politica

Dal progetto Orvieto al… progetto Orvieto

giovedì 26 marzo 2009
di Paolo Borrello

In un periodo come quello attuale in cui si è già avviata, piuttosto anticipatamente, la campagna elettorale in vista del rinnovo del Consiglio Comunale di Orvieto e della scelta del nuovo Sindaco, sia perché il 5 aprile prossimo si terranno le primarie per l'elezione del candidato a Sindaco del Pd sia perché il centro destra ha già individuato il proprio candidato, può risultare utile soffermarsi un momento sull'attività progettuale che ha contraddistinto il Comune di Orvieto a partire dagli inizi degli anni '80. Questo perché le proposte dei diversi candidati dovrebbero essere inserite in un progetto più ampio nel quale si delinei il futuro che si preferisce per la nostra città e gli interventi da privilegiare perché gli obiettivi prefissati siano effettivamente raggiunti.

Sia chiaro che in passato come nel presente e forse anche nel futuro l'elaborazione e l'attuazione di progetti complessivi di sviluppo della città di Orvieto non sono state, non sono e probabilmente non saranno le sole attività caratterizzanti la politica orvietana. In passato come nel presente la gestione e la ricerca del potere è stata una componente essenziale di tale politica finalizzata principalmente all'ottenimento dei necessari consensi elettorali ma non solo. C'era anche in passato e c'è tuttora un vero e proprio sistema di potere in questa città. Del resto ciò è avvenuto e avviene in tutti i territori e in tutti i sistemi politici, siano essi locali o nazionali. Si tratta di verificare se la politica debba o possa ridursi solo alla gestione e alla ricerca del potere e il Progetto complessivo, globale, assuma solamente una funzione del tutto limitata e tendente a mascherare la gestione e la ricerca del potere oppure, alternativamente, il Progetto debba e possa essere componente non esclusiva ma essenziale per lo svolgimento dell'attività politica.

A parte questo necessario "inciso" l'attività progettuale nel Comune di Orvieto ha un inizio (e anche una fine?) ben preciso: il progetto Orvieto.
Che cos' era il progetto Orvieto? Fu il primo progetto di sviluppo approntato dal Comune di Orvieto, e in gran parte realizzato, la cui motivazione iniziale fu la necessità di affrontare i problemi determinati dalle frane della rupe risalenti all'ultimo periodo degli anni '70 ma che, successivamente, non fu costituito dai soli interventi rivolti alla salvaguardia della rupe ma anzi essi diventarono sempre meno importanti e più importanti furono altri interventi, quelli di ristrutturazione e di valorizzazione di gran parte del patrimonio storico-artistico della città, a partire dal Duomo.
In buona sostanza il progetto Orvieto era un progetto di sviluppo di un'intera città (sottolineo di un'intera città perché sebbene riguardasse solo il centro storico gli interventi qui realizzati ebbero un effetto notevolmente positivo anche sulle altre parti del territorio comunale), un progetto complessivo piuttosto originale che diventò realmente un modello da seguire a livello internazionale (di qui l'attenzione che nei suoi confronti manifestarono le istituzioni comunitarie e l'Unesco).

Un altro "inciso": alcuni hanno sostenuto che in realtà il primo progetto di sviluppo del territorio orvietano fu il fantomatico piano di zona che si faceva risalire alla fine degli anni '60 e agli inizi degli anni '70. Falso! Non è mai esistito un documento anche di poche pagine denominato piano di zona né tanto meno sono esistiti interventi, che nel periodo citato, fossero inseriti in un progetto complessivo. Ma il piano di zona più semplicemente fu il tentativo fantasioso di alcuni dirigenti politici del PCI che per non lasciare il merito di aver iniziato ad Orvieto l'attività progettuale del Comune a due intellettuali divenuti successivi amministratori del Comune, entrambi ricoprendo vari incarichi, anche quello di Sindaco, e cioè l'indimenticabile Adriano Casasole e Franco Raimondo Barbabella all'inizio chiamato più semplicemente e brevemente Franco Barbabella e basta (chi riuscisse a scovare un documento denominato "piano di zona" vincerà un bel premio consistente in uno dei diversi appartamenti di proprietà di Marcello Materazzo ritenuto erroneamente l'ideatore di tale piano).

Alcune date importanti per il progetto Orvieto: il primo documento non dell'amministrazione comunale ma di partito (fu presentato in una riunione del comitato di zona del PCI orvietano) risale al 30 aprile del 1982 ed era denominato "Progetto Orvieto: il ruolo della cultura, della scienza e della tecnica per uscire dalla crisi e per un nuovo sviluppo" presentato in quella sede da Adriano Casasole allora assessore alla Cultura; il primo documento dell'amministrazione comunale denominato "Proposte per un nuovo ruolo della città antica nell'ambito urbano" fu approvato con delibera del Consiglio Comunale del 2 luglio del 1982 e la relazione illustrativa del documento fu presentata dall'allora Sindaco Franco Raimondo Barbabella... Comunque per giungere a quei documenti fu determinante il convegno "I luoghi della cultura" che si tenne ad Orvieto presso il Teatro Comunale il 24, il 29, il 30, il 31 gennaio del 1981 e il 21 febbraio sempre del 1981 nel corso del quale svolsero alcune relazioni tra gli altri Mario Torelli, Franco Minissi, Renato Bonelli, Adriano La Regina Roberto Abbondanza, Franco Giustinelli, oltre ovviamente a Franco Raimondo Barbabella e a Adriano Casasole.

Il progetto Orvieto fu definito dall'opposizione in Consiglio Comunale e da altri "un libro dei sogni". In realtà gran parte degli interventi previsti furono realizzati, tra i quali alcuni interventi riguardanti il sistema di mobilità alternativa. I fondi utilizzati furono quelli delle diverse leggi speciali per Orvieto e Todi (solo per il ripristino della funicolare e la realizzazione del palazzo dei Congressi furono utilizzate risorse finanziarie diverse: nel primo caso i fondi FIO e nel secondo caso fu acceso dal Comune un mutuo con un istituto di credito). Spesso si sostenne che il progetto Orvieto si realizzò solo grazie ai consistenti fondi messi a disposizione da parte dello Stato. In realtà occorre considerare che quei fondi furono completamente e rapidamente utilizzati (cosa che in Italia non è avvenuto sempre in casi in parte simili come quello rappresentato dagli interventi per Venezia). L'unico intervento che non fu caratterizzato certo da una rapidità notevole fu quello inerente il restauro del Teatro Mancinelli, per il quale forse non tutte le risorse finanziarie furono utilizzate nel modo migliore. Alcuni ulteriori limiti, per la verità pochi, del progetto Orvieto furono i seguenti: aver realizzato alcuni interventi di restauro di chiese minori, più o meno consacrate, il cui utilizzo dopo il restauro non fu certamente di particolare importanza, l'aver sottovalutato gli interventi nelle altre parti del territorio comunale (questo limite per me non assume un notevole rilievo perché credo come già rilevato che comunque gli interventi nel centro storico produssero effetti positivi sull'intero territorio del comune di Orvieto), il non aver potuto prevedere interventi rivolti a promuovere iniziative economiche che non fossero quelle legate al turismo.

Il progetto Orvieto ebbe un forte legame con la politica urbanistica promossa dal Comune, una politica che tendeva a garantire la salvaguardia del patrimonio storico-artistico e che impedì espansioni edilizie eccessive su tutto il territorio comunale. Tale politica divenne successivamente troppo restrittiva cosicché divento molto difficile costruire ad Orvieto e ciò favorì lo sviluppo edilizio di Porano. Solo quando diventò Sindaco, al termine degli anni '80, Adriano Casasole si adottò una politica urbanistica più espansiva (all'inizio della sua sindacatura Casasole sembrava orientato a promuovere una politica urbanistica ancora più espansiva di quella che effettivamente si verificò quando in una riunione ristretta del PCI orvietano, a cui partecipai, affermò che la politica urbanistica da adottare doveva favorire una crescita dei residenti fino alle 30.000 unità - si ricordi che allora la popolazione era pari a circa 20.000 unità - ed in questo fu sostenuto ampiamente dall'allora segretario del PCI Valentino Filippetti).

Ovviamente, essendo stato uno dei principali ideatori del progetto Orvieto, i pochi anni purtroppo nei quali fu Sindaco Casasole furono anch'essi contraddistinti dall'esplicita volontà di completare l'attuazione del progetto Orvieto, nonostante che furono adottati anche altri "slogan" che dovevano guidare l'attività amministrativa quali ad esempio "la città unita".
Nei dodici anni successivi nei quali fu Sindaco Stefano Cimicchi si continuò ad attuare il progetto Orvieto ma si attribuì un'importanza notevole alla cosiddetta "gestione del sistema Orvieto". Con tale locuzione all'inizio poco comprensibile e piuttosto fumosa in realtà si intendeva sostenere che occorresse rivolgere notevole attenzione alle modalità di gestione dei vari interventi realizzati con il progetto Orvieto e agli "attori" pubblici e privati scelti per la gestione. I risultati furono diversi: ad esempio per il palazzo dei congressi furono vari i modelli gestionali adottati e tutti fallimentari, per il museo Faina, la torre del Moro, le cavità sotterranee, lo stesso teatro Mancinelli nonostante i problemi finanziari, furono scelti modelli gestionali e soggetti deputati ad attuarli che produssero effetti positivi.

Negli ultimi anni l'attività progettuale intesa come era intesa con il progetto Orvieto si è fortemente ridotta. La dimostrazione più evidente di questo può essere rappresentata dagli insuccessi fino ad ora ottenuti relativamente alla ristrutturazione del complesso dell'ex caserma Piave. Anche in questo caso manca un progetto complessivo e ciò è particolarmente grave perché quel complesso occupa una porzione piuttosto ampia dell'intero centro storico e la sua ristrutturazione potrebbe, il condizionale è d'obbligo in questo caso, produrre effetti positivi nell'ambito dell'intero sistema economico comunale.

Pertanto, per farla breve, il futuro non potrà che essere contraddistinto, o meglio dovrebbe esserlo, da una ripresa alla grande della natura progettuale dell'attività amministrativa rivolta, in estrema sintesi, ad elaborare ed attuare un nuovo progetto Orvieto, simile al vecchio per il suo essere un disegno di sviluppo complessivo della città e differente perché il contesto ambientale è profondamente cambiato e perché, tutto sommato, dovrebbe tendere a completare il progetto Orvieto, privilegiando gli interventi volti a favorire iniziative economiche, anche quelle non direttamente legate al turismo.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 aprile

"Kaki Tree Project". Semi di pace per l'inaugurazione del Giardino delle Farfalle

"Orvieto a tutta Birra". Per tre giorni, la birra artigianale fa festa in Piazza del Popolo

Assemblea pubblica su "La chiusura dell'Ospedale e del Pronto Soccorso di Città della Pieve"

Zambelli Orvieto riapre le porte del PalaPapini per ospitare l'ostica Firenze

Olimpieri (IeT): "Un altro colpo alle attività produttive, bravo Germani"

In più di 150 per la "Festa del Ruzzolone". Il sindaco Terzino: "Orgoglioso di questo gruppo"

Laura Palmese (Orvieto Fc) verso il Torneo delle Regioni con la rappresentativa umbra femminile di Mister Pierini

Liberazione, la Consulta dei Giovani di San Venanzo incontra le scuole

L'assessore Gnagnarini replica a Olimpieri: "Le tasse e i ciarlatani"

Per "Amateatro", la Compagnia del Cantico porta al Boni "Cani e Gatti"

Approvato il calendario scolastico 2017-2018. La campanella suonerà il 13 settembre

Francesco Barberini vola a Napoli con il WWF e trova anche i dinosauri

Dal CIPE le risorse per i lavori al cimitero di Casemasce

Nell'anniversario della morte di Eleonora Duse

Si riunisce la Consulta del Lago di Bolsena. "Una risorsa da tutelare"

Al via la mostra-mercato delle eccellenze agroalimentari in centro storico

Seminario CIA sul registro telematico vitivinicolo. L'Umbria ha aumentato l'export di vino dell'11,35%

Valerio Natili eletto segretario generale regionale Fisascat Cisl e Fist Cisl Umbria

"Antitodi e tecniche contro l'antipatia digitale". Seminario al Palazzo dei Sette

"Sono i cittadini i primi a subire le conseguenze di una disorganizzazione organizzata"

Il Ministero dell'Interno conferma i presidi di Polfer e Polstrada

Al via la XXII edizione de "Il Libro Parlante". Gli appuntamenti di primavera

A maggio, Fiaccola Olimpica in Piazza Duomo. In Comune, la premiazione di "Ragazzi in gamba"

Nel 72esimo Anniversario della Liberazione, "Orvieto Cammina" per la libertà

Tre giorni di festeggiamenti a Baschi in onore di San Longino

Davide vs Golia, punto di vista sulle Primarie Pd

Accordo di collaborazione tra la Chinese Academy of Sciences e l'Università della Tuscia

Domenica su due ruote con il Vespa Club, arriva "Orvieto in sella"

Gianni Minà dialoga con Stefano Corradino: "Documento da cronista, vivo da protagonista"

Storia e cronaca della Resistenza italiana ed europea, arriva la mostra dell'Anpi

Scuola Keikenkai: sei campioni Italiani e cinque in attesa della maglia azzurra

Inaugurato il primo "Unitre Smile" realizzato dalla Bottega Michelangeli

Soddisfazioni in casa Radio Frequency Expert. Suo, il lotto Centro Nord

Ferma lo scuolabus e mette in salvo una bambina, poi muore

Sindaci protagonisti del cambiamento

Lo scandalo di potenza sui conflitti di interesse al mise si allarga alla geotermia

Gianluca Foresi modera il Meeting Nazionale delle Fondazioni a Gravina di Puglia

Test di successo il primo "Wine Show Orvieto, gemellato con il 50esimo della Castellana

Scampagnata del 1° Maggio nel Convento dei Cappuccini con Letteralbar

Senso unico alternato e chiusure sulla provinciale 46 di Tordimonte

Il Comune aprirà la sfilata in Vaticano per la 32esima edizione di "Viva la Befana"

In mostra le opere di Francesco Catteruccia. Proseguono i festeggiamenti per la S.Croce

Il Comune condannato dal giudice del lavoro. "Denaro pubblco speso male"

Superare ansia e timidezza

L'Ipsia di Orvieto in visita al Centro di Formazione Enel di Terni

Robert Glasper Experiment una Liberazione R&B al Museo del Vino

Marco Iacampo live al "Valvola". Presenta l'album "Flores"

Il Duomo non è un museo

In mostra le opere di Marco Gizzi. Al Palazzo dei Sette, cavalieri e templari

Passaggio del testimone per la Staffetta del Cuore a favore di Marco Simoncelli

Il PCdI esprime soddisfazione sull'incontro con don Maurizio Patriciello

"100 fiori contro la geotermia". Giornata di mobilitazione interregionale

Auguri a Rita Levi Montalcini. Per i suoi 101 anni diretta da Bologna a rete unificata. Dalle 21 di giovedì 22 aprile 2010 segui l'evento su Orvieto.TV

Gala Five: salvezza raggiunta!

Un aiuto per Haiti. "Hachiko" al Cinema Corso con il Volontariato di S. Vicenzo

Villalalago e Villa Paolina di Porano nella “Rete regionale di Ville, Parchi e Giardini”

Verso la quadratura del Bilancio? Sembrerebbe portare ossigeno il rinnovo della convenzione tra Comune e ATC

Dalla Provincia in arrivo 80.000 euro per la SP "del Piano" a Orvieto

Chiusa la stagione teatrale con Arnoldo Foà, al Mancinelli arriva a sorpresa Enrico Brignano

Scuola di Musica. Oltre 2000 firme a sostegno dell'Istituzione. A fianco degli insegnanti anche i Sindacati

Lettera aperta del Comitato antirumore. Improponibile la bozza di regolamento. Ecco le nostre proposte

L'Intercom dell'Orvietano conferma l'efficacia e l'efficienza della funzione associata di Protezione Civile su base comprensoriale

Eurotrafo. Preoccupazioni dell'UGL per la delocalizzazione. L'azienda: è grazie alle commesse da Cina e India che stiamo salvaguardando la produzione a Fabro

Precisazioni di Confcommercio sulla riunione per il QSV: "Non abbiamo cacciato nessuno, è la legge regionale che detta gli interlocutori della concertazione avanzata"

Commissariare il Comune? Forse prima si dovrebbe commissariare il Pd...

Si getta dalla Torre dell'Albornoz. Muore giovane uomo di Porano

Condanna mite per Oriano Ricci. Domani subentrerà in Consiglio Comunale a Maria Antonella Annulli