opinioni

Il peggio per un genio è essere compreso

domenica 21 febbraio 2010
di Mario Tiberi

E' sotto gli occhi di tutti e alla portata della comprensione dei più che stiamo vivendo un'epoca ricolma di contraddizioni, conflittuale nelle relazioni interpersonali e in quelle di aggregazione sociale, riottosa al superamento dell'individualismo esasperato e affatto propensa a considerare le ragioni degli altri anche a scapito delle proprie. Ognuno pare andare per conto suo, fiero di un orgoglio egocentrico che non rende giustizia alla causa di un comune destino che, se disatteso, travolgerà per primi proprio coloro che ad esso si sono frapposti con insensata e scellerata caparbietà.

Il dato più preoccupante, però, consiste nel fatto che all'orizzonte non sembrano intravedersi delle chiare e limpide intelligenze capaci, di per se stesse, a cospargere di chiarore il buio dell'annaspare di un'umanità alla disperata ricerca di una via d'uscita dal vicolo cieco nel quale si è cacciata.

L'intelligenza nativa, la genialità acerba, il talento naturale sono doni della Divina Provvidenza che la stessa dispensa secondo un disegno imperscrutabile alle moltitudini e riservato, probabilmente, solo a pochi privilegiati; l'acculturamento e la fame e sete di conoscenza sono invece nella disponibilità di ogni essere umano purché si abbia la volontà di assecondare la propensione ad elevarsi e si possegga la coscienza della limitatezza dei propri mezzi intellettivi. Nel mezzo vi è la sensibilità individuale che, al pari di una bilancia ben calibrata, fa pendere l'ago ora sotto, ora sopra il livello mediano dello spartiacque tra sufficienza o meno delle doti intellettuali.

Ne consegue che l'intuizione, espressione della intelligenza arcana e primordiale, va colta e afferrata nell'attimo in cui si manifesta; l'idea, conseguenza diretta dello stadio intuitivo e espressione dell'intelligenza ponderata e riflessiva, va coltivata con tenacia e sacrificio fino a conferirle forma compiuta e sostanza di contenuto. E' null'altro che uno dei processi di formazione della razionalità che può sfociare, in pari misura, su due sponde solo in apparenza diametralmente opposte: la certezza delle conquiste della ragione o il dubbio dell'analisi spuria e non suffragata da risultati assoluti e universali che, insieme, concorrono ad alimentare l'eterno dualismo dialettico tra essere e divenire.

Non sarà difficile, a questo punto, convincersi che la sfera di estrinsecazione delle facoltà geniali è riservata all'universo delle intuizioni e delle percezioni ultrasottili: di idee, migliori o peggiori, se ne possono contare a bizzeffe; ciò di cui, invece, si avverte sempre più l'assenza è il deficit pandemico di brillanti e stimolanti inventive, piccole o grandi che siano.

Occorre anche considerare che, nel mondo contemporaneo così come oggi è strutturato, le intuizioni di un genio accendono molto spesso il fuoco di temibili sconquassi negli ordini costituiti delle scienze, dell'economia e della politica. Ecco perché le fulgide intelligenze tendono a nascondersi e a ritirarsi in nicchie anacoreutiche per timore di essere additati al pubblico ludibrio; la peggior sventura, dunque, che possa capitare al possessore di genialità è quella di essere compreso perché, proprio nel momento in cui viene accolto e celebrato, le sue qualità geniali svaniscono nella ordinaria età dell'acquisito.

E il genio rischia di perdersi e, con lui, la luce da diffondere su ciò che è oscuro e che, invece, per l'utilità generale andrebbe abbagliato. Henry Ford, fondatore della omonima casa automobilistica statunitense, soleva affermare che un'idea intuitiva rimarrà incompiuta e infeconda se non scaturiranno da essa pratiche applicazioni tali da migliorare le condizioni di vita e di benessere per l'intera umanità.

Qualcuno potrebbe obiettare che il pensiero appena espresso è tipico di una visione metafisica e di un disegno utopico della realtà; ma le utopie sono plasmate della stessa sostanza dei sogni che si realizzano quando uno meno se lo aspetta.

Di tutto mi si potrà accusare, fuorché di essere un genio!...

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio