opinioni

Senza memoria non c’è futuro; per Filippetti la memoria è qualcosa da rimuovere... Il Futuro è ripartire anche da qui, dai problemi della nostra Città

martedì 22 maggio 2007
di Giuliano Santelli
Con una frase “copia incolla” presa da un vecchio documento della sinistra, inizia così l’articolo di Valentino Filippetti sulla conferenza stampa tenuta la scorsa settimana da 24 dirigenti dei D.S. che hanno deciso di non aderire al P.D. e di dare vita alla Sinistra Democratica. Senza memoria non c’è futuro e quel gruppo dirigente che Filippetti “bolla” è un pezzo della sua storia, una storia che lo ha visto protagonista, con responsabilità anche pesanti in termini di direzione politica. Valentino è stato Segretario del PCI, Consigliere Comunale del PCI/PDS, Segretario di Rifondazione Comunista, poi coordinatore dei Comunisti Italiani, Consigliere Provinciale dei DS, Assessore esterno al Comune di Allerona, Presidente della Comunità Montana Monte Peglia Selva di Meana, membro della Direzione Regionale dei D.S. e ora siede nel CORECOM. Regionale. Tutti questi incarichi sono stati il frutto di un percorso politico “tortuoso e sofferto” che si è realizzato anche con qualche “forzatura” politica proprio da parte di quel pezzo del gruppo dirigente sul quale si esprimono giudizi non certo edificanti. La storia dirà ciò che ognuno di noi ha prodotto per questa Città, nel bene e nel male, ma maliziosamente sottolineare aspetti legati alle attività delle persone, al ruolo che queste hanno avuto nella Città, il dire e non dire, è davvero una modo di concepire la politica in maniera “strumentale” e priva di un minimo di onesta politica e intellettuale. Caro Valentino parlare del “mondo” è parlare di questa Città e dei suoi problemi, che guarda caso sono i problemi che Tu citi, che quotidianamente viviamo, politica energetica e dei rifiuti, certezza nelle decisioni amministrative, affidabilità di una classe dirigente, futuro per i nostri giovani, la condizione degli anziani, la sanità, la democrazia e la giustizia sociale, ma anche della laicità dello Stato, che peraltro dimentichi di inserire tra le questioni. Il terreno di sfida e proprio questo e per questo non condividiamo il percorso del P.D., una forza politica che nasce su un accordo tra gruppi dirigenti, divisi su tutto; basti pensare alla questione sociale, al lavoro e la sua precarizzazione. La legge Biagi si può dire che è uno strumento che produce precarizzazione, contratti atipici, insicurezza per il destino e il futuro proprio per i giovani? La laicità dello Stato, l’ingerenza delle autorità ecclesiastiche sui costumi di vita, quelli sessuali, sulla pluralità delle confessioni, sulla pretesa di cancellazione della scuola pubblica possiamo dire che sono elementi non più tollerabili? Caro Valentino, vogliamo parlare del ruolo che oggi giocano, in accordo con un pezzo del sistema politico locale, la Fondazione Bancaria che pensa a campanili in vetro o a fontane, invece che promuovere lo sviluppo locale, ammodernare le nuove infrastrutture del II° millennio, varare una politica del credito che non escluda i giovani senza lavoro fisso e le giovani coppie in cerca di prima casa? Vogliamo parlare dell’accordo con tanto di “padrinato” e la benedizione del P.D. realizzato in queste ore con UNICREDIT-GROUP? E’ forse un elemento di civilizzazione del capitalismo di quinta generazione? Per quanto riguarda la sostenibilità ambientale, materia complessa, vedremo quale sarà l’efficacia di questo nuovo gruppo dirigente del P.D. che parla molto di Bankoc e Khioto, spesso per non parlare delle altre questioni, mentre ad Orvieto non decolla neanche uno straccio di raccolta differenziata. Vogliamo parlare dei costi della politica, delle decine di Enti inutili, degli innumerevoli Consigli di Amministrazione, degli Enti di secondo, terzo, quarto grado? Sarebbe interessante riempire le caselle di queste realtà, forse si scoprirebbe anche perché molti hanno aderito al P.D. La sfida del P.D. non è nella riforma della politica intesa come partecipazione della gente alla costruzione e condivisione delle scelte e dei programmi? Non mi pare che Rutelli la pensi come Fassino, potrei fare anche esempi locali “divaricanti.” E le primarie valgono sempre o voteranno solo i gruppi dirigenti? Vedi Valentino a volte parlare di “locale” significa parlare di “globale”. I problemi sono gli stessi in scala ridotta, chissà, forse, come fu per il “Progetto Orvieto” trovare e sperimentare qui e ora soluzioni positive potrebbe servire a risolverli anche nel Paese. Caro Valentino, non c’è stata nessuna scissione, qualcuno ha deciso di costruire qualcosa di diverso, scelta rispettabile quanto quella di chi ha deciso di non cancellare una esperienza straordinaria come quella che è stata la Sinistra del nostro Paese. Non c’è ne nostalgia, né la testa rivolta all’indietro, non ci sono torcicolli, c’è solo coerenza e non certo opportunismo. Proprio per evitare di continuare a stare insieme anche a dispetto dei santi, che si è scelto di continuare e rinnovare l’esperienza del socialismo nel nostro Paese. Un’impresa difficile ma affascinante, sì perché la politica, quella buona è fatta di emozioni e sentimenti, non solo di calcoli di ragionieristica convenienza. Del resto, caro Valentino, dalle cose che dici, sembri Tu con la testa rivolta all’indietro, rinvanghi una storia alla quale, nonostante tutto, devi molto anche Tu. La nostra separazione dal P.D. è avvenuta senza drammi, in modo consensuale, invece la descrivi con l’astio di un amante tradito. Vedi Valentino, io mi auguro che il P.D. abbia successo, può essere utile ad impedire che Berlusconi torni a governare. Così come credo sia utile rinnovare e riunificate la sinistra di questo paese così come stiamo tentando di fare con la Sinistra Democratica e concorrere ad un Governo del paese più attento e “sbilanciato” sui problemi del nostro elettorato. Mi sarei aspettato ben altro dalle Tue considerazioni, una sfida a tutto campo proprio a partire da qui e ora. Peccato, ancora una volta ti ha fregato il risentimento, la voglia di dare giudizi a tutti costi sulle persone. Un giorno, ricordi, mi dicesti “in politica non esiste amicizia”, quella politica a me non è mai piaciuta, forse per la mia naturale inclinazione ad essere minoranza. Tanto mi sentivo di dire e per citare anch’io una frase ad effetto ti saluto e ti “DICO” Dio rende ciechi coloro che vuole perdere. Dal film (Thelma e Louise) Comunque auguri, arrivederci, a rincontrarci, e buon viaggio. Giuliano Santelli

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 ottobre

Bazar

La Zambelli Orvieto combatte ma si piega al forte Cuneo

Tecnici dell'Orvieto FC alla Parma Academy per un weekend di aggiornamento

Ecco i Comuni umbri da dove fuggono i giovani tra 25 e 40 anni

Sulla fecondità morale di una non più rinviabile rivoluzione culturale

Vendemmia vita

I violini barocchi vanno in mostra all'Antiquarium di Tenaglie

Nuovo parroco ad Allerona Scalo, alla guida della parrocchia don Eugenio Campini

Chiusa per lavori la Chiesa di San Pancrazio Martire. Riaprirà a dicembre

"Via Signorelli chiusa h24. Perché?". Olimpieri (IeT): "Danni e disagi per i cittadini"

La Narnese rovina la festa all'Orvietana, 4 - 2: biancorossi ko

Tra mistero e racconto, l'universo femminile di Pietro Archis

Via ai lavori sulla strada regionale 205 Amerina. Interventi per quasi 70.000 euro

Noto professionista stroncato da un malore, inutili i soccorsi

Buona la prima per la Vetrya Orvieto Basket

Di nuovo "On Air". Radio Orvieto Web riprende le trasmissioni

Il Castello di Torre Alfina diventa fiaba per "The Hunting. Il Gioco dell'Amore" dei Cherries

Scuola, concluse le conferenze d'ambito. A giorni, il Piano complessivo da trasmettere in Regione

Chianella al convegno di Alta Scuola: "Maggiore attenzione al dissesto idrogeologico"

Fondazione Giovanni Paolo II e Centro Peres per la Pace, si firma l'accordo

"Cannabis, il farmaco e la droga". Uil presenta il corso di formazione

Inaugurato il nuovo campo in erba dello Stadio "Luigi Muzi"

"Omaggio a Stefano Rodotà". Doppio appuntamento in Sala Consiliare e al Palazzo dei Sette

Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni, "un'esperienza da ripetere"

Asl 2, i sindacati dei pensionati chiedono il rispetto degli impegni presi

La Azzurra Ceprini torna da Bologna a mani vuote

Simon Picone, mediano di mischia della Nazionale, incontra i rugbysti al De Martino

Giornate della Castagna, primo weekend da incorniciare

Al via pulizia e taglio della vegetazione presso il Belvedere del Moai

Mostra fotografica e brindisi a "La Casella" per festeggiare trent'anni di attività

Dall'Otto per Mille, oltre 480.000 euro al Parco di Vulci

Con "CamminainTuscia", la Via Francigena è sulla buona strada

Arriva "Box 18". Il Comune regala la Costituzione ai neo-maggiorenni

"Alternanza Day" alla Camera di Commercio, tra scuola e lavoro

Sul timpano spunta "Il gruccione". L'arte di strada per migliorare il decoro urbano

Inaugurato il giardino inclusivo della Scuola dell'Infanzia di Ammeto

Ricci (RP): "La Regione si attivi per valorizzare Parco e Museo Vulcanologico"

Nuovo libro per Claudio Lattanzi, "Orvieto nel Medioevo. Ascesa e declino"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 16

Il clero della Diocesi elegge il nuovo consiglio presbiteriale

Nucci (San Venanzo Viva): "Il sindaco se ne infischia dell'opposizione"

Il Comune dichiara guerra alle biciclette: "Via dal parcheggio di Via Roma"

Tordi (M5S) replica a Bizzarri: "Segnaletica inesistente e monumenti bistrattati"

Incontro partecipativo per costruire insieme la "mappa di comunità"

Foto, storie e ricordi di Orvieto fuori dai cassetti. Il primo ad aprirli è Reno Montanucci

Si presenta il restauro artistico e architettonico di San Giovenale

Il Centro Antiviolenza di Orvieto apre le porte

Alert System, cosa è e come funziona. Rischio denuncia per chi procura falsi allarmi

Al Mancinelli Pino Strabioli e Alice Spisa portano in scena "L'abito della sposa"

Vergaglia (M5S): "Portiamo Orvieto a Bruxelles. Nota stonata la bocciatura dell'Ufficio Europa"

Vertenza Ast, Orvieto aderisce allo sciopero. Germani: "Sostegno ai lavoratori"

In arrivo la prima edizione del festival del dialogo "CuriosaMente"

Prima giornata per il festival del dialogo CuriosaMente

Seconda giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Terza giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Al via la 24esima edizione della Mostra Micologica

Le cooperative di Orvieto: "Lo sciopero sortisca effetti"

La Libertas Pallavolo Orvieto se la vede con il Clitunno Volley

Cgil, Cisl e Uil: "Dalla mobilitazione una proposta alternativa per il futuro della nostra comunità"

Un convegno per riflettere su "Alzheimer. Una lotta contro la disabilità"

Al Giubileo del Malato le testimonianze di Giosy Cento

Gioventù nazionale insieme all'associazione "Non c'è fango che tenga"

A Morre la castagna è regina dell'autunno

Ars Wetana, una tradizione ritrovata. Alla ricerca delle artigiane artiste del prezioso merletto orvietano

Breve storia dell'Ars Wetana

Trasferimento dei rifiuti campani. Nettamente contraria Altra Città: 'Le ecoballe dirigetele altrove'

Yunus, un esempio per tutti: i veri grandi non hanno presunzione

Il comunicato del Comune di Orvieto sull'assegnazione del Premio per i Diritti umani 2004 a Muhammad Yunus

Prime giornate cardiologiche orvietane: il progetto Orvieto Cittàcardioprotetta si presenta a livello nazionale

Si mobilita l'UDC. Enrico Melasecche: occorre difendere Orvieto dalla falsa solidarietà ambientale della sinistra

27-29 ottobre. Convegno a Collevalenza sulla prima Enciclica di Benedetto XVI DEUS CARITAS EST

La Romeo Menti a Collescipoli viene raggiunta nei minuti finali

Prova maiuscola della Romeo Menti che in juniores regionale batte la capolista Nestor

Debutto in scioltezza per i maschi del volley orvietano: la Libertas Pallavolo Orvieto schiaccia il Gualdo Tadino per 3-0

Abile excursus pianistico nella forma Fantasia. Pieno successo del Concerto del maestro Cambri al Festival Valentiniano

Diffondere la cultura d'impresa tra i giovani. L'impegno congiunto dell'amministrazione orvietana e Novaumbria

Insediamento della Coop centro Italia sull'Amerina: la Conferenza dei Servizi ha detto sì. Al via la megadistribuzione

Il piano integrato del sistema commerciale del Comune di Orvieto: le linee

La lavorazione del merletto orvietano

Velia Pollegioni

Renata Cardarelli

Maria Piacentini

Antonietta Burattino Ubaldini

Manuela Ciotti

Scrosci di applausi per Luca De Filippo al Mancinelli. Il lavoro della Te.Ma comincia a dare buoni frutti