opinioni

Smettiamola con le discariche

martedì 22 settembre 2015
di Taira Bocchino - Presidente Amici della Terra Orvieto
Smettiamola con le discariche

Per prima cosa dobbiamo fare i conti con la realtà, e dunque assumere un atteggiamento di responsabilità, nel senso di ricercare (progettare o ipotizzare) e poi praticare finalmente atti e azioni (vederli realizzati in tempi certi) conseguenti. Cioè in pratica, non prendiamoci in giro.

Nel suo ultimo aggiornamento/adeguamento (2015) del Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti (PRGR), la Regione dà un sacco di numeri, ma soprattutto si affida alla speranza che una quantità di ipotesi possano avere fondamento. Abbiamo molti dubbi, se non altro perché i comportamenti reali finora adottati non fanno sperare nulla di buono. Molta speranza riposta in un sistema che ancora arriva a concepire la Discarica di Orvieto strategica per l’Emergenza rifiuti, e senza che nessuno si sia scandalizzato.

1. La prima perplessità, per non dire sconcerto, è nel considerare coincidenti “Raccolta Differenziata” e “Recupero di Materia”. Si tratta di due cose completamente diverse. Non è infatti automatico che dalla RD si tragga Recupero di Materia. Ad esempio se abbiamo una RD fatta male, non accurata, tipo una finta RD, non abbiamo nessun recupero perché tutto quel raccolto realisticamente va a finire in discarica o in un inceneritore. Che la cosa vada a finire così lo possiamo desumere dal fatto che non esiste alcuna informazione sul valore, il ricavato in € corrispondente alla Materia recuperata o ad un processo di riciclo, che sarebbe l’unico esito che giustifica una Raccolta Porta a Porta. Per cui si va a spendere una cifra ingentissima per una raccolta che non produce nulla di significativo. Quindi, se si azzardano delle cifre sui quantitativi di Raccolta Differenziata una Amministrazione dovrebbe dettagliare puntualmente il valore economico ricavato da quella operazione, altrimenti si tratta di mistificazione. La gran parte (vorremmo sapere esattamente quanto) dunque di una Raccolta siffatta finisce in discarica e forse è per questo che il volume di smaltimento in discarica non accenna a diminuire. E quindi non possiamo accettare che i dati sui quantitativi dichiarati di RD possa rappresentare una riduzione dei flussi di smaltimento in discarica.

2. In secondo luogo viene disatteso un obbligo che impedirebbe lo smaltimento in discarica di materie potenzialmente riciclabili. In realtà la stragrande quantità dello smaltito corrisponderebbe a materie che finiscono lì solo perché non hanno subito una adeguata differenziazione. Allora qualche malfidato potrebbe sospettare che si possa fare affidamento su una grande disponibilità di un “semidifferenziato” addirittura sottratto al recupero o al riciclo in realtà bell’e pronto per essere incenerito diventando ad esempio CSS. Inoltre non si comprende, in questo senso, la autolimitazione del Recupero di materia al 65 – 68% se non per il raggiungimento delle quantità programmate (o meno) di CSS.

3. Nello stesso Adeguamento al PRGR dunque il ruolo della discarica resta del tutto strategico. Addirittura si prevede una crisi di disponibilità al 2016/2018 per esaurimento di spazi nelle discariche umbre, quando ad esempio ad Orvieto sono in corso, per evitare l’Emergenza Rifiuti, Le Grandi Manovre per un prolungamento della vita della stessa discarica addirittura al 2037 ! In parole povere, invece di allarmarsi per il rapido esaurimento delle discariche non si cerca altra soluzione se non la ricerca di nuove discariche o ampliamenti ingiustificati delle esistenti.

4. Nell’Adeguamento del PRGR del 2015 viene contemplato peraltro non solo l’utilizzo del CSS per gli inceneritori (compresi quelli associati ai cementifici), ma anche la praticabilità del ricorso all’inceneritore/termovalorizzatore sia all’interno alla Regione sia all’esterno. A questo punto diventa francamente difficile comprendere l’ostilità verso un inceneritore interno alla regione e invece non obiettare nulla se, mettiamo, posto sul confine benché fuori regione.

5. In conclusone non possiamo non rimarcare che lo stato attuale della gestione dei rifiuti in Umbria è gravemente arretrato: lo strumento centrale sono le discariche, per il resto praticamente nulla aldilà di dati e affermazioni oltreché generici, non verificati o validati in modo non trasparente.

Come vediamo l’inceneritore o come si voglia chiamarlo è previsto dai documenti regionali. Il problema è che allo stato attuale tutto si regge su una impiantistica limitata alla discarica. Qualunque opzione oggi deve procedere dalla cancellazione immediata della discarica come assetto centrale per la gestione dei rifiuti, quindi con un cambiamento radicale rispetto allo stato attuale.

Ogni ulteriore opzione deve fare i conti con questo profilo, di non fare più affidamento sulla discarica. Dunque l’opzione inceneritore è secondaria, ma diventa ineludibile e necessaria per il raggiungimento di questo risultato, ovvero quello di limitare il ricorso alla discarica in una misura non superiore al 3/5% del totale del monte rifiuti. E’ solo questo che consente ad un Piano di essere sostenibile. Si può scegliere, se le norme lo consentono, di utilizzare un impianto prossimo, ma è irrealistico escludere tale opzione. E’ del tutto evidente che diventa rilevante l’altra componente, quella della effettiva capacità di recupero della materia, oltre al complesso delle “buone pratiche”.

Tuttavia ogni diversa opzione, che perdipiù non tenga conto della scarsa capacità dimostrata dalla pubblica amministrazione, almeno fino ad oggi, di saper governare il tema, non può che comportare il ricorso più o meno massiccio alla discarica, e questo non è accettabile, non solo dalle regole e dalla legge, ma anche dalla logica (oltre alle sanzioni e multe europee che pochi incapaci ci obbligano a pagare).

Di conseguenza il primo atto che ci aspettiamo da parte della Regione, se decide di essere congruente con gli orientamenti più evoluti e avviarsi sulla strada della sostenibilità, è di respingere ogni e qualsiasi richiesta o progetto di ampliamento o incremento della discariche dell’Umbria, a partire da quella di Orvieto, e promuovere la rigorosa tutela delle disponibilità ancora in essere come risorsa non ripetibile.

Operare finalmente sapendo che le discariche non esistono più.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 settembre

Sfilata di moda lungo Corso della Repubblica per Duedimè Concept Store

Amici della Terra: "Finalmente riconosciute le nostre ragioni"

Paolo Ricci, il gioiellino di Orvieto dagli Allievi Elite del Montefiascone al Savio

Cena del Serancia a Torre San Severo. Palazzo Simoncelli si veste di bianco rosso

No al terzo calanco, "Sentenza che cambierà la storia dei rifiuti in Umbria"

Al PalaPapini Zambelli Orvieto fa le prove generali col Baronissi

Festa dell'Arte all'Università della Tuscia, per sentire e vedere

Cane malato e abbandonato. L'appello: "Fate qualcosa per aiutarlo"

Con Maria a Roma, da Papa Francesco a bordo del treno storico

Incendio alla Piscina, in corso i lavori di pulitura. Si riapre ad ottobre

Pulizia del centro, troppo rumore e disagi. Germani: "Verifiche in corso"

Inquinamento acustico in Strada del Piano, soluzioni in alto mare

Varchi in Via Soliana e Via Malabranca, partiti i lavori

Contributo all'Associazione Lea Pacini, botta e risposta in Consiglio

"Ticket sanitari, il problema esiste". Il 5 ottobre incontro tra Conferenza dei sindaci e Usl Umbria 2

Prelevati soldi dal fondo di riserva: spesi in cultura, servizi e sport

Ratificata dal Consiglio la variazione di bilancio per la manutenzione della Scuola Barzini

Niente Stati Generali del Turismo. "Non c'è alcuna intenzione di ascoltare"

Verso il "Patto per la Sicurezza" del territorio, va avanti la burocrazia per la video-sorveglianza

Liste d'attesa sulle prestazioni sanitarie. Sì unanime del consiglio all'ordine del giorno

Tappa nell'Orvietano per il "Press Tour Umbria" sulla Via Romea Germanica

In mostra alla Casa del Vento due capolavori del Rinascimento

"Come mia madre", una mostra per celebrare il mese mondiale dell'Alzheimer

La Sezione Comunale Avis di Giove festeggia vent'anni di attività

Galgano (CI): "Bene lo stop al terzo calanco, ha vinto la comunità"

Sicurezza urbana, la Regione Umbria vara il piano di programmazione

Settore estrattivo, interrogazione di Nevi (FI) sugli intendimenti della giunta regionale

Adesione "Puliamo il Mondo 2017". Grassotti: "Un'occasione importante"

Ippocastani secchi in Viale IV Novembre, disposta l'ordinanza per l'abbattimento

L'esperienza di gestione di lupi e cinghiali del Parco dei Sibillini approda in Portogallo

Laureati, in Umbria 1.320 assunzioni nel trimestre. Ecco dove

"Sharper 2017". Duecento volontari per la Notte Europea dei Ricercatori

Premi alle associazioni in cammino lungo la Via Francigena

Sanità, Cittadinanzattiva e TdM incontrano i cittadini al Circolo di Ciconia

Interventi sulle condotte idriche, possibili interruzioni del servizio

Addio alla Scuola per Adulti: la denuncia "Il Comune rinuncia senza reagire"

Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, Marco Fratini entra nel consiglio di indirizzo

Frate Alessandro Brustenghi, la voce di Assisi dona voce all'organo del Duomo

Le Giornate Europee del Patrimonio 2016 portano "Sotto e Sopra la Città"

Con "ChocoMoments Orvieto", scatta l'ora dei golosi. Tre giorni da leccarsi i baffi

L'Unitre inaugura il 26esino anno accademico. Recital al Palazzo Comunale

Michele Fattorini in Sicilia: "L'errore ci può stare, proveremo a rifarci"

Istruzioni per l'uso del compleanno

La Zambelli Orvieto torna in campo a Firenze

Poggio Gramignano, Chiesa della Collegiata e musei aperti per le Giornate Europee Patrimonio

"Orvieto sempre più distante da Roma". Sacripanti chiede conto della soppressione dei treni

Come un tremore

Province, entro fine mese tutto il personale avrà la sua destinazione

"AMAtriciana della solidarietà" in Piazza Roma

Memorial Alessio Corradini, il programma della giornata

"Architettura e Natura", chiusa la quarta edizione. Positivo, il bilancio [Video]

Seconda edizione per la Giornata della promozione dello sport e delle attività ricreative

Corso sulla cura dell'ictus e integrazione interna all'Usl 2

Ricordando Margherita

"Orvieto diVino". I vini della Rupe al simposio internazionale in Ambasciata d'Italia presso la S.Sede

Ultimo saluto all'uomo schiacciato dal crollo del solaio della propria abitazione

Promozione e marketing turistico, incontro in Comune per gli operatori del settore

Ventennale di OCC. Nel fine settimana, stand Fisar e incontro "Oltre il cancro...10 anni dopo”

Festa della Madonna della Mercede. Il programma completo, l'ordinanza della viabilità

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni