opinioni

Insorgenza politica per risorgenza sociale

domenica 12 febbraio 2017
di Mario Tiberi
Insorgenza politica per risorgenza sociale

Il cambiamento epocale avviatosi negli ultimi decenni del secolo scorso e costellato da molteplici crisi di modelli, di ideali e di appartenenze socio-politiche, sta producendo effetti che stanno andando oltre le previsioni di molti attenti ed acuti osservatori. La fine dei blocchi contrapposti ha comportato un conseguente indebolimento delle ideologie che, quasi del tutto incontrastate, avevano retto la politica italiana nei cinquant’anni successivi alla seconda guerra mondiale. Si sono così, da un lato, liberate energie assopite nella società e, dall’altro, covati nuovi corporativismi e campanilismi. La globalizzazione e l’intensa modernizzazione hanno operato il resto.

Di fronte a tutto ciò, lo smarrimento, l’incertezza del presente e del futuro, il deprezzamento e lo svilimento del senso etico e di quello civico, hanno preso progressivamente corpo e contagiato di resistenti virus le fondamenta dello Stato post-illuministico. In questo crogiuolo, la crisi delle ideologie e delle identità culturali ha travolto anche un elemento specifico della politica e, cioè, quello di tracciare e di indirizzare le mutazioni genetiche dell’economia e della società. La modernità ha cambiato il mercato del lavoro, l’organizzazione della produzione, le dinamiche dello scambio e le regole dei flussi finanziari, mentre la politica stessa è rimasta al palo: in sostanza il capitalismo di tipo occidentale ha subito un’evoluzione complessa, ricca sì di opportunità, ma anche di enormi problemi e le conseguenze negative le stiamo misurando nell’attuale drammatica crisi.

Chi paga di più il prezzo di queste trasformazioni è la cosiddetta “Sinistra Storica”. Non solo la Sinistra più legata alla storia contadina ed operaia, ma anche la stessa socialdemocrazia. La fine del comunismo non ha lasciato diffusi rimpianti, ma il vuoto non è stato colmato appieno. Il socialismo ha tentato la via democratica con incisività, ma i troppi errori commessi gli hanno tarpato le ali. Per obiettività, il tentativo più coraggioso è stato esperito dalla socialdemocrazia e, in Germania e in Inghilterra, ne abbiamo avute le prove con i loro più autorevoli esponenti divenuti apprezzati Capi di Governo. L’esperienza italiana è stata bloccata dalle troppe divisioni interne e dalla mancata o troppo lenta evoluzione della sua componente principale, quella che fu impersonata dal partito comunista nostrano.

Resta il fatto che la socialdemocrazia ha avuto un ruolo che poteva essere da protagonista e, nonostante il conclamato fallimento del liberismo, comunque annaspa e non sa trovare una linea politica vincente in quanto convincente. Non appare in grado di saper interpretare quella prospettiva di buongoverno, di moralità, di sicurezza sociale, di sviluppo economico che dovrebbe esserle propria e le sue intrinseche difficoltà vanno ben oltre l’orizzonte socialdemocratico, andando ad incidere profondamente su tutto lo schieramento a parole progressista, ma conservatore nei fatti e dunque ad inevitabilmente uscirne indebolito.

Lo stesso cattolicesimo democratico, che pur non ha al suo passivo il fallimento storico del socialismo reale, sembra annebbiato non tanto e non solo per debilitazione dei suoi valori portanti, ma per caduta di incisività nel proporli in chiave moderna. A questo punto è necessario andare oltre: la ricerca, ancora agli inizi anche se chiaramente indirizzata al nuovo, di energie politiche emergenti capaci di dar vita ad omogenei soggetti di rottura con il passato vuol significare, per tutte le istanze del riformismo democratico-rivoluzionario, costruire risposte nuove alle domande che la modernità ci pone e ci impone.

Tra le principali questioni che includono aspetti programmatici e politiche di governo, ne evidenzio due. La prima riguarda quella che, personalmente, considero la primaria immagine caratterizzante l’odierna fase storica: l’impoverimento delle classi medie. La ricchezza e la povertà sono gli estremi di una condizione sociale che coinvolge la maggioranza della popolazione, all’interno della quale, la massificazione ha trasformato ceti sociali che erano ben distinti tra loro nel reddito, nei costumi, nelle prerogative, in un’unica grande palude che possiamo a ragione definire come i nuovi “ceti popolari”. Non che tutti siano uguali; le differenze di reddito e di cultura permangono, ma la condizione generale è la stessa: la crescente fatica quotidiana, più morale e non solo materiale. La ex classe operaia si trova dentro questo nuovo mondo assieme alla piccola e media borghesia e le conseguenze, anche elettorali, sono evidenti poiché una visione al ribasso e solamente pauperista dei fenomeni sociali non può cogliere il soffiare impetuoso dei venti del rinnovamento e della trasformazione.

La seconda riguarda la natura e la qualità della democrazia. La democrazia politica, quella insegnata a scuola e caratterizzata dal diritto al voto e dai diritti civili, non basta più per governare le esplodenti questioni economiche e sociali. Non so se la definizione di “economia sociale di mercato”, così abusata e cara sia a destra che a manca, risponda davvero all’esigenza di una moderna idea di capitalismo illuminato. Preferisco parlare di democrazia economica, intendendo con ciò originali forme di partecipazione e di governo delle sempre più accelerate dinamiche sociali. Si pensi, ad esempio, al ruolo crescente di novelle configurazioni di rappresentanza, come i consumatori o gli ambientalisti o le associazioni di cittadinanza attiva: insomma quel complesso universo degli emergenti che si sta a pieno titolo affiancando alle tradizionali, talvolta obsolete, ma non ancora del tutto superate rappresentanze del lavoro e delle professioni.

La conclusione politica di queste riflessioni è la seguente: ciò che serve è una nuova stagione del Pensiero e dell’Azione ed anche, mi pare di poter dire, di un rinnovato entusiasmo fondato sull’idea che viviamo, nonostante tutto e con tutte le difficoltà dell’oggi, in un’epoca “costituente”. Dobbiamo, dunque, coraggiosamente lasciarci alle spalle il novecento e immergerci nella Storia di oggi e di domani, cogliendo i “segni dei tempi” attraverso quell’approccio, anche soggettivo, che ci viene dal cuore della nostra migliore tradizione culturale rappresentata, tra le altre, dall’incipit della Enciclica Giovannea “Gaudium et Spes” e che recita: “Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d’oggi sono le nostre”. Quanta politica popolare, democratica e di reale progresso potrebbe ricominciare da qui…!

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 aprile

"Kaki Tree Project". Semi di pace per l'inaugurazione del Giardino delle Farfalle

"Orvieto a tutta Birra". Per tre giorni, la birra artigianale fa festa in Piazza del Popolo

Assemblea pubblica su "La chiusura dell'Ospedale e del Pronto Soccorso di Città della Pieve"

Zambelli Orvieto riapre le porte del PalaPapini per ospitare l'ostica Firenze

Olimpieri (IeT): "Un altro colpo alle attività produttive, bravo Germani"

In più di 150 per la "Festa del Ruzzolone". Il sindaco Terzino: "Orgoglioso di questo gruppo"

Laura Palmese (Orvieto Fc) verso il Torneo delle Regioni con la rappresentativa umbra femminile di Mister Pierini

Liberazione, la Consulta dei Giovani di San Venanzo incontra le scuole

L'assessore Gnagnarini replica a Olimpieri: "Le tasse e i ciarlatani"

Per "Amateatro", la Compagnia del Cantico porta al Boni "Cani e Gatti"

Approvato il calendario scolastico 2017-2018. La campanella suonerà il 13 settembre

Francesco Barberini vola a Napoli con il WWF e trova anche i dinosauri

Dal CIPE le risorse per i lavori al cimitero di Casemasce

Nell'anniversario della morte di Eleonora Duse

Si riunisce la Consulta del Lago di Bolsena. "Una risorsa da tutelare"

Al via la mostra-mercato delle eccellenze agroalimentari in centro storico

Seminario CIA sul registro telematico vitivinicolo. L'Umbria ha aumentato l'export di vino dell'11,35%

Valerio Natili eletto segretario generale regionale Fisascat Cisl e Fist Cisl Umbria

"Antitodi e tecniche contro l'antipatia digitale". Seminario al Palazzo dei Sette

"Sono i cittadini i primi a subire le conseguenze di una disorganizzazione organizzata"

Il Ministero dell'Interno conferma i presidi di Polfer e Polstrada

Al via la XXII edizione de "Il Libro Parlante". Gli appuntamenti di primavera

A maggio, Fiaccola Olimpica in Piazza Duomo. In Comune, la premiazione di "Ragazzi in gamba"

Nel 72esimo Anniversario della Liberazione, "Orvieto Cammina" per la libertà

Tre giorni di festeggiamenti a Baschi in onore di San Longino

Davide vs Golia, punto di vista sulle Primarie Pd

Accordo di collaborazione tra la Chinese Academy of Sciences e l'Università della Tuscia

Domenica su due ruote con il Vespa Club, arriva "Orvieto in sella"

Gianni Minà dialoga con Stefano Corradino: "Documento da cronista, vivo da protagonista"

Storia e cronaca della Resistenza italiana ed europea, arriva la mostra dell'Anpi

Scuola Keikenkai: sei campioni Italiani e cinque in attesa della maglia azzurra

Inaugurato il primo "Unitre Smile" realizzato dalla Bottega Michelangeli

Soddisfazioni in casa Radio Frequency Expert. Suo, il lotto Centro Nord

Ferma lo scuolabus e mette in salvo una bambina, poi muore

Sindaci protagonisti del cambiamento

Lo scandalo di potenza sui conflitti di interesse al mise si allarga alla geotermia

Gianluca Foresi modera il Meeting Nazionale delle Fondazioni a Gravina di Puglia

Test di successo il primo "Wine Show Orvieto, gemellato con il 50esimo della Castellana

Scampagnata del 1° Maggio nel Convento dei Cappuccini con Letteralbar

Senso unico alternato e chiusure sulla provinciale 46 di Tordimonte

Il Comune aprirà la sfilata in Vaticano per la 32esima edizione di "Viva la Befana"

In mostra le opere di Francesco Catteruccia. Proseguono i festeggiamenti per la S.Croce

Il Comune condannato dal giudice del lavoro. "Denaro pubblco speso male"

Superare ansia e timidezza

L'Ipsia di Orvieto in visita al Centro di Formazione Enel di Terni

Robert Glasper Experiment una Liberazione R&B al Museo del Vino

Marco Iacampo live al "Valvola". Presenta l'album "Flores"

Il Duomo non è un museo

In mostra le opere di Marco Gizzi. Al Palazzo dei Sette, cavalieri e templari

Passaggio del testimone per la Staffetta del Cuore a favore di Marco Simoncelli

Il PCdI esprime soddisfazione sull'incontro con don Maurizio Patriciello

"100 fiori contro la geotermia". Giornata di mobilitazione interregionale

Auguri a Rita Levi Montalcini. Per i suoi 101 anni diretta da Bologna a rete unificata. Dalle 21 di giovedì 22 aprile 2010 segui l'evento su Orvieto.TV

Gala Five: salvezza raggiunta!

Un aiuto per Haiti. "Hachiko" al Cinema Corso con il Volontariato di S. Vicenzo

Villalalago e Villa Paolina di Porano nella “Rete regionale di Ville, Parchi e Giardini”

Verso la quadratura del Bilancio? Sembrerebbe portare ossigeno il rinnovo della convenzione tra Comune e ATC

Dalla Provincia in arrivo 80.000 euro per la SP "del Piano" a Orvieto

Chiusa la stagione teatrale con Arnoldo Foà, al Mancinelli arriva a sorpresa Enrico Brignano

Scuola di Musica. Oltre 2000 firme a sostegno dell'Istituzione. A fianco degli insegnanti anche i Sindacati

Lettera aperta del Comitato antirumore. Improponibile la bozza di regolamento. Ecco le nostre proposte

L'Intercom dell'Orvietano conferma l'efficacia e l'efficienza della funzione associata di Protezione Civile su base comprensoriale

Eurotrafo. Preoccupazioni dell'UGL per la delocalizzazione. L'azienda: è grazie alle commesse da Cina e India che stiamo salvaguardando la produzione a Fabro

Precisazioni di Confcommercio sulla riunione per il QSV: "Non abbiamo cacciato nessuno, è la legge regionale che detta gli interlocutori della concertazione avanzata"

Commissariare il Comune? Forse prima si dovrebbe commissariare il Pd...

Si getta dalla Torre dell'Albornoz. Muore giovane uomo di Porano

Condanna mite per Oriano Ricci. Domani subentrerà in Consiglio Comunale a Maria Antonella Annulli