opinioni

È di te, Orvieto, che si parla in questo scritto

domenica 19 marzo 2017
di Mario Tiberi
È di te, Orvieto, che si parla in questo scritto

Si racconta, da secoli e secoli, di una gazza ladra che profittava del sudore altrui per procurarsi, surrettiziamente, il necessario alla sua esistenza. Ma lo scoiattolo se ne avvide e corse ai ripari, ripagandola con una moneta così punitiva da lasciarla stecchita al suolo. Anche tra gli esseri umani, spesso, si assiste a fenomeni del genere, oscillanti tra il filisteismo farisaico e il perfido cinismo. La politica poi, o meglio l’avventurierismo politicante, ne sono pieni fino all’orlo della gola.

E’ profondamente immorale il comportamento di chi intende banchettare, senza colpo ferire, sfruttando le sgobbate e le fatiche non sue, ma la morale sottesa alla fiaba dello scoiattolo e della gazza ladra dovrà a lui suonare come monito e severo avvertimento. Vi sono, però e per retta sorte, anche coloro che intendono prendersi cura dell’altro, singolo o in società, a prescindere da calcoli utilitaristici o da tornaconti personali. E’ di costoro che intendo scrivere. Esiste, infatti, ed è rimarchevole la circostanza che, in un momento storico dominato da un ritornante riflusso nel privato, amiche ed amici a me cari si diano ancora udienza per dedicarsi agli affari generali della collettività e non solo al tempo del divertimento e dello svago.

Sono istanti, poiché di istanti si tratta, di pregevole ritorno al nobile esercizio della politica, quella vera e seria e che si sostanzia nel confronto delle idee, nell’analisi dei problemi comuni e nella democratica discussione di quali siano le vie migliori da percorrere per portarli a positive e concrete soluzioni. In tali attimi non mancano di certo diffusi riferimenti ai tre nodi cruciali che da tempo affliggono l’acropoli orvietana e che, se non sciolti, tenderanno a frenare ulteriormente la sua già inceppata crescita e il suo già grippato sviluppo: la viabilità veicolare interna perché i varchi elettronici, così come sono stati congegnati, non funzionano e richiedono un profondo riesame alla ricerca di un più intelligente equilibrio tra le esigenze dei residenti e quelle degli operatori economici che, caparbiamente, intendono continuare a realizzare impresa nel centro cittadino; la riconversione a fini civili e produttivi della Piave, di cui ho dissertato in altra sede, ed anche dell’ex Ospedale di piazza Duomo perché troppo tempo è passato invano ed è ora che si ponga mano, finalmente, ad un progetto di rifunzionalizzazione credibile, coinvolgente e tempestivamente attuabile; la riqualificazione artistica, architettonica e urbana del quartiere Medievale perché quel quartiere è stato per secoli il cuore pulsante della nostra città e lo dovrà essere anche per l’oggi e il domani con la sottintesa necessità che, ad esso, saranno da rivolgere le attenzioni e l’impegno di cervelli pensanti di alto profilo e indiscusse capacità.

Anche codesti colpevoli omessi interventi, assieme a cause di natura partitocratica, hanno contribuito e contribuiscono tutt’oggi alla crisi di governo cittadino che, ad ampie falcate, si sta profilando su un orizzonte già cupo e fosco di per se stesso.  Il popolo, lo si sa, è stanco di sole vacue parole e dimostra, a più riprese, indifferenza e scetticismo allorché non riesce ad intravedere esempi di effettuali comportamenti, adeguati e coerenti rispetto alle mere espressioni verbali. E’ pur vero, però, che non partecipa o partecipa punto alle scelte che lo riguardano, in parte per sua pigrizia, e in larga misura per disaffezione e sfiducia verso coloro che tengono in mano il timone del vapore. E’ necessario, allora, ribaltare i poli dell’azione politica, riconsegnando alla base popolare gli strumenti per intervenire e far sentire la sua voce.
Il significato di cui in premessa risiede proprio in codesta riacquisita volontà di partecipazione che, poi, altro non è se non il sale della democrazia: di genuine intellettualità necessitiamo e ad esse rivolgiamo il nostro sguardo e la nostra supplica.

Un tal Descartes, in arte Cartesio, pensò che pensando ne conseguissero inevitabilmente le condizioni dell’essere nella visione tridimensionale del tempo, dello spazio e della profondità concettuale, eppercui ogni uomo esiste a prescindere dal fatto che ciò gli venga o meno riconosciuto dai suoi consimili; un tal’altro, di nome Aristotele, ha lasciato scritto che per esistere non è necessario filosofare ma, per capire fino in fondo che per esistere non è necessario filosofare, bisogna filosofare. Allora, le conseguenze sono ovvie: gli intenti di garantire a tutti esistenza, nella specie politica, non sono il frutto di una concessione sovrana in quanto, il diritto e la possibilità di esistere, sono insiti nella corteccia cerebrale di ogni intelligenza umana; rimane, dunque, la manifestazione d’intenti intesa come promessa impegnativa, ed ogni promessa è un debito che, una volta assunto, va sempre onorato.

 

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 settembre

Democrazia e libertà in pericolo a causa delle ingiustizie

Il Trofeo Agricola Zambelli torna nelle mani di Orvieto

Il mio paese

Complimenti dal Canada per Francesco Barberini. A breve, nuovo video sul Monte Rufeno

Attendo la voce di lei

Un giorno, una rosa

La pace

Orvieto Fc. Dopo l'esordio in campionato, ecco le prossime iniziative stagionali

Olimpieri: "Sindaco Germani, diserta l'incontro con una corrente Pd su sanità e sociale"

Campitello - Orvietana gara al cardiopalma, pari e tanti gol

La sfida di Viterbo: ''Le Olimpiadi? Le organizziamo noi''

Franco Pilato presenta il libro "Una rosa...rinascerà"

Dalla Regione oltre 153 mila a sostegno della genitorialità

Porte aperte a Palazzo Coelli. La Fondazione Cro rinnova al pubblico l'Invito a Palazzo

Azzurra Ceprini Orvieto. Amichevole sottotono per le biancorosse

Monteleone accoglie immigrati. Pd: "Avviamo un coordinamento comune con le altre amministrazioni"

Week-end di sangue sulle strade. Consap: "Si rifletta sulla soppressione dei presidi della polstrada"

I turisti scelgono il Monte Peglia. La soddisfazione del sindaco Marinelli

Confetti rossi per Jessica Federico. All'Unitus il primo detective è di Orvieto

Maledetti toscani

Senso unico alternato su tre provinciali dell'Orvietano. Lavori anche lungo la Bagnorese

Pronto riscatto per la Vetrya Orvieto Basket

Geotermia, Brega torna sul territorio per dialogare con i cittadini

Come scegliere il percorso universitario? Tre consigli per i neodiplomati interessati al Diritto

Giornata di studi su "Il Duomo e l'Opera del Duomo di Orvieto all'inizio del Duemila"

Decima seduta del 2016 per il consiglio comunale. In 23 punti l'ordine del giorno

La Zambelli Orvieto arricchisce la sua bacheca e prepara altre verifiche

Luca Tomassini entra nel Comitato Leonardo: "Il gruppo Vetrya, promotore della qualità italiana nel mondo"

Legge 40, Eutanasia, Ricerca. A Orvieto il decimo congresso dell'associazione Luca Coscioni

'Orvieto con gusto' si veste d'autunno. Al via da sabato l'edizione n. 14

Nasce "Comune di Orvieto nel WeekEnd". Protesta creativa e disservizi della P.A.

Venerdì al Palazzo dei Sette la presentazione del Comitato Rivoluzione Cuperlicana

Concerto di pianoforte per l'inaugurazione del X Congresso dell'Associazione Luca Coscioni

Giornate del Patrimonio, Invasioni digitali e...la Compagnia delle lavandaie della Tuscia

Via Romea Germanica, grazie a tutti

Approvato il bilancio di previsione del Comune di San Venanzo

Pasti non consumati nelle mense a favore del canile municipale di Orvieto. Con interrogazioni bipartisan il caso arriva in Parlamento

Fissate le date per l'apertura della caccia al cinghiale. Si inizia il 3 ottobre

Al via il quarto torneo Telematica Italia. Due giorni di grande basket al PalaPorano

CSCO: intervista a Tim de Noble, Professor and Dean Kansas State University. Una collaborazione che potrebbe estendersi

L'ordinanza per la viabilità

Lettera al dirigente Gaudino 2

Giornata Europea del Patrimonio, a San Venanzo visite guidate al Museo e al Parco Vulcanologico

Tiberi (Fdi) presenta un'interrogazione sulla SP 54

Sabato giornata di mobilitazione cittadina per dire no alla soppressione del tribunale

I giovani e la cittaslow che vorrei. Domenica, la presentazione dei risultati dell'esperienza di scambio Orvieto-Levanger

Trecento cavalli all'ombra del Duomo per il 42esimo equiraduno nazionale della Fitetrec-Ante

L'ordinanza per la viabilità

Nuove nomine in Curia. E' monsignor Antonio Cardarelli il vicario generale della diocesi di Orvieto-Todi

Meteo

martedì 26 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

21:00 14.0ºC 84% buona direzione vento
mercoledì 27 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 18.3ºC 65% buona direzione vento
15:00 22.1ºC 46% buona direzione vento
21:00 14.9ºC 84% buona direzione vento
giovedì 28 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 19.0ºC 65% buona direzione vento
15:00 21.4ºC 44% buona direzione vento
21:00 13.7ºC 79% buona direzione vento
venerdì 29 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 18.3ºC 62% buona direzione vento
15:00 21.4ºC 48% buona direzione vento
21:00 13.9ºC 78% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni