà il deciso avvio di una nuova stagione della programmazione regionale in grado di ridare slancio all'azione riformatrice del governo regionale.

2. Nella prossima legislatura prioritario dovrà essere l'impegno per sostenere l'occupazione, in questa direzione uno dei primi obiettivi del nuovo governo regionale sarà l'avvio delle procedure per la realizzazione di un Piano regionale del Lavoro inteso come vero e proprio programma multisettoriale, che preveda una reimpostazione degli interventi regionali, finalizzandoli alla priorità occupazione. In questo contesto si concorda sulla necessità di procedere all'approvazione della legge regionale per il reddito sociale, prevedendo un'adeguata dotazione finanziaria. All'interno del Piano regionale per il lavoro, dovrà essere prevista l'attivazione di specifici interventi a sostegno dei lavoratori delle imprese in crisi (ad esempio rifinanziamento della legge sulla imprenditorialità giovanile, e specifici interventi volti a sostenere l'attivazione di contratti di solidarietà).

3. In questo contesto di politiche volte al sostegno e sviluppo di nuova e buona occupazione terreno prioritario per le politiche regionali sarà lo sviluppo della green economy e di green jobs, in grado di riassorbire una parte non secondaria della disoccupazione prodotta dalla crisi attuale. Andranno rafforzati gli interventi di manutenzione e riqualificazione idrogeologica del territorio e delle reti idriche, di ristrutturazione e riqualificazione urbana, rivendicando dal governo centrale politiche coerenti e risorse adeguate, nonché politiche abitative sociali, che consentano di ridurre il consumo di territorio e contenere l'ulteriore espansione di attività estrattive, puntando, in particolare, sul recupero degli inerti da demolizione.

4. Per avviare i necessari processi di innovazione e modernizzazione del sistema economico produttivo, un ruolo strategico assumerà l'attivazione di politiche pubbliche che, privilegiando interventi di sistema, siano in grado di attuare un cambiamento del modello di specializzazione e di agganciare i vettori produttivi e di servizi a più alto contenuto di conoscenza. Gli assi attorno a cui organizzare queste nuove politiche non potranno che essere la ricerca e sviluppo, il sostegno all'internazionalizzazione, la formazione, il sostegno ai poli di eccellenza. A tale riguardo strategica sarà una politica industriale a sostegno delle reti di imprese e delle filiere di qualità. Attorno a questi assi andrà ripensata la strumentazione regionale a supporto dello sviluppo (il cosiddetto sistema delle Agenzie), e razionalizzata e portata a sistema la presenza a livello regionale dei numerosi poli di alta formazione, riorganizzando il complessivo sistema scolastico, formativo ed universitario.

5. In materia energetica va affermata una scelta radicale di esclusione e di indisponibilità dell'Umbria ad insediamenti di centrali nucleari, mettendo in campo una politica che incentivi e sostenga la diffusione delle fonti rinnovabili, privilegiando impianti di micro e mini produzione energetica. I beni naturali dai quali dipende la sopravvivenza e la qualità della vita, intesi come diritti, vanno sottratti al mercato. In questa direzione il governo regionale si impegnerà a non procedere ad ulteriori processi di privatizzazione del sistema idrico, accettando la sfida verso la ripubblicizzazione dell'intero servizio idrico. Sempre in materia di salvaguardia ambientale, andranno implementate le politiche per la riduzione della produzione di rifiuti, e incrementata la raccolta differenziata, ponendosi l'obiettivo di andare oltre il 65% previsto dal piano regionale. Solo per la parte non riciclabile, la cui quantità deve essere progressivamente ridotta nel tempo fino ad un riuso e riciclo completo, è ipotizzabile un trattamento in impianti a tecnologie flessibili e a basso impatto ambientale.

6. La sanità regionale che, in questi anni, ha raggiunto significativi risultati in quantità e qualità di prestazioni, salvaguardando il suo carattere universalistico, dovrà mantenere il modello pubblico, escludendo forme di privatizzazione. Andranno implementati strumenti e sedi di controllo che permettano ai cittadini di verificare disfunzioni ed inefficienze. Problemi come, ad esempio, quelli delle liste di attesa potranno essere risolti istituendo liste uniche sia per le prestazioni ordinarie sia per quelle a pagamento. Andranno portati avanti interventi per la deospedalizzazione e l'assistenza domiciliare integrata. Verrà data piena ed immediata attuazione alla legge sulla odontoiatria pubblica. Diritto alla salute vuol dire anche sicurezza, a partire dai luoghi di lavoro, per cui si dovrà attivare una campagna straordinaria contro gli infortuni e le morte bianche, intervenendo anche per via legislativa al fine di riordinare e coordinare le competenze di soggetti diversi.

7. La complessità dei problemi che l'Umbria, al pari di altre realtà regionali, si trova oggi ad affrontare richiederà l'attivazione di politiche comuni da parte di quelle Regioni dell'Italia centrale o mediana, che presentano forti tratti comuni in termini di modello produttivo, sociale e tradizioni culturali. Il governo regionale dell'Umbria si dovrà, pertanto, fare promotore di una politica comune delle Regioni dell'Italia mediana, quale strumento necessario per fare massa critica ed affrontare la sfida regionalista, ma anche per migliorare l'offerta dei servizi sociali e per definire un livello ottimale del sistema delle infrastrutture. E' necessario che le Regioni del centro definiscano politiche comuni e sviluppino una programmazione economica e sociale che vada oltre i propri ambiti territoriali per abbracciare l'intera porzione dell'Italia mediana. In particolare centrale risulterà l'impegno per delineare politiche comuni per quanto riguarda l'offerta dei servizi sociali e la sanità, mettendo in rete le strutture sanitarie ed integrando conoscenze, ricerche e professionalità, e le infrastrutture materiali ed immateriali.

Lamberto Bottini, segretario regionale Partito Democratico
Stefano Vinti
, segretario regionale PRC
Franco Calistri, coordinatore regionale Socialismo 2000

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 giugno

Eliot ha sbagliato mese

Concluso il corso "Istruttore C-Ied Awareness" per gli allievi marescialli del 19esimo corso "Saldezza"

Ferma opposizione della Fondazione Cro alla fusione della banca

"Ludi alla Fortezza", la soddisfazione di Orvieto 1264 per l'edizione zero

Germani: "Amministrazione contraria alla fusione"

Attività antincendi boschivi, approvato il quadro delle esigenze per la convenzione con i vigili del fuoco

Parere tecnico di Praesidium sulla trasformazione della Cro

Luci sulle livree orvietane alla cronoscalata Pieve Santo Stefano

Caso migranti, sospesa l'accoglienza al centro di Tordimonte

Non solo Alfina, l'esito dell'assemblea "No Geotermia" a Ischia di Castro

Ultimi giorni per i giovani che non vogliono essere “fuori tempo”

Emergenza calore, temperature fino a 37°. I consigli utili

Categorie e Sindacati al fianco della Fondazione Cro, il sindaco chiede l'intervento del Governo

Ospedale, il Tar respinge la richiesta di sospensione cautelare

"Nuovi interventi per l’inclusione sociale e la lotta alla povertà. 22,5 milioni ai Comuni"

"Tuscia Film Fest 2017", arriva anche Michele Placido con "7 Minuti"

"La cultura non si mette a(l) bando". Serata di festa, protesta e proposta al Mancinelli

"Arte e Fede", bilancio positivo per la 12esima edizione del festival che accompagna al Corpus Domini

Necropoli del Vallone di San Lorenzo, ad agosto prendono il via gli scavi archeologici

Vetrya Orvieto Basket, quattro ragazzi convocati in rappresentativa regionale

Centro di accoglienza di Tordimonte, Olimpieri (IeT) vuole vederci chiaro

La Notte Romantica ne "I Borghi più belli d'Italia" fa il bis. Le proposte a misura di coppia

Aree danneggiate dal terremoto, operativo anche in Umbria il Fondo da 15 milioni a sostegno delle imprese

Simposio Europeo Enoturismo, a Orvieto l'assemblea dei sindaci dell'Associazione "Città del Vino"

Monteleone d'Orvieto aderisce a "Voler bene all'Italia", la festa dei piccoli Comuni

Siccità, piovono numeri nell'incontro in Regione. "Nessuna emergenza grazie a investimenti e strategia comune"

Il Coro Polifonico "Canto Libero" intona "Note per Ancarano" di Norcia

Pozzo di San Patrizio: l'Axis Mundi

"Governiamo con il 38%? Grazie!" Il PDL Orvieto risponde al centro-sinistra a suon di cifre e nomi

Muore per un malore. Anziano ritrovato in casa dopo giorni

Scoperto dalle Fiamme Gialle imprenditore orvietano non in regola con i versamenti INPS

Il PDCI Orvieto interviene sulle norme che regolano il mondo venatorio. Proposte e commenti

Fase II - Come si studia la politica

Giovedi 23 giugno al via i primi concerti di "Orvieto Musica", festival internazionale di musica da camera

"Un pirata convertito dallo sguardo di Gesù". Un emozionante Pietro Sarubbi a Arte e Fede #6

Radio Orvieto Web ricorda Francesco Satolli. In onda dalla mezzanotte del 21 giugno 4 puntate no stop di JazzCondicio

Grandi eventi a Orvieto. Per Pirkko Peltonen è davvero "la fine del mondo": "Tierra del Fuego: sì, Umbria Jazz Winter: sì, forse, come? Chi lo sa"

Politiche di genere... "metti in una Regione più donne che uomini". Convegno nella biblioteca storica di Monteripido a Perugia

La città verso la festa del Corpus Domini. Disciplina della viabilità durante le manifestazioni

Giovedi 26 giugno al "Festival d'Arte e Fede" il film "Uomini di Dio" di Xavier Beauvois

Venerdi 24 giugno al Teatro Santa Cristina di Porano, assemblea pubblica indetta dal Comune

Pascoli, D'Annunzio e Manzoni, on line impazza il toto-tema. "Notte prima degli esami" tranquilla grazie alla Polizia Postale

La città è donna. Leggendaria dedica una recensione di Maria Vittoria Vittori a "Dodecapoli"

"Fiumi di parole in libertà": l'ex assessora Calcagni commenta duramente le ultime esternazioni del sindaco Concina

'Dal Solstizio all’Equinozio': quattro notti d'estate sotto il cielo a cura della Speleotecnica e di Pegasus. la prima venerdì 22 giugno al parco delle Grotte

'Partecipazione è sviluppo, anche ad Orvieto?'. Venerdì 22 giugno Rifondazione Comunista organizza un incontro sugli scenari politici e economico-sociali della Città

Un dossier su Forza Nuova

Piccolo commercio. Siamo noi razzisti o sono loro fuorilegge ?

Orvieto Musica 2007 presenta il celebre Cassatt String Quartet

Orvieto città (quasi) medievale

Campionato Italiano Basket Femminile Serie B d’Eccellenza. Resi noti i calendari di gara per la Stagione 2007-2008. Gironi e struttura stravolti in una formula simile ai campionati USA

Cave in Umbria. Secondo l'assessore Bottini non sono fondate le preoccupazioni degli operatori del settore: soddisfatto il fabbisogno degli impianti e delle industrie ubicate sul territorio regionale.

Dal 2 luglio i lavori della rotatoria di Sferracavallo. Studiata per limitare il più possibile i disagi la nuova viabilità

Come sarà regolato il traffico nelle varie fasi dei lavori

Appello alla vigilanza democratica dei DS di Baschi e dell’Orvietano in occasione dell'apertura della sede di Forza Nuova. Ma niente manifestazioni provocatorie: piuttosto parliamo di Gramsci

Sabato 23 giugno a Baschi un incontro su Antonio Gramsci

La giunta approva importanti progetti esecutivi. Via libera al Palazzo delle Istituzioni e al consolidamento di Rocca Ripesena

Teatro amatoriale: il Gruppo Teatrale Castel Giorgio presenta la terza edizione della rassegna 'Trateatri'

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni