opinioni

Dedicato a chi, in Comune, ci lavora

martedì 22 ottobre 2013
di Massimo Gnagnarini - Unire i puntini Orvieto
Dedicato a chi, in Comune, ci lavora

Gli amministratori cambiano, i lavoratori restano. Sono loro che custodiscono la conoscenza e l'esperienza di ogni singolo aspetto e articolazione di quell'insieme di servizi, uffici e controllo del territorio che chiamiamo Comune di Orvieto.

Spesso sentiamo parlare di indici che misurano il grado di soddisfazione dei cittadini verso l'amministrazione, ma sarebbe utile misurare anche l'indice di soddisfazione dei dipendenti verso l'amministrazione. Nelle aziende private avviene normalmente e serve a comunicare la "mission" ovvero chi siamo e dove andiamo presupposto essenziale di ogni obbiettivo e spartiacque tra il mero concetto di efficienza e quello più produttivo di efficacia. Centosettanta dipendenti e relativi cervelli di cui è composto l'organico del Comune sono la prima risorsa strategica per il bene comune che non può essere relegata all'ordinario per distribuire la poca ricchezza trasferita dallo Stato, ma deve essere schierata per creare nuova ricchezza attraverso politiche capaci di mettere a reddito la città.

Sfortunatamente le politiche di esternalizzazione dei servizi e il ricorso alle consulenze esterne praticate finora hanno ridotto e talvolta mortificato questo patrimonio di professionalità e di conoscenze generando in molti casi apatia e demotivazione. Si può e si deve rimediare. Per esempio ridestinando le risorse economiche impegnate in convenzioni e consulenze esterne in fondi per l'aggiornamento e la riqualificazione dei dipendenti comunali oltre che all'introduzione di nuovi e specifici incentivi salariali.

Capita, invece, che amministratori poco lungimiranti considerino i propri dipendenti come una sorta di zavorra da sfoltire oppure come un costo da alleggerire. Capita anche a Orvieto dove, sembra, che la Giunta comunale desideri tagliare i costi degli straordinari effettuati dai dipendenti impegnati in servizi che si svolgono in giornate festive e a orari prolungati, e che nel contempo, però, continui anche ad esternalizzare molti servizi a beneficio di privati, come nel caso della biglietteria del Pozzo di San Patrizio. E' quantomeno contradditorio tentare di giustificare un taglio delle buste paga adducendo la grave situazione finanziaria in cui versa l'Ente e, nel contempo, ripetere come un mantra ai cittadini che tutto va bene e che il bilancio è stato risanato.

In realtà questa amministrazione ha già applicato nei fatti quasi tutte le misure restrittive previste in caso di cosiddetto stato di pre-dissesto finanziario: aliquote dei tributi ai massimi consentiti dalla legge, blocco del turnover, ecc. L'unica cosa che si ostinano a non fare, per calcolo politico temendo che ciò venga percepito come il loro fallimento, è proprio la dichiarazione formale dello stato di pre-dissesto. Anzi, a stare a quanto dichiarato dall'assessore al ramo nella scorsa seduta consigliare, la dichiarazione dello stato di pre-dissesto del Comune di Orvieto aggiungerebbe altri sfraceli e gravi purghe occupazionali persino nei confronti del personale in servizio con contratto a tempo indeterminato.

Non è vero! L'assessore non si è accorto che a seguito del collocamento in pensione di un cospicuo numero di persone, oggi, nel Comune di Orvieto, il rapporto tra numero dei dipendenti e numero di abitanti rientra nello standard nazionale fissato dalla normativa e pertanto non vi sarebbe nessun obbligo a sfoltire. L'unico riflesso che lo stato di pre-dissesto potrebbe ingenerare sarebbe la temporanea sospensione dei fondi per il salario accessorio. Pochi euro all'anno per tutti e qualcosina di più per i Dirigenti apicali che però, come è noto, hanno spalle stipendiali ben larghe da poter sopportare l'obolo.

In ogni caso siccome l'alternativa certa alla mancata dichiarazione del pre-dissesto, vista l'impossibilità di varare un bilancio 2013 nel rispetto della normativa vigente, sarebbe quella di subire il dissesto coatto e il relativo commissariamento, converrebbe procedere subito con il primo. Anche perchè la stesura dell'apposito e necessario Piano Pluriennale di Risanamento consentirebbe finalmente al Comune di Orvieto di darsi e definire quella mission (chi siamo e dove andiamo) inutilmente attesa finora dai cittadini e capace di ridare ruolo e orgoglio ai nostri dipendenti comunali.

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 novembre

Il disco dei Cherries alza il sipario sulla nuova stagione del Teatro Santa Cristina

Il Vetrya Corporate Campus si amplia. Nuove aree e servizi aperti alla comunità

"Stop discarica". Assemblea pubblica al Centro Anziani di Ciconia

Il Comitato Civico per il Diritto alla Salute-Art.32 chiede un'adeguata risposta sanitaria

La rosa, le spine

Motore in avaria, aereo rientra in aeroporto: paura per famiglia orvietana

Ramona Aricò ci crede ed incoraggia la Zambelli Orvieto

"Gli Etruschi parlano". Presentato a Paestum il progetto in realtà aumentata

Non applicazione della quota variabile della Tari alle pertinenze

"Le città del futuro", anche Vitorchiano a Montecitorio

A "Cuochi d'Italia", Valentina Santanicchio si aggiudica la vittoria sul Veneto

Danza e teatro, al Boni "Tempesta" e "La Giara. Un meraviglioso regalo"

A Villa Umbra, gli stati generali su scuola e sistema di istruzione e formazione professionale

Accattonaggio molesto, CasaPound avvia una raccolta di firme

Accesso ai bandi europei, si rafforza la collaborazione tra scuola ed Anci Umbria

"Legalità, mi piace". Oltre 300 studenti delle superiori partecipano all'evento di Confcommercio

False "Catene di Sant'Antonio" di WhatsApp. L'appello di Polizia Postale e Sportello dei Diritti

Il questore di Terni in visita al Comune di San Venanzo

Il Comune stanzia 116.000 euro per asfaltature e installa pannelli luminosi con limiti a 50 km/h

Lotta al tumore al pancreas, il Comune s'illumina di viola

Via ai lavori di pavimentazione sulla strada statale 205 "Amerina"

Civita di Bagnoregio e Gubbio, due casi di studio per Orvieto

Weekend intenso per l'Orvieto FC. Esordio in campionato per i Giovanissimi

Giornata dei Diritti dell'Infanzia, l'artista Salvatore Ravo realizza un murale per la Festa dell'Albero

Nuova ondata di furti, impegno congiunto tra istituzioni e carabinieri

Alessandro Carlini presenta "Partigiano in camicia nera. La storia vera di Uber Pulga"

Due giorni di appuntamenti per la sesta edizione per "Olio diVino"

La "Festa dell'Olio" di Montecchio compie 42 anni

A 12 anni dalla scomparsa, Orvieto ricorda Padre Chiti. Il programma delle celebrazioni

Dal Bianconi al Rivellino, piovono spettacoli nella Tuscia dei teatri

Le ragioni del No. Incontri a Orvieto, Acquapendente e Castel Giorgio

La Fondazione per il Csco è di nuovo accreditata quale agenzia formativa presso la Regione

Al Teatro dei Calanchi è di scena "Abdullino va alla guerra"

Bandiera verde a "Il Secondo Altopiano", qualità e impegno quotidiano per l'agricoltura naturale

Alessandro Benvenuti torna al Boni da protagonista con lo spettacolo "Chi è di scena"

Approvata la convenzione per istituire l'Ufficio speciale ricostruzione post sisma 2016

La Scuola dell'Infanzia di Pantalla dedica un'aula alla "maestra Barbara"

Le eccellenze dell'Umbria in vetrina alla Borsa internazionale del turismo enogastronomico

Iniziati i lavori alla scuola di Giove, 205 studenti trasferiti a Guardea e Penna in Teverina

Psr 2014-2020, operativi i cinque Gal dell'Umbria, a disposizione 32 milioni di euro per sviluppo locale

XXXIV Trofeo delle Regioni, convocati otto nuotatori della Uisp Orvieto Medio Tevere

Geotermia, chiesto un incontro al Mise. Nevi: "L'Umbria non ha bisogno di rinvii"

Geotermia, il centrosinistra si spacca. Fiorini: "Giunta e seguaci hanno già deciso"

Scuola, approvato il Piano provinciale offerta formativa e programmazione 2017-2018

Undicesima seduta del 2016 per il consiglio comunale. In 23 punti l'ordine del giorno

A Ficulle torna "Olio diVino". Due giorni di degustazioni, musica e convegni

Gestione dei rifiuti, Rotella (Porano Bene Comune) interroga l'amministrazione

Geotermia al Bagnolo. Ambientalisti cauti: "C'è poco da esultare"

Cambio al vertice della Cro. Comitato risparmiatori: "Disponibili al confronto"