opinioni

San Martino e il tartufo. Quasi una favola dei nostri tempi

lunedì 14 novembre 2011
di Don Domenico Cannizzaro, parroco della Parrocchia di Fabro
San Martino e il tartufo. Quasi una favola dei nostri tempi

C'era una volta l'undici novembre, in un tranquillo paesino sovrastante millenari calanchi argillosi, la festa di San Martino, il generoso cavaliere che avendo donato il proprio mantello a un mendicante fu riscaldato improvvisamente da un rinnovato sole d'estate ch'era tornato ad illuminare l'incipiente inverno.

Era una festa grande quella in onore di San Martino, che fermava ogni occupazione agricola per un giorno, rimandandola, per ringraziare la Provvidenza. Restavano nelle stalle, inoperosi, i buoi, pronti l'indomani a tirare l'aratro; il vino che bolliva nei tini per un giorno non veniva rimboccato; gli olivi appesantiti dai frutti potevano aspettare, anzi maturavano meglio; e riposava la terra dell'orto e dei campi.

Anche gli artigiani, il falegname, il fabbro e il calzolaio, tenevano chiuse, per un giorno, le loro botteguccie. Le autorità civili, il Podestà, il Sindaco, muovevano dai loro palazzi verso la chiesa con lo stendardo del paese. Vestiti di tutto punto, uomini e donne si incamminavano a piedi verso la Pieve, la chiesa parrocchiale che per un giorno risultava tanto piccola da non poterli contenere tutti. Il borgo s'animava al suono delle campane, restava disabitato per tutto il tempo della Messa, per tornare a riempirsi di voci, di saluti, di inviti subito dopo. Ed i tranquilli calanchi rugosi nascondevano, come un tesoro, i loro tartufi, pronti a regalarli a quanti lì si fossero inerpicati nei giorni a venire.

Così per circa quattrocento anni l'estate di San Martino si è ripetuta, ogni anno, sulla collina di Fabro, attorno all'antico maniero, nell'omonima chiesa, all'ombra dello stesso campanile. Perché, diceva la gente, "scherza coi fanti, ma lascia stare i santi". E san Martino era, appunto, il Santo patrono del paese. Ed ancora lo è, anche se sembra spodestato da un santo più recente: san Tartufo. Ora, l'undici novembre, si vede appena il campanile e a malapena la facciata della chiesa. Tutt'attorno sorge d'improvviso un accampamento, un'immensa tendopoli ove si svolgono i riti in onore di san Tartufo. Mai canonizzato dalla Chiesa, egli raduna attorno a sé tanta gente, purtroppo isolando il Santo vero, l'antico Patrono Martino, pronto ancor oggi a donare i suoi favori, che resta solo nella sua chiesa diventata improvvisamente così vuota da apparire troppo grande.

Perché la favola, però, non resti senza una positiva conclusione, ecco una proposta seria: si sono coalizzati due Santi insieme, Basilio e Martino, entrambi Patroni fabresi doc, per reclamare una festa soprattutto religiosa, tutta per loro, che si potrebbe fare il 14 giugno, quando la tradizione locale ricorda san Basilio. Senza nulla togliere ad una manifestazione, in se stessa positiva, quella della Mostra Nazionale del Tartufo, si restituirebbe così a Santi veri, patroni di cui c'è ancora bisogno anche di questi tempi, quel culto e quell'onore che sono loro dovuti. Non se ne avranno a male se questo avverrà sul finir della primavera, mentre l'estate è ancora incerta; non sarà una stagione diversa a sconvolgere la fede dei fabresi.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 maggio

Uniti nel ricordo di Alessio Papini, a dieci anni dalla scomparsa

"Il Comune non può scaricare su di noi i problemi nel gestire trasporto e accoglienza dei turisti"

"Quante bugie sul rifacimento della Strada dell'Arcone!"

Trentacinque giovanissimi scout all'Etruria Dragon

Alessandra Carnevali torna in libreria con "Il Giallo di Palazzo Corsetti"

Morte sul lavoro, i sindacati incontrano l'azienda. "Collaborazione in attesa del resoconto delle indagini"

Denunciate due trentenni, ad Orvieto nonostante il divieto di ritorno

Energia elettrica interrotta per lavori nel centro storico

Iscrizioni aperte per il Centro ricreativo estivo. C'è tempo fino al 1° giugno

Unione Europea, si riunisce il Comitato sorveglianza Por Fesr 2014-2020 e Fse 2014-2020

"OrAzione per il Corpus Domini" nella Cappella del SS. Corporale

Dieci metri sopra il cielo. Andrea Loreni sulla corda, come il funambolo de "La Strada"

SP 99 per Monterubiaglio chiusa per il ribaltamento di un rimorchio pieno di ghiaia

Incontro con l'Anpi per il tesseramento e la progettazione

Quinto Consiglio Comunale del 2018. In 8 punti l'ordine del giorno dei lavori

"Aree Interne Sud-Ovest Orvietano", iniziata la fase operativa per l'attuazione dei primi 38 progetti

Forum "Area Interna Sud-Ovest Orvietano". Nel racconto dei sindaci, la nascita della strategia

Castagnolo Orvieto Classico Superiore Barberani sul New York Times

"Destinazione Salci". Una giornata indimenticabile fa rivivere il borgo

Tre giorni di appuntamenti per la sesta Sagra della Porchetta

"Il marketing sui social". Seminario gratuito organizzato da "Orvieto per Tutti"

TeMa, botta e risposta in consiglio. Pino Strabioli prossimo all'ingresso nel CdA

Con Italia Nostra, nei luoghi etruschi e templari tra Bardano e Rocca Ripesena

Bagno di folla ad Acquapendente per i Pugnaloni. Al Gruppo Sant'Anna, l'edizione 2017

Bocciato dal Tar il bando sulla gestione dei servizi dei parcheggi. Minoranza: "Ennesima figuraccia della Giunta Germani"

Unitre, eletto il nuovo direttivo. Alla prima riunione, la formalizzazione degli incarichi

Palermo chiama Italia...e il "Dalla Chiesa" risponde: "Presente!"

La Scuola Primaria di Orvieto Scalo festeggia...al sicuro

Dedicata delicata

Parte a ottobre la terza edizione di Master Luce in comunicazione territoriale per lo sviluppo turistico

"Todi Fiorita", si chiude nella luce e nella musica l'edizione 2017

Settima edizione per "Venerdì Orvietani in Ostetricia e Ginecologia"

Giardino, una sera

"Armonie Solidali". In scena al Teatro Boni uno spettacolo musicale di beneficenza

Due giorni di appuntamenti a Torre Alfina nel nome di San Bernardino

La radioattività naturale dell'Umbria: presentato lo studio della Regione e dell'Istituto nazionale di fisica nucleare

Servizi scolastici di mensa e trasporto. Aperte le richieste per il nuovo anno 2017/2018

Nuovo dirigente alla Squadra Mobile di Terni, arriva il commissario capo Davide Caldarozzi

Riconoscimento nazionale per Francesco Barberini. La LIPU premia l'aspirante ornitologo

I due finalisti di AmaTeatro 2017. Ad autunno le finali al Mancinelli

Edilizia: mobilitazione dei lavoratori umbri per pensioni, lavoro, contratto e ricostruzione

Delegazione cinese in visita alla Provincia. Incontro su istituzioni, trasparenza e controlli

Università USA al Centro Studi: il console generale saluta l'avvio della Summer School

Al Palazzo dei Sette va in mostra la "Pittura Ermeneutica" di Pier Augusto Breccia

Nove giorni di dolci tentazioni con I Gelati d'Italia 2017

"Lea Pacini ed il Corteo Storico: quando a Orvieto sfila la Storia", tutti i premiati

In archivio la sesta "Giornata dello Sport". Basket, tennis, pallavolo e calcio per gli alunni della scuola primaria

Guardea Paese Cardioprotetto. Tra la scuola e il campo da calciotto, arrivano defibrillatore e teca

"San Sebastiano in Festa", seconda edizione. Cultura, enogastronomia e Palio del Carciofo

La scuola Giovanni XXIII di Fabro tra i premiati regionali del concorso "Play Energy Enel"

Tre giorni per visitare e conoscere i Nidi Comunali

Corso di compostaggio domestico a Sferracavallo promosso da Cosp Tecno Service e Comune

L'Asds Majorana va alla scoperta dei sentieri dislocati intorno al Castello di Corbara

Nella Sala delle Muse di Palazzo Corgna, apre la mostra "Mia"

Gli alunni dello Scientifico devolvono alla Chianelli il premio di "Lettura Dantesca"

La Azzurra Orvieto e coach Romano ancora insieme

Morto in Ospedale, medici prosciolti

“Vanno bene i campi di calcio, ma almeno pulite le aree per bambini”

"Ludi alla Fortezza", svelato il programma. Tre giorni a tutto Medioevo