politica

Alle elezioni del 6 e 7 giugno 2009 differenzia il tuo voto, Noi ci Differenziamo! IdV: nuovi valori nel Comune di Orvieto e in Provincia

giovedì 28 maggio 2009
Alle elezioni del 6 e 7 giugno 2009 differenzia il tuo voto, Noi ci Differenziamo! IdV: nuovi valori nel Comune di Orvieto e in Provincia

Alle elezioni del 6 e 7 giugno 2009

VOTA L'ITALIA DEI VALORI

 

 

 

 

 

 

Candidati Consiglieri al Comune di Orvieto

VENTURI Vieri
SANTONI Serena
BASILI Francesco
BIONDI Iris
BRAVI Stefano
CAIELLO Giada
DORSANEO Salvatore
DELL'ANNA Rossella
FONTANI Giulio
DOMIZIANI Letizia
FRANCIONE Luca
PELLEGRINI Maria Enrica
GALLI Massimo
PROSPERINI Giulia
MANNI Raniero
VALLOSCURO M. Elisabetta
MATTIONI Pier Paolo
PALESE Michele
PARRINI Luca
SANTELLI Giorgio

NUOVI VALORI NEL COMUNE DI ORVIETO

  • Patto etico tra cittadini ed amministratori: trasparenza ed onestà nell'amministrare
  • Controllo della spesa pubblica, creazione del bilancio partecipato
  • I rifiuti come risorsa e nuova fonte di occupazione:
  • raccolta differenziata reale, obbiettivo rifiuti zero, senza ampliamento della discarica
  • Valorizzazione del patrimonio edilizio esistente sia pubblico che privato
  • Incentivazione all'edilizia ecosostenibile
  • Riscoperta e rilancio delle eccellenze e delle tradizioni rurali ed artigiane
  • Miglioramento dell'offerta turistica, culturale, ambientale ed enogastronomica con riqualificata formazione professionale e tecnica
  • Istituzione del Difensore Civico
  • Rifunzionalizzazione del trasporto pubblico
  • Realizzazione di asili nido comunali ed aziendali
  • Sensibilizzazione delle amministrazioni pubbliche e private a tutela dei lavoratori
  • Ripubblicizzazione del servizio idrico

Candidati Consiglieri alla Provincia di Terni

ORVIETO I
SANTONI Serena

ORVIETO II
MATTIONI Pier Paolo

ORVIETO III
SANTELLI Giorgio

BASCHI
PISCINI Giuseppe

CASTEL VISCARDO
NEGRI Stefano

FICULLE
PARRETTI Giuliano

SAN VENANZO
BUCONI Danilo

VOTA

NOI CI DIFFERENZIAMO!

Differenzia il tuo voto il 6 e 7 giugno

L'unico tempo su cui possiamo incidere è il presente.
Il passato è memoria, il futuro è speranza!

Punti programmatici estesi per il Comune di Orvieto

Riaffermiano la necessità di condividere un patto etico che ponga l'obiettivo della trasparenza e della correttezza amministrativa a partire dalla inutilizzabilità di personale che abbia avuto condanne gravi e che presenti condizioni di conflitto di interessi

La casa come diritto
Programma per la realizzazione di un consistente pacchetto (100/200) di alloggi pubblici statali e comunali da cedere in affitto verso tutti, e con una quota per cittadini in difficoltà.

Politica dei rifiuti
I rifiuti sono risorsa, materia da recuperare e riutilizzare. La chiave è che tutti devono capire che c'è una convenienza: i cittadini perché se non li producono e condividono la raccolta differenziata risparmiano, le aziende perché ottengono un guadagno dalla cessione dei loro scarti, l'ambiente e il pianeta perché non si consumano le risorse naturali.

Raccolta porta a porta
La raccolta differenziata porta a porta è il sistema migliore per recuperare e riciclare i materiali. Vogliamo raggiungere e superare le quantità stabilite dal Piano Regionale verso la riduzione totale dei rifiuti.

Discarica
Recuperare materia prima dai rifiuti determina la scomparsa dei rifiuti e rende inutile l'ampliamento della discarica. Occorre poi avere la massima chiarezza su quello che viene conferito: siamo contrari al conferimento di rifiuti provenienti da fuori regione e di rifiuti speciali e pericolosi come le ceneri. E di quei rifiuti conferiti da Comuni che non rispettano i parametri del Piano Regionale.

Ambiente e risorse
Fermo restando il perseguimento dell'obiettivo del contenimento dell'uso del suolo è necessario procedere ad una analisi scientifica e classificazione puntuale dello stato e delle condizioni dell'ambiente, a partire dalla risorsa idrica e dalla situazione delle acque superficiali e sotterranee, dello stato del suolo e del sottosuolo, dell'aria che respiriamo, della vegetazione.
Sarà posta la massima attenzione al rispetto del principio costituzionale inascoltato della tutela del paesaggio come bene comune, procedendo alla definizione di uno statuto del paesaggio sulla base degli indirizzi e dei principi della Convenzione Europea del Paesaggio.

Bilancio
Il federalismo fiscale impone una politica di austerità e grande cura nella gestione del denaro pubblico perché è la comunità che paga. La spesa comunale si è vista crescere in modo eccessivo senza peraltro una percezione degli effetti.
Attivazione del procedimento del Bilancio Partecipativo, per la maggiore partecipazione e consapevolezza del cittadino sulle scelte dell'Amministrazione.
Non è ammissibile l'alienazione del patrimonio immobiliare pubblico per la copertura di spese e pareggi.

Macchina comunale
Formazione, qualificazione e responsabilizzazione del personale, riconoscimento del merito.
Valutazione della efficienza e applicazione di eventuali correttivi per la funzionalizzazione e il miglioramento delle prestazioni nell'interesse del cittadino. Riduzione del peso della burocrazia, snellimento delle procedure.

Grandi contenitori dismessi
Al Comune spetta di stabilire indirizzi e programmi certi per la migliore utilizzazione delle sue proprietà, che non possono essere delegati ai privati. Tutela e valorizzazione del patrimonio immobiliare che rappresenta una risorsa strategica e che può essere utilizzato o ceduto solo in presenza di programmi di valorizzazione del patrimonio stesso nell'esclusivo interesse comune.

Mobilità, infrastrutture, trasporti
Ristrutturazione e funzionalizzazione del trasporto pubblico che è sottoutilizzato.
Per l'eventuale casello nord occorre la massima trasparenza per evitare pressioni speculative e ulteriori danni al paesaggio e all'ambiente, come di solito accade in Italia nelle aree intorno ai caselli.
Esercitare ogni pressione per il miglioramento dei collegamenti ferroviarie sulla tratta Roma Firenze.

Collocazione dell'Orvietano
L'Umbria Orvietana deve recuperare le proprie relazioni storiche con l'alta Tuscia e la bassa Toscana, nel quadro di una politica di tutela e conservazione dei forti caratteri paesaggistici e ambientali che non possono essere ridotti, ma rafforzando i tratti dell'identità e della tradizione.
Potenziamento del ruolo del Comprensorio e del processo di aggregazione dei servizi e dei Comuni.

Comunicazione, trasparenza, servizi
Realizzazione di una Spazio per la comunicazione al cittadino, ove siano possibili occasioni di comunicazione permanente o straordinaria, anche in forma assembleare, e per esposizione dei progetti di iniziativa pubblica, per sollecitare contributi e osservazioni, o di iniziativa privata, ove richiesto.
Programmi destinati alle scuole e ai giovani. Istituzione del Difensore Civico.

Innovazione
Attenzione e utilizzo al meglio delle risorse comunitarie, anche con assistenza di sportello al cittadino. Formazione e sostegno a progetti di rete alla varia scala. Gestione ottimale dei beni pubblici (casa, capitale naturale, ambiente, patrimonio) a partire dalla ripubblicizzazione dell'acqua.
Riduzione delle Agenzie e di attività di gestione della cosa pubblica da parte del privato, rafforzamento della capacità di coordinamento e consorziamento tra Enti senza prevedere costi aggiuntivi.

Committente responsabile ai sensi della L.515/93 Valeriano Venturi

Commenti

In questo articolo i commenti sono chiusi.