opinioni

Le vittime dell’alluvione orvietana del novembre 2012 - Una vigliacca morte (e vita che fu) da cani - Indagine minima sulla prevenzione dal rischio ambientale nell’Orvietano

martedì 13 novembre 2012
di Silvio Manglaviti - Italia Nostra

Questo ci dovrebbe rendere differenti da altre, cosiddette, civiltà e o culture; il fatto che si possa soffrire per la morte di un animale come - e, spesso, forse più che - se fosse un parente stretto.

Il nostro pensiero va a tutti quanti stanno soffrendo le conseguenze della inondazione del Piano, di Ciconia e dello Scalo e a tutti quelli che a qualunque titolo sono intervenuti in soccorso. In occasione di eventi - diciamo pure - straordinari (ma che tali non sono; soprattutto in questi ultimi tempi, in cui quel che una volta pareva eccezionale oggi sia di fatto considerato ordinario: siccità; cluod burst, o bombe d'acqua; tropicalizzazione; con le conseguenze del caso: desertificazione; erosione; inondazioni; disfacimento dei suoli; e ciò anche per le note concomitanti cause antropiche: cementificazione; inquinamento; abbandono delle campagne e delle montagne; incendi boschivi; sfruttamento aberrante delle risorse; etc.), tra le vittime è per noi normale contare anche gli animali, domestici (allevamenti; case) e selvatici (incendi boschivi; alluvioni) che siano.
Non è normale quando accade in strutture predisposte. In ciò, uno zoo, un canile, per quanto bello, accogliente, organizzato che sia, non è diverso ad esempio da un istituto umano di detenzione.

Non so, non ho al momento elementi sufficienti per riuscire a comprendere come sia potuto accadere. Resta il fatto che l'annegamento degli "ospiti" del canile di Orvieto - non importa quanti né come - deve e dovrà essere analizzato in modo adeguato e congruo; come tutte le conseguenze in generale che questa ennesima tragedia annunciata si porta e porterà dietro.

Quella che fu ormai la Provincia di Terni rese pubbliche sul proprio portale le mappe locali del rischio idrogeologico. Tra i vari piani e consigli utili da adottare in caso di allarme inondazione, due cose emergono importanti: la consapevolezza di dove ci si trovi in quel momento e la via di fuga da prendere in caso di necessità (cose che valgono sempre in ogni situazione di rischio).

Chi ha a che fare con le bestie, sa che - ove possibile se si fosse ancora in tempo - se queste si trovassero in luoghi chiusi e costrette in cime o catene, dovranno essere trasferite o, sempre che si abbia a che fare con animali domestici, comunque liberate.

Dando per scontato - non potrei, e non voglio, pensare diversamente - che le autorità locali conoscano in maniera capillare le criticità che si potrebbero determinare nella rispettiva area di competenza (sia amministrativa sia effettiva, sul terreno); che siano conseguentemente predisposti gli adeguati ed opportuni piani di intervento; e che, dunque, le citate preposte autorità abbiano diramato preallarmi ed allarmi capillari, a ragion veduta, sul possibile eventuale evolversi della situazione, non si può passar sopra ad alcuni aspetti.

Prima questione: i responsabili del canile - così come altre eventuali note "criticità" - sono stati avvisati, messi in preallarme, per tempo?
Seconda questione: ammesso ma non concesso che detto allarme sia giunto agli interessati dall'autorità preposta ad avvisare e diramarlo, i predetti interessati sapevano cosa fare?
Terza questione: in generale, chi o cosa rappresenti un elemento di criticità, così stabilito dalle preposte autorità, ne è consapevole? Sa dove si trovi e quale sia la via di fuga?

Nel basket queste tre questioni si direbbero "fondamentali". Nella nostra evoluta civiltà sono uno dei pilastri della Prevenzione. Poi, vengono le analisi sulle politiche e le amministrazioni del bene pubblico comune.

Si potrà pregare il Padreterno quanto si vorrà: ma è bene ricordarsi che l'acqua, come in questo caso, cerca e trova sempre il proprio letto. E un cane vale un essere umano e viceversa.


Questa notizia è correlata a:

Dramma esondazione del Paglia e citizen journalism. Cosa dicono i cittadini

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità