opinioni

Orvieto città (quasi) medievale

giovedì 21 giugno 2007
di Mauro Sborra
Ampiamente dimostrato come il “Palio dell’Oca” nulla abbia a che vedere con le varie manifestazioni del nostro medioevo, veniamo ora al “Corteo Storico”, il quale presenta arbitrarietà molto pesanti. E’ sicuramente il prodotto di una eccezionale fantasia, di un ammirevole buon gusto, di una pertinace volontà organizzativa, di un notevole sacrificio finanziario, di una eccellente perizia artigianale, ma non è storico, non è una ricostruzione documentata fatta da studiosi. Qualche esempio. I quartieri dell’epoca avevano ben altre denominazioni, facilmente rilevabili consultando il Catasto del 1292; la figura del Podestà era ormai sbiadita, perché l’esistenza abbinata con il Capitano del Popolo ne aveva ridotto notevolmente le competenze; i simboli delle varie Arti erano ben differenti da quelli che sfilano ai nostri giorni, e lo si poteva constatare prendendo in esame quelli impressi, nel 1313, sul tondo della Campana del Popolo, oggi sulla Torre del Moro; a molti personaggi è stato dato un lustro che non avevano assolutamente; per buona parte dei costumi, che pur presentano meravigliosi lavori dell’artigianato locale, sarebbe difficile indicare il secolo, e lo stesso dicasi per i tessuti adoperati; sui Domicelli ci sarebbe molto da ridire, ecc. ecc. E’ bene, a questo punto, ricordare come sia nato il Corteo Storico. Nell’ottobre del 1949 si tenne in Orvieto il Primo Convegno del Dramma Sacro, e si stabilirono annuali rappresentazioni. Le prime si ebbero nel 1951 : venne rappresentato il “Miracolo di Bolsena” sulle scalee del Duomo, ed ottenne un notevole successo, grazie anche alla presenza di attori di un certo livello e di Ferdinando Tamberlani, regista di tutto rispetto. Doveva essere la prima di una lunga serie, ma non fu così : venne presto “bruciata” e dalle sue ceneri, per volontà di chi ne volle il “rogo”, nacque il Corteo Storico, per celebrare le vicende del Sacro Corporale, e riportare alla nostra memoria l’epoca in cui si svolsero. Il tutto dimenticando come il secolo XIII sia povero di notizie, ed ancor più quelle relative al Miracolo. Ed i miracoli, non è certo una novità, troppo spesso sono legati alla fantasia, sono affidati alla vivacità delle devozione popolare “sempre attenta alla ricezione ed alla traduzione del sovrannaturale nel quotidiano, ed in specie, quando il quotidiano ha tanto bisogno del sovrannaturale”. L’iniziatrice e propugnatrice della festa del Corpus Domini fu una suora agostiniana, certa Giuliana di Cornillon o di Liegi la quale, nel 1246 ottenne dal suo Vescovo (Jaques Pantaleon) la facoltà di celebrare il mistero dell’Eucarestia nel compartimento di Liegi dove si trovava il convento della Suora stessa. Nel 1264 Jaques Pantaleon, già arcidiacono di Liegi e confidente di suor Giuliana, salì al soglio pontificio con il nome di Urbano IV. E proprio tale Pontefice, l’8 settembre 1264, istituì la Festa del Corpus Domini con la Bolla Transiturus de hoc Mundo, la qual cosa non gli era stata possibile in qualità di arcidiacono, e nella quale, guarda caso, non si fa riferimento alcuno al Miracolo di Bolsena. E’ altrettanto strano che il Miracolo stesso non sia stato riportato dai cronisti coevi. Dovranno trascorrere oltre settanta anni per avere (vedi Riformanze 24 maggio 1337) le deliberazioni comunali relative alla processione delle reliquie. Lo stesso Monaldeschi, con una citazione del 1584, ci lascia alquanto perplessi mentre dice “…al tempo di questo Pontefice (Urbano IV) avvenne il miracolo meraviglioso e grande dell’ostia consacrata, il quale quantunque e più hoggi sia cosa notoria, nondimeno pochi ne hanno scritto e pochi ne hanno notizia...”. Veniamo ora a parlare di Pietro da Praga il quale, come vedremo, non ha nulla a che vedere con l’ipotetico celebrante di Bolsena. Il “magister” Pietro, giurista e diplomatico, già nel 1262 aveva incontrato Urbano IV a Viterbo, colà inviatovi dal suo re in qualità di ambasciatore; nel giugno del 1264 era venuto in Orvieto per chiedere allo stesso Papa Urbano IV la dispensa dall’obbligo della residenza presso il suo beneficio (vedi lettera con cui il Papa concede tale dispensa, datata da Orvieto – 4 giugno 1264). I documenti ci dicono che Pietro da Praga in data 13 luglio si trovava già presso il Re a Pisek, in Boemia. E del portentoso miracolo non ne fa il minimo cenno al Re Ottocaro Premislao, di cui è confidente. E questo perché il “magister” Pietro, canonico della cattedrale di Praga, protonotario del potente re di Boemia Ottocaro II, uomo politico di prim’ordine, evidentemente non ha nulla che vedere con il timoroso, titubante prete, tormentato dal dubbio sulla reale presenza del Corpo di Cristo nell’Eucarestia; che si era recato a Roma, da buon romeo, per implorare sulla tomba di Pietro “la grazia di liberarsi dalla angustia ond’era afflitto il suo spirito”. Concludiamo con il “Corteo delle Dame”. E’ necessaria, però, una premessa : nel nostro Comune, possiamo ben dire da sempre, l’eccessivo lusso femminile è stato contrastato con deliberazioni e decreti molto restrittivi. Nel 1306, per esempio, si fece divieto alla donne di fregiar le vesti e di adornare il capo con oro, argento e perle; di indossare abiti con lo strascico superiore alla lunghezza di un palmo orvietano (circa 20 centimetri). E perché il divieto fosse osservato da tutte indistintamente, il Podestà nominò custodi segreti in ogni rione, con il compito di denunciare eventuali infrazioni. Nel 1354 vennero proibiti anche i monili preziosi. Altri ordinamenti si ebbero nel 1525, e talmente restrittivi da non permettere alle donne – eccezion fatta per quelle che stessero in casa di Signori di Castelli – di avere più d’una veste e d’una sberna (veste ampia e strisciante che le donne portavano sopra altra veste come mantello); e questa non doveva essere di velluto, di raso né tantomeno broccato d’oro o d’argento. Nel 1537 se ne ebbero altri ancor più restrittivi, con i quali, ad esempio, si vietava l’uso degli orecchini, anche se falsi; di fregiar le vesti con più di due braccia e mezzo di drappo... Evidentemente, chi ha organizzato il “Corteo delle Dame”, che è una manifestazione di solo e puro esibizionismo femminile, non era al corrente di tali restrizioni “super vestibus mulierum”, o non ne ha voluto tener conto, per proporci l’ultima baggianata pseudo-storica.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 luglio

Notte Bianca e Notte Blu in riva al lago. Nel mezzo, i fuochi d'artificio di Santa Marta

"Flower Party" gratuito sul lungolago. Dal tramonto in poi, meglio degli hippie

Simone Monotti presidente dell'Ordine degli Ingegneri di Terni. Gli auguri dell'assessore Custolino

Seduta straordinaria per il consiglio comunale, otto punti all'ordine del giorno

Orvieto Scalo in festa per Sant'Anna patrona. Il programma dei festeggiamenti

Con il murale "Il Creatore", Orvieto Scalo gira il mondo

Li Donni: "La Cassa di Risparmio di Orvieto è soggetta all'attività di direzione e coordinamento di Bari"

Colombia, Messico, Martinica e Kenia per la decima edizione del Festival del Folklore

Piano sanitario, al via tavoli tematici. Fino al 31 luglio è possibile inviare candidature a partecipare

Lavoro, strumento di dignità sociale. Il progetto "Sfide 2" coinvolge 80 soggetti in esecuzione penale esterna

Bocconi avvelenati per uccidere animali, istituzioni unite contro l'ignobile pratica

Apertura straordinaria per lo sportello Agenzia delle Entrate-Riscossione

"Stella d'Oro". Il Festival di Teatro Amatoriale alza il sipario sulla 21esima edizione

Acqua a singhiozzo in alcune zone del territorio, gli interventi della SII

La Polizia di Stato a Villa Paolina per il campo scuola "Anch'io sono la protezione civile"

Alla Galleria "Falzacappa Benci" prosegue la mostra "Cartapescheria"

Un altro nome nuovo in casa Azzurra, Irene Kolar si presenta

Comune e "Amici del Cuore" verificheranno insieme il riposizionamento dei defibrillatori

Seduta di fine luglio per il consiglio comunale. Venti punti all'ordine del giorno

Unione dei Comuni del Trasimeno, firmata la convenzione per 15 milioni di euro

L'Unitre assegna la borsa di studio "Maria Teresa Santoro"

Il Maniero di Melezzole finisce all'asta per oltre 3,7 milioni di euro

A fuoco sterpaglie e bosco, altra domenica di lavoro per i vigili del fuoco

Musica dal vivo, birra e gastronomia al Carbognano Beer Festival

Necropoli di Crocefisso del Tufo, giovani leve per la campagna di scavo 2017

"CineCastello" omaggia la commedia all'italiana. I protagonisti della sesta edizione

Zeno (Pdci): "Sanità come investimento". Galanello (Pd) sostiene il disegno di legge

L'Orvietana Calcio apre le iscrizioni per la nuova stagione sportiva

Lite tra i comitati dei Pendolari, è scontro sulla soppressione della fermata di Orte

L'Orvieto Basket rinuncia alla serie B e si iscrive alla C2

Parte del ricavato della Castellana donato in beneficenza

In memoria di Paolo Borsellino

Il "Baccano Calcio" a Budrio per raccogliere fondi in favore dei bambini di Cremisan

Cestistica Azzurra Orvieto. Confermato l'assistente coach Massimo Romano

Un regime autoritario è alle nostre porte

Concerto dei finalisti del concorso per cantanti lirici

Orvietana, "Basta con il tutti contro tutti, c'è bisogno di ripartire"

Orvietana, per pensare in grande c'è bisogno di umiltà

Stabili le condizioni dell'ingegner Marco Longo, resta la prognosi riservata

Mattia Palmerini saluta l'Orvieto Basket

Il presidente Meroi rilancia l'ipotesi della Provincia della Tuscia con Orvieto, Viterbo e Civitavecchia

Delineato il quadro della Serie A1 di basket femminile. La Ceprini Orvieto tra le favorite

Allo Stella D'Oro in scena la compagnia di Formia con "La Cattedrale"

Campo estivo della Protezione Civile, i ragazzi subito protagonisti

Corso estivo ispirato a "Le rose nell'insalata"

Eolico sul Peglia. No unanime del consiglio comunale.

A Nucci la presidenza della Commissione Bilancio

Erasmus+:Gioventù in Azione in KA1. Simulata di cittadinanza attiva al Cerquosino

Scopetti vara la nuova segreteria del Pd e annuncia la data della Festa dell'Unità nazionale #scuola2.0

Concina soddisfatto: "Ora lavoriamo per il rispetto del piano pluriennale"

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni