politica

Donne e politica. L'’incontro con Maria Luisa Boccia apre uno spazio di confronto tra donne che pensano 'differentemente'

lunedì 14 gennaio 2008
di Ornella Cioni
Sabato 12 gennaio alla sala del Carmine, nell'incontro organizzato da “Il filo di Eloisa – Associazione culturale Eloisa Manciati” nell'ambito di Venti Ascensionali, Maria Luisa Boccia, docente di filosofia politica, parlamentare ed esponente di punta del pensiero femminista italiano, ha affrontato nella loro complessità i temi dell’identità e della differenza, contestualizzandoli nella storia politica dell’Occidente dal Settecento in poi, con particolare attenzione agli sviluppi che hanno assunto nella recente vicenda politica delle donne nel Novecento. Ha spiegato perché politica identitaria e universalismo siano a suo avviso da contrastare e ha ricordato come una generazione di donne, figlie di donne già emancipate, abbiano messo in questione negli anni settanta un concetto di uguaglianza che le avrebbe fatte essere individui sempre imperfetti, rivendicando una soggettività che non le definisse come complementari all’uomo. Queste donne si sono opposte a identità e universalismo con il pensiero della differenza sessuale, che non ha rappresentato semplicemente una forma di resistenza all’oppressione, ma è andato oltre il discorso della differenza tra i sessi e ha costituito una risorsa per affrontare tutti i problemi del mondo contemporaneo e comporta la necessità di riconsiderare come ci si è posti rispetto a molte altre questioni, per esempio rispetto alla multiculturalità e alla natura. Ai diversi stimoli lanciati dalla relatrice è seguito un ampio dibattito, durante il quale un pubblico appassionato ha sollevato numerosi interrogativi. Su come le donne nell’attuale crisi della rappresentanza possano dare un contributo originale, senza essere fagocitate nelle forme tradizionali e neutre della politica. Sull’adozione di una democrazia di genere, con quote al 50%, e sulla sua eventuale efficacia ai fini di un cambiamento del quadro politico. Sul confronto con le nuove generazioni di donne che si stanno attualmente esprimendo con le mobilitazioni contro la violenza maschile e che ritornano anche a forme di separatismo, ormai abbandonate dalla generazione precedente. Sul tipo di relazione educativa che alcune docenti, femministe degli anni settanta, riescono a sviluppare con le giovani. Il dibattito si è particolarmente animato nel confronto fra esperienze di vita di donne che nel loro impegno politico si sono richiamate a forme di mimesi col maschio o a forme di emancipazionismo e di chi ha cercato e cerca di sostanziare la propria vita privata e politica con la lezione della differenza sessuale. C’è stato poi un richiamo alla parola “dipendenza”, già evocata dalle relatrice, che assume il senso, per chi si richiama alla differenza, dell’intreccio di relazioni significative e politiche tra donne. Relazioni che si assumono la responsabilità di pensare e agire la differenza con un movimento che procede attraverso una costante rilettura critica delle sue premesse, cercando di chiarire il proprio significato e di iniziare a negoziare le interpretazioni conflittuali, un movimento simile al fare e disfare della tela di Penelope. Non è mancata una voce maschile che ha espresso la consapevolezza della necessità non più rimandabile, per gli uomini, di fare i conti con le modalità di relazione con le donne da essi sviluppate storicamente sia nel privato che nella gestione della vita politica. Le donne del Filo di Eloisa hanno anche espresso un commosso richiamo alla cara memoria di Eloisa Manciati e al debito di gratitudine e di riconoscenza che conservano verso di lei per i doni di umanità e di cultura che ha dispensato. Ai diversi e numerosi interrogativi Maria Luisa Boccia, con grande capacità di sintesi, ha dato risposta offrendo stimoli di riflessione nel toccare i diversi punti. “C’è un femminismo della differenza - ha ricordato la relatrice - che ha solo trent’anni, che però è stato molto incisivo e, lasciando una sua sedimentazione, ha già cambiato molto nel mondo, dove ormai ci sono diversi tipi di femminismo. Noi abbiamo una responsabilità rispetto alla nostra storia, alla nostra cultura, al segno che abbiamo lasciato. Abbiamo anche un debito verso coloro che hanno condiviso con noi il nostro cammino e che non ci sono più”. Se ci sono vie nuove da percorrere per le giovani rispetto al femminismo della generazione precedente, è una domanda alla quale solo le giovani stesse potranno rispondere. Per il momento va riconosciuto che il loro ritorno a forme di separatismo è stato in polemica con la vecchia generazione di donne, che ha ormai intrapreso forme di dialogo e di condivisione politica con gli uomini. Hanno inventato dunque un nuovo separatismo e ci sono comunque modificazioni e spostamenti rispetto al femminismo precedente. Oggi c’è per le ragazze il pensarsi libere, libere anche dall’essere uguali, e libere dal corpo. Questo è, secondo la Boccia, anche uno dei portati della nuova cultura tecnologica, nella quale le giovani si muovono con disinvoltura, relazionandosi nella rete dove i corpi spariscono. C’è la grande illusione di liberarsi dei corpi e questo è un elemento di diversità con la nostra generazione. Nasciamo da esseri mortali e siamo mortali e questa è la dipendenza. L’illusione di liberarsi dei corpi può però essere pericolosa, perché ha creato nella cultura la convinzione di poter avere un dominio su noi stessi e sulla natura, provocando grandi catastrofi e infelicità. Questo è un punto fondamentale rispetto al quale, per esempio, la generazione precedente dovrebbe essere in grado di far valere la propria cultura, assumendosi responsabilità e autorevolezza, perché purtroppo nelle culture contemporanee non c’è più verticalità, c’è una crisi di autorità, e invece i/le giovani hanno bisogno di parole autorevoli. Per quanto riguarda la democrazia di genere la relatrice ha sottolineato che l’esperienza di altri paesi ha dimostrato che le quote favoriscono logiche corporative e la formazione di lobby, rispetto alle quali ritiene preferibile la forma classica della rappresentanza, che a suo parere dà più spazio alle donne. “Il vero problema - ha precisato - è che nessuna quota può sostituire la produzione di politica, tuttavia nell’attuale situazione di crisi della rappresentanza anche quella delle quote è una strada che può essere tentata”. Nel riconoscimento dell’esistenza di diversi femminismi M.L.Boccia ha rivendicato la responsabilità per le donne di agire anche lo scontro politico tra femminismi differenti. E’ stata una di quelle serate in cui alla fine pubblico e relatore fanno fatica a lasciarsi . L’attenzione del pubblico e la vivacità del dibattito hanno messo in luce, a mio avviso, che c’è tra le donne della nostra città un grande interesse per questi temi spesso non proposti all’attenzione, rispetto ai quali l’apparente disinteresse è talvolta riconducibile solo alla non frequentazione. I tempi sono forse maturi per un confronto fra donne che hanno storie e percorsi differenti.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 gennaio

Differenziata, la media si attesta al 78,12 per cento. Filiberti: "Non ci fermiamo qui"

Si è casta quando non si ha una solida formazione etica, politica e culturale

Danilo Giulietti relaziona su "Luce e colore". Conferenza ISAO a Palazzo Coelli

"Ricordiamoci di ricordare". Spettacolo al Palazzo Baronale

Pronta la nuova convenzione per l'adesione alla Centrale unica di committenza

Giorno della Memoria, due giorni di eventi per ricordare la Shoah

Nuovo Comitato Uisp Orvieto Mediotevere, Federica Bartolini presidente

Di un Eden

Bandiera Canadese

Allora non esisteva l'Erasmus

La Vetrya Orvieto Basket viene travolta dal Bastia

Lucetta Scaraffia ospite del ritiro mensile del clero della Diocesi di Orvieto-Todi

Una sconfitta, una vittoria e un pareggio per l'Orvieto FC. In settimana esordio per gli Allievi

"Dall'Amiata alla Valle del Tevere: ancora geotermia industriale o un altro sviluppo è possibile?"

Al Mancinelli Ashira Ensemble propone "Un volo leggero...Per rispondere con la vita"

Omaggio alla Catalogna. Musica, letture e mostra per il Giorno della Memoria

Esperti a convegno al Palazzo dei Congressi su "Nuove prospettive in Neonatologia"

L'Unitre Orvieto presenta il secondo quadrimestre di attività

Nasce l'associazione "Orvieto Runners". Tra gli obiettivi, la promozione del Trail Running

Letture e film a scuola per non dimenticare

Design, Verdi, Pissaro e Santa Rosa. La settimana allo Spazio Pensilina

Province, con tagli previsti a rischio blocco servizi al cittadino. Il dossier Upi presentato in Commissione Parlamentare

Terremoto, Rifondazione si appella al Consiglio Regionale: "Riappropriamoci di un intervento autonomo come nel 1997"

Fine settimana da dimenticare per la Cestistica Azzurra Orvieto

Consegnato a Cascia il secondo modulo abitativo provvisorio

"Fermate il pagamento della Tosap: poca comunicazione, cittadini in difficoltà"

Sul ruolo delle associazioni in generale e sulla Val Di Paglia Bene Comune in Particolare. Meglio chiarire

Terzo calanco? Redde rationem nel PD

Dal 12 febbraio a Orvieto il nuovo Corso di qualificazione professionale per sommelier

Imu agricola: il Tar del Lazio non conferma la sospensiva

Servizio idrico: il recupero del deposito cauzionale crea problemi agli utenti. Luciani interroga il sindaco

Ciconia - Umiltà, impegno e lavoro: la strada del successo secondo Francesco Romanini

Truffa dell'incidente alla figlia, anziana ci rimette 600 euro. Indagini a tutto campo

Opere previste dal Consorzio Val di Chiana per la mitigazione del rischio di esondazione del fiume Paglia, argomento su cui riflettere

Cordoglio per la scomparsa dell'agente di Polizia, Lorella Manglaviti

Imu agricola: il Consiglio dei Ministri cambia le altimetrie

Nel "Giorno della Memoria", Augusto Cristofori riceverà la medaglia d'onore della Repubblica

Polizia Provinciale: oltre 7 mila controlli in un anno, ma ora c'è il rischio che tutto svanisca

Orvieto Basket. L'under 19 torna alla vittoria nella trasferta contro Ponte Vecchio

Da Miami all'Azzurra Orvieto, Joanna Harden è pronta a scendere in campo

Altro derby umbro per Zambelli Orvieto che ospita il Trevi

"Il ricordo del gesto eroico di Aldo e Francesca Faina" e proiezione di "Corri ragazzo corri"

L'Istituto d'istruzione superiore scientifico e tecnico presenta il "Progetto formativo d'istituto"

Avvio partenopeo per "Risate & Risotti", poi a Orvieto per San Valentino

Azzurra Ceprini Orvieto – Reyer Venezia, palla a due iniziale al PalaPorano

Letture, flauto e violoncello al Museo delle Terrecotte

Meteo

martedì 23 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 7.5ºC 91% buona direzione vento
15:00 10.1ºC 68% buona direzione vento
21:00 3.9ºC 89% buona direzione vento
mercoledì 24 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 5.5ºC 69% buona direzione vento
15:00 10.6ºC 58% buona direzione vento
21:00 2.7ºC 88% buona direzione vento
giovedì 25 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 5.6ºC 92% buona direzione vento
15:00 9.5ºC 80% buona direzione vento
21:00 7.2ºC 96% buona direzione vento
venerdì 26 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 7.0ºC 93% buona direzione vento
15:00 9.5ºC 90% buona direzione vento
21:00 7.3ºC 94% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni