politica

Il PD presenta a Orvieto le candidature alla Provincia: per un ente strategico, candidati di provata esperienza

mercoledì 20 maggio 2009
di laura
Il PD presenta a Orvieto le candidature alla Provincia: per un ente strategico, candidati di provata esperienza

Ci tiene, il Partito Democratico, a presentare con un certo orgoglio i candidati di Orvieto e dell'Orvietano alla Provincia di Terni, sia per il valore strategico che politicamente ha l'ente Provincia, sia perché, mentre il risultato elettorale nei Comuni, basato sulle alleanze con altre forze politiche o della società civile, non permetterà una lettura dello stato di salute del PD, il risultato provinciale, dove la maggior parte dei partiti corre in modo autonomo, sarà particolarmente importante e significativo. E infine per sottolineare simbolicamente - come ha precisato il segretario della Federazione provinciale PD Roberto Montagnoli nella conferenza stampa che si è tenuta ieri al Bar Centrale - il ruolo centrale che Orvieto dovrà avere nelle scelte e nelle attività della Provincia di Terni.

Innovazione, lavoro, formazione, ambiente, sostenibilità, infrastrutture viarie e strutture scolastiche, turismo, messa a rete del patrimonio culturale e dei servizi strategici sono i temi principali su cui la Provincia è chiamata a programmare e organizzare; ed è di questo, ognuno secondo le proprie competenze, che i candidati dei vari collegi dell'Orvietano si dovranno occupare, con la responsabilità di un occhio particolare per la ricaduta dei risultati concreti di queste tematiche nei nostri territori.

Presenti, alla conferenza stampa, anche la candidata sindaco del PD, Loriana Stella, che della Provincia di Terni è la vice presidente uscente, e sei dei sette candidati territoriali: Stefano Mocio, sindaco uscente di Orvieto, Liliana Grasso, responsabile della Segreteria regionale PD, e Donato Catamo, della segreteria PD di Orvieto, per i collegi di Orvieto; Giorgio Posti, consigliere comunale e provinciale uscente, ex sindaco di San Venanzo e ultimo presidente della Comunità Montana Monte Peglia prima della riorganizzazione dell'ente per il Collegio di San Venanzo, Monteleone, Montegabbione; Daniele Longaroni, vice sindaco uscente di Castel Viscardo, per il collegio di Castel Viscardo, Allerona, Castel Giorgio; Stefano Garillo, vice sindaco uscente di Fabro, per il collegio di Ficulle, Fabro, Parrano; Giampiero Lattanzi infine, che non era alla conferenza, è il candidato dell'Amerino.

"Tutte persone di provata esperienza istituzionale o nei quadri politici del partito - ha spiegato Montagnoli, che è stato egli stesso consigliere provinciale e capogruppo del PD in quest'ultima consiliatura - perché la Provincia è una chiave di volta delicata e quanto mai strategica nel sistema delle politiche territoriali. Questi nostri candidati sono tutti di grande esperienza, tutti hanno nel loro DNA una convinzione netta nello scommettere sulle loro candidature in vista del radicamento del PD e del rinnovamento che il PD può operare nella politica".

I candidati hanno sottolineato la loro disponibilità all'impegno per il territorio orvietano nell'ambito di alcune filiere d'eccellenza - ambientali, artigianali, artistiche, enogastronomiche e tecnologiche - che suscitano ammirazione in gran parte del mondo e che devono scommettere in modo più efficace e moderno in vista della crescita dello sviluppo, puntando sull'innovazione e sulla formazione continua, sulle infrastrutture e sulle politiche di area vasta con i territori limitrofi di Lazio e Toscana, su nuove opportunità di istruzione e formazione per i giovani in vista della loro immissione nel mondo del lavoro. Campi questi ultimi - le politiche attive per il lavoro e la formazione - in cui la Provincia di Terni si è particolarmente distinta, ottenendo addirittura il plauso del Ministro Brunetta: al secondo posto in Italia, a quanto rilevato dal minitoraggio del Ministero del Lavoro, per l'efficienza dei centri per l'impiego di Terni e Orvieto.

E a proposito di politiche formative ed educative, Donato Catamo, ex preside dell'Istituto d'Arte di Orvieto, ha sottolineato la sua intenzione di volersi impegnare per l'istituzione a Orvieto di un Liceo Musicale e dell'ISIA (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche ), che potrebbe dare un forte contributo per la formazione di nuove professionalità nel mondo delle arti grafiche, dell'artigianato e della nuova filiera industriale ecocompatibile. Per quest'ultimo, il Centro studi Città di Orvieto ha già fatto un protocollo d'intesa con l'ISIA di Roma, destinato a portare un distaccamento dell'Istituto a Orvieto appena se ne creeranno le condizioni numeriche. Si tratterebbe di una scuola di specializzazione, dopo gli studi secondari superiori, in grado di dare un titolo equivalente ad una laurea, ma in un contesto che non è compreso nelle rigide norme dei decreti Mussi, che impegnano i Comuni a garantire i corsi universitari per almeno dieci anni e a pagarne i costi, sia per le strutture che per le docenze.

Liliana Grasso ha invece sottolineato come si stia rendendo conto, in questa campagna elettorale, che non è tanto importante parlare, quanto ascoltare i giudizi, le speranze e i bisogni che cittadini e cittadine esprimono. "Non è molto rilevante - ha tra l'altro sottolineato - la presenza femminile nelle liste della Provincia. Penso di potermi occupare in particolare, se sarò eletta, delle problematiche legate alla presenza femminile nel mondo del lavoro e più in generale nella società e, nello specifico, del tema della violenza sulle donne. Ma ovviamente non di questo soltanto".

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 dicembre

Auguri in versi di Buone Feste dall'Unitre Orvieto

La sabbia, amore mio

I cigni

Noi ci svegliammo piangendo

Tra democrazia e demagogia

Zambelli Orvieto sensazionale, batte Ravenna ed è prima

L'Orvietana vince col Clitunno e mantiene il passo

Lucio Dragoni è il nuovo allenatore giallorosso. "Uomo di calcio e Maestro di calcio"

Con le corde, dentro il Pozzo della Cava, per il nuovo presepe-evento: "I Quaranta Giorni"

Sisma, firmata la convenzione Regione-Comuni. Si avvia l'Ufficio speciale per la ricostruzione

Ammissione ai collegi del mondo unito, riaperto il bando selezioneper gli studenti dei Comuni colpiti dal sisma

Castello di Alviano aperto per le feste. Visite al maniero e ai musei che ospita

Uisp Orvieto Medio Tevere, elogio ai giovani ambasciatori dello sport orvietano

L'Avis dona fondi per acquistare uno scuolabus per i bambini di Preci

A Perugia incontro pubblico su fare libri e lettori

Cespuglio di more

Verso le elezioni, due candidati per la presidenza. Tre liste per il consiglio provinciale

Ascensori di Via Ripa Medici in manutenzione, navetta sostitutiva fino a venerdì

I Borghi più belli dell'Umbria discutono di temi e progetti di sviluppo turistico

Lo Sportello del Consumatore, riflessioni su presente e futuro del servizio

La TeMa si aggiudica il bando Psr per sviluppo e commercializzazione del turismo

"Capodanno in Famiglia" al Santuario dell'Amore Misericordioso

L'Università della Tuscia è il primo Ateneo statale del Lazio e il settimo del Centro Italia per la qualità della ricerca