opinioni

Una certa idea di Orvieto di Sergio Ercini

mercoledì 16 aprile 2014
di Massimo Gnagnarini
Una certa idea di Orvieto di Sergio Ercini

Non molti anni prima della sua morte avvenuta il 27 luglio 2007 Sergio Ercini scrisse questo pezzo che, ben oltre la perorazione della città per il suo riconoscimento a patrimonio dell'umanità da parte dell'UNESCO, racchiude la più intima, appassionata e insuperata dichiarazione d'amore verso la sua città. Sarebbe bello e utile, non solo in omaggio all'illustre cittadino, che ognuno dei diversi programmi elettorali che saranno presentati agli orvietani in occasione dell'imminente campagna elettorale per il rinnovo del Sindaco e del Consiglio comunale, potesse essere introdotto da questa "certa idea di Orvieto" che Ercini ci ha regalato. Soprattutto i candidati ne traggano spunto per capire fino in fondo a cosa si candidano e quanto alto, anzi altissimo, sia il compito che si assumono.

Orvieto, patrimonio dell'Umanità: noi sappiamo che questa qualificazione è nostra, lo è sempre stata. Ora chiediamo che questa nostra straordinaria, incomparabile bellezza venga riconosciuta come uno dei vertici, nel mondo, di valori umanistici, estetici, artistici e ambientali, frutto di una nostra "visionaria realtà" in cui il "sublime" appare agli uomini un miracolo che intreccia natura e storia. La Convenzione sulla protezione del patrimonio mondiale, culturale e naturale, è il documento internazionale di maggior rilievo e prestigio su questo terreno. Tale Convenzione, approvata dalla Conferenza generale dell'UNESCO nel novembre 1972, è stata sottoscritta e siglata da ben 157 Stati membri. Gli obiettivi che la Convenzione si pone sono quelli di proteggere un patrimonio rappresentativo di grandi civiltà e culture, che sottolinei l'evoluzione della terra nel corso dei tempi e ne segnali i grandi, positivi valori naturalistici e ambientali, operando nel concreto al fine che questi non vengano alterati ma conservati e tutelati.

Orvieto e il territorio circostante è certo espressione della forza e della potenza creativa, che qui si è esplicata nell'espressività della natura creata e creatrice e da noi diviene propria dell'uomo che ha saputo cogliere i grandi valori dello spirito nell'arte, dovunque essa trovi espressione, nelle case degli uomini semplici, nei maestosi palazzi, nelle chiese e nella cattedrale, nel tessuto urbanistico aggregato della città e della campagna. In Orvieto tutto ciò esiste. E' di fronte agli occhi del mondo, meraviglia delle meraviglie. Questo è Orvieto, e lo è, soprattutto, perché natura e arte, storia e vita, città e campagna, qui si intrecciano in una rara e singolare coerenza espressiva, unitaria sì ma dinamica e dialettica come sempre deve essere l'animo dell'uomo vero, dell'uomo 'orvietano'. Nessuna città come Orvieto appare a chi la osserva un "habitat" in cui un masso meraviglioso di tufo proponga ed esalti la città sovrastante radicata nel massiccio che la sostiene.

Per tanti sotterranei meandri, cunicoli, cantine e pozzi, la vita dell'uomo orvietano convive utilmente e appropriatamente col sottoterra; esso è quindi non separato e oscuro, ma coniugato e intrecciato con uno spazio vitale superiore ed esterno. Questa unità è l'"unicum" per cui Orvieto appare ineguagliabile. L'ONU, e per esso l'UNESCO, vigila, interviene con studi, ricerche, indagini, ma anche con risorse economiche affinché tutto ciò non sia messo in pericolo. Noi orvietani, noi che abitiamo questa "Gerusalemme in terra", questo segno che unisce natura e storia, finito e infinito, noi dobbiamo esserne i primi custodi, vigili della sua intima sacralità, custodi di un tempio in cui storia e tempo si incontrano e si disvelano. Orvieto è patrimonio dell'Umanità. Nave ancorata alla terra e che procede con i ritmi misteriosi del tempo; movimento non inerte. La circolarità e quindi l'unità tra vita e morte è il segno di Orvieto. Non solo perché il suo Pozzo di San Patrizio, attraverso la sua doppia spirale, porta a chi la abita la vita, ma Orvieto è essa tutta segno vitale. Non custodisce nel suo uomo sublime il miracolo della vita di Cristo che è presente nel Miracolo del Corporale e sempre nell'Ostia consacrata per chi crede?

Il Giudizio Universale che Luca Signorelli ci affidò, non ci offre, nei tormenti della vita e nella resurrezione dei corpi, il trionfo dell'uomo nella vita eterna e la rinascita nel suo corpo vero e proprio? Una città come questa accresce ed esalta la presenza, già deliberata, di altre città, ambienti naturali, di architettura, di scrittura, di pittura, di gruppi di costruzioni isolati o riuniti, di siti come opere dell'uomo e della natura. Possiamo essere fratelli nell'arte di opere come la Piazza del Duomo di Pisa, la Villa del Casale di Piazza Armerina, la Cattedrale, la Torre civica e la Piazza Grande di Modena, dei Sassi di Matera, del Centro Storico di Firenze, del Castello di Federico a Castel del Monte, delle aree archeologiche di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata, del Centro Storico di Roma, di San Gimignano, di Siena, di Venezia e la sua Laguna, espressioni tutte queste iscritte nel segno unificante e vario dell'arte e della storia di questa nostra Italia, così come di tante altre meraviglie sparse in tutto il mondo.

Un'attenta lettura del testo stesso della Convenzione sulla protezione del patrimonio mondiale, culturale e naturale, servirà a conoscere bene lo spirito che la sottende e la concreta azione che implica, propone ed attua. Ora a noi tutti compete di portare a conclusione questo cammino che, all'aprirsi del terzo millennio, è anche un modo giusto per una grande valorizzazione dell'intero nostro ambiente; privilegio di ciascuno e orgoglio di tutti i veri orvietani. Ma anche esso è un dono nostro ad un mondo che vive grandi drammi dell'intol-leranza etnico-religiosa, della miseria e della povertà, del rifiuto del diverso, di una cultura che si vuole sempre più massificata e plastificata. Orvieto non è clonabile! Ma ad Orvieto si può ritrovare l'uomo: questo è oggi il bisogno più urgente cui noi offriamo il senso positivo della nostra storia e della nostra arte. Offriamo l'"orvietanità" come percorso arduo ma possibile in cui l'animo si ritrovi e non si disperda, ma incontri il desiderio di vivere nella sua pienezza e nella sua gioia. Del resto cosa serve per essere felici?: "Comprare per poche lire i più bei frutti del mondo al mercato di Orvieto".

A proposito dei siti Unesco, le puntualizzazioni del Comune

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 marzo

"Corri sulle strade dell'Ottobrata Orvietana", ai nastri di partenza la sesta edizione

Asia Argento e Filippo Dini al Mancinelli con "Rosalind Franklin. Il segreto della vita"

Giornata Mondiale della Poesia, presentato il libro "Dall'esperienza al racconto"

Casa di Riposo, indetta la gara per la gestione transitoria

"Medaglie al Merito" in Prefettura, tra gli insigniti c'è anche Pietro Federico

A Palazzo Simoncelli, l'omaggio a Leopardi di Diana Iaconetti e Nuccia Martire

Luca Fringuello e i Giovanissimi di Orvieto Fc: "Contento dei risultati fin qui ottenuti"

Unipoptus, ecco a chi andranno gli attestati di benemerenza 2017

Orvieto tra le 13 stazioni appaltanti per l'individuazione di soggetti da invitare alle procedure negoziate

"L'Umbria si rimette in moto", Lugnano in Teverina consegna ulivi collezione mondiale

Al Palazzo del Gusto, mini-corso di caffetteria gratuito per gli imprenditori del territorio

Provincia, assemblea Upi Umbria e mobilitazione per fondi scuole

Al Teatro Boni cala il sipario su una stagione da applausi. Nardi: "Puntiamo sulla qualità"

Sabbia d'estate

Riduzione del rischio da catastrofi, gli impegni del Comitato delle Regioni d'Europa

Impatto ambientale, Università della Tuscia e Comune sottoscrivono la convenzione

Mezzo secolo di storia, l'Avis cresce e si prepara ai festeggiamenti

"Shiatsu&Alzheimer": attraverso il corpo una via per entrare in relazione

L'Alto Orvietano "In marcia per le donne" verso la Panchina Rossa

A Todi, sarà aperto per la prima volta al pubblico Palazzo Atti-Pensi

Karate, gli atleti della Scuola Keikenkai in Marocco per l'Open di Tangeri Wkf

Il X Congresso della Fnp Cisl Umbria conferma Giorgio Menghini alla guida dei pensionati

La Sagra della Primavera all'Hosteria di Villalba. Sabato 25 marzo, da mattina a sera

Disciplina della viabilità, ecco cosa cambia

Ippolito Scalza, un orvietano nel solco di Michelangelo

Fate morire in voi gli atteggiamenti

Il giardino delle ortensie

Operaio non pagato, si barrica sul tetto di un'abitazione in costruzione

Zambelli Orvieto sempre più apprezzata, lo dice Martina Sabbatini

Attentati a Bruxelles, bandiere a mezz'asta e un invito a reagire con determinazione

La mostra-mercato di prodotti agroalimentari e artigianali di Città della Pieve compie vent'anni

Materiale per la biblioteca dalla raccolta degli oli esausti di origine vegetale

Il Coordinamento dei ristoratori orvietani dice no a Orvieto pattumiera dell'Umbria

L'Archivio di Stato lascia Piazza Duomo e trasloca nell'ex tribunale

Audizione con i vertici di Cosp per analizzare i primi risultati della differenziata

Bocciata la mozione sulla discarica, in aula scoppia il caos

Dal dibattito tutti contro l'inefficienza della raccolta differenziata nel ternano

Sì alla risoluzione geotermia, sull'Alfina si può sperare in un futuro senza speculazioni

Il messaggio del vescovo Tuzia in occasione della Pasqua: "Vigilate e pregate"

Gnagnarini replica alla minoranza: "Picconati tasse e deficit comunale"

"La Pasqua tra sacro e profano". Concerto con gli allievi del maestro Davide Rocca

Nuovo orario e una ricorrenza particolare per il Museo Etrusco "Claudio Faina"

Discarica, De Sio (FdI-An) attacca l'esecutivo: "La Regione ha la memoria corta"

Materazzo Vs Tatta, la sfida tra Comunista e Democristiano. Arbitra Conticelli

Protesta in Regione contro l'ampliamento della discarica: le immagini

Lo strano caso dei lavori sul torrente Carcaione. Italia Nostra: "Nessuna partecipazione"

A proposito di ambiente, le priorità dei Giovani democratici: "Cosa serve all'Orvietano"

Hosteria di Villalba, uno sviluppo "Coeso" per la valorizzazione delle aree montane

Fiorini e Mancini (Lega Nord): "Il Pd trasforma Orvieto in pattumiera dell'Umbria"

Dopo il documento, i venti sindaci dell'Area Interna icontreranno la Marini

Corso di lingua italiana per stranieri e laboratorio di disegno per studenti

Nel pomeriggio di Pasqua alla Chiesa dei Servi torna la messa in latino

Processioni e rievocazioni storiche della Passione in tutto l'Orvietano

In corso la campagna di tesseramento 2016 dell'associazione "Lea Pacini"

Fascino e suggestione a Palazzo Orca, con i "Quadri Viventi" del Terziere Borgo Dentro

La rievocazione della Passione nei borghi della Tuscia viterbese

"Orvieto per tutti" svela il logo. Ad aprile la presentazione ufficiale

Successo per la mostra "Omaggio a Francesco" e il libro "Dialoghi nell'Immenso"

"The art of the brick". I mattoncini Lego vanno in mostra e diventano opera

"Blowing Art. Se a Orvieto ci fosse il mare…". In mostra, le visioni di Carlo Rognoni

Rifondazione Comunista propone un percorso comune a sinistra del PD

In tilt da tre giorni le linee telefoniche di Ospedaletto. Protestano gli abitanti isolati anche dalla neve

38 mila euro di contributi per lo spettacolo dalla Provincia. Lo annuncia l'assessore alla cultura Sganappa

Conviviale d'eccezione del Rotary Orvieto: ospite d'onore la dott.ssa Rita Valecchi con un'interessante relazione sul futuro dell'Ospedale di Orvieto

La relazione della dott.ssa Valecchi: 'Ospedale di Orvieto: Innovazione e progettualità'

La Filarmonica Mancinelli inaugura a Montefiascone 'Primavera in Etruria'. Solista al pianoforte il maestro Riccardo Cambri

Accessibile al pubblico il Fondo bibliotecario Renato Bonelli. Domenica 25 marzo l'inaugurazione

Mondovino: quando il tempo premia l'Orvieto. A Roma Palazzone in verticale: 15 anni di Campo del Guardiano

Non si placano gli animi sulla delibera della Corte dei conti. AN e Altra Città chiedono un Consiglio Comunale in seduta segreta per discutere il comportamento del Presidente

Una giornata di studi dedicata alle novità della legge Finanziaria. Seminario di studi della Presidenza del Consiglio di Orvieto e della Fondazione PROMO P.A.

Scontro a sinistra sulla ripubblicizzazione dell'acqua. Un polemico intervento del consigliere Imbastoni: 'Battaglia per l’acqua pubblica: basta con i verniciatori'

La lettera del Comitato Promotore Regionale Umbro per la ripubblicizzazione dell'acqua agli eletti dell'Umbria

'Un dibattito serrato ma franco' tiene impegnata la direzione DS al completo fino alle due di notte