opinioni

Quarta rivoluzione: la distruzione dello Stato sociale

mercoledì 24 settembre 2014
di Aldo Sorci

Sotto la spinta delle difficoltà dei bilanci pubblici e delle pressioni dei liberisti radicali, lo Stato sociale è da tempo ovunque sotto attacco.
Il mensile “IL” del gruppo Il Sole 24 Ore ha dedicato recentemente ampio spazio al saggio di due giornalisti dell’Economist dal titolo: “The Fourth Revolution”, che dovrebbe riguardare, come le precedenti, il ruolo dello Stato nella società. Gli autori rendono omaggio a Thomas Hobbes e John Stuart Mill, filosofi ed economisti liberisti inglesi, mentre non riservano uguale trattamento ai coniugi Beatrice e Sidney Webb, connazionali, ma socialisti. Hobbes nel XVII secolo attribuì allo Stato il compito di garantire l’incolumità dei sudditi e l’equilibrio tra il desiderio di libertà e la paura di sopraffazione. J. S. Mill, oltre un secolo dopo, affidò allo Stato la missione di tutelare la libertà, la meritocrazia e l’incentivo. A differenza delle prime due, la terza rivoluzione, quella moderna attribuita ai coniugi Webb con l’introduzione del Welfare State “e le sue scuole, gli ospedali, i sussidi di disoccupazione e così via”, viene giudicata negativamente.

È difficile e spesso arbitrario attribuire ai singoli, sia pure di grande spessore culturale, mutamenti rilevanti nella società e nelle istituzioni. Il pensiero procede per gradi ed anche i geni sono debitori verso chi li ha preceduti e risentono del contesto in cui hanno vissuto. Appare inoltre arbitrario ridurre il lavoro di personalità così complesse ad una sintesi strumentale a sostegno delle proprie tesi.
È vero che Hobbes considerò lo Stato come garante e la libertà di commercio come una legge di natura, ma ammise che lo Stato deve intervenire, come afferma, “sia per vigilare affinché nessuno rimanga ozioso, sia per limitare imperativamente le spese voluttuarie dei suoi sudditi”. Analogamente, è vero che Mill auspicò lo Stato liberale ma, considerando l’economia composta anche di arte oltre che di scienza, distinse tra la produzione della ricchezza “le cui leggi e condizioni partecipano del carattere delle verità fisiche” e la sua distribuzione “che è una istituzione esclusivamente umana”, e può essere modificata. In relazione alla sua sensibilità verso la povertà e alle sue affermazioni a proposito di pensatori socialisti, si parlò di “socialismo milliamo” e, successivamente, illustri storici hanno considerato Mill un precursore del pensiero fabiano, padre di quello laburista. Ricompare così, ironia dei personaggi complessi, quella idea alla base dello Stato sociale.

Solo mezza rivoluzione per rimediare agli errori dello Stato Sociale dei Webb, viene attribuita dai giornalisti dell’Economist, sul piano teorico a Milton Friedman, liberista ortodosso della ben nota scuola di Chicago e su quello pratico a Margaret Thacher e Ronald Regan. In effetti, sia in Inghilterra che negli Stati Uniti, essi tagliarono la spesa sociale, ma la loro opera sarebbe poi stata vanificata dal riflusso welfarista. Per questo è necessaria la quarta rivoluzione. Il testo riportato non dice molto in proposito, solo qualche indicazione: “le chiavi sono innovazione, dinamismo, efficienza”; non è detto “che nascerà in ambito democratico, liberale ed occidentale”, perché può esistere una alternativa asiatica e citano l’esempio della Cina che per il suo futuro guarderebbe a Singapore.
Abbiamo un buon indizio, in quanto l’indice sulla disuguaglianza dei redditi a Singapore è doppio rispetto a quello medio di Svezia, Finlandia, Norvegia, Danimarca, dove lo Stato sociale c’è e funziona anche bene. Dunque l’obiettivo della quarta rivoluzione dovrebbe essere la distruzione dello Stato sociale.

Gli attacchi al Welfare State sono continui e potenti a livello internazionale, più frequenti durante le crisi: così i più deboli vengono colpiti due volte. L’aumento delle disuguaglianze è un triste fenomeno le cui cause sono molteplici (fatti storici, culturali, geografici ed insufficienza delle istituzioni e delle regole a tutela della povertà). È acclarato che il divario cresce perché aumentano le grandi ricchezze reddituali e patrimoniali e lievita il numero dei poveri. I dati degli Stati Uniti sono indicativi: il patrimonio medio dei più ricchi (7% della popolazione adulta) è aumentato del 30% negli anni della crisi finanziaria, mentre quello della maggioranza delle famiglie è diminuito del 5%.

In conclusione, la quarta rivoluzione dello Stato è necessaria, ma per le motivazioni e con gli obiettivi opposti a quelli auspicati dagli ultra liberisti e dai giornalisti dell’Economist. Ridurre le disuguaglianze infatti, non è solo un obiettivo economico, ma un progresso civile. Ben venga lo Stato più leggero, dinamico ed efficiente, che tagli gli sprechi, ma che sia efficace nel contrastare l’iniquità delle disuguaglianze. Secondo un recente studio,in Italia i provvedimenti di ciascuno degli ultimi tre governi, incluso quello in carica,non hanno migliorato la situazione dei sei milioni di poveri assoluti stimati dall’Istat (erano poco più di due milioni nel 2007). Non ci sono, purtroppo, meccanismi automatici che consentano di attenuare le disuguaglianze, come non ci sono per garantire la piena occupazione. Serve l’intervento dello Stato che consideri questi obiettivi come prioritari. È necessaria una rivoluzione di matrice socialista direbbe Mill. Forse del socialismo del suo tempo perché la sinistra odierna, in Europa e sopratutto in Italia, è in fase di mutazione genetica dall’esito finale ancora tutt’altro che chiaro. Ma non è tempo di disperare.

Commenta su Facebook

Accadeva il 10 dicembre

L'ambasciatore della Repubblica Ceca in Comune, Orvieto tende la mano a Praga

Il Lions Club dona una macchina dattilo-braille all'Istituto comprensivo Orvieto-Baschi

Carabinieri in festa per la Virgo Fidelis patrona dell'Arma. Consegnati due attestati di merito

Partito democratico, è tempo di conferenza programmatica tra dissapori e speranze

Porte aperte al Majorana e al Maitani per l'orientamento scolastico

Insieme per un Cambiamento Progressivo

"Riservato A. Lattuada". A Orvieto una mostra e una rassegna nel centenario della nascita

Da Cardèto un'etichetta speciale per omaggiare il grande maestro del cinema

Proposta di struttura ed organizzazione del PD di Orvieto

Per tre giorni Orvieto capitale dell'archeologia italiana ed europea

Lo "slow-travel" del treno a vapore di Gianni Morcellini: dalle pagine di "Signori in carrozza!" alla stazione di Fabro-Ficulle

Taglio del nastro per il pozzo medievale di Piazza IV Novembre e la ristrutturazione delle scuole

Per anni è mancata una strategia turistica e ci si è adagiati su Umbria jazz winter

Al Teatro del Carmine per "Coesioni in musica" è l'ora di Max Manfredi

Eleonora Fastellini predica pazienza alla Zambelli Orvieto

Comincia con la trasferta di Rieti il girone di ritorno dell'Orvieto Basket

Al Palazzo del Capitano del Popolo torna la "Festa del Baschettaro"

Premiata la scuola "Pascoli". I giovani diventano campioni di energia con "Play Energy Enel"

Il Presepe Blu Notte di Guido Strazza nei sotterranei del Duomo di Orvieto

L'Albero di Antonia apre le iscrizioni al corso di autostima al femminile "Il potere di cambiare"

Ecco le linee di indirizzo del progetto preliminare delle opere di messa in sicurezza del Paglia

"As you like it" al Teatro Mancinelli: così Shakespeare parla con grande attualità alla nostra sensibilità moderna

Rivestimenti in ceramica per il "Giardino dei lettori" alla Biblioteca Fumi

A Orvieto il 21esimo convegno internazionale di archeologia italiana ed europea

Incontro su "La dignità della differenza: le ragioni di un dialogo"

Operazione anti-camorra, arrestato a Orvieto un 58enne

La polizia arresta in flagranza topo d'appartamento

Una partita a scopone scientifico

Il video del Progetto Memoria del Cesvol tra i finalisti del Festival "Raccorti sociali"

Digital divide. Convenzione tra il Ministero e la Regione sblocca 10 milioni di euro per le reti in Umbria

Nuovi sommelier e cena degli auguri per la Fisar di Orvieto

Yes men, yes sir

Meffi capisce o no di politiche di bilancio?

Il Liceo Artistico di Orvieto ospite al Sottodiciotto FilmFestival di Torino

Un arresto e tre denunce da parte dei carabinieri. Sventato un furto di rame sulla Roma-Firenze

Presentato a Firenze il contratto di fiume del Paglia

"Destinazione Uganda. Viaggio alle origini, tra cooperazione e rispetto di una identità"

Differenziata: sanzioni per i Comuni, Guardea è il secondo Comune più virtuoso

Il bilancio del Comune di Orvieto in sintesi

L'Ospedale di Orvieto presenta la riorganizzazione e il potenziamento dei servizi

Alla Scuola romana di fotografia e cinema, l'anteprima del film musicale "Pergolesi Stabat Mater" di Giovanni Bufalini

Trovato morto in un casale di San Venanzo. Ha ustioni di terzo grado su tutto il corpo

"Diversamente...italiani": sabato 11 dicembre a Orvieto la premiazione del Concorso Comunicare in Umbria e i risultati della ricerca sull'immigrazione dell'UniPg

"La Scala di Napoleone. Spettacoli a Milano 1796-1814". Disponibile la nuova pubblicazione strenna degli "Amici della Scala"

Conoscere per comprendere. Media e immigrati: quali i dati reali e quali gli stereotipi. Sabato 11 dicembre, ore 10,30 a Palazzo dei Sette

RAI in sciopero generale. Contro il degrado, gli sprechi, le ingerenze politiche, il lavoro a rischio per i dipendenti interni

A Orvieto Capodanno con 5 giorni “Singolari”: dal 29 dicembre al 2 gennaio a Palazzo Caravajal Simoncelli letture, concerti, pranzi, cene, aperitivi

Vertice in Provincia per la situazione del Parco Urbano del Paglia dopo le esondazioni del fiume

Avviso per la concessione di posti auto nei parcheggi comunali di Campo della Fiera e via Roma

1° Incontro di formazione dell'Ufficio Catechistico: domenica 12 dicembre nella ex chiesa di Santa Lucia

Tg Lab Fiscasat, in primo piano il Rapporto Censis 2010, focus su lavoro femminile

"Le zone umide, fucina di biodiversità". Concorso fotografico promosso dall'Oasi WWF di Alviano

La Polizia Locale nazionale a convegno a Orvieto. Il Colonnello Vinciotti: "Importante sostenere con questo tipo di incontri la formazione professionale. I settori più delicati velocità e uso di alcol e droghe

A Orvieto i Comunisti Italiani e Rifondazione avviano una riflessione per un percorso unitario: "Riportare l'attenzione sulle gravi condizioni in cui versa il territorio orvietano"

Dedicata a Giandomenico Pistonami la Biblioteca militare di presidio nella Scuola sottufficiali dell’esercito in Viterbo

L'importanza delle radici: al Libro Parlante Susanna Tamaro presenta il suo "grande albero"

Un patto civico per la Città: la proposta del gruppo PD esplicitata dal capogruppo Germani

Le lettere inviate a Radio Torre Vetus: su Radio Orvieto Web giovedì alle 21 una puntata straordinaria di Libere Veramente

Il Sindaco Concina illustra le sue linee programmatiche - Energia (Prima Parte)

Il Sindaco Concina illustra le sue linee programmatiche - Caserma Piave e Turismo (Seconda Parte)

Apre la pista sul ghiaccio. Risolti gli ultimi cavilli burocratici

Chiarimenti in merito alle contestazioni rivolte alla pista. La Libertas pronta a ribattere

Germani commenta le Linee Programmatiche del Sindaco (Prima Parte)

Germani commenta le Linee Programmatiche del Sindaco (Seconda Parte)

Tutti insieme per addobbare l'albero di Natale di Piazza della Repubblica

Concina parla della recente Notte Bianca e della pista sul ghiaccio

Un dicembre tutto di gusto. Dalla Cucina di Natale a Umbria Jazz tutte le iniziative a Il Palazzo del Gusto

"Pulizia di fondo" delle vie e piazze del centro storico. La città si rifà il trucco in vista delle Festività

Viabilità, 500.000 euro per le strade dell'Orvietano

Arriva a Orvieto "La casa dei bambini". "Orvieto Bilingue" presenta il suo progetto di scuola bilingue montessoriana

Il "Metodo Montessori"

Il "Parto delle Nuvole Pesanti" in concerto a Orvieto. In anteprima i brani del nuovo album "magnagrecia"

Breve biografia de Il parto delle nuvole pesanti

Le società dilettantistiche nelle piccole realtà. Incontro-dibattito ad Allerona Scalo organizzato dal GSD "Romeo Menti"

"Giovani generazioni in Umbria", Venerdì iniziativa del PD su valori, culture, stili, relazioni, linguaggi dei giovani umbri

Shlomo Venezia a Orvieto: il numero 182727 di Auschwitz

Valorizzazione del settore Turismo. "Orvieto Libera" chiede in Consiglio quali sono le iniziative dell'Assessorato

Un incontro per mettere a fuoco i problemi del servizio idrico. L'assessore Zazzaretta risponde al capogruppo di Orvieto Libera

Prima nazionale a Venti Ascensionali. Intrigante appuntamento della rassegna Migrazioni con "Voluttà"

Apre la pista di pattinaggio