opinioni

Scocca l'ora di liberarsi dalle caste dei cialtroni

domenica 24 novembre 2013
di Mario Tiberi

Se la nostra Italia è ridotta com'è ridotta, sappiamo bene chi e coloro i quali dobbiamo ringraziare.
L'ennesima scandalosa vicenda, ultima solo in ordine di tempo, mi porta ad affermare che la giustizia è oramai divenuta un impiccio e un valore insignificante se a dileggiarla è stata proprio la signora Cancellieri, ministro di una giustizia iniqua e inegualitaria.
Un ceto di mestieranti della politica affatto preparati a degnamente governare il popolo italiano e, per di più, sempre inclini a privilegiare se stessi piuttosto che gli interessi superiori delle genti, anche quando solennemente dichiarano il contrario, ha affossato e procede nell'affossare una nazione ricca di storia ed ora povera di idee lungimiranti e di limpide intelligenze.
Si vive, dunque, all'interno di una colossale menzogna!. Ed è in codesta sfrontata menzogna che si annida la malapianta della sudditanza alla casta la quale, di tutta evidenza, pura e casta non è e, con essa, la politica non marcia poiché è essa stessa bacata e marcia.
Avvertiamo, adesso più intenso che mai, lo stringente bisogno di sprigionare una novella speranza di risorgente rinascita etica dalle macerie dell'oscurantismo culturale nel quale siamo stati precipitati, di liberarci dalla rassegnazione e dal sentimento oppressivo dell'impotenza, di essere guidati dall'idea che non sia del tutto impossibile cambiare, e in meglio, la società in cui viviamo.
Sappiamo anche bene quanto ardua e in salita sia la meta ambita, ma sarà grazie al nostro impegno quotidiano, all'attenzione che ognuno di noi dedicherà all'altro, al nostro senso di corresponsabilità civile e sociale se riusciremo a cogliere, un giorno il più vicino possibile, i frutti di un'impresa comune nel suo collettivo coinvolgimento e non comune nella sua grandiosità.
"Miseria ladra", si sbotta quando tutto sembra andare di sghembo. E' così: la povertà spirituale e la nera miseria materiale ci rubano il confidare nel domani, il proteggere la dignità umana, il difendere costi quel che costi i diritti eterni ed universali. Oltre nove milioni e mezzo di italiani si trovano in condizione di essere in procinto di superare la soglia della povertà e, di questi, circa cinque milioni sono già in povertà assoluta e, tra loro, quasi due milioni di minori. Numeri che sono la diretta conseguenza di politiche sbagliate ed offensive per la giustizia sociale, mortificanti per la democrazia e traditrici della Costituzione Repubblicana.
A mio giudizio, non tutto è ancora perduto e, però, è da subito necessario imboccare quattro vie convergenti: liberare la libertà, liberare il bene, liberare la conoscenza, liberare la speranza per liberarsi dai potentati elitari, dalle mafie nemiche giurate del genere umano, dalle caste dei cialtroni.
Liberare la libertà: non esiste vera libertà nelle realtà oppresse dai poteri mafiosi e né in uno Stato dove la corruzione sottrae risorse immense alle tasche degli onesti e dei virtuosi.
Liberare il bene: le dette immense risorse, assieme alla ricchezza generata dalle attività produttive, saranno in grado di perseguire il bene collettivo a patto che siano precedute da una rigorosa, vigorosa e coscienziosa politica di equa redistribuzione del reddito.
Liberare la conoscenza: la cultura è la più straordinaria leva del cambiamento e si sostanzia essenzialmente in due componenti complementari l'una all'altra, conoscenza e consapevolezza. Conoscenza dei molteplici fenomeni di illegalità e di malcostume accompagnata, in linea di ferra razionalità, dalla consapevolezza dei diritti e dei doveri del cittadino per efficacemente contrastarli e vincerli.
Liberare la speranza: quest'ultima muore se non viene costantemente alimentata dalla giustizia e dalla verità e, per riconquistare quel domani ad oggi rubato, ad essa va affiancata la memoria storica di epoche di risveglio delle coscienze e di rinascimento delle arti e delle professionalità umane.
Dei concetti sopra espressi, non mi stancherò mai di esserne impavido alfiere!

Pubblicato da Maria Antonia Modolo il 24 novembre 2013 alle ore 20:13
Titolo bellissimo e...................sarebbe ora. Complimenti e grazie per le significative parole. Maria Antonia.
Pubblicato da Piero il 25 novembre 2013 alle ore 18:56
Mario Tiberi,
da alcuni anni, ogni settimana, hai espresso la tua opinione sui quotidiani on-line di Orvieto e non solo su come gli amministratori politici di Orvieto dovrebbero essere e cosa dovrebbero fare per il bene comune del popolo orvietano.
Dalle informazioni che traggo dai quotidiani on-line di Orvieto mi sembra che l'attuale situazione politica ed economica del Comune di Orvieto sia in grave crisi e che in ogni caso le elezioni amministrative per il Comune di Orvieto si svolgeranno entro la metà del prossimo anno lasciando al prossimo Sindaco ed ai prossimi Assessori e Consiglieri enormi problemi economici.
Tenuto conto del tuo continuo ed incalzante impegno sociale dovresti decidere se continuare a scrivere le tue critiche ai prossimi amministratori di Orvieto o candidarti in una "Lista civica" assumendoti personalmente la responsabilità per la gestione della "Cosa pubblica" da Consigliere o da Assessore o da Sindaco; nel caso che tu decida per questa seconda ipotesi, dovresti informare i cittadini orvietani, in un comizio da indire a Piazza della Repubblica, dei candidati inclusi nella "Lista" di cui anche tu ne fai parte e del programma che la stessa "Lista" ha per la gestione del Comune di Orvieto con pochi euro a disposizione. Piero
Pubblicato da Gabriele Della Vecchia il 26 novembre 2013 alle ore 18:56
L'invito rivolto dal sig Piero al prof Tiberi mi trova d'accordo su tutto tranne su un punto, non è l'inverno il periodo adatto per comizi all'aperto. Che ne dite se ne riparliamo a primavera? Cari saluti a tutti. Gabriele Della Vecchia

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 febbraio

Meteo

lunedì 19 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 3.5ºC 94% buona direzione vento
15:00 4.3ºC 86% buona direzione vento
21:00 1.5ºC 94% discreta direzione vento
martedì 20 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 2.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 4.3ºC 74% buona direzione vento
21:00 2.0ºC 84% buona direzione vento
mercoledì 21 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 2.9ºC 93% buona direzione vento
15:00 5.4ºC 75% buona direzione vento
21:00 1.2ºC 91% buona direzione vento
giovedì 22 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 2.4ºC 93% discreta direzione vento
15:00 2.8ºC 93% buona direzione vento
21:00 1.2ºC 95% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni