opinioni

Vita da pendolari. Com’è bella l’avventura

venerdì 24 giugno 2005
di Enrico Patrizi
Stazione di Orvieto, ore 07,33: si parte, come tutte le mattine. Il tempo è bello, il treno è in perfetto orario; di conseguenza, l’umore dei viaggiatori, fra cui centinaia di pendolari, è buono. Ci piazziamo nella terzultima carrozza con l’usuale corredo di borse, borsette, giornali…..
Ci fanno compagnia le nostre abitudini: lettura dei quotidiani, discussioni, battute, sfottò. Gli argomenti privilegiati sono la politica, lo sport, i problemi di tutti i giorni (seri di questi tempi, poiché quasi tutti “teniamo famiglia”). Che bello spaccato di ordinaria normalità!
Ad un tratto, diciamo a metà strada fra Orvieto ed Orte, una forte “puzza” (sì, chiamiamola così) si propaga per tutta la carrozza. Non ci vuole molto a capire che si tratta di ferodi che bruciano, e noi, da esperti pendolari, lo abbiamo capito subito. Poi dice che a viaggiare con Trenitalia non è istruttivo! In effetti, abbiamo imparato a riconoscere subito la “puzza” di cui sopra, poiché tutte le mattine, in avvicinamento alla stazione di Settebagni, dopo l’uscita dalla serie di gallerie, il treno effettua un’energica frenata, angustiando il nostro naso e soprattutto immettendo per qualche minuto nei nostri polmoni non sappiamo quale tipo di veleno. Ciò avviene metodicamente e, comunque, sia all’andata che al ritorno, ogni qual volta il treno debba rallentare o fermarsi. Noi riteniamo che a lungo andare tale inconveniente procuri seri danni alla salute e siamo fermamente intenzionati a vederci chiaro, interessando chi di dovere per gli opportuni accertamenti igienico-sanitari.
Ma veniamo al caso contingente: al primo passaggio, un frettoloso conduttore, al quale diciamo che sarebbe opportuno fermare il treno, non ci risponde; egli è tutto impegnato in un improbabile contatto di telefonia mobile. Intanto il convoglio va e la “puzza” aumenta. Paventiamo l’ingresso sotto la lunga galleria di Orte, cosa che avviene regolarmente, con nostro grande disappunto e con malcelati, giustificati timori. Riusciamo a venirne fuori ed, esasperati, gridiamo al conduttore che siamo disposti a tirare il freno a mano, ricevendone per tutta risposta che ce ne dovremmo assumere la responsabilità.
Riflessione: e la responsabilità di un eventuale intervento tardivo a chi andrebbe accollata?
…..All’esterno si sprigionano vari focolai di fumo ben visibili dai finestrini; l’aria diventa sempre più irrespirabile e, finalmente, il treno si ferma. Defluiamo verso le prime carrozze, una volta constatato che il fumo esce dagli assi di almeno un paio delle stesse di coda.
La sosta non è particolarmente lunga. Il treno riparte ed arriva a Roma Termini “regolarmente”, cioè con il quasi abituale ritardo.
Fine della cronaca; pensierini: 1. quanto narrato è solamente l’ultimo degli inconvenienti, ma non è il primo di questa natura;
2. il viaggiatore non può porre il problema della sicurezza, altrimenti gli viene risposto che se non si sente sicuro a viaggiare con il treno può prendere il pullman;
3. non vi è possibilità di comunicazione tra il personale della controlleria ed il macchinista, qualora non si possa stabilire un contatto telefonico. Incredibile!
Può succedere qualsiasi cosa sul treno senza che il macchinista, che ne ha i comandi, ne venga a conoscenza. Tutto questo nel terzo millennio;
4. l’igiene sui treni è un optional, così come l’orario e, talora, la cortesia del personale di bordo.
Fine dei pensierini; domande:
• perché un viaggiatore non in regola con il titolo di viaggio è sottoposto a sanzioni pecuniarie, da ultimo fortemente inasprite, mentre se i treni fanno ritardo (quasi sempre), con conseguenze negative di varia natura (sul lavoro, sugli affari, sul sistema nervoso, etc), Trenitalia non ne risponde?
• Perché sono tanto frequenti le interruzioni in linea o le rotture sui convogli? Forse si risparmia sulla manutenzione a scapito della sicurezza e, comunque, della qualità del servizio?
• Perché i treni sono sporchi?
• Perché gli orari non vengono rispettati?
• Perché i ritardi vengono annunciati a rate e se ne da la causa a generici motivi tecnici?
• Perché non viene impedito l’ingresso sui treni ai vari elemosinieri e venditori abusivi?
• Perché il personale di Trenitalia, sia viaggiante che in stazione, non ha coscienza che il viaggiatore è un cliente?
• Perché alla fine del viaggio Trenitalia ci ringrazia per aver scelto di viaggiare con i suoi treni? C’è forse possibilità di fare scelte diverse? O forse è proprio la consapevolezza di agire in regime di monopolio a creare tanto disservizio?
• Perché le esigenze dei pendolari, che attraverso i loro abbonamenti assicurano a Trenitalia entrate certe, consistenti e programmabili, non sono tenute nella dovuta considerazione?
• Perché, perché, perché? Conclusioni:
noi viaggiatori pendolari non siamo disposti a tollerare oltre questa situazione e siamo decisi ad intraprendere incisive azioni a sostegno delle nostre legittime esigenze e della qualità di un servizio che tenga conto di adeguati standard di sicurezza, di igiene e di affidabilità.
Interesseremo in maniera pressante le Istituzioni locali ed i nostri Parlamentari e, inoltre, coinvolgeremo la ASL o chi per lei per le verifiche di natura igienico-sanitaria. Infine, stiamo valutando l’opportunità di una forte azione di protesta, già a partire dal prossimo mese di luglio.

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 marzo

"Giornate FAI di Primavera". Nel segno di Ippolito Scalza, la 25esima edizione

Tornano a splendere i dipinti delle chiese di S.Giovanni Battista e S.Caterina d'Alessandria

A Ficulle, visita alla Chiesa di Santa Maria Nuova ed eventi collaterali

"Festa dell'Iscrizione" in musica per l'Associazione Ex Alunni del Liceo Classico "Gualterio"

Per la Zambelli Orvieto, c'è l’appuntamento interno col Cesena

Nando Mismetti eletto presidente Upi Umbria dall'assemblea generale

"Camminare per conoscerci", il Comune presenta il calendario delle iniziative Trekking e Nordic Walking 2017

Provincia, mobilitazione no tagli: "Solo 500 euro per ogni scuola, sicurezza a rischio"

Informazioni sulle chiusure della circolazione per la gara podistica

73esimo anniversario dell'Eccidio di Camorena, il programma delle celebrazioni

Parlamento Europeo a Norcia. Marini: "Gesto concreto vicinanza a popolazioni colpite”

"Terra di Confine 2013", ed è subito magia. Domenica di degustazione alla Tenuta Vitalonga

"Cara Radio...sfiorami la mano". Al Mancinelli la coproduzione di Filarmonica, Scuola di Musica e TeMa

"Insieme a te non ci sto più". Al Teatro Spazio Fabbrica, il quintetto di Marco Morandi

Foto di una madre

Te la dò io, l'Euro

Tra Arpa e Confindustria Umbria si rinnova il dialogo sulle tematiche ambientali

Post-sisma, misure urgenti per l'intero comparto turistico

Orvieto incontra Jack Sintini. "La forza e il coraggio dello sport nelle avversità della vita"

Orvietana al Muzi, con il Cannara è il momento della verità

Moria di pesci in concomitanza con la piena. "Salviamo il lago di Corbara"

Rifacimento della segnaletica stradale, via alla seconda fase

"Per...Altro". Convegno AUCC e rappresentazione teatrale al Santa Cristina

Gli allievi dell'Alberghiero visitano Falesco e Museo delle Scienze Agroalimentari

Musical a Porta d'Orvieto, arriva "Las Aventuras de Luna"

Giuseppina Mellace presenta il libro "Delitti e stragi dell'Italia fascista dal 1922 al 1945"

Il Liceo Artistico va a scuola di benessere. Fra orti sinergici, laboratori integrati e Zen

Intorno alla Rupe cresce l'economia della Grande muraglia, in molti vogliono vendere ai cinesi

Bambini sotto shock per l’attentato. Come aiutarli?

Urla, polemiche e promesse: dibattito e voto in Regione su Le Crete

A Collevalenza la 34esima rappresentazione della Via Crucis

Pasqua a Lugnano in Teverina, tutti gli appuntamenti

Politica dei rifiuti o degli assensi?

Azienda Usl Umbria 2, nessuna riduzione o sospensione dei servizi durante le festività pasquali

Controlli rafforzati per il ponte di Pasqua. Arresti, denunce e allontanamenti

Anche la sezione primavera "L'Altalena" all'Ovo Pinto di Civitella del Lago

Psr Umbria 2014-2020: oltre 48milioni di euro per sviluppo locale

Maxi-concorso regione, prova preselettiva tra i 31.909 candidati

Mettere un freno all'accattonaggio, la Lega Nord chiede maggiori controlli

Partito il ciclo di conferenze su Bartolomeo di Alviano

Elisabetta Antonini e Marcella Carboni al Tuscia in Jazz con il loro progetto Nuance

72 anni fa l'eccidio dei Sette Martiri di Camorena, Orvieto li ricorda così

Anas: 4,5 milioni di euro in tre anni per la manutenzione ordinaria delle strade statali dell'Umbria

"Appendere...ad Arte". Mostra nell'ex chiesa di San Giacomo Maggiore

Servizio interforze per contrastare micro-criminalità, commercio abusivo e accattonaggio molesto

Anche la Cia è contraria all'ampliamento della discarica: "La Regione riveda le sue posizioni"

Pizze di Pasqua, i premiati della 14esima edizione. Degustazioni e solidarietà

Eccidio di Camorena, le iniziative del Centro di documentazione popolare

Geotermia e biomasse, il consiglio comunale dice no

Ripartire dall'olivicoltura per promuovere il territorio

Puc 3. Sì della giunta ai bandi per interventi di edilizia residenziale e attività produttive

"Netland". Alla sala polivalente, c'è l'assemblea informativa sul Puc 3

Al Teatro dei Rustici la Compagnia "Un Sacco DiVersi" presenta "Come d'autunno"

I pendolari di Orte pronti a manifestare contro la soppressione dell'Ic 598

I Porti della Teverina. Al Teatro dei Calanchi di Lubriano "I nuovi lineamenti delle mafie"

Dopo Fabio Bistoncini, il Cenacolo del Csco propone un incontro sull'educazione finanziaria

Lo Sportello d'Ascolto Integrato lancia una campagna di sensibilizzazione contro lo stalking

Energia elettrica interrotta. Restyling delle cabine Enel in località Padella e Poggente

Biomasse. Terzino replica al comitato e annuncia un incontro con i sindaci dell'alto Orvietano

"Con i cittadini per Castel Giorgio": "Lo chiedevamo da più di due anni"

"Prima di tutto Castel Giorgio": "Salvaguardia del territorio e mancanza di condivisione delle scelte amministrative"

Orvieto dice sì al Centro di ricerca e formazione per la salute e l'alimentazione

Lavezzini Parma vs Azzurra Ceprini Orvieto: 64 a 55. Mercoledì a Cagliari e sabato si chiude a Porano contro Umbertide.

Chi è chi. Antonio Amatulli, tecnico esperto ma soprattutto amico vero di Azzurra

Quando il destino si diverte ad intrecciare un'esistenza con un territorio

Al San Giovanni presentazione del Progetto Farsiccia e Consumer Test

L'Orvieto Basket fa 2 su 2, battuto anche Rieti

Sei patenti ritirate dai carabinieri per abuso di alcool e droga

Torna l'iniziativa "L'insalata della nonna" dedicato alle erbe spontanee mangerecce

Eolico sul Peglia. La Provincia replica a De Sio: "Nessuna norma elusa"

Catena di solidarietà dei dipendenti Enel per donare il sangue

Con la rassegna "Amarcord" la Montegabbione del passato rivive nei filmati amatoriali

Preadottato il nuovo calendario venatorio. Si parte il 2 settembre

"Primavera e poesia" al Caffè del Teatro con i Lettori Portatili

Al Mancinelli per "Visioni di futuro" Pannelli e Tagliabue portano in scena "A slow air"

Itw Lkw accanto a Legambiente e Kyoto Club per discutere di geotermia come sviluppo

Falsa inaugurazione? Luciani (Identità e Territorio) interroga la giunta sulla nuova sala operatoria

Il business dell'oro rubato fruttava 4 milioni l'anno. Manette anche nell'Orvietano