opinioni

Orazi e Curiazi

venerdì 18 giugno 2010
di Mario Tiberi

Che la politica, almeno nell'accezione di esercizio delle funzioni di intermediazione tra interessi contrapposti, sia ormai da troppo tempo in profonda crisi di disciplina dottrinale e di essenza identitaria è questione arcinota ed ha appassionato, continuando ad appassionare, un nugolo assai vasto di commentatori e di osservatori delle vicende civili e sociali. La diagnosi patologica è stata redatta in tutte le lingue e in tutte le salse; per la prognosi e i suoi rimedi si ha la sensazione di brancolare nel buio più pesto o perché non si riesce a mettere a fuoco il reale centro del problema o, peggio ancora, perché non si ha la volontà determinante di aggredire con forza la malattia, isolarla e circoscriverla per poi sconfiggerla.


Eppure una sana ed efficace ricetta è appena oltre la punta delle nostre scarpe; basterebbe con umiltà abbassare lo sguardo e rendere omaggio alla storia in quanto maestra di vita. Pericle, tra i più grandi e illuminati statisti greci, nel 461 avanti Cristo si rivolse all'assemblea del popolo Ateniese con il seguente proclama che, da alcuni giorni, è affisso anche nelle stanze di via Pianzola, sede del PD di Orvieto.
Dissertò Pericle: "Qui ad Atene noi facciamo così. Il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi e, per questo, viene chiamato democrazia. Le leggi qui assicurano una giustizia uguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell'eccellenza. Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, bensì invece come una ricompensa al merito e, se povero, la sua povertà non costituisce un impedimento. Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo per tutti, ergendoci contro di esso come fossimo un corpo unico".


Prosegue Pericle: "Un cittadino Ateniese non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private. Ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell'universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso. Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti, qui ad Atene, siamo in grado di giudicarla. Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell'Ellade e che ogni Ateniese cresce sviluppando in sé una felice predisposizione al Bene Comune, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra Città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero. Qui ad Atene noi facciamo così".


Orbene, l'insegnamento di Pericle può senz'altro riassumersi nel fatto che il male inguaribile, e perciò letale, per i sistemi di governo democratico risiede nella incongruenza tra saldi principi e sue false applicazioni, tra il potere del pensiero originale e innovativo, vorrei quasi dire geniale, e l'avvilente potere spicciolo quello, tanto per intenderci, della "negotiorum parvorum gestio".
Siamo dunque alle solite, con la riaffermazione del primato dell'intelligenza attraverso l'individuare, selezionare e consentire l'emergere di una "aristocrazia intellettuale" che affondi le sue radici nell'etimo più intimo del termine greco "Aristos" che ha il significato classico di "Migliore".
Il migliore, per studi, conoscenze dottrinali, capacità di mente e di cuore, non si isola e non si erge superbamente al di sopra delle "gentes", anzi ne rimane loro saldamente al fianco, si immerge totalmente nelle profondità della coscienza popolare, la adotta come sua per farla crescere e riscattarla dalla schiavitù delle diversità diseguaglianti. E perché avviene tutto ciò: perché il migliore è ben consapevole che ogni essere umano è diverso dall'altro e, dal riconoscimento e dal rispetto della singola diversità, arriva a comprendere che detto essere è uguale al suo simile proprio perché diverso e, in quanto tale, meritevole di tutela giuridica e di protezione sociale.


Ecco, dunque, che il principio di uguaglianza affonda le sue primigenie origini nella diversità degli esseri umani tra di loro, per bisogni e capacità; il soddisfacimento del bisogno individuale e il riconoscimento della capacità personale li rendono uguali gli uni agli altri.
Il potere della politica spicciola che rende così tormentosi i nostri giorni assomiglia molto ai Curiazi i quali, solo apparentemente, sembravano forti e invincibili; il potere delle intelligenze pensanti è invece paragonabile agli Orazi, meno prestanti e possenti, però più acuti e scaltri nella elaborazione di una strategia vincente, più ragionatori e riflessivi. E alla fine vinsero gli Orazi!.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 dicembre

"Far Web. Odio, bufale, bullismo. Il lato oscuro dei social" nel saggio di Matteo Grandi

Todi Magic Christmas. Tra luci e musica, il Natale dà spettacolo

Lectio Magistralis di Gianrico Carofiglio su "La Ribellione della Bellezza"

Taglio del nastro (arancione) a Palazzo dei Sette per la sede di Cittaslow International

Due incidenti stradali in due giorni

Ad "Arti e Mestieri Expo" vetrina natalizia per i prodotti della Tuscia

L'Istituto Agrario guarda al futuro. Cotarella all'inaugurazione della Cantina Didattica

Il Lions Club per il Merletto Orvietano. Catalogo generale e mostra tematica a Palazzo Coelli

"Sicurezza, Cittadini, Territorio" incontro con il Sottosegretario Bocci

Vetrya Orvieto Basket ospita la Favl per la prima di ritorno

"Prendere a Cuore" per favorire la prevenzione e la riabilitazione dei malati cardiopatici

"Imago VV". A Palazzo Coelli la presentazione del volume di Alberto Satolli

Per Maria Elena

Umbria al vertice del rapporto Istat su servizi prima infanzia

Fondo Beato Giacomo Villa, si conferma anche quest'anno

Open Day all'Istituto Professionale per l'Agricoltura e l'Ambiente "Bruno Marchino"

Precetto militare interforze nella Chiesa Cattedrale di San Lorenzo

Scuola aperta per tutti, l'Istituto "Dalla Chiesa" si mette in vetrina

Sportello UnitusJob, il ponte tra laureati e mondo del lavoro

I progetti presentati al V Premio Simonetta Bastelli esposti alla Mostra Internazionale di Architettura del Paesaggio

Chiuso in entrambe le direzioni il tratto della Strada Statale 685 delle Tre Valli Umbre

"Natale in Musica 2017". Eventi e concerti dal 16 dicembre 2017 al 28 gennaio 2018

Old Rock City Orchestra in gara su "Classic Rock Italia", come votare

"Salva la tua lingua locale", Rita Santinami tra i sette finalisti del concorso

"Tanti Lati Latitanti" al Lea Padovani. Viaggio nelle relazioni con Ale e Franz

Le giornate del merlo

La Zambelli Orvieto lotta, soffre e vince, battendo in trasferta il Club Italia

La Fidapa - Bpw Italy guarda al nuovo anno. A Orvieto, l'Assemblea del Distretto Centro

Trasferta a Villa Giulia per l'Ecomuseo del Paesaggio degli Etruschi

Il fascino nascosto di "Bagnoregio Underground". Conferenza e mostra a Palazzo Alemanni

I Clown di Fellini a "Particolari. Volti e racconti del Natale bagnorese"

Notti sul ghiaccio alla Fonte del Rigombo, si pattina con "Acquapendente On Ice"

"Lavandaia Day" in compagnia della Compagnia delle Lavandaie della Tuscia

Fumo bianco a "Le Crete", cittadini in allerta

Unitus, Beni Culturali restaura il Fonte Battesimale del Duomo di Viterbo

La Zambelli Orvieto assalta la prima posizione ospitando la Teodora Ravenna

Servizi alla sanità. Confindustria conferma presidente Nardi Schultze, Mazzocchini nel direttivo

"Stradabilia (prove tecniche per un festival di artisti di strada)". Musica con Rossella Costa Trio

In attesa di che

Inaugurato il Nucleo Alzheimer, "modello da esportare ed estendere in Umbria"

"Tu sei Bambino!". Doppio concerto per i cori parrocchiali di Montecchio e Guardea

Babbo Natale a Piazza degli Aceri, festa con l'associazione Ciconiaviva

Vetrya: l'Università della Tuscia presenta i lavori del programma "Semestre in Azienda"

Forestale alla discarica. SAO: "Solo vapore acqueo"

Un re folle

Dopo Orvieto, Voyager fa tappa anche a Viterbo

Orvieto e Perugia insieme per la candidatura unitaria della "Spur - Città Etrusche" al Patrimonio Unesco

Tredicesima seduta del consiglio comunale. In otto punti l'ordine del giorno

"Sacro e Profano". Sergio Canonici espone alla Torre dei Monaldeschi

La Nuova Biblioteca Pubblica "Luigi Fumi" si fa salotto per "Le Streghe"

Al Concerto di Natale alla Camera dei Deputati vicinanza alle popolazioni colpite dal sisma

Giornata di solidarietà per i più piccoli a San Pellegrino di Norcia

"Natale al Fanello". Musica e danza, aspettando Babbo Natale al mercato straordinario

A Orvieto Scalo si inaugura "La Natività dei Giardini"

Sonorità argentine a Palazzo dei Sette, anteprima per "Orvieto Tango Festival"

In mostra a Civitella del Lago due rarissime stampe ritraenti Orvieto e Amelia

"Sfilata e Aperi....Piero (Aperitivo)...e Tanto Altro"

Le labbra, mio Dio, l'aspide

Al Muzi, l'Orvietana ritrova la Clitunno

Raccolta differenziata, Orvieto balza dal 44% del 2014 al 70%