opinioni

Lettera aperta di Emily Umbria sul caso Donatella Belcapo: solidarietà e riflessioni

mercoledì 18 novembre 2009
di Silvia Fringuello, presidente Emily Umbria

Cara Donatella,
vice presidente dell' associazione Emily in Italia Umbria, consigliera comunale, politica, imprenditrice, cara donna..........

Ti scrivo per esprimerti la solidarietà di tutte le socie della nostra associazione e la mia personale indignazione e rabbia, in relazione ai commenti all' articolo del 12.11.2009 " Mancinelli, c'è da ripianare un deficit da 1 milione e 100 mila euro" pubblicato sul giornale online locale www.tuttorvieto.it, che ledono in modo grave e disdicevole la tua persona, la tua dignità, il tuo / nostro genere .

Ritengo opportuno sottoporre alla discussione pubblica, alcune riflessioni e valutazioni che riguardano le reazioni culturali e metodologiche maschili che provoca una donna nel momento in cui esprime il suo autonomo pensiero, quando fa pesare e manifesta il potere che detiene in un determinato contesto. Nel tuo caso Donatella, di consigliera comunale.

La principale volontà che viene espressa a chiare note nei commenti all'articolo sopra citato, è quella di zittirti. Così fanno di solito tutti gli uomini con le donne che reclamano o criticano, è talmente scontato per noi donne, che quasi passano inosservati "gli imbavagliamenti" che subiamo. Viene fatto con una forma subdola ed indiretta, dandoti dell'incapace, sottovalutandoti, operando così una negativa pressione psicologica, nella speranza di riconquistare il "controllo" della situazione, attraverso la perdita delle tue certezze, della tua autostima.

Per dimostrarti poi chi è che tiene "il potere", lo scettro, vengono dichiarate minacce velate e palesi, che presagiscono " il fatto" che non si può né dire e né fare perché è punibile penalmente dalle legge e che molto probabilmente riguarda solo noi, la violenza sulle donne, cercando con questo metodo da condannare e rigettare di incuterti paura e timore. Che roba!

Inoltre ti viene suggerito il silenzio, amichevolmente, per evitare ciò che prima ti è stato avvisato, praticando così l'imposizione del potere ai più deboli con un metodo prettamente maschile, aggiungerei anche vigliacco, che viene da molto lontano, da primitive culture patriarcali, applicato nella storia ed in epoca moderna, al quale s'ispirano i regimi politici, ovvero col sistema "del bastone e della carota".

Altro argomento da evidenziare in tutta questa drammatica vicenda.
Cara Donatella, è la prima volta che leggo un appello rivolto ai dottori che curano la mente e la psiche, i destinatari del servizio sanitario sembrerebbero gli uomini e le donne del Consiglio comunale di Orvieto e quindi ha colto la mia attenzione.
E' parere diffuso, tra gli uomini, che noi donne non riusciamo ad essere razionali, vale a dire che sono convinti che le nostre azioni quotidiane, le nostre analisi e le forme pensiero, sono conseguenti al ragionamento logico mischiato al sentimento e alla passione e quindi irrazionali, distorte, non allineate con il raziocinio. Secondo loro, con queste caratteristiche dell' "essere donna" non possiamo essere in grado, un esempio per tutti, di occupare posti di potere.
I luoghi comuni maschilisti che identificano il nostro stato mentale e psichico ci descrivono instabili, bisognose di cure e particolari attenzioni psicologiche e neuro-psichiatriche, ne elenco alcuni: lunatiche, "pasionarie", ragioniamo con l'utero, in menopausa, innamorate, depresse, con la crisi post-parto e per ultima ".....è incinta" !

Bene, è scientificamente provato che i due generi sono diversi, sia fisicamente che mentalmente, è provato che le donne hanno un approccio, un sentire diverso, una metodologia diversa di vivere la propria vita e l'ambito in cui risiedono ed agiscono. La nostra dunque è una differenza di genere, valorizziamola invece di sopprimerla !
Non è una malattia mentale!

Donatella: nome di persona, genere femminile.

Il "genere femminile": non ha ancora diritto di cittadinanza, non possiede e non esercita gli stessi diritti del genere maschile, l'obiettivo delle pari opportunità è purtroppo ancora una lontana meta da raggiungere.

Questa è la nuda e cruda realtà, ben descritta nel rapporto Gender Gap 2009, con la quale, Donatella, dobbiamo fare i conti ogni giorno, sul lavoro, nella famiglia, nella politica, con tutto il contesto sociale ed in particolare tu, donna impegnata nella politica, che hai la profonda consapevolezza della disparità di trattamento e dell'emarginazione alla quale sei soggetta.
Ti invito dunque a non mollare, a non cedere ai colpi bassi e meschini, alle violenze di chi ha paura di perdere il potere e di essere sopraffatto dal tuo genere, ma di proseguire il tuo percorso di autodeterminazione nella politica, nella tua vita. Nei luoghi del potere, denuncia ad alta voce le ingiustizie ed urla le tue istanze, per te e per tutte le donne chiedi quella parità negata ed il rispetto dei diritti.
Vai avanti Donatella e vanta le tue ragioni, a te l'argomento è chiaro, è tutta una questione di potere!

La Presidente di Emily in Italia Umbria
Silvia Fringuello

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità