opinioni

Dal tavolo al cerchio, un nuovo Progetto Orvieto senza platea silente

giovedì 11 agosto 2005
di Rodolfo Ricci

L’incontro del 29 luglio scorso a Canonica, a cui hanno partecipato una settantina di persone e che era stato convocato dal comitato “strade bianche di Sugano-Canonica”, gli sviluppi della questione della cava di basalto a Benano, hanno consentito di verificare dal vivo alcune questioni:

• in poco tempo, la protesta contro le scelte riguardanti l’altopiano orvietano ha aggregato un numero consistente di persone, pericolosamente competenti, che vi abitano; esse si sono espresse contro decisioni unilaterali e non partecipate che l’amministrazione comunale ha preso all’insaputa non solo di molti cittadini, ma, pare, anche di molti consiglieri o addirittura di qualche assessore; un dato significativo di cui chi governa deve prendere atto è che in un mese la partecipazione contro queste scelte è cresciuta in modo esponenziale; se non si adotterà un metodo di disponibilità e apertura, essa si moltiplicherà, probabilmente, accentuando il suo carattere di aperta contestazione ad un approccio del governo della città che è discutibile per molti aspetti ….
• Gli interventi dei cittadini residenti in quest’area hanno essenzialmente sottolineato l’incoerenza di decisioni, probabilmente affrettate e poco riflettute, con i “grandi” progetti di sviluppo dell’orvietano che puntano sulla sua vocazione ambientale, storico-culturale, ecc.. NOTA BENE: trattasi di idee della stessa amministrazione.
• Alle sollecitazioni venute, alle domande poste sul perché di questa incoerenza, sono pervenute risposte molto parziali; a Canonica, l’assessore Germani riteneva non evidenziarsi alcuna incoerenza, mentre il Sen. Carlo Carpinelli, faceva balenare tra le righe che non di incoerenza si tratta, ma di un marketing territoriale incompreso (ma necessitato), che l’Amministrazione persegue, in una sorta di tensione bilaterale: da una parte si vende un’immagine progressiva della città (che non corrisponde alla realtà) e dall’altra si tenta di fare i conti con le grandi difficoltà presenti le quali impongono la rivisitazione di tutto il noto armamentario fatto di uno sviluppo da fondare concretamente e “realisticamente” su quel poco che c’è: discarica, cave, edilizia, imprese connesse, occupazione scarsamente qualificata annessa.
• Questa tensione (o con-torsione) assomiglia per certi versi a quella che a livello nazionale ha caratterizzato il governo Berlusconi, nei suoi interpreti creativi (Tremonti) e più terrestri (Lunardi). I trend involutivi di competitività, quote di mercato internazionali, ecc. sono noti e incideranno negativamente per i prossimi anni.
• Sia l’Ass. Germani che il Sen. Carpinelli, aggiungevano inoltre che sul piano della partecipazione (altra questione fortemente sottolineata nel dibattito svoltosi a Canonica), non sembrano evidenziarsi debolezze; secondo i loro sondaggi, ad esempio, la maggioranza vuole le strade asfaltate, quindi, l’amministrazione si fa carico di realizzarle; se qualcuno non vuole le strade asfaltate, si deve far carico di raggiungere una maggioranza tra la popolazione; o acquisire sondaggi favorevoli; su come sia stata calcolata questa maggioranza, quando sia stata calcolata, se i sondaggi siano stati fatti su un campione attendibile, ecc. non è cosa nota; neanche tra i consiglieri comunali. (L’esempio di Benano è all’uopo, decisivo: lì, i sondaggisti hanno fatto completamente cilecca). Se poi governare debba significare perseguire e seguire sondaggi è cosa di cui a Canonica non c’è stato tempo di discutere (ma anche in questo caso paiono evidenziarsi similitudini preoccupanti).
• E’ certo, in ogni caso, che chi governa non ha neanche lontanamente pensato di porre alla popolazione un quesito del tipo: “volete quella strada asfaltata o volete un biblioteca per i vostri figli? volete quell’altra strada asfaltata o volete un marciapiede per andare da Sugano a Canonica senza il rischio di essere investiti?” O, nel caso di Benano: “volete la cava o volete un impegno per la riconversione agricola o turistica del territorio?”
• Un’altra simpatica provocazione è stata quella riguardante la carenza di purezza etnica dei contestatori: “voi che siete qui da pochi anni (dai 5 ai venti anni), dovete comprendere che chi in questo luogo è nato, la cultura contadina di cui è portatore (su cui permangono forti dubbi), impongono una sorta di attenzione prioritaria da parte del Comune; ciò che gli autoctoni rivendicano sono cose concrete, materiali, non velleitarie aspirazioni di sognatori”. L’argomento è l’ennesima rivisitazione di una antica discussione nata oltre due millenni or sono. Ciò che invece è una novità (relativa), è l’assunto che gli sta dietro: i diritti di partecipazione democratica non sono più legati alla residenza, ma alla storia etnica o alla genetica della popolazione. Pensate cosa accadrà quando moldavi, albanesi, ucraini alzeranno il ditino e diranno: “ci siamo anche noi !”
• Leninismo: Carlo Carpinelli ci ha confidato che, in gioventù, qualche fascinazione leninista l’ha subita anche lui. Invecchiando, si comprende invece che, l’avanguardia, deve misurarsi con le ragioni degli altri, che sono necessarie le mediazioni, che si deve addivenire a dei compromessi; il messaggio era addirittura cristallino e forse riguardava anche questioni fortemente soggettive. Solo che questa passione di gioventù non pare essersi spenta; lasciando i corpi delle persone fisiche, si è stranamente trasmessa ai corpi amministrativi (in ciò agevolata dalla nuova configurazione dei poteri tra partiti ed amministrazione, tra Consiglio e Giunta): il vizio del comando e una certa ermeneutica del corpo sociale si sono trasferiti, dopo la scomparsa del Nuovo Principe, alla sua corte orfana. In assenza del grande partito di massa, tuttavia, il fastidio istituzionale per i recalcitranti assomiglia sempre più a reazione impacciata verso sollecitazioni che il buon senso interiore dei singoli amministratori riconosce spesso come validi; ma l’imperativo di tener duro rispetto al trascorso è ancora forte; c’ è da riconoscere il beneficio dell’ascolto, che a Canonica gli amministratori hanno esercitato per ben tre ore: certamente le cose vanno fatte maturare…
• Nel frattempo, martedì 9 agosto il Sindaco Stefano Mocio, giocando d’anticipo, ha affermato che la cava di Benano non si farà. I DS avevano programmando un incontro pubblico con la cittadinanza di Benano che si svolgerà giovedì sera per presentare la loro posizione, anch’essa contro la realizzazione della cava. La mobilitazione del Comitato di Benano, del Forum Ambientalista, ARS, ecc., degli altri comitati sorti repentinamente in questa stagione estiva, le importanti adesioni acquisite sia dall’esterno (Segretario DS Umbria Bracco, Presidente WWF Pratesi), che in ambito locale, hanno quindi raggiunto un obiettivo importante.
• Per tutti coloro che hanno reagito criticamente a queste recenti decisioni (e a molte altre più antiche), siano essi militanti o dirigenti di movimenti, o di partiti, o singoli consiglieri comunali, la questione si sposta ad un livello strategico: quale progetto alternativo per lo sviluppo del territorio? Quali saperi e competenze sono disponibili e quali necessarie per attuarlo? Dove reperire le risorse economiche indispensabili? Quali alleanze attivare? Che tipologia di dialogo sociale seguire?
• Sono domande che debbono porsi tutti, compresi i compagni e gli amici rappresentanti delle organizzazioni sindacali, i quali, giustamente pongono domande puntuali all’Amministrazione riguardanti le procedure e le indagini che avevano reso ipotizzabile l’idea della cava a Benano e richiamano l’attenzione alla questione occupazionale; anche le rappresentanze sindacali locali debbono tuttavia rispondere ad alcuni quesiti: sono interessati ad una partecipazione ampia ed effettiva ? la qualità dello sviluppo li interessa ? la qualità dell’occupazione (in termini di qualifiche e contratti attuali e futuribili) è per loro un obiettivo importante o no ?

Due cose sono evidenti:
a)- non si tratta di un processo breve;
b)- gli attori di un tale progetto non possono essere limitati al classico novero di rappresentanza istituzionale, economica e sociale.

La direzione dei Democratici di Sinistra ha reagito, giustamente, attivando un tavolo di consultazione. Seguiranno, immagino, anche le altre forze della maggioranza.
Questo tavolo, comunque ampio, non può prevedere una platea silente. La prima innovazione necessaria è che esso si trasformi da subito in un cerchio: in un mondo fatto di reti interconnesse, di centralità (nodi) che sono in ogni punto e di periferie che sono in ogni luogo, c’è da imparare in ogni direzione.
Se ad Orvieto si inaugurasse questa modalità, il laboratorio rischia di diventare davvero interessante. E il nuovo PROGETTO ORVIETO potrebbe addirittura corrispondere alla sua forma, alla sua metodologia di costruzione.

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 ottobre

Bazar

La Zambelli Orvieto combatte ma si piega al forte Cuneo

Tecnici dell'Orvieto FC alla Parma Academy per un weekend di aggiornamento

Ecco i Comuni umbri da dove fuggono i giovani tra 25 e 40 anni

Sulla fecondità morale di una non più rinviabile rivoluzione culturale

Vendemmia vita

I violini barocchi vanno in mostra all'Antiquarium di Tenaglie

Nuovo parroco ad Allerona Scalo, alla guida della parrocchia don Eugenio Campini

Chiusa per lavori la Chiesa di San Pancrazio Martire. Riaprirà a dicembre

"Via Signorelli chiusa h24. Perché?". Olimpieri (IeT): "Danni e disagi per i cittadini"

La Narnese rovina la festa all'Orvietana, 4 - 2: biancorossi ko

Tra mistero e racconto, l'universo femminile di Pietro Archis

Via ai lavori sulla strada regionale 205 Amerina. Interventi per quasi 70.000 euro

Noto professionista stroncato da un malore, inutili i soccorsi

Buona la prima per la Vetrya Orvieto Basket

Di nuovo "On Air". Radio Orvieto Web riprende le trasmissioni

Il Castello di Torre Alfina diventa fiaba per "The Hunting. Il Gioco dell'Amore" dei Cherries

Scuola, concluse le conferenze d'ambito. A giorni, il Piano complessivo da trasmettere in Regione

Chianella al convegno di Alta Scuola: "Maggiore attenzione al dissesto idrogeologico"

Fondazione Giovanni Paolo II e Centro Peres per la Pace, si firma l'accordo

"Cannabis, il farmaco e la droga". Uil presenta il corso di formazione

Inaugurato il nuovo campo in erba dello Stadio "Luigi Muzi"

"Omaggio a Stefano Rodotà". Doppio appuntamento in Sala Consiliare e al Palazzo dei Sette

Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni, "un'esperienza da ripetere"

Asl 2, i sindacati dei pensionati chiedono il rispetto degli impegni presi

La Azzurra Ceprini torna da Bologna a mani vuote

Simon Picone, mediano di mischia della Nazionale, incontra i rugbysti al De Martino

Giornate della Castagna, primo weekend da incorniciare

Al via pulizia e taglio della vegetazione presso il Belvedere del Moai

Mostra fotografica e brindisi a "La Casella" per festeggiare trent'anni di attività

Dall'Otto per Mille, oltre 480.000 euro al Parco di Vulci

Con "CamminainTuscia", la Via Francigena è sulla buona strada

Arriva "Box 18". Il Comune regala la Costituzione ai neo-maggiorenni

"Alternanza Day" alla Camera di Commercio, tra scuola e lavoro

Sul timpano spunta "Il gruccione". L'arte di strada per migliorare il decoro urbano

Inaugurato il giardino inclusivo della Scuola dell'Infanzia di Ammeto

Ricci (RP): "La Regione si attivi per valorizzare Parco e Museo Vulcanologico"

Nuovo libro per Claudio Lattanzi, "Orvieto nel Medioevo. Ascesa e declino"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 16

Il clero della Diocesi elegge il nuovo consiglio presbiteriale

Nucci (San Venanzo Viva): "Il sindaco se ne infischia dell'opposizione"

Il Comune dichiara guerra alle biciclette: "Via dal parcheggio di Via Roma"

Tordi (M5S) replica a Bizzarri: "Segnaletica inesistente e monumenti bistrattati"

Incontro partecipativo per costruire insieme la "mappa di comunità"

Foto, storie e ricordi di Orvieto fuori dai cassetti. Il primo ad aprirli è Reno Montanucci

Si presenta il restauro artistico e architettonico di San Giovenale

Il Centro Antiviolenza di Orvieto apre le porte

Alert System, cosa è e come funziona. Rischio denuncia per chi procura falsi allarmi

Al Mancinelli Pino Strabioli e Alice Spisa portano in scena "L'abito della sposa"

Vergaglia (M5S): "Portiamo Orvieto a Bruxelles. Nota stonata la bocciatura dell'Ufficio Europa"

Vertenza Ast, Orvieto aderisce allo sciopero. Germani: "Sostegno ai lavoratori"

In arrivo la prima edizione del festival del dialogo "CuriosaMente"

Prima giornata per il festival del dialogo CuriosaMente

Seconda giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Terza giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Al via la 24esima edizione della Mostra Micologica

Le cooperative di Orvieto: "Lo sciopero sortisca effetti"

La Libertas Pallavolo Orvieto se la vede con il Clitunno Volley

Cgil, Cisl e Uil: "Dalla mobilitazione una proposta alternativa per il futuro della nostra comunità"

Un convegno per riflettere su "Alzheimer. Una lotta contro la disabilità"

Al Giubileo del Malato le testimonianze di Giosy Cento

Gioventù nazionale insieme all'associazione "Non c'è fango che tenga"

A Morre la castagna è regina dell'autunno

Ars Wetana, una tradizione ritrovata. Alla ricerca delle artigiane artiste del prezioso merletto orvietano

Breve storia dell'Ars Wetana

Trasferimento dei rifiuti campani. Nettamente contraria Altra Città: 'Le ecoballe dirigetele altrove'

Yunus, un esempio per tutti: i veri grandi non hanno presunzione

Il comunicato del Comune di Orvieto sull'assegnazione del Premio per i Diritti umani 2004 a Muhammad Yunus

Prime giornate cardiologiche orvietane: il progetto Orvieto Cittàcardioprotetta si presenta a livello nazionale

Si mobilita l'UDC. Enrico Melasecche: occorre difendere Orvieto dalla falsa solidarietà ambientale della sinistra

27-29 ottobre. Convegno a Collevalenza sulla prima Enciclica di Benedetto XVI DEUS CARITAS EST

La Romeo Menti a Collescipoli viene raggiunta nei minuti finali

Prova maiuscola della Romeo Menti che in juniores regionale batte la capolista Nestor

Debutto in scioltezza per i maschi del volley orvietano: la Libertas Pallavolo Orvieto schiaccia il Gualdo Tadino per 3-0

Abile excursus pianistico nella forma Fantasia. Pieno successo del Concerto del maestro Cambri al Festival Valentiniano

Diffondere la cultura d'impresa tra i giovani. L'impegno congiunto dell'amministrazione orvietana e Novaumbria

Insediamento della Coop centro Italia sull'Amerina: la Conferenza dei Servizi ha detto sì. Al via la megadistribuzione

Il piano integrato del sistema commerciale del Comune di Orvieto: le linee

La lavorazione del merletto orvietano

Velia Pollegioni

Renata Cardarelli

Maria Piacentini

Antonietta Burattino Ubaldini

Manuela Ciotti

Scrosci di applausi per Luca De Filippo al Mancinelli. Il lavoro della Te.Ma comincia a dare buoni frutti