opinioni

Sulla fecondità morale di una non più rinviabile rivoluzione culturale

lunedì 16 ottobre 2017
di Mario Tiberi
Sulla fecondità morale di una non più rinviabile rivoluzione culturale

Se l’appartenente al genere umano è stato definito, da gran parte della filosofia antica fino a quella contemporanea, come “essere ragionevole” e come “possibilità di auto-progettazione”, ciò non significa necessariamente che il suo pensare, il suo scegliere e il suo agire, anche se razionali, siano infallibili. Certo, il “logos” più specifico dell’Homo Sapiens, in quanto “ragione e capacità di eloquio”, è potenzialmente infinito e gli conferisce quel tratto di unicità che differenzia il pensare e il dialogare dell’essere uomo da quello di ogni altro essere vivente. Ed è proprio codesta unicità che caratterizza l’esistenza umana, qualificandola come irripetibile.

La strutturale finitudine dell’uomo, alla quale corrisponde una vita biologica transitoria e dunque scandita da un inizio e da una fine, non impedisce di riempire di significati ogni atto, e di pensiero e di azione, compiuto in quella rete di relazioni che quotidianamente intratteniamo con ciò e con chi ci circonda. E’ in questo modo che noi diamo un senso alla nostra vita e la definiamo come nostra, nella sua contingenza e precarietà, ma anche nel suo valore, nella sua singolarità ed eccezionalità.

La limitatezza della condizione umana non può essere considerata soltanto alla stregua di un ostacolo, di un difetto, di una imperfezione. E’ certamente vero che l’esistenza di ognuno di noi è connotata dall’imperfezione e dall’errore, ma ciò deve essere valutato come risorsa, invece che come carenza. Il fatto che il nostro agire nel mondo può essere fallibile e sottoponibile a dubbio può forse, infatti, significare che ciò che pensiamo e operiamo è sempre potenzialmente sbagliato o, non piuttosto, che l’errore ci permette di spingerci ancor di più oltre, di valicare l’orizzonte degli orizzonti, di visualizzare le realtà da più prospettive con lo scopo di migliorarle?

Il dubbio allora non è indice di errore, ma di fecondità! Il nostro essere ragionevoli e progettanti significa, quindi, avere la capacità e la volontà di ragionare, di mettere in discussione e sottoporre a critica, di scegliere e intervenire attivamente, insieme agli altri, per modificare e cambiare, per modificarci e cambiarci. E’ solo grazie a questi intrecci, così vitali e propositivi, che la nostra esistenza e quella di tutti procede in avanti, solo così cresce e si arricchisce la nostra convivenza sociale, la nostra civiltà, che forse stiamo egoisticamente trascurando e pian piano perdendo, ed anche la storia plasmata di eventi che, a loro volta, non possono essere animati se non da persone.

Non v’è dubbio, e lo ribadisco, che il nostro pensare e il nostro agire è intrinsecamente limitato: ogni nostra scelta, o iniziativa, o progetto sono in parte determinati da ciò che esiste già e da ciò che già è esistito. Ma proprio per questo il nostro impegno e il nostro dovere è quello di proseguire, di cambiare laddove è necessario, di migliorare la pessima contingenza dell’attualità.

Il dubbio e la consapevolezza di essere imperfetti, e quindi di sbagliare, non ci deve paralizzare ma, al contrario, ci deve spronare verso un progresso conoscitivo e pragmatico che è e sarà il benessere dell’umanità intera. Il nobile animale razionale e progettante, che noi tutti siamo, non può sottrarsi a tale impegno: è la nostra fatica, ma è anche il nostro appagamento. Anche in questo risiede l’unicità e la forza della nostra esistenza.

Si tratta, prendendo a prestito una splendida frase di Kundera, dell’insostenibile leggerezza dell’essere per cui, forse, il nostro fardello più oneroso è la superficialità con la quale siamo portati a considerare ciò che ci circonda mentre, di converso, la nostra ricchezza scaturisce dalla percezione di essere in grado di realizzare un qualcosa che ci appartiene, un qualcosa di unico e irripetibile e che, inevitabilmente, lascerà una traccia in direzione non sempre e non solo di un “Io”, ma di un “Noi”.

L’uomo, da sempre, ha cercato di spiegare e di spiegarsi, di risalire fino alle cause ultime di ogni fenomeno; ciò è avvenuto attraverso la forma più arcaica del mito sino ad arrivare alle sempre più matematiche teorie scientifiche. Spinto dallo stupore di fronte a quanto vi è di sconosciuto, dalla curiosità di penetrarvici dentro e addirittura dall’ancestrale timore dell’ignoto, ha costantemente tentato di trovare il perché di ogni accadimento al fine di approdare alla tranquillità del noto. Quello che, oggi, viene quasi spontaneo domandarsi consiste nella perplessità se è ancora esatto affermare che il non sapere e il non conoscere ci getta nel panico o se, invece, avviene il contrario.

E’ forse più semplice e più comodo non sapere per avere minori responsabilità o per affrontare meno sacrifici? Si teme di più, conoscere o non conoscere? Rimanere nel proprio ristretto orticello offre più serenità rispetto all’interessarsi, al prendersi cura delle nostre esistenze e al porgere la mano e la mente per un contributo comunitario? L’albero della conoscenza è terribilmente alto, ma non arrampicarcisi sopra ha tutto il sapore della pochezza e della viltà.

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 aprile

"Gli Ordini mendicanti e predicatori nella Diocesi di Orvieto-Todi: la povertà come ricchezza"

Anche la Compagnia delle Lavandaie della Tuscia alla Sagra dell'Aparago Verde

Alla Festa della Birra Artigianale di Piazza del Popolo, anche "I Fritti della Castellana"

"Una birra per piacere, senza sballo si può". Se ne parla con Cittaslow e A.Ge.

"Occhi sulla Luna. Un omaggio al nostro satellite naturale"

Soffiava il vento

Nei weekend estivi, i giovani del Servizio Civile aprono la Torre e il Palazzo Comunale

"Diversità e integrazione" a Rocca Ripesena, in festa per "Il Paese delle Rose"

Il Palio dei Comandi ai runners della Scuola Sottufficiali dell'Esercito

Guasti alla linea telefonica, è possibile contattare il Comune da Facebook

La Zambelli Orvieto volta pagina, la semifinale comincia a San Giovanni in Marignano

Per "Parrano Feudo 900" iniziativa con le scuole dell'Alto Orvietano a "La Badia" di Ficulle

Festa della Liberazione, pomeriggio di iniziative alla Fortezza Albornoz

La Corte dei Conti accerta il ripiano finanziario e la conclusione del Piano di riequilibrio pluriennale

"Claudia Giontella, una archeologa e la sua dialettica del territorio"

Match point al PalaPorano per la Vetrya Orvieto Basket

Cinema Teatro Turreno, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia dona l'immobile a Comune e Regione

Per "San Pellegrino in Fiore", sei visite guidate tra chiese, fontane e palazzi

Chiusura temporanea del casello autostradale di Orvieto per lavori di pavimentazione

Inaugurato il Polo tecnologico per l'Umbria dell'Università Internazionale Uninettuno

Caso discarica, ancora 10 giorni. Italia Nostra contesta la Soprintendenza

Il direttivo Fisar si rinnova: 5 su 7 sono nuovi consiglieri, Amilcare Frellicca nuovo delegato

Disabilità, le famiglie in presidio sotto il palazzo della Regione

Venticinque secco al Lotto

Orvieto FC, prima vittoria per le ragazze del calcio a 11. Big match contro il Ciconia

Punture di vespe, "l'Ospedale è in grado di affrontare con efficacia queste situazioni"

'Sette giorni di... vini nella provincia di Terni'. Dal 24 al 30 aprile degustazioni con prelibatezze a Orvieto, Ficulle, Amelia e Terni

Il programma della manifestazione

'Umbria, verde rinascita dell'italico vino': convegno giovedì 26 aprile

Il Team Eurobici Orvieto si fa onore alla ‘10° gran fondo dei Colli Albani’

Soddisfazione dello SDI per Ségolène Royal candidata alle presidenziali francesi. Lo segnala il consigliere provinciale Marinelli

Supera le 179 mila adesioni la raccolta firme per la Legge di iniziativa popolare per la tutela e la gestione pubblica dell’acqua. Obiettivo: 500 mila firme per dare più forza alla proposta di legge

Convegno del Centro studi Gianni Rodari venerdì 27 aprile: 'La mente scientifica - Come fare Scienze a scuola'

Ripartito il fondo regionale 2007 alle Comunità montane. Oltre 535 mila euro alla Monte Peglia e Selva di Meana

All'insegna del rinnovamento nominata la nuova segreteria dell'Unione Comunale DS Orvieto. I FORUM CIVICI altro elemento di novità

Villa San Giorgio in cantiere. Pronti tra 450 giorni la nuovissima Residenza Protetta e il Centro Riabilitativo

Voci su un'ipotetica cava di basalto in località Biagio: un'interpellanza del consigliere Imbastoni per saperne di più

Contraddittorio educare gli studenti al riciclaggio e al mangiar sano e farli mangiare con stoviglie di plastica. Perché non si installa una lavastoviglie all'Ippolito Scalza?

Bella affermazione per l'orvietano Gian Marco Fusari, vincitore del Premio Nazionale Musica d'Autore