politica

I DS alla Conferenza Programmatica. Per ripartire un'analisi onesta e precisa

sabato 10 dicembre 2005
di Laura Ricci
Nel luogo volutamente e altamente simbolico dell’ex Caserma Piave, riuniti nella palazzina comando attrezzata e addobbata per l’occasione, i “vecchi” DS, con il loro ampio e articolato lavoro di cinque mesi, sono riusciti – come sempre quando mettono in moto la macchina – a fagocitare la presenza e l’attenzione.
Un documento onesto e preciso quello presentato a questa Conferenza programmatica del 10 dicembre 2005, che delinea con chiarezza la situazione di Orvieto e dell’Orvietano: come scrivevamo qualche giorno fa nei suoi punti di criticità e in quelli di potenziale forza. Un documento steso – ne va dato atto e fa piacere constatarlo – con un linguaggio essenziale e chiaro, alieno dalle contorsioni e dalle oscure locuzioni con le quali ci ha talvolta violentato il politichese. Una piattaforma realistica, e un contributo scaturito dall’ascolto e dal confronto per ripartire verso una nuova fase di sviluppo di Orvieto e dell’Orvietano.

Non un caso la Piave, dunque, che cinquant’anni fa – come è stato messo in evidenza nella sua introduzione dal Presidente dell’Unione Comunale di Orvieto Carlo Carpinelli - segnava un importante mutamento dell’economia orvietana che, con la presenza delle Caserme e dei militari, da preminentemente agricola si avviava ad essere mista, e a veder presto lievitare da un lato il ceto operaio e dall’altro quello borghese.
Poi, sempre rievocati da Carpinelli, gli anni intensi della Legge speciale e del Progetto Orvieto, con l’affinamento del volto della Città e di tutta una serie di fattori, e il formarsi di una nuova classe dirigente preminentemente intellettuale: diminuisce l’importanza dell’economia delle Caserme, la Città intravede nuovi sbocchi, quelli della cultura e del turismo, prepara ed esalta i luoghi, affina gli operatori e la qualità dei servizi. Non si parte da zero –più volte i Democratici di Sinistra hanno tenuto a sottolinearlo in questi mesi – “e se qualcuno sette secoli fa, come ci è stato ricordato, costruì il Duomo – ha continuato con orgoglio Carpinelli nell’introduzione - la nostra generazione, con la mobilità alternativa, ha realizzato la Città Nuova e ne ha messo il patrimonio storico-artistico a disposizione degli abitanti e del mondo intero.”

Ora un nuovo cambiamento si impone, nella situazione critica di Orvieto e del suo Comprensorio, che non potrà tuttavia non tener conto di quelli che sono, più vastamente, problemi nazionali e globali.
Invecchiamento della popolazione, disoccupazione, precarizzazione del lavoro, frammentazione aziendale, crisi acuta del manifatturiero, sofferenza di alcuni servizi socio-sanitari, – quali il Polo ospedaliero non ancora a regime e l’unica struttura pubblica per anziani, il Piccolomini, momentaneamente chiusa – fossilizzazione del commercio, marginalità, perdita di alcuni centri decisionali; a questi punti di debolezza va contrapposta, secondo le linee di sviluppo individuate dai DS, la centralità della risorsa territorio: filiera turismo/ambiente/cultura; agricoltura di qualità, agroindustria e artigianato; università/scuola/ricerca/formazione; politiche energetiche e polo scientifico-tecnologico; riequilibrio delle forme di commercio, favorendo la presenza della media e grande distribuzione, l’e-commerce e il commercio equo e solidale; e naturalmente infrastrutture viarie e banda larga per le nuove imprescindibili tecnologie, welfare e cooperazione sociale perché non c’è progresso senza umanità e qualità della vita.
Un discorso a parte merita la Caserma Piave, che dovrà contribuire ad alcune linee di questo sviluppo, ma anche a un nuovo assetto urbano del centro storico, alla sua rivitalizzazione e alla sua rinascita.

La sfida non è da poco e, esaminate le questioni e fatte le dichiarazioni di intenti, si tratta ora di andare a discutere, condividere e concretizzare le ricette.
Ottimista il coordinatore dell’Unione intercomunale Giorgio Posti che, sottolineando come Orvieto e il Comprensorio siano sempre stati dentro un percorso e una logica di programmazione alta, spera che siano decisivi, per questo territorio, anche il Piano di Sviluppo Regionale e, più in generale, la riforma endoregionale, che dovrebbe dare maggiore snellezza ai processi e liberare risorse. A giudicare dall’entusiasmo con cui anche molti giovani hanno collaborato a questa ipotesi di sviluppo, dalla lunga fase di ascolto e confronto, dall’unanimismo del partito rispetto a questi temi, secondo il coordinatore comprensoriale da Orvieto potrebbe partire non solo una nuova e ardita fase di sviluppo territoriale, ma un contributo e un esempio per la più generale rinascita della società Italia.

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 marzo

Semaforo mobile blocca il traffico sul Ponte dell'adunata

Comprensorio e Intercomunale del Pd pronti per le Regionali, ampio consenso su Galanello

Coppia di Ficulle vittima della truffa della casa di legno, i carabinieri denunciano due messinesi

La Conferenza permanente delle Donne Democratiche di Orvieto elegge portavoce Alice Leonardi

Il clero della diocesi di Orvieto-Todi in ritiro spirituale a Spagliagrano

Zambelli Orvieto: sarà una Coppa Italia di grande attrattiva

Un logo per Civita di Bagnoregio. Via al concorso di idee per realizzarlo

Polemica rientrata, la sala piccoli interventi dell'ospedale è operativa

Le iniziative a cura del Centro di Documentazione Popolare di Orvieto

Il Lions Club vicino al Gruppo Fai di Orvieto per le Giornate di Primavera

Rupe di Sugano. Entro fine estate, via agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico

Nuova data per la tappa di Orvieto del tour "In strada con sicurezza"

Sacripanti (FdI-An): "Affidare quanto prima il Centro Congressi a soggetti esterni competenti"

Royale Confrerie Prestige des Sacres. Serata di beneficenza per sostenere la lotta contro il cancro

Sul palco di "Amateatro" è la volta di "Come d'Autunno"

La Farsiccia di Archeofood pronta a conquistare il San Giovanni di Orvieto

A Camorena le celebrazioni in ricordo del sacrificio dei Sette Martiri orvietani

"SNS Meeting" al Palazzo dei Congressi. Attività svolta e programmi di gestione e di sviluppo

Verso la candidatura del merletto italiano come patrimonio immateriale dell'Unesco

Cerimonia delle Candele e due nuovi ingressi per la Fidapa di Orvieto

Centrale a biomasse. Ancora un contributo per capire meglio

Perché aderire all’associazione Libera. Anche in Umbria occorre impegnarsi contro le mafie

Buoni frutti dall'impegno politico di Emily Umbria: molte le socie elette. Nell'immediato un'iniziativa politica il 7 aprile e la piena attuazione sul lavoro dei diritti per le pari opportunità

Settimana della Cultura: '...che il buon Dio ci faccia ritornare a casa sani e salvi e vincitori'. Lettere e cartoline di soldati della I guerra mondiale. All'Archivio di stato di Orvieto fino al 30 aprile

Settimana della Cultura: 25-31 marzo 2008. Domenica 30 Marzo visite guidate presso i tre Antiquarium Comunali di Baschi, Lugnano in Teverina e Tenaglie

Un voto a sinistra per una scelta di parte. Mercoledì 26 marzo incontro-dibattito con il candidato al Senato Giuseppe Ricci: ore 21 a Palazzo dei Sette

La valorizzazione della Tuscia passa per il Casello autostradale Nord. Soddisfazione di Assocommercio per il comune impegno dei Comitati dell'aeroporto di Viterbo e del Casello Nord

La Nuova Biblioteca Luigi Fumi si arricchisce della donazione Giuseppe Gadda Conti

Il Dottor Terrezza confermato direttore sanitario alla Divina Provvidenza di Ficulle. 600 firme a suo sostegno

Protestano i lavoratori dell'autogrill di Fabro chiuso per inagibilità. Summit in Prefettura per trovare una celere soluzione

Confagricoltura Orvieto chiede coinvolgimento e trasparenza sulla centrale a biomassa

Giovedì 27 marzo a Orvieto incontro alle 21 con Giampiero Bocci e Carlo Emanuele Trappolino. Altri incontri a Viceno, Castelgiorgio, Porano