opinioni

L'insostenibile pesantezza dei bilanci

sabato 17 ottobre 2009
di Mario Tiberi

Da un po'di tempo a questa parte, la parola "BILANCIO" è diventata una specie di incubo, sia diurno che notturno, che ci fa sobbalzare ogniqualvolta la pronunciamo o la sentiamo pronunciare.
E pensare che nel lessico usuale detta parola non ha affatto un significato deteriore e catastrofico; anzi, al contrario, possiede un contenuto a valenza positiva riferendosi a quella doverosa e legittima attività di resocontazione del proprio vissuto che, in via di normalità, ognuno di noi svolge nella vita privata e/o pubblica. Effettuare, a cicli periodici, il resoconto delle proprie azioni, omissioni e pensieri ci stabilizza nel presente e ci consente di gettare le basi per l'avvenire, prossimo o lontano che sia.

Senonchè, in special modo nei settori dell'economia e della finanza, predisporre e realizzare bilanci è divenuto troppo spesso sinonimo di anomalie di varia tipologia: falso in bilancio, frode in bilancio, squilibrio di bilancio e chi più ne ha, più ne metta.
A dire il vero, la causa primigenia di tali sconquassi risiede nel fatto, a mio sommesso avviso, che le crisi economico-finanziarie succedutesi negli ultimi decenni hanno trovato e trovano tutt'ora la loro origine scatenante da un'unica morbosa sorgente: non più e solo la carenza di saldi principi di etica professionale e politica, ma anche e soprattutto nell' assenza e nel rifiuto sdegnoso di ogni e qualsiasi ancoraggio ai postulati di "Eunomia" legislativa e regolamentare.

Faccio un esempio per meglio intenderci: se i "top-managers" della grandi banche d'affari mondiali avessero portato rispetto ai portafogli dei loro risparmiatori ed investitori con scelte oculate e trasparenti ed avessero guardato anche ai legittimi interessi di quest'ultimi e non solo ed esclusivamente ad ingrassare i loro già opulenti patrimoni, con probabile certezza le enormi bolle speculative, che hanno generato l'esplosione dei sistemi monetari, o non si sarebbero verificate o, quantomeno, i loro perniciosi effetti sarebbero stati contenuti e controllabili.
Quanto descritto si è reso possibile in quanto i predetti avventurieri della finanza hanno potuto fare agio su due fattori rappresentati, da un lato dalla loro scarsa inclinazione a comportamenti morali, e dall'altro dall'impunità derivante dalla mancanza di ordinamenti giuridici severi e intervenienti.

Durante la seduta dell'ultimo Consiglio Comunale dedicata alla manovra di riassetto del bilancio, il Sindaco ha citato Solone volendosi riferire ai moderni Soloni che parlano, parlano e non concludono nulla. E' vero che nell'uso comune è ormai radicata codesta accezione, però è pur vero che Solone fu un grande politico e legislatore nella democratica Atene del sesto secolo a.C. .
In un celeberrimo discorso pronunciato davanti ai Sette Saggi dell'Areopago, dopo aver sostenuto che solo la verità può garantire la giustizia, affermò con decisa risolutezza che, senza la verità, la giustizia stessa è come una tela di ragno che trattiene gli insetti piccoli, mentre i grandi trafiggono la tela e rimangono liberi. Passano i secoli, passano le civiltà e le culture, ma la più elevata aspirazione degli uomini resta sempre il raggiungimento della verità.

Del bilancio del Comune di Orvieto qualche segnale di chiarezza iniziamo ad intravederlo anche se molta strada rimane ancora da percorrere; di quello statale siamo invece nell'oscurità a stare alle parole del Presidente della Commissione Europea che, riferendosi all'Italia, senza mezzi termini definisce la situazione del nostro deficit tale da essere insostenibile. Delle due l'una: o mente il Presidente Europeo o mente il ministro Tremonti che continua a ripeterci come tutto sia in ordine e sotto controllo. Che tutto era in ordine e sotto controllo ce lo siamo sentiti dire, nel piccolo della nostra realtà orvietana, anche dall'ex Sindaco e, poi, stiamo scoprendo quello che ormai è sotto gli occhi di tutti, anche di quelli che hanno bisogno di spesse lenti per vedere!.

Di una insostenibile leggerezza scrisse un certo Milan Kundera nel 1984, ma si riferiva ad una entità immateriale quale è la psiche umana; di fronte a innumerevoli e materiali sacchi di sonante moneta mancante credo che anche lui avrebbe parlato di una insostenibile pesantezza di bilanci!.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 novembre

Guida Michelin 2018, brillano le stelle di "Casa Vissani", "La Parolina" e "Castello di Fighine"

Lo specchio etrusco con i Dioscuri esposto all'Antiquarium Comunale

"Un mondo di fiabe", letture ad alta voce nelle Scuole Primarie

"Alta Velocità e miglioramento del trasporto ferroviario locale. Serve un impegno concreto"

Karate, al via stagione agonistica Fik 2017-2018 con la quarta Golden Cup

Vicenda parcheggi: insinuazioni inaccettabili

Dalla storia medievale, idee e spunti per la Orvieto del futuro

Assemblea regionale sulla sicurezza sul lavoro di Cgil, Cisl e Uil

Al castello di Bartolomeo la storia di Invernizzi, 40mila chilometri e cinque continenti in sella alla sua bici

Gli allievi dell'Istituto Alberghiero coinvolti nel progetto "Identità e territorio"

Firmato l'accordo di programma per il nuovo svincolo in uscita dal raccordo Perugia - Bettolle

Nuova auto per la Polizia Locale. Impegno su sicurezza e controllo del territorio

Fondo utenze deboli, prorogato al 31 dicembre il termine ultimo per presentare domanda di ammissione

Proposta della candidatura di Fausto Cerulli al prossimo Premio Nobel per la Letteratura del 2018

La Vetrya Orvieto Basket ritrova la vittoria tra le mura amiche

Roberto Burioni presenta il libro "La congiura dei somari"

"Orvieto StreetArt" presenta l'opera dedicata ad Aldo Netti

Weekend ricco di soddisfazioni per l'Orvieto FC

"Nessun impianto di Css a Orvieto", Nevi chiede dimissioni a Germani

Ancora un successo per Francesco Barberini con il suo nuovo video in Piemonte

Don Eugenio Campini è ufficialmente il nuovo parroco di Allerona Scalo

L'Albero dei Diritti mette radici nel giardino dell'Asilo Nido "Il Grillo Parlante"

Orvieto celebra la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne

Sì al progetto per la gestione associata delle funzioni, Porano Comune capofila

Germani scrive al CorSera: "Servizi al cittadino e aree interne, apriamo un dibattito"

Lavori sugli immobili, traffico temporaneamente interrotto in Via Alberici e Via Filippeschi

Orvieto commemora la figura di Padre Chiti, generale dei Granatieri e soldato di Dio

Baschi verdi, cerimonia conclusiva del corso. Modifiche alla viabilità in Piazza XXIX Marzo

"Umbria, il tuo regalo di Natale". Presentata la nuova campagna di promozione turistica

Acea in commissione, verso il superamento di inceneritore e discarica

"Visti da vicino". Mostra nella Collegiata dei Santi Giovanni e Andrea Apostoli

Riqualificazione della stazione, presto il via libera delle FS all'inizio dei lavori

Parrano riflette su "La tutela delle donne nel mondo del lavoro"

Mister Fatone carica l'Orvietana in vista del Subasio

La parete della Scuola dell'Infanzia ospita il murale "L'albero che suona" di Salvatore Ravo

Si presenta "Presenze ebraiche in Umbria meridionale dal medioevo all'età moderna"

Un Lucca inarrestabile piega Azzurra Iemmeci 63 a 47

20 novembre, Giornata mondiale dell'Infanzia: in Italia non tutto è da festeggiare

Pendolari: il nuovo orario non tiene fede agli impegni. Gli amministratori si mobilitino per salvare il salvabile

Altra Città presenta un'interpellanza sui disagi del nuovo orario e sollecita il Consiglio Comunale aperto richiesto dai pendolari

Le biblioteche come servizio per gli amministratori locali: seminario di formazione/informazione. Mercoledì 21 novembre a Palazzo dei Sette

I problemi dei pendolari orvietani in un ordine del giorno del gruppo misto provinciale di Sinistra Democratica

Emma Dante a Orvieto per 'Migrazioni' con 'Il festino': storia di un'esistenza difficile

Basket. Colpo di scena in Azzurra Iemmeci: Angelo Bondi subentra in panchina a Massimo Verdi

Nuovo orario ferroviario, niente passi in avanti. Ora basta: i pendolari umbri in stato di agitazione

Concluse le semifinali di Sanremolab: ecco i quaranta ammessi in finale

Butto, aggiornato o riciclo integrato?

Gemellaggio in onore di sua maestà il Tartufo

Forza Italia Orvieto rilancia la battaglia contro la tassa del Consorzio di bonifica Val di Chiana

A fine novembre le 'Seconde giornate cardiologiche Orvietane' : un evento scientifico sempre più qualificato

'Sacro sono': musica ed enogastronomia di qualità per il Natale nell'Amerino. Presentata in Provincia la prima edizione

Servizio idrico: accelerare i tempi sulla nuova proposta di legge. Un odg del Consiglio provinciale

Eclatante vittoria della Coar femminile sullo Scheggia 10 a 4