opinioni

Quarta rivoluzione: la distruzione dello Stato sociale

mercoledì 24 settembre 2014
di Aldo Sorci

Sotto la spinta delle difficoltà dei bilanci pubblici e delle pressioni dei liberisti radicali, lo Stato sociale è da tempo ovunque sotto attacco.
Il mensile “IL” del gruppo Il Sole 24 Ore ha dedicato recentemente ampio spazio al saggio di due giornalisti dell’Economist dal titolo: “The Fourth Revolution”, che dovrebbe riguardare, come le precedenti, il ruolo dello Stato nella società. Gli autori rendono omaggio a Thomas Hobbes e John Stuart Mill, filosofi ed economisti liberisti inglesi, mentre non riservano uguale trattamento ai coniugi Beatrice e Sidney Webb, connazionali, ma socialisti. Hobbes nel XVII secolo attribuì allo Stato il compito di garantire l’incolumità dei sudditi e l’equilibrio tra il desiderio di libertà e la paura di sopraffazione. J. S. Mill, oltre un secolo dopo, affidò allo Stato la missione di tutelare la libertà, la meritocrazia e l’incentivo. A differenza delle prime due, la terza rivoluzione, quella moderna attribuita ai coniugi Webb con l’introduzione del Welfare State “e le sue scuole, gli ospedali, i sussidi di disoccupazione e così via”, viene giudicata negativamente.

È difficile e spesso arbitrario attribuire ai singoli, sia pure di grande spessore culturale, mutamenti rilevanti nella società e nelle istituzioni. Il pensiero procede per gradi ed anche i geni sono debitori verso chi li ha preceduti e risentono del contesto in cui hanno vissuto. Appare inoltre arbitrario ridurre il lavoro di personalità così complesse ad una sintesi strumentale a sostegno delle proprie tesi.
È vero che Hobbes considerò lo Stato come garante e la libertà di commercio come una legge di natura, ma ammise che lo Stato deve intervenire, come afferma, “sia per vigilare affinché nessuno rimanga ozioso, sia per limitare imperativamente le spese voluttuarie dei suoi sudditi”. Analogamente, è vero che Mill auspicò lo Stato liberale ma, considerando l’economia composta anche di arte oltre che di scienza, distinse tra la produzione della ricchezza “le cui leggi e condizioni partecipano del carattere delle verità fisiche” e la sua distribuzione “che è una istituzione esclusivamente umana”, e può essere modificata. In relazione alla sua sensibilità verso la povertà e alle sue affermazioni a proposito di pensatori socialisti, si parlò di “socialismo milliamo” e, successivamente, illustri storici hanno considerato Mill un precursore del pensiero fabiano, padre di quello laburista. Ricompare così, ironia dei personaggi complessi, quella idea alla base dello Stato sociale.

Solo mezza rivoluzione per rimediare agli errori dello Stato Sociale dei Webb, viene attribuita dai giornalisti dell’Economist, sul piano teorico a Milton Friedman, liberista ortodosso della ben nota scuola di Chicago e su quello pratico a Margaret Thacher e Ronald Regan. In effetti, sia in Inghilterra che negli Stati Uniti, essi tagliarono la spesa sociale, ma la loro opera sarebbe poi stata vanificata dal riflusso welfarista. Per questo è necessaria la quarta rivoluzione. Il testo riportato non dice molto in proposito, solo qualche indicazione: “le chiavi sono innovazione, dinamismo, efficienza”; non è detto “che nascerà in ambito democratico, liberale ed occidentale”, perché può esistere una alternativa asiatica e citano l’esempio della Cina che per il suo futuro guarderebbe a Singapore.
Abbiamo un buon indizio, in quanto l’indice sulla disuguaglianza dei redditi a Singapore è doppio rispetto a quello medio di Svezia, Finlandia, Norvegia, Danimarca, dove lo Stato sociale c’è e funziona anche bene. Dunque l’obiettivo della quarta rivoluzione dovrebbe essere la distruzione dello Stato sociale.

Gli attacchi al Welfare State sono continui e potenti a livello internazionale, più frequenti durante le crisi: così i più deboli vengono colpiti due volte. L’aumento delle disuguaglianze è un triste fenomeno le cui cause sono molteplici (fatti storici, culturali, geografici ed insufficienza delle istituzioni e delle regole a tutela della povertà). È acclarato che il divario cresce perché aumentano le grandi ricchezze reddituali e patrimoniali e lievita il numero dei poveri. I dati degli Stati Uniti sono indicativi: il patrimonio medio dei più ricchi (7% della popolazione adulta) è aumentato del 30% negli anni della crisi finanziaria, mentre quello della maggioranza delle famiglie è diminuito del 5%.

In conclusione, la quarta rivoluzione dello Stato è necessaria, ma per le motivazioni e con gli obiettivi opposti a quelli auspicati dagli ultra liberisti e dai giornalisti dell’Economist. Ridurre le disuguaglianze infatti, non è solo un obiettivo economico, ma un progresso civile. Ben venga lo Stato più leggero, dinamico ed efficiente, che tagli gli sprechi, ma che sia efficace nel contrastare l’iniquità delle disuguaglianze. Secondo un recente studio,in Italia i provvedimenti di ciascuno degli ultimi tre governi, incluso quello in carica,non hanno migliorato la situazione dei sei milioni di poveri assoluti stimati dall’Istat (erano poco più di due milioni nel 2007). Non ci sono, purtroppo, meccanismi automatici che consentano di attenuare le disuguaglianze, come non ci sono per garantire la piena occupazione. Serve l’intervento dello Stato che consideri questi obiettivi come prioritari. È necessaria una rivoluzione di matrice socialista direbbe Mill. Forse del socialismo del suo tempo perché la sinistra odierna, in Europa e sopratutto in Italia, è in fase di mutazione genetica dall’esito finale ancora tutt’altro che chiaro. Ma non è tempo di disperare.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 ottobre

"Come difendersi da truffe e raggiri". Incontro all'Unitre con il maggiore Rovaldi

Un progetto di formazione per operatori del sociale porta "attimi di resilienza" a Parrano

"Sulle Tracce del Mistero. Una settimana dedicata a ignoto, mistero e paranormale"

Terminati i lavori sulla SR 205 Amerina, sistemate barriere di sicurezza e paramassi

Fissate al 26 ottobre le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Carta Tutto Treno Umbria sospesa, Sacripanti (GM): "Il sindaco si attivi"

Karate, la Scuola Keikenkai in partenza per i Mondiali Iku a Kilkenny

Venticinque candeline per Umbria jazz Winter, nel segno di Thelonious Monk

Cambio al vertice di Ance Umbria. Stefano Pallotta succede a Massimo Calzoni

Orvieto per Tutti: "Varco di Via Malabranca, nuovo provvedimento disomogeneo"

Infoteam della Scuola Sottufficiali dell'Esercito per la Giornata Tricolore

#UjW25, ricco programma di star per celebrare un grande anniversario

Umbria Jazz Winter, storia di passioni e successi

Quattro passi tra le meraviglie di Viterbo. Visita guidata nel centro storico

Turismo, Anci e CAI rilanciano quello sostenibile dei 110 mila chilometri di sentieri italiani

Cammini ed escursioni, intesa tra Pro Loco e CAI per la valorizzazione

Modifiche allo statuto dell'Associazione "Lea Pacini", prima la Commissione costituente

Umbria Jazz Winter # 25, un connubio indissolubile con la Città del Duomo

Quattro giorni nel Villaggio del Teatro con Isola di Confine

"Campioni in Cattedra". I più piccoli intervistano il campione di pallavolo Jack Sintini

Accanto al Duomo, Ippolito Scalza "perde" la testa

Mogol si racconta ad Alessandra Carnevali: "Il mio mestiere è vivere la vita"

Ripartono le attività del Lions Club Orvieto. Anno lionistico 2016/17 dedicato ai giovani

All'Unitre torna "Solo solo canzonette?". La quarta puntata del format è dedicata agli anni '80

Incontro sul Soccorso Alpino e Speleologico Umbria "Sasu" promosso dal CAI

I ladri colpiscono ancora. Nel mirino bar e tabaccherie ai piedi della Rupe

Il Comitato per il No di Parrano diventa sempre più grande

Il patto scellerato

Viabilità, lavori per 250mila euro sulle strade regionali 79 e 61

L'associazione Ippocampo presenta i corsi di teatro per bambini, ragazzi e adulti

Editoria, preadottata la nuova legge regionale. Via alla partecipazione

Nuova seduta per il consiglio provinciale. L'ordine del giorno dei lavori

Tutto pronto per "Zafferiamo". Colori, aromi e sapori invadono Città della Pieve

Umbria Jazz Winter #24, dal 20 ottobre via alle prevendite. Tutto il Programma

Nuove attività all'Unitre. Il plauso del sindaco Gianluca Filiberti

Stella al Merito Sociale al giornalista orvietano Stefano Corradino

Informazione locale, Asu: "Bene la preadozione del Ddl regionale"

"Orvieto sotto le stelle", quaranta auto storiche per la terza edizione

Nuovo incontro ISAO: Agostino Paravicini Bagliani e "Il Bestiario del Papa"

Testate giornalistiche digitali locali, Anso protagonista a Dig.it

Sciopero FS, Trenitalia regionale: "Frecce e servizi locali regolari"

Teatro Null, si riparte. Laboratorio di Teatro al Palazzo della Cultura

Legambiente fa le pulci alla differenziata dell'Umbria. "E i Comuni che fanno?"

Il volo nascosto

Il Grand Tour di Dodecapoli arriva a Vigevano. Ambra Laurenzi e Laura Ricci alla Cavallerizza del Castello Ducale per la rassegna letteraria “Italia Italiae”

Continua la raccolta tappi. I risultati dei primi due anni della benefica iniziativa

Bagni, frazione dimenticata. Grido d'allarme dei Comunisti Italiani: "non c'è più nemmeno il cartello di località!"

Lei lo lascia, lui la insegue, lei chiama il 112. In manette trentottenne di Ficulle per stalking

Approvato il progetto preliminare per i lavori di completamento della Biblioteca "Luigi Fumi"

Energia da fonti rinnovabili, la Giunta individua alcune aree giudicate non idonee alla installazione di impianti

Linux Day #6. Approfondimenti su didattica e sicurezza informatica al Centro Studi

Il Gal Trasimeno-Orvietano finanzia 14 progetti "Cultura che nutre" nelle direzioni didattiche del territorio

Più potere alle donne. A Orvieto forum nazionale delle amministratrici del Partito Democratico

1° Forum nazionale delle Amministratrici democratiche - Programma

Turreni in merito alla falsa lettera attribuita al presidente Frizza: "Sfido il PD a denunciare la mia presunta incompatibilità"

Le produzioni di ArTè. Gli appuntamenti di Ottobre nei vari teatri

Confermare la cassa integrazione alle lavoratrici della Grinta. La CGIL torna sulla vicenda del tessile orvietano

I parlamentari umbri del PD chiedono un rapido intervento del Ministro della Giustizia: "fatti non parole per le carceri umbre"

"Sogni di Autori Vari". Parte il progetto finanziato dalla Fondazione CRO dedicato a ragazzi e ragazze con diversa abilità

"Sogni di autori vari" - Il progetto e le modalità di accesso ai corsi

Una diffusa esigenza di cambiamento

Presentato ad Allerona il progetto Parchi Attivi

Bilancio: Il riequilibrio del poco o niente

Ma secondo il PdL siamo a un passo dal risanamento