opinioni

Orvieto Capitale, Poesia o Prosa?

giovedì 21 novembre 2013
di Gian Paolo Aceto

La città di Orvieto, o sarà Capitale o non sarà.
Perché lo sia bisogna che lo diventi, perché lo diventi bisogna che si prepari trovando il consenso sulle proprie idee e programmi.
Si pensa che il consenso vada trovato in campagna elettorale e non prima, come l'uva, che si raccoglie a ottobre "perché quella è la stagione". E così per tanti le elezioni, anche quelle comunali, sono semplicemente un fatto ciclico, naturale, come un timbramento del cartellino in fabbrica o in ufficio, un'aspìrina periodica. Invece, pur se sono periodiche possono essere anche eccezionali in uno specifico contesto. Se Orvieto è in questa situazione, il programma politico-amministrativo che un qualsiasi partito vuole presentare deve essere a suo modo eccezionale "soprattutto perché normale", e cioè aderente al senso comune che tutti gli uomini hanno per ciò che riguarda una decisione da prendere.

L'ex caserma Piave non è situata a valle o in qualche periferia ma, proprio per la specifica posizione geologica e per decisione di chi una volta l'ha progettata è situata nel centro storico elevato di una città ricchissima di storia attraverso i millenni, e che accoglie in sé importantissimi monumenti artistici. Quindi la definizione di questa situazione è praticamente unica, per città di queste dimensioni, non solo in tutta Italia ma anche rispetto all'Europa.
Cos'è che ho detto essere unico, in sintesi? Una grande qualità storico-artistica (aspetto che è certamente maggiore in alcune città europee), ma originale e unico per possibilità nuove avendo dentro di sé un grande spazio costruito ma vuoto.
Nello stesso tempo però, inerte come una lisca di pesce che non ha più carne intorno a sé, e perciò non è più viva.
Il fabbricato della caserma è certamente oggi una costruzione de-qualificata rispetto a prima, ma con le strutture praticamente intatte, un'architettura quasi contemporanea certamente ben al di qua di quel diaframma temporale, in senso storico-artistico, per cui si potrebbe pensare che è un bene da difendere per motivi di artisticità architettonica, perché da questo punto di vista è un ibrido semplice e severo, e perciò funzionale a ciò per cui era stata costruita. Né più, né meno.
Può quindi accogliere in sé attività scientifico-imprenditoriali contemporanee.
C'è da chiedersi quali, quale l'indirizzo più consono, l'indirizzo soltanto per carità, perciò non "precisissime" secondo i manuali per apprendisti o "autorità in socio-archi-urbanistichegia, con i loro progettini trasferibili in altre duecento realtà cittadine sparse per tutto il mondo, roba da archistar seriali, arrivano ed è come se sciorinassero il campionario della maglieria per uomo-donna-città. Ed è come se ai poveri amministratori colpiti da tanta modernità venisse offerto il nuovissimo modello canadese, o birmano, o sudafricano. "ecco, questo è quello che ho progettato a Kiev, economia delle funzioni, il museo, lo spazio, la luce, il tempo........".

No. Si può invece tentare di "interrogare la materia", così come si fa per la chimica o la creta o la geometria o la buona cucina, con igiene mentale, che vuol dire anche indagare e tener conto della pluralità di rapporti che investono un particolare problema.
Per questo tipico assetto della città si può tentare di favorire (non progettare in vitro!...) in principio gratuitamente l'inserimento parziale all'interno della caserma di attività personali di impresa o ricerca, o anche solo di studio qualificato, che per le loro necessità logistiche in senso lato non necessitano, ognuna per sé, di grandi spazi come le normali fabbriche.
Ripeto, in parte, quello che ho già proposto nella campagna elettorale del 2004 e poi in qualche articolo successivo. E' il concetto di parco scientifico, ma relativo agli ambienti della caserma.
Ci sono attività contemporanee che esistono o comunque operano dappertutto in Italia o nel mondo occidentale. Oppure in tanti Paesi che, anche eredi di antiche e culturalmente complesse civiltà, si sono poi "arenati" nel tempo o hanno dovuto subire un processo di colonizzazione e soltanto negli ultimi tempi si sono affermate con indipendenza rispetto a quelli che vengono considerati "i Paesi più avanzati".
Specie ultimamente sono usciti diversi articoli e saggi nei quali si spiega e si da conto di quanto ferva nel mondo occidentale la ricerca di giovani "cervelli", da parte degli atenei o delle imprese private, proprio per accaparrarsi "conoscenza", che si traduce poi in scienza e produzione.
Ma non si è mai sentito che una città della dimensione di Orvieto (e nel concetto di dimensione non c'è certamente solo quello quantitativo) possa, prendendo spunto dall'avere gli spazi giusti, dare inizio a una specie di "raccolta" di questo tipo.
La "raccolta", da parte di un Comune che veramente voglia farlo e abbia al suo vertice le persone giuste, si può attuare in principio soprattutto telematicamente (il che non avrebbe quasi nessun costo), utilizzando indirizzari di diversa e competente provenienza, e anche sulle riviste scientifiche, e attraverso un'informazione mirata. Questo per l'Italia e il cosiddetto mondo occidentale nel suo genere.
Ma l'aspetto forse più interessante potrebbe essere quello di diffondere l'iniziativa in università e istituti di ricerca in generale in quei paesi al di là del cosiddetto Occidente dove molti giovani studiosi con curriculum di tutto rispetto o persone che abbiano piccole imprese di alto livello di ricerca possano essere interessati a trasferire le loro attività a Orvieto, dove troverebbero enormi facilitazioni da parte del Comune e un ambiente culturale per forza di cose e di storia diverso dal loro. Questa possibilità di per così dire confronto potrebbe avere un suo fascino se sapientemente concretizzata.
E va da sé che se un giorno la Caserma, adeguatamente preparata, nel senso di rinnovata, fornita dei più moderni sistemi di cablaggio, riuscisse a "funzionare" in questo senso, il fatto sarebbe di grande impatto per quella che si può chiamare per una città di questo tipo, "la qualificazione della sua contemporaneità".
La ricerca è fatta di esperienza ma anche di intuizioni, anche se queste sono ben più rare. L'intuizione nasce con l'immaginazione, e a seconda del substrato culturale, direi meglio storico-culturale, del popolo cui la persona appartiene. In certe regioni del mondo ci sono state alte civiltà, come tutti sanno e non è una novità, India, Cina, Paesi arabi nella fascia della Mezzaluna fertile, dove sono fiorite nel lontano passato non solo la letteratura ma anche le scienze, con specifici modi di apprendere o processi di pensiero. E queste facoltà ritornano o possono ritornare nel corso del tempo. Immagino e anche so, che le vie della mente sono in tutto il mondo molte più di quelle che portano a Roma.
Si può far sì perciò che qualcuna possa condurre perché no a Orvieto.
E senza troppo preoccuparsi se ciò che si vuole iniziare possa essere, come dice il titolo di quest'articolo, poesia o prosa.

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 novembre

Il disco dei Cherries alza il sipario sulla nuova stagione del Teatro Santa Cristina

Il Vetrya Corporate Campus si amplia. Nuove aree e servizi aperti alla comunità

"Stop discarica". Assemblea pubblica al Centro Anziani di Ciconia

Il Comitato Civico per il Diritto alla Salute-Art.32 chiede un'adeguata risposta sanitaria

La rosa, le spine

Motore in avaria, aereo rientra in aeroporto: paura per famiglia orvietana

Ramona Aricò ci crede ed incoraggia la Zambelli Orvieto

"Gli Etruschi parlano". Presentato a Paestum il progetto in realtà aumentata

Non applicazione della quota variabile della Tari alle pertinenze

"Le città del futuro", anche Vitorchiano a Montecitorio

A "Cuochi d'Italia", Valentina Santanicchio si aggiudica la vittoria sul Veneto

Danza e teatro, al Boni "Tempesta" e "La Giara. Un meraviglioso regalo"

A Villa Umbra, gli stati generali su scuola e sistema di istruzione e formazione professionale

Accattonaggio molesto, CasaPound avvia una raccolta di firme

Accesso ai bandi europei, si rafforza la collaborazione tra scuola ed Anci Umbria

"Legalità, mi piace". Oltre 300 studenti delle superiori partecipano all'evento di Confcommercio

False "Catene di Sant'Antonio" di WhatsApp. L'appello di Polizia Postale e Sportello dei Diritti

Il questore di Terni in visita al Comune di San Venanzo

Il Comune stanzia 116.000 euro per asfaltature e installa pannelli luminosi con limiti a 50 km/h

Lotta al tumore al pancreas, il Comune s'illumina di viola

Via ai lavori di pavimentazione sulla strada statale 205 "Amerina"

Civita di Bagnoregio e Gubbio, due casi di studio per Orvieto

Weekend intenso per l'Orvieto FC. Esordio in campionato per i Giovanissimi

Giornata dei Diritti dell'Infanzia, l'artista Salvatore Ravo realizza un murale per la Festa dell'Albero

Nuova ondata di furti, impegno congiunto tra istituzioni e carabinieri

Alessandro Carlini presenta "Partigiano in camicia nera. La storia vera di Uber Pulga"

Due giorni di appuntamenti per la sesta edizione per "Olio diVino"

La "Festa dell'Olio" di Montecchio compie 42 anni

A 12 anni dalla scomparsa, Orvieto ricorda Padre Chiti. Il programma delle celebrazioni

Dal Bianconi al Rivellino, piovono spettacoli nella Tuscia dei teatri

Le ragioni del No. Incontri a Orvieto, Acquapendente e Castel Giorgio

La Fondazione per il Csco è di nuovo accreditata quale agenzia formativa presso la Regione

Al Teatro dei Calanchi è di scena "Abdullino va alla guerra"

Bandiera verde a "Il Secondo Altopiano", qualità e impegno quotidiano per l'agricoltura naturale

Alessandro Benvenuti torna al Boni da protagonista con lo spettacolo "Chi è di scena"

Approvata la convenzione per istituire l'Ufficio speciale ricostruzione post sisma 2016

La Scuola dell'Infanzia di Pantalla dedica un'aula alla "maestra Barbara"

Le eccellenze dell'Umbria in vetrina alla Borsa internazionale del turismo enogastronomico

Iniziati i lavori alla scuola di Giove, 205 studenti trasferiti a Guardea e Penna in Teverina

Psr 2014-2020, operativi i cinque Gal dell'Umbria, a disposizione 32 milioni di euro per sviluppo locale

XXXIV Trofeo delle Regioni, convocati otto nuotatori della Uisp Orvieto Medio Tevere

Geotermia, chiesto un incontro al Mise. Nevi: "L'Umbria non ha bisogno di rinvii"

Geotermia, il centrosinistra si spacca. Fiorini: "Giunta e seguaci hanno già deciso"

Scuola, approvato il Piano provinciale offerta formativa e programmazione 2017-2018

Undicesima seduta del 2016 per il consiglio comunale. In 23 punti l'ordine del giorno

A Ficulle torna "Olio diVino". Due giorni di degustazioni, musica e convegni

Gestione dei rifiuti, Rotella (Porano Bene Comune) interroga l'amministrazione

Geotermia al Bagnolo. Ambientalisti cauti: "C'è poco da esultare"

Cambio al vertice della Cro. Comitato risparmiatori: "Disponibili al confronto"