opinioni

Alluvione giorno due. Occhi tristi e volti battaglieri, ma ce la faremo. Come sempre

mercoledì 14 novembre 2012
di Monica Riccio
Alluvione giorno due. Occhi tristi e volti battaglieri, ma ce la faremo. Come sempre

Splende il sole oggi su Orvieto. Il giorno dopo la grande alluvione, Orvieto si è svegliata sotto un cielo terso, di un azzurro brillante, con davanti un cammino che più in salita non poteva essere. Le acque si stanno ritirando e ovunque affiora il fango, la preoccupazione, la solitudine, l'incertezza. Ho fatto un giro in varie zone colpite dalla grande alluvione. Dopo un giorno intero passato al pc a dar conto e a metter insieme le tante notizie sperando di dar sollievo al bisogno di conoscere, ho sentito che dovevo andare a vedere. Perchè raccontare senza vedere non è da me.

Ho visto un fiume ancora impetuoso, carico di detriti, un fiume che veloce corre al mare, perché quella è la sua strada, non ci può fare nulla, quello è il suo destino, anche oggi, dopo che ha diviso una città, dopo che ha strappato sogni e quiete, dopo che ha svuotato cantine e scantinati. Ho visto occhi delusi e stanchi su volti amareggiati ma battaglieri, ho visto braccia amiche darsi il cambio alla carriola, alla pala, al tubo dell'acqua. Ho visto libri, televisori, giocattoli, frigoriferi, stoffe e quaderni, scatole e scatoloni e ancora poltrone, sedie, cappotti. Li ho visti sulle carriole, merce da macero, merce bagnata, delusa, tradita, un giorno usata amata e amata ancora, tanto da aver trovato posto in cantina, per non dimenticare, per sentirla sempre vicino. Poi la grande alluvione.

Tutto ha perso colore, tutto è diventato marrone, quel che era giallo, che era verde, rosso e blu. Ho visto libri di scuola sotto il sole, ammassati da mani e occhi tremanti. Si vuotano le cantine, i sottoscala, c'è il fango in casa e quegli oggetti sono morti, meglio buttarli via. "Sono venuto a dare una mano ad un amico - mi dice un signore sulla cinquantina, stivaloni ai piedi, guanti da lavoro - non lavoravo e allora ho deciso di dare una mano, c'è tanto da fare e siamo soli." "Ho chiamato ieri ma finora non si è visto nessuno - mi dice una signora in tuta e stivali, fazzoletto in testa, guanti e carriola, - si è visto solo un vigile del fuoco che ci ha chiesto come andava e un poliziotto che ci ha chiesto se c'erano feriti, poi niente, stiamo facendo tutto da soli."

E' una striscia di dolore che ti avvolge il cuore, ho visto case piene di fango, una cantina dove pare sia passato uno di quei tornado americani che vedi nei film. "Ieri mattina ci ha svegliato il rumore dell'acqua e il miagolio della nostra gattina che stava in cantina - racconta una donna mentre ammassa vecchi oggetti bagnati fradici nel mezzo del cortile - è stato un disastro, ma non ci credo che non era prevedibile." La cantina è immersa nell'acqua, la gattina è stata salvata da un vigile del fuoco, ora sta bene, ma il suo giardino non c'è più."

"Probabilmente dovrò chiudere la mia attività - dice il titolare di una autoscuola - il fango ha distrutto le auto con cui faccio scuola-guida, non so come fare, la mia casa è invasa dal fango." E' stata raggiunta in pieno dalla grande alluvione la sua casa. Fango ovunque, perfino nel forno a legna, nel garage, ovunque. "Chi ci aiuterà? Nessuno, ma non ci importa, ce la faremo lo stesso - mi racconta un anziano che nel proprio orto devastato sta cercando di mettere in sesto almeno gli attrezzi - ce la faremo perché tanto abbiamo sempre fatto da soli".

C'è il sole sopra a Orvieto ma nel cuore degli abitanti c'è tanta voglia di capire, di andare avanti ma anche di capire come tutto questo sia potuto succedere. Le alluvioni precedenti non ci hanno insegnato nulla, se non a rialzarci. "Non riusciamo ancora a raggiungere la parte sott'acqua del nostro albergo - dice la titolare di uno degli alberghi che si trovano su Via Angelo Costanzi, teatro ieri di un vero e proprio fiume parallelo che ha devastato tutto ciò che incontrava sul proprio cammino. Abbiamo chiamato ma siamo ancora qua ad attendere - dice - abbiamo un metro e mezzo di acqua nel ristorante e nei locali a piano terra, non sappiamo nemmeno quantificare, non possiamo fare nulla se non togliamo l'acqua. La parte elettrica è allagata, abbiamo chiamato una auto-pompa da Montelone per togliere l'acqua. Non sappiamo come ricominciare e nessuno ci aiuta".

Avevano degli ospiti stranieri nelle loro stanze, la grande alluvione li ha sopresi, li ha accerchiati, li ha impauriti. Non era questo il ricordo di Orvieto che avrebbero dovuto portare a casa. Ora sono ospiti in una struttura del centro storico, salvati dal coraggio dei titolari. "Abbiamo l'assicurazione che però non copre le calamità naturali - racconta ancora - vogliamo ripartire al più presto ma per ora non possiamo fare nulla. Abbiamo disdetto tutte le prenotazioni, danni per centinaia di migliaia di euro - mi dice. Non sapremo quando riusciremo a tornare operativi."

Il sole splende nel cielo, vola ancora un elicottero a scrutare da lassù le terre di quaggiù, martoriate, ferite dall'impeto della natura. C'è tristezza, c'è voglia di capire e c'è voglia di assunzioni di responsabilità, nessuno crede alla forza della natura, c'è voglia di ammissioni, c'è voglia di teste da far saltare. C'è però anche tanto orgoglio, c'è la tigna tutta orvietana nel tirarsi su sempre e comunque, se proprio non con il sorriso almeno con un mezzo sorriso e una pacca sulla spalla. C'è voglia di dare una mano, ci sono i ragazzi, i giovani di questa terra sempre troppo avara con tutti loro, che han tirato su le maniche e si sono messi a disposizione della gente. E poi c'è Grillo.

Grillo dormiva come al solito nella sua cuccia, in mezzo all'orto. Sono un canetto, dormo nella mia cuccia, cosa mai potrà succedere? E invece il fiume non ha avuto pietà di Grillo, l'ha accerchiato, impaurito. Grillo non s'è perso d'animo ed è salito sul tetto della capanna degli attrezzi. E da lì ha visto passare tanta acqua, impetuosa, forse ha visto altri cani, pecore, cavalli e poi alberi, bidoni, uno scenario che un canetto come lui forse non ha compreso in pieno. I suoi padroni, la mattina, lo hanno guardato da casa con tanta angoscia. Non potevano raggiungerlo, lo hanno fotografato, lui solo soletto sul tetto della capanna. Poi l'onda. E Grillo se n'è andato con la piena. Nell'acqua. Lontano. Il padrone ha pianto, si è disperato. Ma stamani, dai campi, Grillo è tornato a casa sua, sporco, impaurito, tremante, sotto il sole del giorno dopo la terribile notte. Grillo siamo noi, ce la faremo a tornare nella nostra casa pulita. Ma qualcuno dovrà spiegarci perché non c'è stato alcun allarme, perché non c'è stata alcuna allerta, perché non vengono risolti i problemi del fiume una volta per tutte.



akebia/orvietenews - View my 'Alluvione 13 nov 2012' set on Flickriver

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 dicembre

"Far Web. Odio, bufale, bullismo. Il lato oscuro dei social" nel saggio di Matteo Grandi

Todi Magic Christmas. Tra luci e musica, il Natale dà spettacolo

Lectio Magistralis di Gianrico Carofiglio su "La Ribellione della Bellezza"

Taglio del nastro (arancione) a Palazzo dei Sette per la sede di Cittaslow International

Due incidenti stradali in due giorni

Ad "Arti e Mestieri Expo" vetrina natalizia per i prodotti della Tuscia

L'Istituto Agrario guarda al futuro. Cotarella all'inaugurazione della Cantina Didattica

Il Lions Club per il Merletto Orvietano. Catalogo generale e mostra tematica a Palazzo Coelli

"Sicurezza, Cittadini, Territorio" incontro con il Sottosegretario Bocci

Vetrya Orvieto Basket ospita la Favl per la prima di ritorno

"Prendere a Cuore" per favorire la prevenzione e la riabilitazione dei malati cardiopatici

"Imago VV". A Palazzo Coelli la presentazione del volume di Alberto Satolli

Per Maria Elena

Umbria al vertice del rapporto Istat su servizi prima infanzia

Fondo Beato Giacomo Villa, si conferma anche quest'anno

Open Day all'Istituto Professionale per l'Agricoltura e l'Ambiente "Bruno Marchino"

Precetto militare interforze nella Chiesa Cattedrale di San Lorenzo

Scuola aperta per tutti, l'Istituto "Dalla Chiesa" si mette in vetrina

Sportello UnitusJob, il ponte tra laureati e mondo del lavoro

I progetti presentati al V Premio Simonetta Bastelli esposti alla Mostra Internazionale di Architettura del Paesaggio

Chiuso in entrambe le direzioni il tratto della Strada Statale 685 delle Tre Valli Umbre

"Natale in Musica 2017". Eventi e concerti dal 16 dicembre 2017 al 28 gennaio 2018

Old Rock City Orchestra in gara su "Classic Rock Italia", come votare

"Salva la tua lingua locale", Rita Santinami tra i sette finalisti del concorso

"Tanti Lati Latitanti" al Lea Padovani. Viaggio nelle relazioni con Ale e Franz

Le giornate del merlo

La Zambelli Orvieto lotta, soffre e vince, battendo in trasferta il Club Italia

La Fidapa - Bpw Italy guarda al nuovo anno. A Orvieto, l'Assemblea del Distretto Centro

Trasferta a Villa Giulia per l'Ecomuseo del Paesaggio degli Etruschi

Il fascino nascosto di "Bagnoregio Underground". Conferenza e mostra a Palazzo Alemanni

I Clown di Fellini a "Particolari. Volti e racconti del Natale bagnorese"

Notti sul ghiaccio alla Fonte del Rigombo, si pattina con "Acquapendente On Ice"

"Lavandaia Day" in compagnia della Compagnia delle Lavandaie della Tuscia

Fumo bianco a "Le Crete", cittadini in allerta

Unitus, Beni Culturali restaura il Fonte Battesimale del Duomo di Viterbo

La Zambelli Orvieto assalta la prima posizione ospitando la Teodora Ravenna

Servizi alla sanità. Confindustria conferma presidente Nardi Schultze, Mazzocchini nel direttivo

"Stradabilia (prove tecniche per un festival di artisti di strada)". Musica con Rossella Costa Trio

In attesa di che

Inaugurato il Nucleo Alzheimer, "modello da esportare ed estendere in Umbria"

"Tu sei Bambino!". Doppio concerto per i cori parrocchiali di Montecchio e Guardea

Babbo Natale a Piazza degli Aceri, festa con l'associazione Ciconiaviva

Vetrya: l'Università della Tuscia presenta i lavori del programma "Semestre in Azienda"

Forestale alla discarica. SAO: "Solo vapore acqueo"

Un re folle

Dopo Orvieto, Voyager fa tappa anche a Viterbo

Orvieto e Perugia insieme per la candidatura unitaria della "Spur - Città Etrusche" al Patrimonio Unesco

Tredicesima seduta del consiglio comunale. In otto punti l'ordine del giorno

"Sacro e Profano". Sergio Canonici espone alla Torre dei Monaldeschi

La Nuova Biblioteca Pubblica "Luigi Fumi" si fa salotto per "Le Streghe"

Al Concerto di Natale alla Camera dei Deputati vicinanza alle popolazioni colpite dal sisma

Giornata di solidarietà per i più piccoli a San Pellegrino di Norcia

"Natale al Fanello". Musica e danza, aspettando Babbo Natale al mercato straordinario

A Orvieto Scalo si inaugura "La Natività dei Giardini"

Sonorità argentine a Palazzo dei Sette, anteprima per "Orvieto Tango Festival"

In mostra a Civitella del Lago due rarissime stampe ritraenti Orvieto e Amelia

"Sfilata e Aperi....Piero (Aperitivo)...e Tanto Altro"

Le labbra, mio Dio, l'aspide

Al Muzi, l'Orvietana ritrova la Clitunno

Raccolta differenziata, Orvieto balza dal 44% del 2014 al 70%