opinioni

Sottoponiamo a referendum comunale l'ipotesi del patto civico per Orvieto

lunedì 15 febbraio 2010
di Aramo Ermini

...di modo che i cittadini siano e rimangano i soggetti della Politica. Il bene di una collettività deve sempre venire prima degli interessi particolari, così il bene del Comune di Orvieto, cioè della comunità di cittadini che lo sostanzia, deve essere il criterio assoluto di ogni scelta dell'Amministrazione Comunale. Il dibattito attuale sulla necessità di un Fronte Civico per salvare Orvieto dal disastro finanziario e dal possibile commissariamento pone però la necessità di alcune considerazioni e domande.

Il fronte civico viene presentato come l'unica alternativa che può salvare Orvieto, ma è proprio così? L'attuale Giunta Comunale è scaturita da elezioni competitive tra due opposti schieramenti ( centro-destra e centro-sinistra ), gli elettori del Comune sono stati chiamati a scegliere quale dei due schieramenti li avrebbe governati ed hanno espresso la loro preferenza. Altra questione è poi che non si è costituita una maggioranza consiliare organica alla giunta. Si è così attuato così un modello democratico: più partiti si sono presentati agli elettori ed essi hanno espresso la loro scelta, ha senso ora dire che si può fare a meno di tale deliberazione elettorale... e allora governiamo tutti insieme?

Il modello democratico è frutto della sapienza millenaria dell'Occidente: la competizione tra schieramenti alternativi, il voto elettorale, la maggioranza e la minoranza... permettono che i vari interessi siano rappresentati e scelti e che vi sia un bilanciamento dei poteri così come un controllo dell'un potere sull'altro. Ciò rientra anche nel principio della separazione dei poteri. Che dire, come nel caso del Fronte Civico, dello schieramento politico che è stato responsabile del disastro finanziario del Comune, chiamato ad essere co-parte nel risanamento del disastro stesso? Credo che nella passata amministrazione comunale vi siano stati anche galantuomini, ma se anche dei galantuomini hanno disastrato il Comune, a maggior ragione c'è bisogno di controllo, quindi di una maggioranza che governa e di una opposizione, per evitare, con più forza, scelte sbagliate e logiche compromissorie e di spartizione.

Si cerca di giustificare ideologicamente la necessità del Fronte civico, tirando in ballo la storia cittadina con la contesa tra Guelfi e Ghibellini, Pietro Parenzo..., a proposito ed a sproposito. Non si deve confondere però un sano modello democratico con i suoi vinti e i suoi vincitori e le sue dinamiche con una guerra fratricida. Aver una Maggioranza ed una Opposizione non è guerra fratricida è Democrazia! Attuare una scelta di fronte civico senza consultare i cittadini elettori, passando sopra la volontà da loro espressa, anzi andando contro la volontà da loro espressa, come nel nostro caso, non è democrazia, vuol dire considerare i cittadini soggetti passivi, spettatori della politica, che continua ad essere fatta dagli addetti ai lavori nelle loro riunioni.

C'è la forte necessità invece che i cittadini si riappropino della Politica, cioè delle cose che riguardano la loro Polis e decidano per esse. Non so se l'ipotesi di Fronte civico possa essere l'unica realistica per supplire alla mancanza di una maggioranza consiliare, (perché non pensare anche a possibilità di elezioni anticipate - che forse tutte due le forze temono - ), ma se quella del fronte civico fosse la scelta migliore, che almeno tale cambiamento politico sia sottoposto a Referendum Comunale, cioè al giudizio dei cittadini elettori.

In una comunità medio piccola come la nostra potrebbe essere un interessante esperimento di democrazia diretta. Chissà se, nel tempo, una cittadinanza attiva e partecipe, piuttosto che una popolazione che subisce le decisioni, come la nostra è abituata ad essere, possa essere vantaggiosa anche in termini economici oltre che culturali e politici?

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 maggio

Arriva l'Annuario Scolastico 2016/2017. Per ricordare su carta, ai tempi dei social

Ladri scatenati, fanno razzia all'Euronics di Porta d'Orvieto

Sacrilego io?

"Giù le mani dalla nostra terra!". In difesa di Umbria, Lazio e Toscana

"Centri storici minori in Rete", Parrano alla Biennale dello Spazio Pubblico

Il consiglio comunale approva il rendiconto della gestione per l'esercizio 2016

A giugno riprendono gli scavi nell'area archeologica di Poggio Gramignano

Tra Matteo Solforati e la Zambelli Orvieto prosegue il rapporto

Omaggio a Ippolito Scalza. Una storia scritta nel marmo. Première del video documentario

L'opposizione spara a zero: "Opere pubbliche, flop della Giunta Germani"

Al CSCO iniziato il Corso di Formazione sulla salute globale

"Let's meeting!" a Fabro Scalo, arriva il meeting dei Centri di aggregazione giovanile della zona sociale 12

Ippica, il purosangue Time Chant tenta il bis al "Carlo D'Alessio"

Strade e Pulizia, rimpallo di competenze tra Comune e Provincia

Inquinamento acustico in Strada del Piano, chiesti provvedimenti urgenti

Interrogazione di Sacripanti (Gm) sull’incremento della presenza di cinghiali e richiesta di interventi urgenti

Strade pericolose, autovelox sull'Umbro Casentinese

Approvati dal Consiglio Comunale il Rendiconto di gestione dell’esercizio finanziario 2016 e la variazione al Bilancio di previsione 2017/2019

Contributo di costruzione: il Consiglio Comunale approva la parziale revisione di alcuni parametri applicativi del Regolamento Regionale

Approvata la modifica al Programma Triennale dei Lavori Pubblici

Migranti

Banca Popolare di Bari, costituito un fondo in favore dei Soci

"Di paesaggio in paesaggio", passeggiata letteraria per "Il Maggio dei Libri"

Storia finita

"Tra poesia e musica" al Teatro Comunale con i versi della poetessa Marita Bucci

Al Tuscia Film Fest 2017 scatta "L'Ora Legale" di Ficarra e Picone. A novembre torna l'IFF Berlin

Architettura dei Giardini, AgriCultura, Moda e Musica per il secondo giorno di "Todi Fiorita"

Sì del Comune al progetto "Dall'Idea al Mercato" avviato dalla Camera di Commercio di Terni

Passeggiata tra le lettere del centro storico, alla ri-scoperta della scrittura pubblica

Sotto l'albero con Susanna Tamaro, l'A.Ge. fa festa nel Paese delle Rose

Bilancio positivo per il secondo Talent Scout Stage, conto alla rovescia per il terzo

Zambelli Orvieto fermata in gara-due ad Arzano, si va allo spareggio

Supercar Show, tra i protagonisti anche il pilota Riccardo Nucci

Il fagiolo dall'occhietto di Collelungo nel catalogo delle cose buone

Conferenza con Paolo Bruschetti al Museo Archeologico Nazionale

Sulla questione rifiuti, la segreteria del PCdI legittima le affermazioni di Ciro Zeno

Continua la retrospettiva di Ennio Luzzi alla Galleria Falzacappa Benci

7° Memorial "Luca Coscioni". Orvieto nel circuito Grand Prix di Atletica Leggera

Girato a Bolsena con Pietro De Silva il primo videoclip dei Brahmanelporto

Gruppi di azionale locale umbri, sinergie per un nuovo sviluppo regionale

La Libr'Osteria "Le Sorgenti" ospita lo spettacolo "Cuba libre"

All'Hosteria di Villalba, trionfa la "Cucina con i fiori"

Alla biblioteca Fumi lo spazio dei giovani diventa "Sala Studio Luca Coscioni"

Caso quote Bpb, niente consiglio: dieci domande dei clienti agli amministratori comunali

Caso quote Bpb, si costituisce il Comitato dei risparmiatori

Caso quote Bpb, capigruppo e sindaco uniti nel fare chiarezza

Grazie Marco

Help Interferenze. Ecco come segnalare i problemi tra tv e rete di telefonia

Ai nastri di partenza la seconda edizione del "Festival dello Studente"

Alla scoperta delle orchidee nel bosco del Sasseto e della Riserva naturale Monte Rufeno

Si presentano i libri "Rondini per formiche" e "Prima di dirti addio"

Convento dei Frati Minori Cappuccini in festa per San Crispino