opinioni

A proposito di calanchi ...

giovedì 17 febbraio 2011
di Marco Marino

Siamo tutti ambientalisti: chi per convinzione, chi per opportunismo, chi per paura. Oggi non esserlo è come dichiararsi a favore dello stupro, dello stalking, della violenza tout court.
Però lo si può essere in forma maniacale o ragionata e qui sta la vera differenza tra gli ambientalisti assolutisti e quelli relativisti. Io appartengo alla seconda specie, ovvero di coloro che pur essendo convinti della necessaria difesa dell'ambiente, pensano che lo si possa difendere anche intervenendo su di una parte di questo: basta farlo correttamente...

Quando mi affaccio dalla rupe verso il lato che va da nord ovest a nord est, dalla gonfaloniera per capirsi meglio, vedo uno dei più gravi massacri ambientali che si siano mai fatti in una valle. A comprendere meglio l'entità del massacro vengono a sostegno i ricordi dell'infanzia quando lasciavamo gli usuali giochi per precipitarsi all'affaccio per vedere passare l'unico elemento di contemporaneità che era il Settebello: un treno. Questo treno sfrecciava in una valle dove la ferrovia era l'unico elemento di contaminazione: il fiume Paglia ancora tortuoso separava coltivazioni storicizzate, identiche da secoli, Sferracavallo un microscopico borgo vicino al ponte di Felicetto, lo scalo composto dalla stazione e tre case. Le strade erano ancora tutte bianche tranne quella che saliva ad Orvieto e di là dal fiume si vedevano i cretoni, nome popolare dei calanchi, più su le boscaglie e più lontano i monti.

Oggi, come dicevo, se ci si affaccia dallo stesso punto vediamo solo lo sfascio organizzato da urbanisti ed amministratori che per essere buono voglio definire incompetenti. Ciconia e la Svolta sono cresciute in modo disordinato e confuso di là da Paglia, mentre Sferracavallo altrettanto disordinatamente si è espanso in tre direzioni, due delle quali ad abbracciare la rupe ed una verso quella zona industriale nata male e cresciuta peggio, con all'interno persino depositi di materiali di cava ed all'esterno altri fabbricati industriali non contigui, contribuendo così allo spezzettamento del territorio. L'autostrada e la direttissima poi hanno contribuito a spaccare in due la valle e tutti sappiamo come le grandi arterie siano certamente utili e fondamentali per lo sviluppo per quanto contemporaneamente siano devastanti per l'ambiente.
Ultima, ma solo per l'argomento che intendo trattare dopo questa ampia premessa, la discarica.
Insediatasi al di sopra di un sistema di calanchi, solo con minime e parziali lavorazioni del prodotto, ha iniziato a lavorare colmando un primo calanco e poi quasi completandone un secondo e, grazie alla solidarietà verso Napoli invasa dall'immondizia, accorciandone i tempi di colmata.

Su quella solidarietà, pelosa come si dice dalle nostre parti, Orvieto ha tratto benefici economici, c'è ancora più di un milione di euro da riscuotere, che se avessero avuto un utilizzo virtuoso non ci troveremmo nella situazione economica ed ambientale così pesante. Invece no, sono andati nella direzione degli sprechi, del clientelismo, dello sviluppo d'immagine e non di sostanza, continuato anche quando questa risorsa si è fermata e tutto in buona pace di noi ambientalisti che in quel momento forse dormivamo. Ed oggi, immersi in questo disastro ambientale descritto, siamo terrorizzati dall'ipotesi dell'apertura di un terzo calanco da colmare.

Comprendo la prudenza, ma qualcosa non mi convince.
Innanzitutto le previsioni di utilizzo e colmata del secondo ed eventuale terzo calanco Questo argomento mi ricorda un dato statistico di previsione pubblicato su un giornale milanese del milleottocentonovanta. L'articolo rilevava che solo vent'anni prima le carrozze che circolavano per Milano erano un decimo di quelle attuali e che pertanto intorno al millenovecentotrenta la città, con quella progressione, avrebbe avuto un tale numero di carrozze e quindi di cavalli da rendere l'ambiente invivibile. Sappiamo tutti che poi a rendere invivibili le città sono stati i motori a scoppio non certo gli escrementi dei cavalli, ma in altri casi ed altre previsioni statistiche le successive e più moderne tecnologie hanno corretto positivamente i dati più catastrofici.

Per questo oggi battersi ragionevolmente o irragionevolmente contro l'utilizzo di un terzo calanco appare più come una battaglia di retroguardia che di difesa dell'ambiente. Inoltre attraverso un utilizzo virtuoso del terzo calanco si potrebbe procedere allo svuotamento del primo che, riempito con modalità obsolete, costituisce oggi un deposito artificiale di risorse energetiche organiche ed inorganiche sfruttabili da nuove tecnologie con minor impatto ambientale.
Da non trascurare c'è pure il problema del bilancio del comune che trarrebbe inevitabili benefici di assestamento da un'operazione di questo tipo consentendo la non esecuzione dei tagli previsti, soprattutto quelli a carattere sociale, che personalmente mi preoccupano più di qualche tonnellata di immondizia.
Volutamente non mi avventuro in dettagli tecnologici perché sono convinto che i danni che può fare un politico quando si traveste da tecnico sono solo inferiori a quelli che può fare un tecnico quando viene chiamato a risolvere problemi politici.

Perché il problema è solo ed esclusivamente politico quando si deve decidere se è meglio privare di risorse fondamentali una città, oppure affamare tutti, ma salvare un calanco.

Pubblicato da occhio di falco il 17 febbraio 2011 alle ore 12:51
Non cosa di tutti i giorni leggere finalmente un articolo sensato sulla discarica di Orvieto. Ben vengano articoli cos ben fatti ma soprattutto SERENI, senza ombra di ripicca o astio nei confronti di qualcuno o qualcosa. Signor Marco Marino si faccia sentire pi spesso ed i suoi estimatori aumenteranno: Bravissimo!
Pubblicato da brontolo il 17 febbraio 2011 alle ore 15:10
Finalmente qualcuno inizia a pensare con la propria testa, e non insegue una chimera..... in bocca al lupo!
Pubblicato da mariorossi il 17 febbraio 2011 alle ore 15:21
L'articolo piaciuto anche a me, speriamo che sar letto da chi pu affrontare al meglio il problema.
Pubblicato da Bruno il 17 febbraio 2011 alle ore 17:20
Buonasera,
gentilmente, che mestiere fa il sig. Marco Marino?
Cos, giusto per conoscere le sue competenze in materia, a prescindere dalle sue considerazioni di carattere romantico (che in parte condivido) sulla devastazione del paesaggio della Valle del Paglia.
Mi perdoni ma non la conosco.
Bruno.

Pubblicato da io il 17 febbraio 2011 alle ore 18:49
Scusi ma sono parole sue o c'e' qualcuno che la consiglia ?
Pubblicato da Stefano il 18 febbraio 2011 alle ore 08:59
Complimenti, mi associo ai commenti precedenti.

Stefano
Pubblicato da Vieteno il 18 febbraio 2011 alle ore 17:16
Rimaniamo ora in attesa di un intervento del Presidente di ACEA sul museo della ceramica....
Pubblicato da Marco Marino il 20 febbraio 2011 alle ore 13:22
Gentile signor Bruno,
scrivo spesso sui giornali on line pertanto sono abituato ad ogni tipo di commento entusiastico od offensivo che sia, per citare gli estremi, ma ho sempre detto che non rispondo alle domande di chi non si cita per nome e cognome. Posso farlo anche per telefono se chi mi chiama si presenta, cos come conviene ad ogni persona dotata di buona educazione. Cos potrei informarla sulle mie competenze parlando anche di quelle dei geologhi che autorizzarono la costruzione della diga del Vajont, di quelli che tranquillizzarono le popolazioni di Longarone,Erto e Casso e della mancanza di competenza dei giornalisti che vanamente lanciarono il grido di allarme molti mesi prima della sciagura.
Pubblicato da Pier Luigi Leoni il 20 febbraio 2011 alle ore 20:03

Caro Marco il tuo articolo è tutt'altro che banale. Ma non posso condividere la tua visione ottimistica degli interessi che girano attorno alle discariche. La discarica è una modalità brutale di affrontare lo smaltimento dei rifiuti; richiede pochi investimenti, poca capacità imprenditoriale e nessun rischio. Quindi non ha la nobiltà della vera impresa. Fa girare tanti soldi, ma il saldo dei costi e dei benefici per la collettività è storicamente negativo. Peraltro, come anche gli inceneritori, disincentiva l'educazione nella produzione del rifiuto, la raccolta differenziata e la riutilizzazione dei materiali contenuti nei rifiuti urbani. Se gli Orvietani abboccassero al riempimento del terzo calanco, farebbero, a parer mio, un altro dei loro gravi errori e finirebbero col convincermi ad andare a morire in qualche posto più pulito. Sotto tutti i punti di vista. Mi dispiacerebbe di dover lasciare un amico e un vicino di casa squisitamente gentile come te. Cordialmente. Pier Luigi Leoni

Pubblicato da Marco Marino il 21 febbraio 2011 alle ore 10:13
Scritto da: marco

Caro Pier,
non preoccuparti di lasciarmi perch sicuramente ti avr preceduto con altrettanto dispiacere. Come hai ben capito il mio stato un grido di allarme unito ad una provocazione anche se penso che per eliminare il pericolo reale della prima discarica necessario trovare un luogo dove lasciare i residui bonificati. Anche la miglior differenziata del mondo lascia purtroppo parti non riciclabili, ma non pericolosi e che da qualche parte bisogna pur metterli. Noi che ci incontriamo e che parliamo spesso e che soprattutto non ci nascondiamo dietro sospetti pseudonimi, avremo modo di approfondire l'argomento perch condivido pienamente molte delle tue affermazioni contenute nel commento.
Per concludere ti informo che io ho scelto il Guatemala per terminare la mia esistenza terrena e, dato che sono presuntuoso, il Paradiso per quella dopo: se Dio vorr spero di incontrarti in entrambi i luoghi.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 settembre

Democrazia e libertà in pericolo a causa delle ingiustizie

Il Trofeo Agricola Zambelli torna nelle mani di Orvieto

Il mio paese

Complimenti dal Canada per Francesco Barberini. A breve, nuovo video sul Monte Rufeno

Attendo la voce di lei

Un giorno, una rosa

La pace

Orvieto Fc. Dopo l'esordio in campionato, ecco le prossime iniziative stagionali

Olimpieri: "Sindaco Germani, diserta l'incontro con una corrente Pd su sanità e sociale"

Campitello - Orvietana gara al cardiopalma, pari e tanti gol

La sfida di Viterbo: ''Le Olimpiadi? Le organizziamo noi''

Franco Pilato presenta il libro "Una rosa...rinascerà"

Dalla Regione oltre 153 mila a sostegno della genitorialità

Porte aperte a Palazzo Coelli. La Fondazione Cro rinnova al pubblico l'Invito a Palazzo

Azzurra Ceprini Orvieto. Amichevole sottotono per le biancorosse

Monteleone accoglie immigrati. Pd: "Avviamo un coordinamento comune con le altre amministrazioni"

Week-end di sangue sulle strade. Consap: "Si rifletta sulla soppressione dei presidi della polstrada"

I turisti scelgono il Monte Peglia. La soddisfazione del sindaco Marinelli

Confetti rossi per Jessica Federico. All'Unitus il primo detective è di Orvieto

Maledetti toscani

Senso unico alternato su tre provinciali dell'Orvietano. Lavori anche lungo la Bagnorese

Pronto riscatto per la Vetrya Orvieto Basket

Geotermia, Brega torna sul territorio per dialogare con i cittadini

Come scegliere il percorso universitario? Tre consigli per i neodiplomati interessati al Diritto

Giornata di studi su "Il Duomo e l'Opera del Duomo di Orvieto all'inizio del Duemila"

Decima seduta del 2016 per il consiglio comunale. In 23 punti l'ordine del giorno

La Zambelli Orvieto arricchisce la sua bacheca e prepara altre verifiche

Luca Tomassini entra nel Comitato Leonardo: "Il gruppo Vetrya, promotore della qualità italiana nel mondo"

Legge 40, Eutanasia, Ricerca. A Orvieto il decimo congresso dell'associazione Luca Coscioni

'Orvieto con gusto' si veste d'autunno. Al via da sabato l'edizione n. 14

Nasce "Comune di Orvieto nel WeekEnd". Protesta creativa e disservizi della P.A.

Venerdì al Palazzo dei Sette la presentazione del Comitato Rivoluzione Cuperlicana

Concerto di pianoforte per l'inaugurazione del X Congresso dell'Associazione Luca Coscioni

Giornate del Patrimonio, Invasioni digitali e...la Compagnia delle lavandaie della Tuscia

Via Romea Germanica, grazie a tutti

Approvato il bilancio di previsione del Comune di San Venanzo

Pasti non consumati nelle mense a favore del canile municipale di Orvieto. Con interrogazioni bipartisan il caso arriva in Parlamento

Fissate le date per l'apertura della caccia al cinghiale. Si inizia il 3 ottobre

Al via il quarto torneo Telematica Italia. Due giorni di grande basket al PalaPorano

CSCO: intervista a Tim de Noble, Professor and Dean Kansas State University. Una collaborazione che potrebbe estendersi

L'ordinanza per la viabilità

Lettera al dirigente Gaudino 2

Giornata Europea del Patrimonio, a San Venanzo visite guidate al Museo e al Parco Vulcanologico

Tiberi (Fdi) presenta un'interrogazione sulla SP 54

Sabato giornata di mobilitazione cittadina per dire no alla soppressione del tribunale

I giovani e la cittaslow che vorrei. Domenica, la presentazione dei risultati dell'esperienza di scambio Orvieto-Levanger

Trecento cavalli all'ombra del Duomo per il 42esimo equiraduno nazionale della Fitetrec-Ante

L'ordinanza per la viabilità

Nuove nomine in Curia. E' monsignor Antonio Cardarelli il vicario generale della diocesi di Orvieto-Todi

Meteo

martedì 26 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 18.0ºC 66% buona direzione vento
15:00 20.7ºC 53% buona direzione vento
21:00 14.9ºC 81% buona direzione vento
mercoledì 27 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 18.3ºC 63% buona direzione vento
15:00 21.9ºC 46% buona direzione vento
21:00 15.0ºC 83% buona direzione vento
giovedì 28 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 19.3ºC 63% buona direzione vento
15:00 22.5ºC 47% buona direzione vento
21:00 14.8ºC 83% buona direzione vento
venerdì 29 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 18.3ºC 62% buona direzione vento
15:00 21.4ºC 48% buona direzione vento
21:00 13.9ºC 78% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni