opinioni

La inconcepibilità dell'insipienza

domenica 23 aprile 2017
di Mario Tiberi
La inconcepibilità dell'insipienza

Una delle discipline maggiormente praticate e cimentate dal genere umano nel corso dei secoli, quando più o quando meno, è ravvisabile nella frequentazione delle palestre del sapere. Gli antichi le chiamavano “Ghimnasium” poiché a loro si accedeva con il corpo nudo come nuda, cioè scevra da preconcetti, deve essere la mente nell’approdare alle fonti della conoscenza. Chi pensa che la cultura sia un orpello strumentale da gettare nella mischia quando si è all’angolo e, per uscirne, ad essa ci si possa aggrappare, costui pensa e discerne malamente poiché non è nel suo solo utilizzo che va ricercata la sua ragion d’essere quanto, piuttosto, nella sua natura e capacità di elevazione dell’intelligenza umana, originariamente acerba e primitiva.

In altri termini: ci si nasconde e ci si barrica dietro il logo cultura quando, per distogliere le vigili attenzioni, si pone in essere il maldestro tentativo di voler dissertare su tutto mentre, invece, non si ha nulla da proferire perché fin da principio non si aveva nulla né di importante e né di significativo da proporre. Andiamo per gradi e vediamo di accendere, con il lume dell’intelletto, anche una sola e flebile fiammella sulla spinosa questione. Per cultura, secondo i più accreditati filologi, deve intendersi il complesso delle conoscenze intellettuali e delle nozioni di scienza le quali, senza ombra di dubbio, contribuiscono in maniera preponderante alla formazione dell’educazione e dell’istruzione della personalità individuale; anche, epperò, sono da ricomprendervi tutte quelle pratiche e tradizioni collettive di una società o di un nucleo sociale e che conducono alla costruzione di una civiltà.

Da codesta premessa è possibile distinguere, per un verso, tra una cultura di base o generale costituita da un fulcro elementare di conoscenze e nozioni ritenute indispensabili per ogni individuo che intenda collocarsi all’interno di una società in cui desidera vivere e, per l’altro, da una cultura di massa che è quella prodotta e diffusa in modo standardizzato per due o più individui i quali, con espresso o tacito patto reciproco, vengono da essa legati ad un comune sistema di vita. Più agevole diviene l’avvicinarsi ad una corretta definizione dell’insipienza la quale, alla luce delle considerazioni che precedono, altro non è se non l’ottusità di mente e la stoltezza di coloro che non sanno e, ancor peggio, di coloro che non si curano affatto di colmare la propria ignoranza e le proprie lacune intellettuali e conoscitive.

Sull’insipienza trova terreno fertile, per germogliare e fruttare, la cosiddetta cultura subalterna: cultura di sottomissione, riscontrabile in ogni popolo rimasto a lungo in dipendenza di un pensiero unico o dominante e con effetti di gravi disgregazioni sociali fino a sfociare in forme, spesso violente e incontrollabili, di ribellione e rivolta. Che la cultura unisca, anche i più distanti, e l’insipienza divida, anche i più prossimi, è a questo punto un assioma che non necessita di dimostrazione alcuna. Mi pare infatti di poter affermare, oltre ogni ragionevole dubbio, che quanto sta accadendo negli ultimi tempi in Italia, e di conseguenza anche in Orvieto, possa essere ricondotto ad uno scenario in cui chi tira la corda della risorgenza morale, ispirata dalla cultura, trova il suo contraltare in chi tende a spezzarla per ottusità e stoltezza.

E se un drappello di disinteressati operatori sociali e di eterogenei e poliedrici intellettuali orvietani, non di sedicenti depositari della “Intellettualità” che tanto sapore hanno di snobismo oligarchico ed accademico, si aprono alla società civile e alla sua dirigenza politica per tentare di offrire valide soluzioni ai problemi di tutti, non li si guardi con diffidenza e spocchiosa altezzosità ma, bensì, con il rispetto e la giusta considerazione che essi meritano poiché non è loro intenzione di prendere “in mano” la città, ma di prenderla “per mano” ed accompagnarla verso lidi migliori. A mo’d’esempio, valga una per tutte l’ancora per noi aperta questione sulla destinazione d’uso del complesso “Ex Ospedale Civico”.

Del resto, non si tratta altro che di imprimere impulso ad un laboratorio di sperimentazione concettuale del pensiero politico e che, mi si perdoni il neologismo, suggerirei di denominare “Filofucina”: il prefisso “filo” per indicare il senso della passione amorosa e, “fucina”, per designare la forgia che trasforma la materia grezza in prodotto modellato e finito.
La scommessa è già sul piatto; si attendono dei seri e volenterosi giocatori!

P.S.: ho preferito scrivere di questioni inerenti la cultura e non di aggrovigliarmi nel ginepraio di ghiribizzi arzigogolati poiché, per coscienza e diligenza, non è mio costume di soffiare nel vento o di portare legna nel bosco.

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 gennaio

Differenziata, la media si attesta al 78,12 per cento. Filiberti: "Non ci fermiamo qui"

Si è casta quando non si ha una solida formazione etica, politica e culturale

Danilo Giulietti relaziona su "Luce e colore". Conferenza ISAO a Palazzo Coelli

"Ricordiamoci di ricordare". Spettacolo al Palazzo Baronale

Pronta la nuova convenzione per l'adesione alla Centrale unica di committenza

Giorno della Memoria, due giorni di eventi per ricordare la Shoah

Nuovo Comitato Uisp Orvieto Mediotevere, Federica Bartolini presidente

Di un Eden

Bandiera Canadese

Allora non esisteva l'Erasmus

La Vetrya Orvieto Basket viene travolta dal Bastia

Lucetta Scaraffia ospite del ritiro mensile del clero della Diocesi di Orvieto-Todi

Una sconfitta, una vittoria e un pareggio per l'Orvieto FC. In settimana esordio per gli Allievi

"Dall'Amiata alla Valle del Tevere: ancora geotermia industriale o un altro sviluppo è possibile?"

Al Mancinelli Ashira Ensemble propone "Un volo leggero...Per rispondere con la vita"

Omaggio alla Catalogna. Musica, letture e mostra per il Giorno della Memoria

Esperti a convegno al Palazzo dei Congressi su "Nuove prospettive in Neonatologia"

L'Unitre Orvieto presenta il secondo quadrimestre di attività

Nasce l'associazione "Orvieto Runners". Tra gli obiettivi, la promozione del Trail Running

Letture e film a scuola per non dimenticare

Design, Verdi, Pissaro e Santa Rosa. La settimana allo Spazio Pensilina

Province, con tagli previsti a rischio blocco servizi al cittadino. Il dossier Upi presentato in Commissione Parlamentare

Terremoto, Rifondazione si appella al Consiglio Regionale: "Riappropriamoci di un intervento autonomo come nel 1997"

Fine settimana da dimenticare per la Cestistica Azzurra Orvieto

Consegnato a Cascia il secondo modulo abitativo provvisorio

"Fermate il pagamento della Tosap: poca comunicazione, cittadini in difficoltà"

Sul ruolo delle associazioni in generale e sulla Val Di Paglia Bene Comune in Particolare. Meglio chiarire

Terzo calanco? Redde rationem nel PD

Dal 12 febbraio a Orvieto il nuovo Corso di qualificazione professionale per sommelier

Imu agricola: il Tar del Lazio non conferma la sospensiva

Servizio idrico: il recupero del deposito cauzionale crea problemi agli utenti. Luciani interroga il sindaco

Ciconia - Umiltà, impegno e lavoro: la strada del successo secondo Francesco Romanini

Truffa dell'incidente alla figlia, anziana ci rimette 600 euro. Indagini a tutto campo

Opere previste dal Consorzio Val di Chiana per la mitigazione del rischio di esondazione del fiume Paglia, argomento su cui riflettere

Cordoglio per la scomparsa dell'agente di Polizia, Lorella Manglaviti

Imu agricola: il Consiglio dei Ministri cambia le altimetrie

Nel "Giorno della Memoria", Augusto Cristofori riceverà la medaglia d'onore della Repubblica

Polizia Provinciale: oltre 7 mila controlli in un anno, ma ora c'è il rischio che tutto svanisca

Orvieto Basket. L'under 19 torna alla vittoria nella trasferta contro Ponte Vecchio

Da Miami all'Azzurra Orvieto, Joanna Harden è pronta a scendere in campo

Altro derby umbro per Zambelli Orvieto che ospita il Trevi

"Il ricordo del gesto eroico di Aldo e Francesca Faina" e proiezione di "Corri ragazzo corri"

L'Istituto d'istruzione superiore scientifico e tecnico presenta il "Progetto formativo d'istituto"

Avvio partenopeo per "Risate & Risotti", poi a Orvieto per San Valentino

Azzurra Ceprini Orvieto – Reyer Venezia, palla a due iniziale al PalaPorano

Letture, flauto e violoncello al Museo delle Terrecotte