opinioni

Per un "Comune Nuovo"

domenica 21 luglio 2013
di Mario Tiberi

Il Dottor Pier Luigi Leoni, dall'alto della Sua elevata cultura politica e dunque da par Suo, ha avuto la bontà di intervenire a commento integrativo di un mio editoriale per meglio svilupparlo e completarlo. Il mio portava il titolo: "Si può essere bipolari senza essere bipartitici"; il Suo: "Nel bipolarismo i poli sono due, ma le culture politiche sono almeno tre". Il riferimento al pensiero sociale cristiano, e quindi ad una politica autenticamente popolare, ne ha determinato il perno attorno a cui far ruotare il Suo prezioso contributo.

Circa due anni orsono affrontai il tema del popolarismo, distinguendolo ovviamente dal populismo, ed oggi mi sento di riproporlo almeno nei suoi tratti salienti.
Ad ognuno di noi capita di assistere, per libera scelta o per masochistico gioco, ad assemblee, conferenze, dibattiti, tribune televisive o radiofoniche, nel corso delle quali i politici di turno invitati in qualità di ospiti o di relatori espongono, spesso tirandosi chiassosamente gli orecchi l'un l'altro, le loro linee di indirizzo ideale e/o di piattaforma programmatica.
Ce ne fosse mai uno che non si proclami fautore dell'ascolto della società e dei suoi bisogni, contrario ad una gestione del potere oligarchica e clientelare, promotore di uno stile politico ispirato all'onestà e alla verità e su questi temi, dall'estrema destra all'estrema sinistra, si trovano tutti concordi solo e soltanto sul piano delle pie intenzioni verbali per poi, nelle realizzazioni concrete, ritrovarsi in disaccordo su tutto.
Pensano, spesso e volentieri fingendo, di essere dei "popolari", mentre invece sono solo dei populisti!.

Bisognerà, allora, tentare di andare alla ricerca delle ragioni e dei princìpi del "popolarismo" per comprendere meglio il perché, nella politica urlata dei giorni nostri, sono prevalenti gli accenti di leziosa e demagogica accademia sulle volontà più squisitamente improntate alla serietà delle analisi sulle contingenze del presente e alla coerenza, rispetto a quest'ultime, di conseguenti risposte risolutive suggerite dalle analisi stesse.
Il "Documento Principe", a tal proposito, è rappresentato dallo "Appello ai Liberi e Forti" lanciato da Luigi Sturzo, nel Gennaio del 1919, da una francescana cameretta della pensione "Santa Chiara" in Roma. Detto Documento costituisce la pietra miliare nella storia del cattolicesimo democratico italiano e contiene i caratteri fondamentali di quello che sarà poi definito "popolarismo", una sorta di trasposizione in politica dei principi solidaristici, sussidiari ed etici contenuti nel "Pensiero Sociale Cristiano".
Riforme sociali, partecipazione degli operai alla vita delle fabbriche, cooperative di lavoro e di consumo, istituti di credito a sostegno degli artigiani e commercianti, società di mutuo soccorso, ordini professionali, scuole per l'istruzione giovanile e popolare, prime forme di associazionismo sindacale organizzato, decentramento amministrativo, riconoscimento giuridico della piccola proprietà rurale contro il latifondismo: ecco i capisaldi del nuovo modo di pensare ed agire che contraddistinsero quegli anni intensi e fecondi.
Antonio Gramsci salutò l'imminente costituirsi dei cattolici in partito politico come il "fatto storico più importante dopo il Risorgimento"; Federico Chabod considerò la nascita del Partito Popolare Italiano come "l'avvenimento più notevole della storia italiana del ventesimo secolo": questo per dire quanto sia stata rivoluzionaria la pubblicazione dell'Appello ai liberi e forti.

Oggi più che mai, quando pare essersi smarrita la strada maestra di una politica a beneficio di tutti, ritornano severe ed ammonitrici le parole tratte dagli insegnamenti di maestri dalla statura morale ineguagliata e, probabilmente, ineguagliabile.
Ed è triste e deprimente assistere alla misera girandola delle convenienze e delle poltrone, alla caduta in tentazione di ben individuate gerarchie ecclesiastiche che si prestano ancora ad esercitare un potere temporale in funzione di garantirsi la copertura di personaggi che di "popolarismo" non sanno picche, alla stolta e dissennata pratica di affidare la guida di partiti che si autodefiniscono "popolari" a figure di riferimento provenienti da esperienze maturate all'interno della neo-borghesia liberista e conservatrice o di quella socialdemocratica camuffata da riformista e progressista.

Un partito davvero popolare dovrebbe, invece, possedere un'unica bussola di orientamento: il perseguimento della giustizia sociale, dell'uguaglianza civile, dell'etica pubblica e privata, fulcri e perni attorno ai quali dimensionare i valori del diritto al lavoro, all'abitazione di famiglia, alla salute e all'istruzione.
La nuova frontiera del "popolarismo" può essere racchiusa nella siffatta sintesi, espressa nella lingua che è la sintesi lessicale per eccellenza: "Si vis pacem, para iustitiam et, ex verbis, ad facta iustitiae". La pace e l'equilibrio sociale sono garantiti dalla giustizia, quella dei fatti e non delle sole parole.

I concetti su espressi ricordo che, e ritengo di non sbagliarmi, furono doviziosamente illustrati nelle pagine del "Comune Nuovo", storica testata dei cattolici democratici orvietani, una trentina di anni orsono o poco più. Parole profetiche allora e che, ancor di più oggi, hanno necessità di essere compiutamente praticate e realizzate nella concretezza della realtà sociale, civile e politica.
È la Orvieto "Comune Nuovo" che vorrei, tutto l'opposto di quella che è attualmente.

Per concludere: essere o diventare "populisti" è agevole e poco impegnativo essendo bastevole, infatti, mettere sotto lucchetto animo e cuore ed evitare di rispondere alla propria coscienza mentre, al contrario, essere o diventare "popolari" è ben più arduo poiché è richiesto di anteporre il giudizio di coscienza agli interessi e tornaconti individualistici.

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio