opinioni

Vita da pendolari. Com’è bella l’avventura

venerdì 24 giugno 2005
di Enrico Patrizi
Stazione di Orvieto, ore 07,33: si parte, come tutte le mattine. Il tempo è bello, il treno è in perfetto orario; di conseguenza, l’umore dei viaggiatori, fra cui centinaia di pendolari, è buono. Ci piazziamo nella terzultima carrozza con l’usuale corredo di borse, borsette, giornali…..
Ci fanno compagnia le nostre abitudini: lettura dei quotidiani, discussioni, battute, sfottò. Gli argomenti privilegiati sono la politica, lo sport, i problemi di tutti i giorni (seri di questi tempi, poiché quasi tutti “teniamo famiglia”). Che bello spaccato di ordinaria normalità!
Ad un tratto, diciamo a metà strada fra Orvieto ed Orte, una forte “puzza” (sì, chiamiamola così) si propaga per tutta la carrozza. Non ci vuole molto a capire che si tratta di ferodi che bruciano, e noi, da esperti pendolari, lo abbiamo capito subito. Poi dice che a viaggiare con Trenitalia non è istruttivo! In effetti, abbiamo imparato a riconoscere subito la “puzza” di cui sopra, poiché tutte le mattine, in avvicinamento alla stazione di Settebagni, dopo l’uscita dalla serie di gallerie, il treno effettua un’energica frenata, angustiando il nostro naso e soprattutto immettendo per qualche minuto nei nostri polmoni non sappiamo quale tipo di veleno. Ciò avviene metodicamente e, comunque, sia all’andata che al ritorno, ogni qual volta il treno debba rallentare o fermarsi. Noi riteniamo che a lungo andare tale inconveniente procuri seri danni alla salute e siamo fermamente intenzionati a vederci chiaro, interessando chi di dovere per gli opportuni accertamenti igienico-sanitari.
Ma veniamo al caso contingente: al primo passaggio, un frettoloso conduttore, al quale diciamo che sarebbe opportuno fermare il treno, non ci risponde; egli è tutto impegnato in un improbabile contatto di telefonia mobile. Intanto il convoglio va e la “puzza” aumenta. Paventiamo l’ingresso sotto la lunga galleria di Orte, cosa che avviene regolarmente, con nostro grande disappunto e con malcelati, giustificati timori. Riusciamo a venirne fuori ed, esasperati, gridiamo al conduttore che siamo disposti a tirare il freno a mano, ricevendone per tutta risposta che ce ne dovremmo assumere la responsabilità.
Riflessione: e la responsabilità di un eventuale intervento tardivo a chi andrebbe accollata?
…..All’esterno si sprigionano vari focolai di fumo ben visibili dai finestrini; l’aria diventa sempre più irrespirabile e, finalmente, il treno si ferma. Defluiamo verso le prime carrozze, una volta constatato che il fumo esce dagli assi di almeno un paio delle stesse di coda.
La sosta non è particolarmente lunga. Il treno riparte ed arriva a Roma Termini “regolarmente”, cioè con il quasi abituale ritardo.
Fine della cronaca; pensierini: 1. quanto narrato è solamente l’ultimo degli inconvenienti, ma non è il primo di questa natura;
2. il viaggiatore non può porre il problema della sicurezza, altrimenti gli viene risposto che se non si sente sicuro a viaggiare con il treno può prendere il pullman;
3. non vi è possibilità di comunicazione tra il personale della controlleria ed il macchinista, qualora non si possa stabilire un contatto telefonico. Incredibile!
Può succedere qualsiasi cosa sul treno senza che il macchinista, che ne ha i comandi, ne venga a conoscenza. Tutto questo nel terzo millennio;
4. l’igiene sui treni è un optional, così come l’orario e, talora, la cortesia del personale di bordo.
Fine dei pensierini; domande:
• perché un viaggiatore non in regola con il titolo di viaggio è sottoposto a sanzioni pecuniarie, da ultimo fortemente inasprite, mentre se i treni fanno ritardo (quasi sempre), con conseguenze negative di varia natura (sul lavoro, sugli affari, sul sistema nervoso, etc), Trenitalia non ne risponde?
• Perché sono tanto frequenti le interruzioni in linea o le rotture sui convogli? Forse si risparmia sulla manutenzione a scapito della sicurezza e, comunque, della qualità del servizio?
• Perché i treni sono sporchi?
• Perché gli orari non vengono rispettati?
• Perché i ritardi vengono annunciati a rate e se ne da la causa a generici motivi tecnici?
• Perché non viene impedito l’ingresso sui treni ai vari elemosinieri e venditori abusivi?
• Perché il personale di Trenitalia, sia viaggiante che in stazione, non ha coscienza che il viaggiatore è un cliente?
• Perché alla fine del viaggio Trenitalia ci ringrazia per aver scelto di viaggiare con i suoi treni? C’è forse possibilità di fare scelte diverse? O forse è proprio la consapevolezza di agire in regime di monopolio a creare tanto disservizio?
• Perché le esigenze dei pendolari, che attraverso i loro abbonamenti assicurano a Trenitalia entrate certe, consistenti e programmabili, non sono tenute nella dovuta considerazione?
• Perché, perché, perché? Conclusioni:
noi viaggiatori pendolari non siamo disposti a tollerare oltre questa situazione e siamo decisi ad intraprendere incisive azioni a sostegno delle nostre legittime esigenze e della qualità di un servizio che tenga conto di adeguati standard di sicurezza, di igiene e di affidabilità.
Interesseremo in maniera pressante le Istituzioni locali ed i nostri Parlamentari e, inoltre, coinvolgeremo la ASL o chi per lei per le verifiche di natura igienico-sanitaria. Infine, stiamo valutando l’opportunità di una forte azione di protesta, già a partire dal prossimo mese di luglio.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 luglio

Notte Bianca e Notte Blu in riva al lago. Nel mezzo, i fuochi d'artificio di Santa Marta

"Flower Party" gratuito sul lungolago. Dal tramonto in poi, meglio degli hippie

Simone Monotti presidente dell'Ordine degli Ingegneri di Terni. Gli auguri dell'assessore Custolino

Seduta straordinaria per il consiglio comunale, otto punti all'ordine del giorno

Orvieto Scalo in festa per Sant'Anna patrona. Il programma dei festeggiamenti

Con il murale "Il Creatore", Orvieto Scalo gira il mondo

Li Donni: "La Cassa di Risparmio di Orvieto è soggetta all'attività di direzione e coordinamento di Bari"

Colombia, Messico, Martinica e Kenia per la decima edizione del Festival del Folklore

Piano sanitario, al via tavoli tematici. Fino al 31 luglio è possibile inviare candidature a partecipare

Lavoro, strumento di dignità sociale. Il progetto "Sfide 2" coinvolge 80 soggetti in esecuzione penale esterna

Bocconi avvelenati per uccidere animali, istituzioni unite contro l'ignobile pratica

Apertura straordinaria per lo sportello Agenzia delle Entrate-Riscossione

"Stella d'Oro". Il Festival di Teatro Amatoriale alza il sipario sulla 21esima edizione

Acqua a singhiozzo in alcune zone del territorio, gli interventi della SII

La Polizia di Stato a Villa Paolina per il campo scuola "Anch'io sono la protezione civile"

Alla Galleria "Falzacappa Benci" prosegue la mostra "Cartapescheria"

Un altro nome nuovo in casa Azzurra, Irene Kolar si presenta

Comune e "Amici del Cuore" verificheranno insieme il riposizionamento dei defibrillatori

Seduta di fine luglio per il consiglio comunale. Venti punti all'ordine del giorno

Unione dei Comuni del Trasimeno, firmata la convenzione per 15 milioni di euro

L'Unitre assegna la borsa di studio "Maria Teresa Santoro"

Il Maniero di Melezzole finisce all'asta per oltre 3,7 milioni di euro

A fuoco sterpaglie e bosco, altra domenica di lavoro per i vigili del fuoco

Musica dal vivo, birra e gastronomia al Carbognano Beer Festival

Necropoli di Crocefisso del Tufo, giovani leve per la campagna di scavo 2017

"CineCastello" omaggia la commedia all'italiana. I protagonisti della sesta edizione

Zeno (Pdci): "Sanità come investimento". Galanello (Pd) sostiene il disegno di legge

L'Orvietana Calcio apre le iscrizioni per la nuova stagione sportiva

Lite tra i comitati dei Pendolari, è scontro sulla soppressione della fermata di Orte

L'Orvieto Basket rinuncia alla serie B e si iscrive alla C2

Parte del ricavato della Castellana donato in beneficenza

In memoria di Paolo Borsellino

Il "Baccano Calcio" a Budrio per raccogliere fondi in favore dei bambini di Cremisan

Cestistica Azzurra Orvieto. Confermato l'assistente coach Massimo Romano

Un regime autoritario è alle nostre porte

Concerto dei finalisti del concorso per cantanti lirici

Orvietana, "Basta con il tutti contro tutti, c'è bisogno di ripartire"

Orvietana, per pensare in grande c'è bisogno di umiltà

Stabili le condizioni dell'ingegner Marco Longo, resta la prognosi riservata

Mattia Palmerini saluta l'Orvieto Basket

Il presidente Meroi rilancia l'ipotesi della Provincia della Tuscia con Orvieto, Viterbo e Civitavecchia

Delineato il quadro della Serie A1 di basket femminile. La Ceprini Orvieto tra le favorite

Allo Stella D'Oro in scena la compagnia di Formia con "La Cattedrale"

Campo estivo della Protezione Civile, i ragazzi subito protagonisti

Corso estivo ispirato a "Le rose nell'insalata"

Eolico sul Peglia. No unanime del consiglio comunale.

A Nucci la presidenza della Commissione Bilancio

Erasmus+:Gioventù in Azione in KA1. Simulata di cittadinanza attiva al Cerquosino

Scopetti vara la nuova segreteria del Pd e annuncia la data della Festa dell'Unità nazionale #scuola2.0

Concina soddisfatto: "Ora lavoriamo per il rispetto del piano pluriennale"

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni