opinioni

Orvieto Felice e le idee nuove (nuove?) per la cultura.

lunedì 20 ottobre 2014
di Gianni Marchesini
Orvieto Felice e le idee nuove (nuove?) per la cultura.

Avremmo voluto evitare, ma Dante Freddi su Orvietosi, dopo Gian Luca Foresi, riguardo a questa faccenda delle “idee sulla cultura”, ci alza la seconda palla e allora ci vediamo costretti a schiacciare.
Anche se Pier Luigi Leoni quando titola nel suo (da me auspicato) intervento: “Idee nuove (?) per la cultura”, con quel punto interrogativo frapposto già fa capire che le idee di Gian Luca Foresi non è che siano così nuove, cogliamo al volo questa opportunità per dire finalmente come stanno le cose.
Circa due anni prima che finisse la legislatura Concina lanciammo un’idea su “ZORRO”, un giornaletto che un piccolo contributo alla cultura cittadino-popolare lo ha dato e speriamo potrà continuare a darlo.
L’idea era partita dall’architetto Flavio Leoni che una sera ci fece notare che la rupe d’Orvieto era un grande schermo. Perché, pensammo, allora non proiettarci le date e i titoli degli eventi e non solo di quelli che si svolgono a Orvieto? Sarebbe stato un buon affare per il Comune ché, venendo da Firenze, la rupe si comincia a scorgere fin da otto chilometri prima del casello.
Facemmo il conto di non so quante persone passassero sull’autostrada di notte.
L’investimento era minimo e la legge, come spiegava nell’articolo scritto su ZORRO il colonnello Vinciotti, lo rendeva possibile.
L’idea non era mica tanto una chiacchiera fatta al bar.
E così fu suggerita a chi di dovere. D’altronde la Rupe è del Comune. Bisogna dire che fu presa con entusiasmo ma non se ne fece niente.
Rilanciammo.
Nonostante avessimo creduto tutta la vita nell’impresa individuale e covato una forte ostilità per tutto ciò che assomigliasse al pubblico, in un periodo appannato della nostra vita, facemmo il comunque temuto errore di “Presentare un Progetto all’Amministrazione pubblica”.
E il progetto, molto articolato, consisteva nel delineare un modello di Orvieto, nello strutturare un Organo di coordinamento e di buttarci dentro delle idee che spalmassero i loro benefici nell’economia della città.
Questa operazione, la sua gestione insomma, poteva essere affidata alla Tema. Ecco perché Pier Luigi Leoni parla di Tema Team.
Tutto ciò era stato concepito perché non gravasse di una lira sulle casse del Comune, ma anzi, gli avrebbe portato dei soldi poiché immaginato come un’impresa, autonomo e interlocutore del pubblico come del privato.
Ritenevamo allora e riteniamo tutt’oggi che affidare ad un’agenzia il Palazzo dei Congressi sia davvero una pessima idea perché congresso, convegno, conferenza, seminario, simposio, meeting, tavola rotonda, workshop, educational, special event, kuick, incentive…sono divenuti ormai i segmenti del fu congresso classico e contengono le caratteristiche per essere distribuiti nella città con un giochetto divertente che si mischi alla cenetta, alla visita culturale, allo spettacolo teatrale, alla passeggiata, alla visita alla cantina, all’evento ad hoc costruito e si possa distribuire non solo nel Palazzo dei Congressi, ma in tutti i cosiddetti contenitori che, ci piaceva dire, avremmo fatto diventare contenuti.
D'altronde è’ la città che deve ospitare e muovere i congressi, non certo il Palazzo.
Quindi suggerimmo un Organo che per conto del Comune gestisse tutte le strutture (Pozzo, Palazzi dei Congressi e dei Sette, Albornoz, chiesa di San Francesco, Teatro, Carmine) integrandone le funzioni e che soprintendesse, filtrasse, coordinasse, inventasse eventi culturali e opportunità turistiche, congressuali, riversandole nel sistema città, sistema che fosse via via definito e compreso in un marchio rappresentativo di un modello coerente e visibile.
In questo nostro progetto non facevamo certo chiacchiere e poiché siamo abbastanza creativi e avvezzi ai metodi d’impresa, elencavamo modi e idee dettagliate una delle quali (matrimoni spettacolari) viene enunciata nell’articolo di Pier Luigi Leoni, allora consigliere che ci fu di grande aiuto nella strutturazione del progetto dentro un quadro giuridicamente e contabilmente possibile.
Le ragioni per cui tutto ciò non andò in porto le affidiamo (forse) al carattere emergenziale di quell’amministrazione Concina e alla situazione abnorme che patisce tutta l’Italia pubblica dove il politico è soggetto ai voleri della burocrazia e alla paura ingeneratasi della magistratura.
A quel marchio, (il “brand” come si dice oggi), della cui attuale necessità parla Gian Luca Foresi, noi abbiamo già provveduto. Si chiama Orvieto Felice e con questo brand di Orvieto Felice ora che ci siamo liberati da impegni familiari, intendiamo portare a compimento in questa città le idee, i progetti che suggerimmo, guardandoci bene, questa volta, di affidarli alle faticose impotenze dell’apparato “Pubblico”.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 novembre

A piedi sul "Sentiero dei Vigneti", camminando nella storia con l'Asds Majorana

La Fondazione e la sua partecipazione in Cassa di Risparmio di Orvieto Spa

"Cultura per il No Profit". Un bando per la gestione di tredici gioielli demaniali

Pressing della minoranza, "Sia Orvieto la sede della stazione MedioEtruria"

Nebbia di me

Zambelli Orvieto con grande concentrazione al derby di San Giustino

Ode per la ragazza del Discount

Dentro questo mio accanito desiderio

Caterina Costantini e Lucia Ricalzone al Boni con "Il Club delle Vedove"

Finisce nel fiume Paglia, in buone condizioni l'operaio salvato dai vigili del fuoco

"La rivoluzione giovanile del '68" apre l'anno del Centro di Studio "Bonaventura da Bagnoregio"

Azzurra, Ipc Srl è match sponsor del prossimo turno di campionato

Nuove prospettive turistiche dalla valorizzazione della Via Romea Germanica

Piano di tutela delle acque, la giunta regionale preadotta l'aggiornamento

"Van Gogh Shadow", la cultura multimediale in mostra a Palazzo dei Priori

Sisma, riunione fra Regione, Protezione Civile e Anas per ripristino viabilità

Il Comune incontra i cittadini. Il quarto appuntamento è a Torre San Severo

Glicine dunque

Il Comitato Risparmiatori risponde alla Fondazione Cro

Si presenta il "Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile"

Insieme per dire basta alla violenza sulle donne. Iniziative a Orvieto, in Umbria e a Roma

"La Via della Misericordia nel Lazio. Immagini e riflessioni nell'anno del Giubileo e dei Cammini"

Ferraldeschi (Storia e futuro): "Un'amministrazione comunale che non c'è"

All'Unitre si presenta il libro "Sopportare pazientemente le persone moleste"

Unioni civili. Scontro al calor bianco tra M5S e Sel in consiglio

Sosta gratuita per quattro ore dal 14 dicembre. "Identità e Territorio" contraria

La Regione in campo con 12milioni di euro per il bacino del Paglia, ora la speranza è che partano i lavori

Elezioni Regionali: il Pd ha deciso di concedere il bis a Catiuscia Marini

Caso licenza ex Coop, il Comune batte i pugni: "Non siamo intenzionati a concedere proroghe"

Prima seduta del Cda del Centro Studi: Carlo Mari eletto presidente

Percorso di formazione “Fede Bene Comune - Nuova Civitas”, un momento di approfondimento e riflessione

Dalla chiusura del Giubileo un progetto di speranza e sostegno per l’Oratorio parrocchiale grazie al Rotary di Orvieto

Battipaglia – Azzurra Orvieto: 79 – 59. Rimbalzi difensivi, palle perse e altro fanno la differenza

"La Chiesa dei poveri. Dal Concilio a papa Francesco". Si presenta a Orvieto il libro di monsignor Bettazzi

Completati i lavori di adeguamento del depuratore. Venerdì l'inaugurazione

La tv tedesca racconta in un documentario come Orvieto si salvò dai bombardamenti

Omphalos: "In una città che sostiene tutte le famiglie si vive meglio"

La Compagnia del Limoncello porta in scena "Cercasi Scalandrino"

La figlia di Aldo Moro al convegno della Polstrada: "Lo Stato siamo tutti noi"

Enel effettua taglio piante e deramificazione nei pressi delle linee elettriche