opinioni

Le vittime dell’alluvione orvietana del novembre 2012 - Una vigliacca morte (e vita che fu) da cani - Indagine minima sulla prevenzione dal rischio ambientale nell’Orvietano

martedì 13 novembre 2012
di Silvio Manglaviti - Italia Nostra

Questo ci dovrebbe rendere differenti da altre, cosiddette, civiltà e o culture; il fatto che si possa soffrire per la morte di un animale come - e, spesso, forse più che - se fosse un parente stretto.

Il nostro pensiero va a tutti quanti stanno soffrendo le conseguenze della inondazione del Piano, di Ciconia e dello Scalo e a tutti quelli che a qualunque titolo sono intervenuti in soccorso. In occasione di eventi - diciamo pure - straordinari (ma che tali non sono; soprattutto in questi ultimi tempi, in cui quel che una volta pareva eccezionale oggi sia di fatto considerato ordinario: siccità; cluod burst, o bombe d'acqua; tropicalizzazione; con le conseguenze del caso: desertificazione; erosione; inondazioni; disfacimento dei suoli; e ciò anche per le note concomitanti cause antropiche: cementificazione; inquinamento; abbandono delle campagne e delle montagne; incendi boschivi; sfruttamento aberrante delle risorse; etc.), tra le vittime è per noi normale contare anche gli animali, domestici (allevamenti; case) e selvatici (incendi boschivi; alluvioni) che siano.
Non è normale quando accade in strutture predisposte. In ciò, uno zoo, un canile, per quanto bello, accogliente, organizzato che sia, non è diverso ad esempio da un istituto umano di detenzione.

Non so, non ho al momento elementi sufficienti per riuscire a comprendere come sia potuto accadere. Resta il fatto che l'annegamento degli "ospiti" del canile di Orvieto - non importa quanti né come - deve e dovrà essere analizzato in modo adeguato e congruo; come tutte le conseguenze in generale che questa ennesima tragedia annunciata si porta e porterà dietro.

Quella che fu ormai la Provincia di Terni rese pubbliche sul proprio portale le mappe locali del rischio idrogeologico. Tra i vari piani e consigli utili da adottare in caso di allarme inondazione, due cose emergono importanti: la consapevolezza di dove ci si trovi in quel momento e la via di fuga da prendere in caso di necessità (cose che valgono sempre in ogni situazione di rischio).

Chi ha a che fare con le bestie, sa che - ove possibile se si fosse ancora in tempo - se queste si trovassero in luoghi chiusi e costrette in cime o catene, dovranno essere trasferite o, sempre che si abbia a che fare con animali domestici, comunque liberate.

Dando per scontato - non potrei, e non voglio, pensare diversamente - che le autorità locali conoscano in maniera capillare le criticità che si potrebbero determinare nella rispettiva area di competenza (sia amministrativa sia effettiva, sul terreno); che siano conseguentemente predisposti gli adeguati ed opportuni piani di intervento; e che, dunque, le citate preposte autorità abbiano diramato preallarmi ed allarmi capillari, a ragion veduta, sul possibile eventuale evolversi della situazione, non si può passar sopra ad alcuni aspetti.

Prima questione: i responsabili del canile - così come altre eventuali note "criticità" - sono stati avvisati, messi in preallarme, per tempo?
Seconda questione: ammesso ma non concesso che detto allarme sia giunto agli interessati dall'autorità preposta ad avvisare e diramarlo, i predetti interessati sapevano cosa fare?
Terza questione: in generale, chi o cosa rappresenti un elemento di criticità, così stabilito dalle preposte autorità, ne è consapevole? Sa dove si trovi e quale sia la via di fuga?

Nel basket queste tre questioni si direbbero "fondamentali". Nella nostra evoluta civiltà sono uno dei pilastri della Prevenzione. Poi, vengono le analisi sulle politiche e le amministrazioni del bene pubblico comune.

Si potrà pregare il Padreterno quanto si vorrà: ma è bene ricordarsi che l'acqua, come in questo caso, cerca e trova sempre il proprio letto. E un cane vale un essere umano e viceversa.


Questa notizia è correlata a:

Dramma esondazione del Paglia e citizen journalism. Cosa dicono i cittadini

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 dicembre

"Far Web. Odio, bufale, bullismo. Il lato oscuro dei social" nel saggio di Matteo Grandi

Todi Magic Christmas. Tra luci e musica, il Natale dà spettacolo

Lectio Magistralis di Gianrico Carofiglio su "La Ribellione della Bellezza"

Taglio del nastro (arancione) a Palazzo dei Sette per la sede di Cittaslow International

Due incidenti stradali in due giorni

Ad "Arti e Mestieri Expo" vetrina natalizia per i prodotti della Tuscia

L'Istituto Agrario guarda al futuro. Cotarella all'inaugurazione della Cantina Didattica

Il Lions Club per il Merletto Orvietano. Catalogo generale e mostra tematica a Palazzo Coelli

"Sicurezza, Cittadini, Territorio" incontro con il Sottosegretario Bocci

Vetrya Orvieto Basket ospita la Favl per la prima di ritorno

"Prendere a Cuore" per favorire la prevenzione e la riabilitazione dei malati cardiopatici

"Imago VV". A Palazzo Coelli la presentazione del volume di Alberto Satolli

Per Maria Elena

Umbria al vertice del rapporto Istat su servizi prima infanzia

Fondo Beato Giacomo Villa, si conferma anche quest'anno

Open Day all'Istituto Professionale per l'Agricoltura e l'Ambiente "Bruno Marchino"

Precetto militare interforze nella Chiesa Cattedrale di San Lorenzo

Scuola aperta per tutti, l'Istituto "Dalla Chiesa" si mette in vetrina

Sportello UnitusJob, il ponte tra laureati e mondo del lavoro

I progetti presentati al V Premio Simonetta Bastelli esposti alla Mostra Internazionale di Architettura del Paesaggio

Chiuso in entrambe le direzioni il tratto della Strada Statale 685 delle Tre Valli Umbre

"Natale in Musica 2017". Eventi e concerti dal 16 dicembre 2017 al 28 gennaio 2018

Old Rock City Orchestra in gara su "Classic Rock Italia", come votare

"Salva la tua lingua locale", Rita Santinami tra i sette finalisti del concorso

"Tanti Lati Latitanti" al Lea Padovani. Viaggio nelle relazioni con Ale e Franz

Le giornate del merlo

La Zambelli Orvieto lotta, soffre e vince, battendo in trasferta il Club Italia

La Fidapa - Bpw Italy guarda al nuovo anno. A Orvieto, l'Assemblea del Distretto Centro

Trasferta a Villa Giulia per l'Ecomuseo del Paesaggio degli Etruschi

Il fascino nascosto di "Bagnoregio Underground". Conferenza e mostra a Palazzo Alemanni

I Clown di Fellini a "Particolari. Volti e racconti del Natale bagnorese"

Notti sul ghiaccio alla Fonte del Rigombo, si pattina con "Acquapendente On Ice"

"Lavandaia Day" in compagnia della Compagnia delle Lavandaie della Tuscia

Fumo bianco a "Le Crete", cittadini in allerta

Unitus, Beni Culturali restaura il Fonte Battesimale del Duomo di Viterbo

La Zambelli Orvieto assalta la prima posizione ospitando la Teodora Ravenna

Servizi alla sanità. Confindustria conferma presidente Nardi Schultze, Mazzocchini nel direttivo

"Stradabilia (prove tecniche per un festival di artisti di strada)". Musica con Rossella Costa Trio

In attesa di che

Inaugurato il Nucleo Alzheimer, "modello da esportare ed estendere in Umbria"

"Tu sei Bambino!". Doppio concerto per i cori parrocchiali di Montecchio e Guardea

Babbo Natale a Piazza degli Aceri, festa con l'associazione Ciconiaviva

Vetrya: l'Università della Tuscia presenta i lavori del programma "Semestre in Azienda"

Forestale alla discarica. SAO: "Solo vapore acqueo"

Un re folle

Dopo Orvieto, Voyager fa tappa anche a Viterbo

Orvieto e Perugia insieme per la candidatura unitaria della "Spur - Città Etrusche" al Patrimonio Unesco

Tredicesima seduta del consiglio comunale. In otto punti l'ordine del giorno

"Sacro e Profano". Sergio Canonici espone alla Torre dei Monaldeschi

La Nuova Biblioteca Pubblica "Luigi Fumi" si fa salotto per "Le Streghe"

Al Concerto di Natale alla Camera dei Deputati vicinanza alle popolazioni colpite dal sisma

Giornata di solidarietà per i più piccoli a San Pellegrino di Norcia

"Natale al Fanello". Musica e danza, aspettando Babbo Natale al mercato straordinario

A Orvieto Scalo si inaugura "La Natività dei Giardini"

Sonorità argentine a Palazzo dei Sette, anteprima per "Orvieto Tango Festival"

In mostra a Civitella del Lago due rarissime stampe ritraenti Orvieto e Amelia

"Sfilata e Aperi....Piero (Aperitivo)...e Tanto Altro"

Le labbra, mio Dio, l'aspide

Al Muzi, l'Orvietana ritrova la Clitunno

Raccolta differenziata, Orvieto balza dal 44% del 2014 al 70%