opinioni

L'acqua del Senato è già privata. Lettera aperta del collettivo "Il Manifesto" al Sindaco Antonio Concina

venerdì 13 novembre 2009
di Collettivo

Riceviamo e pubblichiamo:

Al Dott. Antonio Concina
Sindaco di ORVIETO

L'ACQUA DEL SENATO È GIÀ PRIVATA
Una decisione gravissima che apre la strada alla totale privatizzazione del bene pubblico". Molti Comuni del nostro Paese si stanno ribellando opponendosi alla conversione in legge del decreto 135/09.

Gentile Sindaco Concina, la nostra Città non può accettare supinamente che un diritto universale sia ancora una volta calpestato da affaristi senza scrupoli (come la nostra S.I.I.) con conseguenti disastrose ripercussioni sui cittadini e in particolare sulla povera gente.
Signor Sindaco, esiste anche un modo da parte dei Comuni per evitare la privatizzazione acqua (già adottata da molti Comuni): se l'acqua viene considerata "BENE PRIVO DI RILEVANZA ECONOMICA" la gestione esce dall'ambito della normativa governativa e il bene viene considerato per la sua rilevanza ambientale, sociale e culturale.
In tal caso, il Comune può evitare la privatizzazione e ...ripristinare la democrazia.

Il manifesto
Collettivo di Orvieto
"Luigi Pintor"

Commenta su Facebook