opinioni

Pace: unico indivisibile bene

domenica 12 ottobre 2014
di Mario Tiberi

Venti di guerra e di inaudite violenze soffiano dappertutto: Siria, Palestina, Africa centro-settentrionale e, poi, Afghanistan, Iraq, Ucraina ed altri teatri di belligeranza sparsi un po’ ovunque con tutti gli orrori derivanti e conseguenti e, dei quali, le prioritarie vittime sono i bambini, le donne, gli anziani, inermi ed indifesi.

Il mio animo è turbato, inquieto e recalcitrante a fronte di codesto scenario mondiale il quale, mestiziamente, offre desolanti immagini di violente contrapposizioni ideologiche e religiose, di brutali interessi economici, di mai sopiti spiriti di vendetta e di rivalsa che tengono, tutti, con il fiato sospeso tra pacifica convivenza e volontà distruttive.

Il grido, “vogliamo la pace”, è troppo umano, troppo splendido e troppo naturale, ma affatto sufficiente, per una umanità da non molto tempo uscita da due spaventose guerre mondiali e minacciata dall’incubo sempre incombente di una terza guerra sterminatrice perché, ad esso grido, non debbano far eco ed infondergli massimo vigore e impulso tutti gli uomini e le donne che non abbiano cuori e menti da belve feroci.
Ma, subito, all’intelletto dell’essere più razionale e raziocinante che esista al mondo, si presenta l’ovvia domanda: “Come attuare il laico e, al tempo stesso, cristiano proposito del favorire, sempre e comunque, la pace e dell’aborrire, sempre e comunque, la guerra o, meglio, tutte le guerre?”.

Non giova, dopo secoli di fallimentari sperimentazioni, appellarsi ad ideali nuovi o a trasformazioni religiose e sociali mentre, sembra più percorribile, che unica guida possano divenire l’esperienza storica e il ragionamento. Questi ultimi insegnano che non può essere reputato strumento sicuro per impedire i conflitti armati quello che, pur esistendo, non li ha sinora impediti. Non è un mezzo totalmente efficace una religione piuttosto che un’altra poiché un gran numero di conflitti si sono accompagnati, e si accompagnano tuttora, alle religioni più disparate; del resto, neppure la religione cristiana proibisce di difendere se stessi contro le aggressioni ingiuste. E’ sempre accaduto, in avversione ai Dieci Comandamenti, che taluni siano dediti al furto, all’ozio padre dei vizi, al vagabondaggio, all’omicidio e alle guerre tanto che, agli onesti e ai giusti, non resta che difendersi usando anche la forza contro i malvagi.

Non sono un mezzo sicuro nemmeno le trasformazioni sociali in quanto si sono combattute aspre e cruente contese belliche in tutte le epoche, dalle tribali alle feudali, dalle imperiali a quelle che hanno visto sorgere e fiorire le società borghesi. Se gli assunti sopra esposti hanno un qualche fondamento di verità storica, la conclusione a cui pervenire è una sola: tanto più agevole è conservare la pace quanto più numerose siano le forze morali, più che economiche, indipendenti da uno Stato sovrano, che rappresenta la volontà collettiva, come tanto più facile è scendere in guerra quanto più l’economia è accentrata sotto la direzione di un’unica volontà.

E’ ciò che si sta ripetendo in occasione delle recenti crisi che sono esplose ed hanno infiammato il mondo arabo e islamico e a cui è seguita, in modo scomposto e confusionario, una alquanto indebita ingerenza delle potenze occidentali non ben coordinate e in ordine sparso tra di loro.
Non è così che si salvaguarda e si garantisce la pace mondiale: come ogni singolo Stato attraverso gli organi di polizia, la magistratura e gli istituti di pena previene e reprime gli atti delittuosi di ladri e assassini, così è necessario che una forza superiore ai singoli Stati, vale a dire una valida ed efficiente organizzazione supernazionale, assommi in sé la funzione morale e politica di prevenzione e repressione delle azioni pacicide di quegli Stati intenti ad aggredire, violentare e depredare gli altrui beni e ricchezze.

Quando si hanno a distinguere gli amici dai nemici della pace, non possiamo fermarci alle professioni di fede o di intenti, tanto più mendaci e ingannevoli quanto più proclamate a voce stentorea ed altisonante. Ci dobbiamo invece chiedere se vogliamo conservare, oppure no, la piena sovranità etica, prima che politica ed economica, dello Stato nel quale viviamo: se sì, ci vestiremo di un abito mentale potenzialmente predisposto a sacrificare le ragioni della pace a quelle delle guerre di conquista e di dominio di un popolo su altri popoli.

Se, al contrario, siamo più propensi a fornire il nostro appoggio a coloro che, convintamente, sostengono la necessità di trasferire parte della morale sovranità nazionale ad organismi superiori ad essa, allora, ma allora soltanto, potremmo veramente annoverarci tra i leali e coerenti fautori della pace nel mondo. Il resto è menzogna!

P.S.: Almeno per una volta al giorno dovremmo ripetere, insieme a Papa San Giovanni XXIII° , la parola sacra “PACE” scandita, così energicamente, nello “Appello per l’intesa e la concordia tra i Popoli”, diffuso in ogni Continente nel pomeriggio del 25 Ottobre 1962.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 ottobre

"Come difendersi da truffe e raggiri". Incontro all'Unitre con il maggiore Rovaldi

Un progetto di formazione per operatori del sociale porta "attimi di resilienza" a Parrano

"Sulle Tracce del Mistero. Una settimana dedicata a ignoto, mistero e paranormale"

Terminati i lavori sulla SR 205 Amerina, sistemate barriere di sicurezza e paramassi

Fissate al 26 ottobre le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Carta Tutto Treno Umbria sospesa, Sacripanti (GM): "Il sindaco si attivi"

Karate, la Scuola Keikenkai in partenza per i Mondiali Iku a Kilkenny

Venticinque candeline per Umbria jazz Winter, nel segno di Thelonious Monk

Cambio al vertice di Ance Umbria. Stefano Pallotta succede a Massimo Calzoni

Orvieto per Tutti: "Varco di Via Malabranca, nuovo provvedimento disomogeneo"

Infoteam della Scuola Sottufficiali dell'Esercito per la Giornata Tricolore

#UjW25, ricco programma di star per celebrare un grande anniversario

Umbria Jazz Winter, storia di passioni e successi

Quattro passi tra le meraviglie di Viterbo. Visita guidata nel centro storico

Turismo, Anci e CAI rilanciano quello sostenibile dei 110 mila chilometri di sentieri italiani

Cammini ed escursioni, intesa tra Pro Loco e CAI per la valorizzazione

Modifiche allo statuto dell'Associazione "Lea Pacini", prima la Commissione costituente

Umbria Jazz Winter # 25, un connubio indissolubile con la Città del Duomo

Quattro giorni nel Villaggio del Teatro con Isola di Confine

"Campioni in Cattedra". I più piccoli intervistano il campione di pallavolo Jack Sintini

Accanto al Duomo, Ippolito Scalza "perde" la testa

Mogol si racconta ad Alessandra Carnevali: "Il mio mestiere è vivere la vita"

Ripartono le attività del Lions Club Orvieto. Anno lionistico 2016/17 dedicato ai giovani

All'Unitre torna "Solo solo canzonette?". La quarta puntata del format è dedicata agli anni '80

Incontro sul Soccorso Alpino e Speleologico Umbria "Sasu" promosso dal CAI

I ladri colpiscono ancora. Nel mirino bar e tabaccherie ai piedi della Rupe

Il Comitato per il No di Parrano diventa sempre più grande

Il patto scellerato

Viabilità, lavori per 250mila euro sulle strade regionali 79 e 61

L'associazione Ippocampo presenta i corsi di teatro per bambini, ragazzi e adulti

Editoria, preadottata la nuova legge regionale. Via alla partecipazione

Nuova seduta per il consiglio provinciale. L'ordine del giorno dei lavori

Tutto pronto per "Zafferiamo". Colori, aromi e sapori invadono Città della Pieve

Umbria Jazz Winter #24, dal 20 ottobre via alle prevendite. Tutto il Programma

Nuove attività all'Unitre. Il plauso del sindaco Gianluca Filiberti

Stella al Merito Sociale al giornalista orvietano Stefano Corradino

Informazione locale, Asu: "Bene la preadozione del Ddl regionale"

"Orvieto sotto le stelle", quaranta auto storiche per la terza edizione

Nuovo incontro ISAO: Agostino Paravicini Bagliani e "Il Bestiario del Papa"

Testate giornalistiche digitali locali, Anso protagonista a Dig.it

Sciopero FS, Trenitalia regionale: "Frecce e servizi locali regolari"

Teatro Null, si riparte. Laboratorio di Teatro al Palazzo della Cultura

Legambiente fa le pulci alla differenziata dell'Umbria. "E i Comuni che fanno?"

Il volo nascosto

Il Grand Tour di Dodecapoli arriva a Vigevano. Ambra Laurenzi e Laura Ricci alla Cavallerizza del Castello Ducale per la rassegna letteraria “Italia Italiae”

Continua la raccolta tappi. I risultati dei primi due anni della benefica iniziativa

Bagni, frazione dimenticata. Grido d'allarme dei Comunisti Italiani: "non c'è più nemmeno il cartello di località!"

Lei lo lascia, lui la insegue, lei chiama il 112. In manette trentottenne di Ficulle per stalking

Approvato il progetto preliminare per i lavori di completamento della Biblioteca "Luigi Fumi"

Energia da fonti rinnovabili, la Giunta individua alcune aree giudicate non idonee alla installazione di impianti

Linux Day #6. Approfondimenti su didattica e sicurezza informatica al Centro Studi

Il Gal Trasimeno-Orvietano finanzia 14 progetti "Cultura che nutre" nelle direzioni didattiche del territorio

Più potere alle donne. A Orvieto forum nazionale delle amministratrici del Partito Democratico

1° Forum nazionale delle Amministratrici democratiche - Programma

Turreni in merito alla falsa lettera attribuita al presidente Frizza: "Sfido il PD a denunciare la mia presunta incompatibilità"

Le produzioni di ArTè. Gli appuntamenti di Ottobre nei vari teatri

Confermare la cassa integrazione alle lavoratrici della Grinta. La CGIL torna sulla vicenda del tessile orvietano

I parlamentari umbri del PD chiedono un rapido intervento del Ministro della Giustizia: "fatti non parole per le carceri umbre"

"Sogni di Autori Vari". Parte il progetto finanziato dalla Fondazione CRO dedicato a ragazzi e ragazze con diversa abilità

"Sogni di autori vari" - Il progetto e le modalità di accesso ai corsi

Una diffusa esigenza di cambiamento

Presentato ad Allerona il progetto Parchi Attivi

Bilancio: Il riequilibrio del poco o niente

Ma secondo il PdL siamo a un passo dal risanamento