opinioni

Conferenza programmatica DS. Il futuro è arrivato: cooperare per valorizzare le risorse

sabato 10 dicembre 2005
di Rodolfo Ricci
La Conferenza Programmatica dei Democratici di Sinistra dell’Orvietano svoltasi sabato 10 Dicembre presso la Caserma Piave, segna una svolta importante nella politica locale.
Per essere più precisi, essa costituisce l’inizio di una riflessione aperta e a tutto campo sulle sorti della nostra città e del nostro territorio, di cui va dato pienamente atto al partito di maggioranza relativa.

Dopo molto tempo abbiamo assistito ad una occasione di discussione pubblica in cui in modo schietto, trasparente e fuori di ogni dubbio, si è definita per quella che è la situazione economico-sociale dell’Orvietano: una situazione non congiunturalmente, ma strutturalmente critica rispetto al suo debole tessuto produttivo, alla posizione che esso ricopre nei contesti regionale, nazionale ed internazionale alle prese con i processi di globalizzazione.

Questa chiarezza diagnostica non deve spaventare; anzi, essa è l’unica valida premessa per tentare il superamento della crisi, cioè per individuare prospettive di cambiamento strutturale e coerente.
Ciò che casomai si deve rilevare come dato negativo, è l’essere giunti a tale consapevolezza con un ritardo di un decennio, visto che, per esempio, sul piano dei dati disponibili e confermati da tutte le precedenti edizioni del Bollettino Statistico Orvietano, la tendenza era nota almeno dal 1995 e, nei primi anni del 2000, era particolarmente evidente la perdita di competitività dell’orvietano rispetto ad altri sistemi territoriali umbri di analoghe dimensioni.
Da questa consapevolezza politica non si torna indietro.

Il ritardo di sviluppo dell’Orvietano tuttavia, per ulteriore chiarezza, non è addebitabile esclusivamente ad un ritardo della politica; si tratta piuttosto, come in ogni contesto di questo tipo, di un combinato che ricomprende la dimensione politico-istituzionale, quella economico-imprenditoriale e del credito, quella culturale in senso lato.

Per fare un esempio che riguarda altri attori, è fin troppo facile investire nel mattone e fornire credito (dietro presentazione di ipoteca); più difficile investire su tecnologie o su idee avanzate e fornire credito a iniziative imprenditoriali la cui valutazione implica capacità di analisi che evidentemente, nelle banche orvietane e tra gli imprenditori, sono insufficienti.

Alla politica è però da addebitare il fatto che - probabilmente sulla base di una scarsa fiducia sulle risorse umane, economiche e territoriali a disposizione - si siano percorsi itinerari tesi ad individuare misure tampone che per loro natura (e per la loro totale incoerenza con le scelte strategiche decantate – vedi Benano -) tendevano ad allontanare verso un futuro remoto l’ammissione delle difficoltà.

Ecco, questo futuro è arrivato; prima di quanto in molti pensassero; e la conferenza dei DS costituisce un momento decisivo di presa d’atto della situazione che pone su un piano, se si vuole ancor più complesso, la discussione estiva imposta dai comitati ambientali, che – tuttavia - ne costituisce una premessa decisiva, assieme ad altre.

La stessa società civile (associazioni, forum, ecc.) dovrà riposizionare la propria riflessione ed azione a partire dalla ormai condivisa lettura della situazione (che quindi non è più oggetto del contendere), cercando di individuare ed orientare una nuova classe dirigente che si comincia ad abbozzare e di cui – stando al termine usato da Marino Capoccia, “classe dirigente diffusa” - è chiamata a diventare parte co-integrante e insieme “monitorante”.

Verso quale direzione ?
Le cose non sono semplici: la legge straordinaria è finita; la crisi della finanza pubblica aggravata da 5 anni di sciatto berlusconismo e dalle politiche neo-liberali è sotto gli occhi di tutti; un prossimo auspicato governo Prodi non potrà fare miracoli; la stessa Regione è stretta (e presumibilmente lo rimarrà nei prossimi anni) nella morsa di una devolution che solo il referendum risolverà.
Nel frattempo, le dinamiche globali e l’accentuata concorrenza asiatica – e non solo - sul manifatturiero faranno il loro corso e modificheranno sensibilmente molte variabili a cui siamo ancora affezionati.
Lavoro precario, flessibilità, marginalità, nuovo pendolarismo, a breve termine, sono da metter in conto come uno scenario che si perpetuerà e che sarà gravido di conflitti.
A fronte del permanere di questi costi sociali c’è da porre in campo con grande rapidità una strategia che possa minimizzarne gli effetti e che allo stesso tempo ponga le basi per un nuovo sviluppo. Siamo tutti figli del contesto storico ed economico; di fronte a noi c’è un contesto “macro” sul quale abbiamo poche opportunità di incidere, oltre al voto del prossimo aprile e alla lotta contro questo modello di globalizzazione; e c’è un contesto “micro” (sub-regionale, regionale ed interregionale) su cui la nostra possibilità di incidere è maggiore.

Rispetto al primo dobbiamo agire su tutte le opportunità che esso, comunque, ci offre (per esempio turismo ed agricoltura di qualità verso i nuovi mercati che si aprono). Rispetto al secondo dobbiamo competere/cooperare con altri sistemi territoriali che faranno il loro gioco e saranno di volta in volta nostri competitori/cooperatori.

Cosa possiamo mettere in campo ?
Disponiamo di risorse storico-culturali ed ambientali; e disponiamo di risorse umane; le prime sono date e ci corre l’obbligo di conservarle e perpetuarle come un bene unico e decisivo; le seconde siamo noi stessi, noi che abitiamo questo territorio. Su queste seconde risorse è possibile innescare – o meno - l’ulteriore valore aggiunto di cui abbiamo bisogno per attraversare e superare la crisi.

Il documento dei DS fotografa la realtà e indica alcune possibilità di interventi settoriali che mi sembrano condivisibili.
Ma una questione è prioritaria e decisiva (per la loro attuazione): sulla risorsa umana si agisce solo in un modo; quella di valorizzarla appieno affinché sia fruibile. Come?
Con investimenti politici nel campo della partecipazione, e infrastrutturali in quello della formazione, del recupero e della crescita dei saperi, che ne consentano il pieno dispiegamento delle potenzialità.

E’ per questo che - ancor più a partire dall’emergenza che si è ufficialmente aperta -, l’elemento di una partecipazione attiva dei giovani, delle donne, degli anziani, degli immigrati, delle forze sociali e delle espressioni della società civile alla vita politica, sociale ed economica della nostra città e del suo territorio costituisce un elemento imprescindibile per gestire la crisi e per costruire un modello di sviluppo nuovo e duraturo.
Non credo che abbiamo altre chances.

La politica deve gestire questo processo; deve cioè ri-costruire e garantire i luoghi della partecipazione critica, costruttiva e propositiva.
Come detto, si tratta di un investimento politico che deve tradursi in investimento infrastrutturale e di sistema.

In un bell’articolo destinato ai cultori di internet, ma che aveva in realtà una forte valenza politica, Valentino Filippetti parlava, alcuni giorni fa, di politica come “tutela ecologica del contesto”, del crescere di una “intelligenza collettiva e cooperante in grado di produrre qualità e prodotti superiori, anche oltre la ferrea logica del profitto”.
I nuovi produttori (in rete) non credono più, o credono sempre meno, nella necessità dell’intermediazione. Perché spesso l’intermediazione si configura come mediazione di interessi e poteri e, parallelamente, come limitazione delle intelligenze che sono fuori da questi circuiti.

La funzione prospettica della politica è invece, sempre più, quella di valorizzazione e potenziamento della intelligenza collettiva; la “tutela ecologica del contesto” corrisponde alla funzione di tutela dei diritti, cioè al welfare nel senso più ampio del termine.
La competizione tra i sistemi-paese o i sistemi locali dentro lo scenario della globalizzazione è la competizione tra sistemi di partecipazione.
Più il sistema è partecipativo e cooperativo, più valorizza le sue risorse, più aumenta il suo grado di competenza e di sapere, più è competitivo. Meglio gestisce la crisi.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 gennaio

Tempo di consuntivi per la Polizia Municipale che onora San Sebastiano patrono

"La crisi del centro storico sta trascinando l'intero territorio in un baratro"

All'Unitre Claudio Lattanzi presenta "Amore e sesso al tempo degli Etruschi"

De Martino e Ciclodromo, passeggiata di co-progettazione per la riqualificazione

Sacripanti (GM) sollecita interventi a favore di Via Postierla

Istituita la cabina di regia regionale per la programmazione della rete scolastica

Questione CrO, Fumi: "Fondazione eserciterà tutti i suoi diritti"

Patrimonio zootecnico e faunistico, firmata la convenzione con le guardie ecozoofile del Wwf

Roberta Mezzabarba presenta il romanzo "La lunga ombra di un sogno"

Progetto di fusione tra Giove e Penna in Teverina, insediata la commissione intercomunale

Discarica "Le Crete", dal Pci reiterazione della diffida alla Regione

Sanità, convocato l'incontro in Regione per il superamento del precariato

Il Museo Etrusco "Claudio Faina" si dota del canale YouTube

"Seminari Francigeni". Giovani a raccolta per la valorizzazione della Variante Cimina

Interrogare è anche scegliere

Nogesi: "Geotermia, finalmente cadono due tabù"

Fondi in arrivo per Montecchio. Gori: "Puntiamo su archeologia, turismo e qualità della vita"

La Regione chiarisce in merito alle denunce del Wwf: "Il contenimento del cinghiale non è attività di caccia"

Terza giornata dedicata all'orientamento dei futuri studenti

Piattaforma digitale del Comune, tutti i numeri di un successo

Lina Sastri si racconta al Teatro Mancinelli con "Appunti di viaggio. Biografia in musica"

La Consulta delle Fondazioni umbre stanzia 450.000 euro con il "Bando di Idee"

"Notte di Follia" al Lea Padovani tra Anna Galiena e Corrado Tedeschi

Palazzo dei Congressi, "adesso sulle norme di sicurezza la struttura è in regola"

In Umbria 900 maestre "sulla strada" per la sentenza del Consiglio di Stato. Cobas: "Subito un decreto legge"

"Mamma...li Turchi!" al Teatro Boni per un pomeriggio di musica popolare

"Metodologie dello scavo archeologico: la tomba a casetta di Sferracavallo"

Colazione del buttero e benedizione degli animali per Sant'Antonio Abate

"Rugby al Centro". Campo insolito per gli amanti della palla ovale

Bar Montanucci

Al Palazzo dei Sette, incontro su "Le ragioni del Classico. Lavoro: quanto, quale, come..."

Verso "Orvieto in Fiore 2017". Esperienze di terremoti e rinascite a confronto al Palazzo del Popolo

Sisma nel Centro Italia, scosse avvertite anche nell'Orvietano. Evacuate le scuole

Minoranze: "Con Germani sta tornando la 'tela del ragno' fondata sulle clientele e sulla spesa facile"

Arte e Scienza per il weekend all'Unitre

Incontro tra Comune e albergatori. Dagli introiti della tassa di soggiorno, nuova linfa al turismo

Siglato il secondo patto di collaborazione, nuova sede per la Pro Todi e cooperazione per le iniziative culturali

Disperato appello delle famiglie con figli disabili: "La Regione ci aiuti"

La Zambelli Orvieto può contare sulla duttilità di capitan Serena Ubertini

Nuova scuola per il Vannucci, nuovo indirizzo Liceo Musicale del Calvino

Modalità per le donazioni destinate al ripristino dei servizi sanitari danneggiati dagli eventi sismici

Contrasto all'immigrazione clandestina, controlli straordinari interforze in tutta la provincia

Sottoscritto l'accordo di rete per attività formative e di ricerca tra Fondazione per il Csco e Centro Studi Città di Foligno

Carcere di Via Roma, il direttore ribadisce: "Nessuna chiusura"

Forti scosse, il Centro Italia continua a tremare. Chiuse tutte le scuole dell'Umbria

Battuto ogni record. Chiusa la mostra fotografica dedicata ai giovani nel futuro

Niente eolico sul Peglia, InnovaWind Srl non presenta il ricorso

"L'Umbria tra Toscana e Marche". Presentato il rapporto economico sociale 2016-17 dell'Agenzia Umbria Ricerche

Terza edizione del Premio Letterario "Città di Lugnano in Teverina"

Tajani nuovo presidente del Parlamento europeo, annuncia viaggio nelle zone terremotate

Cecchini riunisce il Tavolo Verde, massimo impegno nelle aree terremotate

RFI, aggiornamento traffico ferroviario post-terremoto

Protezione civile impegnata su doppia emergenza per nuove scosse e maltempo

Verifiche nelle scuole di tutta la provincia. Sindacati: "Disparità di trattamento"

Bando Ccn, pubblicata la graduatoria provvisoria. Orvieto per Tutti: "Un altro passo avanti"

Docenti e Ata di Ipsia e Artistico si dissociano dal documento della discordia

Lo Spazio Pensilina dà il via agli eventi con il Distretto Turistico dell'Etruria Meridionale

Nuovo video per Francesco. Questa volta si "vola" in Toscana

Carcere, prosegue lo stato di agitazione. Il Sappe chiede l'apertura di un tavolo di trattativa

Costantino D'Orazio presenta "Raffaello segreto. Dal mistero della Fornarina alle Stanze vaticane"

Nuove funzioni e deleghe agli assessori di Città della Pieve

La differenziata

Una Zambelli Orvieto indomita smonta il Castelfranco

Libertas Pallavolo Orvieto superata in trasferta da Appignano

Lista Civica Per Fabro con Larocca: "Lontani dai centri del potere"

Emanuele Fiorini (Lega Nord): "Porteremo la questione in consiglio regionale"

Tra intelligenza emotiva ed emozioni intelligenti

"Paese che vai...poesia che incontri", c'è il bando per partecipare all'antologia

Area interna dell'Orvietano, le considerazioni dell'associazione Val di Paglia Bene Comune

Il Lions Club avvia il service per valorizzare il merletto orvietano

Con "Una piccola, grande vita" Zelinda Elmi emoziona San Venanzo

Vetrya Orvieto Basket sconfitta solo nel finale da Atomika Spoleto

Orvietana a bocca asciutta. Piscopiello: "Usciamo da Nocera con qualche rammarico"

Conferenza del Rotary su "Gli affreschi della Cappella del Corporale: una rete di immagini"

Seconda edizione per "Presepi in Vetrina", in sala consiliare la premiazione

L'Albero di Antonia scrive alle istituzioni: "Chiediamo un efficace sistema antiviolenza"

Piazza Ippolito Scalza parzialmente chiusa al transito ancora fino a mercoledì

Caccia, Regione e Consulta venatoria avviano l'iter delle riforme della normativa

Progetto "Incontri in biblioteca: vi racconto una storia" per l'Unitre dell'Alto Orvietano

Semplificazione amministrativa, la Regione lancia la consultazione attraverso la rete

Lunedì di disagi per i pendolari sulla direttissima Orte-Roma

"Per evitare le accuse la Regione persegua una politica seria sui rifiuti"

Il Circolo del Pd tira le orecchie all'amministrazione per il suo immobilismo

Disco verde al progetto definitivo di miglioramento della viabilità interna di Osarella

Da febbraio nuove tariffe per le mense scolastiche. Ecco le modifiche al servizio

Palazzo Monaldeschi: i fondi ritardano, il Comune sollecita

Carnevale Aquesiano, tutti gli appuntamenti in arrivo

Carnevale al Palazzo dei Sette, c'è il "Veglioncino per bambini" della Croce rossa

A Porta d'Orvieto "Realizza il tuo Carnevale". Laboratorio creativo con Alessia Biondi

Fine settimana all'Istituto Agosti per la 23esima edizione di "Scuola Aperta"