opinioni

Orazi e Curiazi

venerdì 18 giugno 2010
di Mario Tiberi

Che la politica, almeno nell'accezione di esercizio delle funzioni di intermediazione tra interessi contrapposti, sia ormai da troppo tempo in profonda crisi di disciplina dottrinale e di essenza identitaria è questione arcinota ed ha appassionato, continuando ad appassionare, un nugolo assai vasto di commentatori e di osservatori delle vicende civili e sociali. La diagnosi patologica è stata redatta in tutte le lingue e in tutte le salse; per la prognosi e i suoi rimedi si ha la sensazione di brancolare nel buio più pesto o perché non si riesce a mettere a fuoco il reale centro del problema o, peggio ancora, perché non si ha la volontà determinante di aggredire con forza la malattia, isolarla e circoscriverla per poi sconfiggerla.


Eppure una sana ed efficace ricetta è appena oltre la punta delle nostre scarpe; basterebbe con umiltà abbassare lo sguardo e rendere omaggio alla storia in quanto maestra di vita. Pericle, tra i più grandi e illuminati statisti greci, nel 461 avanti Cristo si rivolse all'assemblea del popolo Ateniese con il seguente proclama che, da alcuni giorni, è affisso anche nelle stanze di via Pianzola, sede del PD di Orvieto.
Dissertò Pericle: "Qui ad Atene noi facciamo così. Il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi e, per questo, viene chiamato democrazia. Le leggi qui assicurano una giustizia uguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell'eccellenza. Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, bensì invece come una ricompensa al merito e, se povero, la sua povertà non costituisce un impedimento. Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo per tutti, ergendoci contro di esso come fossimo un corpo unico".


Prosegue Pericle: "Un cittadino Ateniese non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private. Ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell'universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso. Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti, qui ad Atene, siamo in grado di giudicarla. Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell'Ellade e che ogni Ateniese cresce sviluppando in sé una felice predisposizione al Bene Comune, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra Città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero. Qui ad Atene noi facciamo così".


Orbene, l'insegnamento di Pericle può senz'altro riassumersi nel fatto che il male inguaribile, e perciò letale, per i sistemi di governo democratico risiede nella incongruenza tra saldi principi e sue false applicazioni, tra il potere del pensiero originale e innovativo, vorrei quasi dire geniale, e l'avvilente potere spicciolo quello, tanto per intenderci, della "negotiorum parvorum gestio".
Siamo dunque alle solite, con la riaffermazione del primato dell'intelligenza attraverso l'individuare, selezionare e consentire l'emergere di una "aristocrazia intellettuale" che affondi le sue radici nell'etimo più intimo del termine greco "Aristos" che ha il significato classico di "Migliore".
Il migliore, per studi, conoscenze dottrinali, capacità di mente e di cuore, non si isola e non si erge superbamente al di sopra delle "gentes", anzi ne rimane loro saldamente al fianco, si immerge totalmente nelle profondità della coscienza popolare, la adotta come sua per farla crescere e riscattarla dalla schiavitù delle diversità diseguaglianti. E perché avviene tutto ciò: perché il migliore è ben consapevole che ogni essere umano è diverso dall'altro e, dal riconoscimento e dal rispetto della singola diversità, arriva a comprendere che detto essere è uguale al suo simile proprio perché diverso e, in quanto tale, meritevole di tutela giuridica e di protezione sociale.


Ecco, dunque, che il principio di uguaglianza affonda le sue primigenie origini nella diversità degli esseri umani tra di loro, per bisogni e capacità; il soddisfacimento del bisogno individuale e il riconoscimento della capacità personale li rendono uguali gli uni agli altri.
Il potere della politica spicciola che rende così tormentosi i nostri giorni assomiglia molto ai Curiazi i quali, solo apparentemente, sembravano forti e invincibili; il potere delle intelligenze pensanti è invece paragonabile agli Orazi, meno prestanti e possenti, però più acuti e scaltri nella elaborazione di una strategia vincente, più ragionatori e riflessivi. E alla fine vinsero gli Orazi!.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 settembre

Democrazia e libertà in pericolo a causa delle ingiustizie

Il Trofeo Agricola Zambelli torna nelle mani di Orvieto

Il mio paese

Complimenti dal Canada per Francesco Barberini. A breve, nuovo video sul Monte Rufeno

Attendo la voce di lei

Un giorno, una rosa

La pace

Orvieto Fc. Dopo l'esordio in campionato, ecco le prossime iniziative stagionali

Olimpieri: "Sindaco Germani, diserta l'incontro con una corrente Pd su sanità e sociale"

Campitello - Orvietana gara al cardiopalma, pari e tanti gol

La sfida di Viterbo: ''Le Olimpiadi? Le organizziamo noi''

Franco Pilato presenta il libro "Una rosa...rinascerà"

Dalla Regione oltre 153 mila a sostegno della genitorialità

Porte aperte a Palazzo Coelli. La Fondazione Cro rinnova al pubblico l'Invito a Palazzo

Azzurra Ceprini Orvieto. Amichevole sottotono per le biancorosse

Monteleone accoglie immigrati. Pd: "Avviamo un coordinamento comune con le altre amministrazioni"

Week-end di sangue sulle strade. Consap: "Si rifletta sulla soppressione dei presidi della polstrada"

I turisti scelgono il Monte Peglia. La soddisfazione del sindaco Marinelli

Confetti rossi per Jessica Federico. All'Unitus il primo detective è di Orvieto

Maledetti toscani

Senso unico alternato su tre provinciali dell'Orvietano. Lavori anche lungo la Bagnorese

Pronto riscatto per la Vetrya Orvieto Basket

Geotermia, Brega torna sul territorio per dialogare con i cittadini

Come scegliere il percorso universitario? Tre consigli per i neodiplomati interessati al Diritto

Giornata di studi su "Il Duomo e l'Opera del Duomo di Orvieto all'inizio del Duemila"

Decima seduta del 2016 per il consiglio comunale. In 23 punti l'ordine del giorno

La Zambelli Orvieto arricchisce la sua bacheca e prepara altre verifiche

Luca Tomassini entra nel Comitato Leonardo: "Il gruppo Vetrya, promotore della qualità italiana nel mondo"

Legge 40, Eutanasia, Ricerca. A Orvieto il decimo congresso dell'associazione Luca Coscioni

'Orvieto con gusto' si veste d'autunno. Al via da sabato l'edizione n. 14

Nasce "Comune di Orvieto nel WeekEnd". Protesta creativa e disservizi della P.A.

Venerdì al Palazzo dei Sette la presentazione del Comitato Rivoluzione Cuperlicana

Concerto di pianoforte per l'inaugurazione del X Congresso dell'Associazione Luca Coscioni

Giornate del Patrimonio, Invasioni digitali e...la Compagnia delle lavandaie della Tuscia

Via Romea Germanica, grazie a tutti

Approvato il bilancio di previsione del Comune di San Venanzo

Pasti non consumati nelle mense a favore del canile municipale di Orvieto. Con interrogazioni bipartisan il caso arriva in Parlamento

Fissate le date per l'apertura della caccia al cinghiale. Si inizia il 3 ottobre

Al via il quarto torneo Telematica Italia. Due giorni di grande basket al PalaPorano

CSCO: intervista a Tim de Noble, Professor and Dean Kansas State University. Una collaborazione che potrebbe estendersi

L'ordinanza per la viabilità

Lettera al dirigente Gaudino 2

Giornata Europea del Patrimonio, a San Venanzo visite guidate al Museo e al Parco Vulcanologico

Tiberi (Fdi) presenta un'interrogazione sulla SP 54

Sabato giornata di mobilitazione cittadina per dire no alla soppressione del tribunale

I giovani e la cittaslow che vorrei. Domenica, la presentazione dei risultati dell'esperienza di scambio Orvieto-Levanger

Trecento cavalli all'ombra del Duomo per il 42esimo equiraduno nazionale della Fitetrec-Ante

L'ordinanza per la viabilità

Nuove nomine in Curia. E' monsignor Antonio Cardarelli il vicario generale della diocesi di Orvieto-Todi

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni