opinioni

Dedicato a chi, in Comune, ci lavora

martedì 22 ottobre 2013
di Massimo Gnagnarini - Unire i puntini Orvieto
Dedicato a chi, in Comune, ci lavora

Gli amministratori cambiano, i lavoratori restano. Sono loro che custodiscono la conoscenza e l'esperienza di ogni singolo aspetto e articolazione di quell'insieme di servizi, uffici e controllo del territorio che chiamiamo Comune di Orvieto.

Spesso sentiamo parlare di indici che misurano il grado di soddisfazione dei cittadini verso l'amministrazione, ma sarebbe utile misurare anche l'indice di soddisfazione dei dipendenti verso l'amministrazione. Nelle aziende private avviene normalmente e serve a comunicare la "mission" ovvero chi siamo e dove andiamo presupposto essenziale di ogni obbiettivo e spartiacque tra il mero concetto di efficienza e quello più produttivo di efficacia. Centosettanta dipendenti e relativi cervelli di cui è composto l'organico del Comune sono la prima risorsa strategica per il bene comune che non può essere relegata all'ordinario per distribuire la poca ricchezza trasferita dallo Stato, ma deve essere schierata per creare nuova ricchezza attraverso politiche capaci di mettere a reddito la città.

Sfortunatamente le politiche di esternalizzazione dei servizi e il ricorso alle consulenze esterne praticate finora hanno ridotto e talvolta mortificato questo patrimonio di professionalità e di conoscenze generando in molti casi apatia e demotivazione. Si può e si deve rimediare. Per esempio ridestinando le risorse economiche impegnate in convenzioni e consulenze esterne in fondi per l'aggiornamento e la riqualificazione dei dipendenti comunali oltre che all'introduzione di nuovi e specifici incentivi salariali.

Capita, invece, che amministratori poco lungimiranti considerino i propri dipendenti come una sorta di zavorra da sfoltire oppure come un costo da alleggerire. Capita anche a Orvieto dove, sembra, che la Giunta comunale desideri tagliare i costi degli straordinari effettuati dai dipendenti impegnati in servizi che si svolgono in giornate festive e a orari prolungati, e che nel contempo, però, continui anche ad esternalizzare molti servizi a beneficio di privati, come nel caso della biglietteria del Pozzo di San Patrizio. E' quantomeno contradditorio tentare di giustificare un taglio delle buste paga adducendo la grave situazione finanziaria in cui versa l'Ente e, nel contempo, ripetere come un mantra ai cittadini che tutto va bene e che il bilancio è stato risanato.

In realtà questa amministrazione ha già applicato nei fatti quasi tutte le misure restrittive previste in caso di cosiddetto stato di pre-dissesto finanziario: aliquote dei tributi ai massimi consentiti dalla legge, blocco del turnover, ecc. L'unica cosa che si ostinano a non fare, per calcolo politico temendo che ciò venga percepito come il loro fallimento, è proprio la dichiarazione formale dello stato di pre-dissesto. Anzi, a stare a quanto dichiarato dall'assessore al ramo nella scorsa seduta consigliare, la dichiarazione dello stato di pre-dissesto del Comune di Orvieto aggiungerebbe altri sfraceli e gravi purghe occupazionali persino nei confronti del personale in servizio con contratto a tempo indeterminato.

Non è vero! L'assessore non si è accorto che a seguito del collocamento in pensione di un cospicuo numero di persone, oggi, nel Comune di Orvieto, il rapporto tra numero dei dipendenti e numero di abitanti rientra nello standard nazionale fissato dalla normativa e pertanto non vi sarebbe nessun obbligo a sfoltire. L'unico riflesso che lo stato di pre-dissesto potrebbe ingenerare sarebbe la temporanea sospensione dei fondi per il salario accessorio. Pochi euro all'anno per tutti e qualcosina di più per i Dirigenti apicali che però, come è noto, hanno spalle stipendiali ben larghe da poter sopportare l'obolo.

In ogni caso siccome l'alternativa certa alla mancata dichiarazione del pre-dissesto, vista l'impossibilità di varare un bilancio 2013 nel rispetto della normativa vigente, sarebbe quella di subire il dissesto coatto e il relativo commissariamento, converrebbe procedere subito con il primo. Anche perchè la stesura dell'apposito e necessario Piano Pluriennale di Risanamento consentirebbe finalmente al Comune di Orvieto di darsi e definire quella mission (chi siamo e dove andiamo) inutilmente attesa finora dai cittadini e capace di ridare ruolo e orgoglio ai nostri dipendenti comunali.

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 aprile

"Gli Ordini mendicanti e predicatori nella Diocesi di Orvieto-Todi: la povertà come ricchezza"

Anche la Compagnia delle Lavandaie della Tuscia alla Sagra dell'Aparago Verde

Alla Festa della Birra Artigianale di Piazza del Popolo, anche "I Fritti della Castellana"

"Una birra per piacere, senza sballo si può". Se ne parla con Cittaslow e A.Ge.

"Occhi sulla Luna. Un omaggio al nostro satellite naturale"

Soffiava il vento

Nei weekend estivi, i giovani del Servizio Civile aprono la Torre e il Palazzo Comunale

"Diversità e integrazione" a Rocca Ripesena, in festa per "Il Paese delle Rose"

Il Palio dei Comandi ai runners della Scuola Sottufficiali dell'Esercito

Guasti alla linea telefonica, è possibile contattare il Comune da Facebook

La Zambelli Orvieto volta pagina, la semifinale comincia a San Giovanni in Marignano

Per "Parrano Feudo 900" iniziativa con le scuole dell'Alto Orvietano a "La Badia" di Ficulle

Festa della Liberazione, pomeriggio di iniziative alla Fortezza Albornoz

La Corte dei Conti accerta il ripiano finanziario e la conclusione del Piano di riequilibrio pluriennale

"Claudia Giontella, una archeologa e la sua dialettica del territorio"

Match point al PalaPorano per la Vetrya Orvieto Basket

Cinema Teatro Turreno, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia dona l'immobile a Comune e Regione

Per "San Pellegrino in Fiore", sei visite guidate tra chiese, fontane e palazzi

Chiusura temporanea del casello autostradale di Orvieto per lavori di pavimentazione

Inaugurato il Polo tecnologico per l'Umbria dell'Università Internazionale Uninettuno

Caso discarica, ancora 10 giorni. Italia Nostra contesta la Soprintendenza

Il direttivo Fisar si rinnova: 5 su 7 sono nuovi consiglieri, Amilcare Frellicca nuovo delegato

Disabilità, le famiglie in presidio sotto il palazzo della Regione

Venticinque secco al Lotto

Orvieto FC, prima vittoria per le ragazze del calcio a 11. Big match contro il Ciconia

Punture di vespe, "l'Ospedale è in grado di affrontare con efficacia queste situazioni"

'Sette giorni di... vini nella provincia di Terni'. Dal 24 al 30 aprile degustazioni con prelibatezze a Orvieto, Ficulle, Amelia e Terni

Il programma della manifestazione

'Umbria, verde rinascita dell'italico vino': convegno giovedì 26 aprile

Il Team Eurobici Orvieto si fa onore alla ‘10° gran fondo dei Colli Albani’

Soddisfazione dello SDI per Ségolène Royal candidata alle presidenziali francesi. Lo segnala il consigliere provinciale Marinelli

Supera le 179 mila adesioni la raccolta firme per la Legge di iniziativa popolare per la tutela e la gestione pubblica dell’acqua. Obiettivo: 500 mila firme per dare più forza alla proposta di legge

Convegno del Centro studi Gianni Rodari venerdì 27 aprile: 'La mente scientifica - Come fare Scienze a scuola'

Ripartito il fondo regionale 2007 alle Comunità montane. Oltre 535 mila euro alla Monte Peglia e Selva di Meana

All'insegna del rinnovamento nominata la nuova segreteria dell'Unione Comunale DS Orvieto. I FORUM CIVICI altro elemento di novità

Villa San Giorgio in cantiere. Pronti tra 450 giorni la nuovissima Residenza Protetta e il Centro Riabilitativo

Voci su un'ipotetica cava di basalto in località Biagio: un'interpellanza del consigliere Imbastoni per saperne di più

Contraddittorio educare gli studenti al riciclaggio e al mangiar sano e farli mangiare con stoviglie di plastica. Perché non si installa una lavastoviglie all'Ippolito Scalza?

Bella affermazione per l'orvietano Gian Marco Fusari, vincitore del Premio Nazionale Musica d'Autore